Pubblicità

Bulli, depressi e insonni. Sono i nuovi adolescenti

0
condivisioni

on . Postato in Infanzia e adolescenza | Letto 5128 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

A scuola si comportano in modo aggressivo verso i compagni, spesso sono depressi e disamorati della vita e sono perlopiù insonni: i nuovi adolescenti analizzati in un recente convegno.

Bulli, depressi e insonni. Sono i nuovi adolescentiOgni notte dormono poco, sono aggressivi con i compagni di scuola, bevono super-alcolici e usano sotsanze dopanti, pretendono sempre tutto e subito, dai telefonini ai videogichi, dai vestiti firmati ai soldi.

E tutto questo per poter ottenere maggiore popolarità all’interno del gruppo o più semplicemente per passare il tempo e vincere la noia.

Sono i bulli di nuova generazione, sempre più aggressivi, sempre più giovani. Di loro si è parlato in un convegno dove ci si è proposto di conoscere ed affrontare i disturbi del sonno nei soggetti in età preadolescenziale correlati a comportamenti aggressivi e violenti.

In effetti il sonno è il più grande protettore del cervello e se si altera il suo meccanismo aumentano i comportamenti a rischio e i disturbi.

I giovanissimi non dormono più di sette ore a notte e vanno a letto sempre più tardi: soprattutto durante il fine settimana tirano l’alba o fanno le ore piccole davanti ai videogiochi e questo può aumentare la ricerca di comportamenti carichi di "emozioni" e "pericolo", tipo l'abuso di alcolici o il sesso senza protezioni.

I giovanissimi che soffrono di insonnia manifestano spesso anche problemi legati al fenomeno del bullismo, definito come l’oppressione psico-fisica ripetuta nel tempo da una o più persone nei confronti di altre percepite come più deboli: in Italia si è bulli già a 7-8 anni (con il 28% degli studenti che nelle scuole elementari rimane coinvolta in episodi di violenza). L’incidenza diminuisce alle scuole medie (20%) e alle superiori (15%). Il comportamento da bullo è in genere più diffuso fra i maschi (53%) che nelle femmine (38%), sebbene le ragazze presentino una maggiore quantità di disturbi rispetto ai ragazzi (32% contro 19%).

Pubblicità

I bimbi sono spinti in maniera inconsapevole alla violenza da una società che promuove messaggi aggressivi e in famiglia hanno sempre meno regole. Insomma, i ragazzi che dormono poco la notte perdono il senso del pericolo e la capacità di scegliere. Ecco che allora il passo verso comportamenti violenti è fin troppo breve: botte e violenze psicologiche, militanze in baby gang, emarginazione, ansia, depressione, oltre ad anoressia e bulimia. E paura, tanta paura, al punto da decidere di abbandonare gli studi o cambiare istituto. Aumenta la scioltezza nei comportamenti sessuali e i casi giovanissimi che fanno sesso con i compagni di scuola in cambio di vantaggi risibili. Ed allarma, in particolare, il numero degli adolescenti che tenta il suicidio.

E in un quadro così complesso, è sempre più frequente il cyberbulling. Ne è vittima uno studente su tre e in quattro casi su dieci si prende di mira la vittima per il modo di vestire o per un difetto fisico, in tre su dieci per il colore della pelle o per il buon rendimento scolastico. E mentre in un caso su dieci le vittime di bullismo elettronico manifestano sintomi di depressione, l’8% dei cyberbulli rischia di sviluppare un comportamento antisociale e problematico da adulto.

 

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: insonnia adolescenza bullismo cyberbullismo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

senza via di uscita 2 (1572361…

straniero66, 53 Vi ho già scritto in precedenza e ho avuto la vostra risposta “SENZA VIA DI USCITA (1571319488503)”. Continuo a stare male, attualmente io ...

Senza via di uscita (157131948…

straniero66, 53 Sono sposato da 27 anni, una storia iniziata quando io e mia moglie eravamo poco più che ragazzini, in questi anni, come molte coppie, abbi...

Ansia e inadeguatezza (1570737…

Limmy6, 21 Sono una studentessa universitaria e da quando ho iniziato non ho avuto mai problemi a parlare con gli altri e a fare nuove amicizie. Conosco e ...

Area Professionale

Articolo 42 - il Codice Deonto…

Si conclude su Psiconline.it, con il commento all'art.42 (vigenza), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settimana ha s...

Articolo 41 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.41 (Osservatorio Permanente) prosegue, su Psiconline.it, il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo s...

Articolo 40 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.40 (pubblicità professionale), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo ...

Le parole della Psicologia

Bigoressia

Il termine trova la sua etimologia nell'inglese "big = grande” e nel latino "orex=appetito”, ad indicare la "fame di grossezza” Per bigoressia, vigoressia o an...

Sindrome di Munchausen

S'intende un disturbo psichiatrico in cui le persone colpite fingono la malattia od un trauma psicologico per attirare attenzione e simpatia verso di sé. A vol...

Nausea

E' una sensazione di malessere e fastidio allo stomaco che può precedere il vomito.  Di solito la nausea si presenta nel momento in cui mangiamo qualcos...

News Letters

0
condivisioni