Pubblicità

Che bello lo sballo!

0
condivisioni

on . Postato in Infanzia e adolescenza | Letto 1033 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Il sabato sera coincide con la voglia degli adolescenti di divertirsi e tentare di fermare il tempo, rinunciare al sonno e prolungare all’infinito la notte della disco. È quello il momento in cui nasce l’ebrezza dello sballo.

che bello lo sballo - adolescenza e alcool

Se c’è una paura che hanno oggi i ragazzi è quella di essere vulnerabili. Non fragili, perché si sentono supereroi, ma deboli e incapaci di farcela ad esempio nei confronti di un dolore.

“Ci sono momenti in cui vado fuori di testa”, mi dicono quelli che mi aprono la loro porta interna per un dolore non fisico ma dell’anima che risulta insopportabile e inspiegabile. In genere, però, prima di arrivare da te scelgono i tagli sul corpo o lo sballo.

La prima modalità serve a spostare l’attenzione su quel corpo negato e ormai poco vissuto.

La seconda, lo sballo, funziona come modo per attenuare il dolore e ti euforizza. Così per un po’ ti senti adeguato agli altri, soprattutto il sabato sera quando non puoi startene in casa, chiuso dentro ad annoiarti. Allora ti abbuffi di alcol, ti stordisci, vai su di giri e non senti, non provi altro che l’ebrezza della sbornia.

Una fuga e un gioco. Spesso un divertimento di gruppo, senza controllo. Non più la trasgressione del secolo scorso, quando volevi sfidare quel genitore onnipotente che ti aveva guidato l’infanzia. Neanche una gara tra pari per vedere chi è più forte, quanto un modo per avere conferme e metterti in mostra mentre sballi, in diretta.

Tutti ti possono vedere sbronzo fino al vomito, e allora sì che sei un eroe e trovi un posto in prima fila sui social.

Che importa se poi ti portano con codice rosso al Pronto Soccorso. Sai che rischi il coma etilico, ma te ne freghi. Perché tutti i ragazzi che incontro, lo sanno, me lo dicono con un tono che ogni volta trovo particolare e mi sembra quasi mi vogliano tranquillizzare. Sanno, sanno, sanno tutto! In teoria. Ma la sfida è più forte.

Infinito sembra quel bisogno di essere visibili e avere i riflettori addosso, di appartenere non più e non soltanto al gruppo reale ma a quello ben più ampio della rete.

Perché lo sballo è reale ma la popolarità è virtuale.

Così si comincia sempre prima a scolarsi bottiglie. Già a 11 anni, secondo i dati degli osservatori nazionali di infanzia e adolescenza, e si continua rincarando la dose fino a provare l’ebrezza del “Binge drinking” che da qualche anno, ormai, è una moda tra gli adolescenti. Per abbuffarsi di alcol, in fondo bastano poche unità, magari 4-5 bicchieri di vino o almeno 6 lattine di birra, soprattutto se l’uso è saltuario.

Pubblicità

Ma il segreto sta nel bere a digiuno, velocemente e una dose dietro l’altra. Poi, se possibile, ti riesce meglio se fai un mix di più bevande: lo sballo è assicurato. L’idea è un bisogno sempre adolescenziale, quello di sperimentare stati nuovi o al limite. Ma anche  fregarsene delle regole e provare la libertà.

Ma in un tempo in cui i cancelli sono sempre aperti e si può uscire e entrare quando si vuole visto che la vigilanza è distratta, prevale dell’altro. Al sabato sera coincide con la voglia di divertirsi e tentare di fermare il tempo, rinunciare al sonno e prolungare all’infinito la notte della disco. È quello il momento in cui nasce l’ebrezza dello sballo.

Da un po’ ce n’è uno chiamato “sballo viola” che è gazzosa e sciroppo per la tosse, ovvero codeina. Non è una novità ma così fai in fretta perché l’intruglio ti innalza la soglia del dolore e ti euforizza.

È allora che si fa avanti un’ipotesi. Forse il motivo vero dello sballo è molto simile a quello che ha segnato il successo tra i giovani americani della Purple Drank, che in parte ti dà una sensazione di piacere, ma sballare con un misto di Sprite e sciroppo, ha un effetto analgesico che aiuta a manipolare più in fretta le emozioni dolorose così difficili da gestire.

La regia dei nuovi adolescenti, in altre parole, li porta a tentare di “scrivere” sul corpo le pene che non riescono a dominare. Allora, meglio uno stato della coscienza alterato e programmato, che trovarsi in balia dei sentimenti.

 

(Articolo a cura del Prof. Giuseppe Maiolo - Università di Trento
Responsabile del sito www.officina-benessere.it)

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

Tags: alcol alcool adolescenza comportamenti a rischio sballo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Due mondi diversi [16092338958…

  Morfea23, 21 anni     Da circa 4 mesi sto con un ragazzo totalmente  opposto al mondo in cui da sempre vivo, per situazione famil...

Autostima? [161290462495]

    Buonasera! vi scrivo perche' alla soglia dei 50 anni mi rendo conto di non aver mai portato a termine i molti progetti professionali e pers...

Genitori separati [16127752256…

Lalli, 57 anni     Buongiorno, spiego in breve la mia situazione, sono divorziata e convivo con mio figlio ed il mio compagno da 5 anni, il mio ...

Area Professionale

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Le parole della Psicologia

Fobie

Nel DSM-IV la fobia specifica è definita come la "paura marcata e persistente, eccessiva o irragionevole, provocata dalla presenza o dall'attesa di un oggetto o...

Violenza domestica

La violenza domestica è il comportamento abusante di uno o entrambi i compagni in una relazione intima di coppia, quali il matrimonio e la coabitazione. Second...

Cinofobia

Il cane è da sempre l’animale più amato dagli esseri umani, ormai è proverbiale la definizione “migliore amico dell’uomo” e in effetti la storia conferma questa...

News Letters

0
condivisioni