Pubblicità

Curiosità e attenzione dei bambini: una forza rispetto agli adulti

0
condivisioni

on . Postato in Infanzia e adolescenza | Letto 489 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (4 Voti)

Una ricerca dimostra che i bambini, estremamente curiosi, hanno una attenzione diffusa e sono in grado di mettere a fuoco e registrare più informazioni rispetto agli adulti.

attenzione e curiosità dei bambiniE' noto che gli adulti hanno una maggiore capacità rispetto ai bambini nella maggior parte dei compiti cognitivi. Eppure, secondo una nuova ricerca, pubblicata su “Psychological Science”, le limitazioni dei più piccoli possono essere, a volte, la loro forza.

In due studi, i ricercatori hanno scoperto, infatti, che gli adulti sono molto bravi a ricordare le informazioni, sulle quali era stato detto loro di concentrarsi, e ad ignorare il resto.

Al contrario, i bambini tra 4 e 5 anni d’età erano capaci di prestare attenzione a tutto ciò che veniva presentato loro, anche quando dovevano focalizzarsi su un elemento particolare.

Ciò li ha aiutati a notare quelle cose, che i più grandi non sono riusciti a catturare, a causa della loro attenzione selettiva.

Spesso, pensiamo che i bambini siano carenti di molte competenze, rispetto agli adulti. Ma, a volte, quello che sembra un deficit può rivelarsi, in realtà, un vantaggio”, ha spiegato il Dott. Vladimir Sloutsky, co-autore dello studio e professore di Psicologia presso la Ohio State University. “Questo è quello che abbiamo trovato nel nostro studio. I bambini sono estremamente curiosi e tendono ad esplorare tutto, il che significa che la loro attenzione resta diffusa, anche quando sono chiamati a metterla a fuoco. Ciò, a volte, può essere utile”.

Il primo esperimento

Il primo studio ha coinvolto 35 adulti e 34 bambini tra 4 e 5 anni, ai quali sono state mostrate, sullo schermo di un computer, due forme, una rossa, l’altra verde.

Pubblicità

Ai partecipanti è stato detto di prestare attenzione ad una forma di un particolare colore (ad esempio, quella rossa). Queste, poi, scomparivano per un breve periodo.

Successivamente appariva un’altra schermata con le forme ed i soggetti dovevano riferire se esse erano le stesse di quella precedente.
In alcuni casi, le forme erano uguali, in altri era diversa la forma target (quella a cui i partecipanti dovevano prestare attenzione), in altri ancora cambiava la forma non bersaglio.

In questo esperimento gli adulti hanno risposto in modo leggermente migliore, rispetto ai bambini, constatando correttamente quando la forma target era cambiata (94% contro 86%).

Ma i bambini si sono accorti quando la forma non bersaglio cambiava”, ha aggiunto il Dott. Sloutsky.

Quello che abbiamo scoperto è che i piccoli hanno prestato attenzione a tutte le forme, anche quelle non richieste”, ha continuato lo studioso. “Gli adulti, invece, tendono a concentrarsi solo su ciò che viene detto loro”.

Il secondo esperimento

Un secondo esperimento ha coinvolto gli stessi partecipanti, a cui furono mostrati, però, i disegni di creature inventate, che avevano caratteristiche diverse: esse potevano avere una “X” o una “O” sul loro corpo, oppure un fulmine, o una palla soffice, sulla fine della loro coda.

Ai soggetti fu chiesto di trovare una di queste caratteristiche, come, ad esempio, i corpi con la “X” o con la “O”, ma non è stato detto nulla circa gli altri aspetti.

Sia i bambini, che gli adulti, hanno trovato le “X” o le “O”, come da consegna, anche se gli ultimi furono un po’ più precisi rispetto ai primi.

Ma, quando queste creature sono apparse nelle schermate successive, c’era una grande differenza in quello che i partecipanti hanno ricordato.

Per quel che riguarda le caratteristiche che sono stati invitati esplicitamente ad osservare (cioè, “X” e “O”), adulti e bambini hanno avuto risultati identici.

Questi ultimi, però, sono stati sostanzialmente più precisi, rispetto agli adulti (72% contro 59%), nel ricordare gli altri elementi, come, ad esempio, le code delle creature.

Il punto è che i bambini non concentrano la loro attenzione come gli adulti, anche se si chiede loro di farlo”, ha commentato il Dott. Sloutsky. “Essi finiscono per notare e ricordare di più”.

Lo studioso ha aggiunto che sicuramente anche gli adulti sarebbero riusciti a notare e ricordare le informazioni ignorate negli studi, se fosse stato detto loro di prestare attenzione a tutto, ma la loro capacità di focalizzare l’attenzione ha un costo: ignorare ciò su cui non si concentrano.

Conclusioni

“La capacità di focalizzare l’attenzione è ciò che permette agli adulti di sedersi in incontri di due ore e mantenere lunghe conversazioni, ignorando le distrazioni”, ha spiegato il Dott. Sloutsky. “Ma l’uso dell’attenzione distribuita nei bambini permette loro di imparare di più in contesti nuovi e sconosciuti, assorbendo un sacco di informazioni”.

Il fatto che i bambini non sempre riescono a focalizzare così bene l’attenzione mostra anche l’importanza di progettare l’ambiente di apprendimento in aula, ha aggiunto lo studioso.

I bambini sono in grado di gestire un sacco di distrazioni. Assorbono sempre informazioni, anche se non è quello che si sta cercando di insegnare loro. Dobbiamo diventare consapevoli di questo e progettare aule, libri di testo e materiali didattici per aiutare gli studenti ad avere successo.
Forse, una classe noiosa, o un semplice foglio in bianco e nero, potrebbero significare minori distrazioni ed un apprendimento maggiore”, ha concluso il Dott. Sloutsky.

 

 

Fonte: Psychological Science

 

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Alice Fusella)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione
in Psicoterapia adatta alle tue esigenze?
O quella più vicina al tuo luogo di residenza?
Cercala su

logo.png

 

 

Tags: adulti attenzione infanzia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Superare una violenza subita (…

Cima, 23     Quasi due anni fa sono stata violentata da un ragazzo che conosco. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Sindrome di Stoccolma

Con l'espressione Sindrome di Stoccolma si intende un particolare stato di dipendenza psicologica e/o affettiva che si manifesta in alcuni casi in vittime di ep...

I gruppi Balint

I gruppi Balint iniziarono verso la fine degli anni ’40 quando fu chiesto a Michael e a Enid Balint di fornire ai medici generici una formazione psichiatrica pe...

Ortoressia

L'ortoressia (dal greco orthos "corretto" e orexis "appetito") è una forma di attenzione abnorme alle regole alimentari, alla scelta del cibo e alle sue caratte...

News Letters

0
condivisioni