Pubblicità

Bulli, depressi e insonni. Sono i nuovi adolescenti

0
condivisioni

on . Postato in Infanzia e adolescenza | Letto 5017 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

A scuola si comportano in modo aggressivo verso i compagni, spesso sono depressi e disamorati della vita e sono perlopiù insonni: i nuovi adolescenti analizzati in un recente convegno.

Bulli, depressi e insonni. Sono i nuovi adolescentiOgni notte dormono poco, sono aggressivi con i compagni di scuola, bevono super-alcolici e usano sotsanze dopanti, pretendono sempre tutto e subito, dai telefonini ai videogichi, dai vestiti firmati ai soldi.

E tutto questo per poter ottenere maggiore popolarità all’interno del gruppo o più semplicemente per passare il tempo e vincere la noia.

Sono i bulli di nuova generazione, sempre più aggressivi, sempre più giovani. Di loro si è parlato in un convegno dove ci si è proposto di conoscere ed affrontare i disturbi del sonno nei soggetti in età preadolescenziale correlati a comportamenti aggressivi e violenti.

In effetti il sonno è il più grande protettore del cervello e se si altera il suo meccanismo aumentano i comportamenti a rischio e i disturbi.

I giovanissimi non dormono più di sette ore a notte e vanno a letto sempre più tardi: soprattutto durante il fine settimana tirano l’alba o fanno le ore piccole davanti ai videogiochi e questo può aumentare la ricerca di comportamenti carichi di "emozioni" e "pericolo", tipo l'abuso di alcolici o il sesso senza protezioni.

I giovanissimi che soffrono di insonnia manifestano spesso anche problemi legati al fenomeno del bullismo, definito come l’oppressione psico-fisica ripetuta nel tempo da una o più persone nei confronti di altre percepite come più deboli: in Italia si è bulli già a 7-8 anni (con il 28% degli studenti che nelle scuole elementari rimane coinvolta in episodi di violenza). L’incidenza diminuisce alle scuole medie (20%) e alle superiori (15%). Il comportamento da bullo è in genere più diffuso fra i maschi (53%) che nelle femmine (38%), sebbene le ragazze presentino una maggiore quantità di disturbi rispetto ai ragazzi (32% contro 19%).

Pubblicità

I bimbi sono spinti in maniera inconsapevole alla violenza da una società che promuove messaggi aggressivi e in famiglia hanno sempre meno regole. Insomma, i ragazzi che dormono poco la notte perdono il senso del pericolo e la capacità di scegliere. Ecco che allora il passo verso comportamenti violenti è fin troppo breve: botte e violenze psicologiche, militanze in baby gang, emarginazione, ansia, depressione, oltre ad anoressia e bulimia. E paura, tanta paura, al punto da decidere di abbandonare gli studi o cambiare istituto. Aumenta la scioltezza nei comportamenti sessuali e i casi giovanissimi che fanno sesso con i compagni di scuola in cambio di vantaggi risibili. Ed allarma, in particolare, il numero degli adolescenti che tenta il suicidio.

E in un quadro così complesso, è sempre più frequente il cyberbulling. Ne è vittima uno studente su tre e in quattro casi su dieci si prende di mira la vittima per il modo di vestire o per un difetto fisico, in tre su dieci per il colore della pelle o per il buon rendimento scolastico. E mentre in un caso su dieci le vittime di bullismo elettronico manifestano sintomi di depressione, l’8% dei cyberbulli rischia di sviluppare un comportamento antisociale e problematico da adulto.

 

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: insonnia adolescenza bullismo cyberbullismo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Non riesco più a vivere (15667…

Francesca007, 25 Tutto inizia dai miei 17 anni, quando capisco di non essere abbastanza per i miei genitori. Mio papà mi teneva chiusa in casa come se foss...

Superare un tradimento (156741…

Lucrezia, 42 Salve, sto con il mio compagno da 12 anni, conviviamo. All'inizio del 2019 abbiamo cominciato ad avere qualche incomprensione a causa del suo ...

Mia madre e il mio fidanzato (…

  Maria Teresa, 22 Salve a tutti. Ho una relazione a distanza da 4 anni e con il mio fidanzato non ho mai avuto problemi. Mia madre però non ha mai a...

Area Professionale

Articolo 34 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.34 (sviluppo scientifico della professione), prosegue su Psiconline.it il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che se...

I vantaggi di sfruttare i Bann…

Proseguiamo con l'illustrazione degli strumenti che ci consentono di migliorare la nostra Brand Awareness professionale e di acquisire nuova visibilità e nuova ...

Articolo 33 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.33 (lealtà e colleganza), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo setti...

Le parole della Psicologia

Limerence (o ultrattaccamento)…

È uno stato cognitivo ed emotivo caratterizzato da intenso desiderio per un'altra persona. Il concetto di Limerence (in italiano ultrattaccamento) è stato elab...

Malaxofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata dei giochi amorosi. E’ conosciuta anche come sarmasofobia, usata dai greci. ...

Ortoressia

L'ortoressia (dal greco orthos "corretto" e orexis "appetito") è una forma di attenzione abnorme alle regole alimentari, alla scelta del cibo e alle sue caratte...

News Letters

0
condivisioni