Pubblicità

I bambini prelinguistici sanno classificare i colori

0
condivisioni

on . Postato in Infanzia e adolescenza | Letto 2734 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

La capacità di categorizzazione dei colori e l'acquisizione del linguaggio sono facoltà indipendenti

Bimbo e coloriUn gruppo congiunto di ricercatori della Chuo University, Japan Women's University e Tohoku University ha scoperto che i bambini di età compresa tra i 5 ei 7 mesi hanno nel loro cervello una rappresentazione categoriale dei colori, ancor prima di acquisire il linguaggio.

Secondo l’ipotesi tradizionale e datata della relatività linguistica di Sapir e Whorf, il linguaggio definisce la nostra percezione; questa idea è ampiamente accettata in vari campi di studio, tra cui la psicologia, la linguistica e l'antropologia. Anche la percezione del colore è inclusa in questa teoria, dal momento che i colori dispongono ciascuno di un nome specifico.
Anche attraverso numerosi studi sul colore nelle diverse lingue del mondo, si è rilevato che la percezione categoriale dei colori è fortemente influenzata dal linguaggio.

D'altra parte, la somiglianza delle categorie di colore in culture e lingue differenti è riportata come una forte evidenza dell'universalità delle categorie di colore. Pertanto, se il linguaggio influisca o meno sulle categorie di colore è stato uno degli interrogativi centrali relativi a come percepiamo i colori.

Questo nuovo studio rivela, invece, che la categoria dei colori può essere indipendente dal linguaggio, almeno nella fase iniziale di sviluppo del sistema visivo di un bambino.
A tal proposito, sono stati sottoposti alla ricerca i neonati aventi dai 5 ai 7 mesi per vedere se l'attività cerebrale si differenziava a seconda delle varie categorie di colori; tale attività è stata misurata con la tecnica della spettroscopia del vicino infrarosso (NIRS), non invasiva per i neonati.

Lo studio ha riscontrato che l'attività cerebrale aumentava in maniera significativa quando si alternavano i colori blu e verde, mentre non vi è stata alcuna reazione rilevante per l'alternarsi delle diverse tonalità di verde. Tale differenza è stata osservata solo nella zona occipito-temporale di entrambi gli emisferi, destro e sinistro.

Una differenza simile, senza lateralizzazione significativa, è stata rilevata anche in partecipanti adulti. Dal momento che la facoltà linguistica risiede nelle aree dell'emisfero sinistro per la maggior parte degli adulti destrimani, l'attività cerebrale osservata non aveva alcun rapporto diretto con l'elaborazione del linguaggio.

Pubblicità

Inoltre, l'attività cerebrale scaturita dalle differenze categoriali del colore non è stata osservata esclusivamente nella regione occipitale che, come è noto, svolge un ruolo significativo nella fase iniziale dell'elaborazione visiva.

Questi risultati pertanto dimostrano che l'informazione del colore viene elaborata attraverso gli strati corticali nei neonati, esattamente come negli adulti.
Ne consegue che l'attività cerebrale in risposta alle diverse categorie di colore è rappresentata in modo diverso nei neonati, anche prima dell'acquisizione del linguaggio. Quindi il risultato implica che le varie categorie di colore si possono acquisire ed apprendere indipendentemente dalle facoltà linguistiche rilevanti.

 

Tratto da PsyPost

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Benedetta Marrone)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

Tags: linguaggio sviluppo antropologia categorizzazione attività cerebrale percezione colori bambini prelinguistici classificare relatività linguistica linguistica universalità NIRS occipito-temporale lateralizzazione elaborazione visiva

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Ecolalia

L'ecolalia è un disturbo del linguaggio che consiste nel ripetere involontariamente, come un'eco, parole o frasi pronunciate da altre persone Si osserva, come stadio normale, nello sviluppo del...

Ricerche e Contributi

I test psicologici

Una rassegna dei principali Test psicologici disponibili in Italia. Ovviamente non ci sono tutti i reattivi ma abbiamo cercato di selezionare i principali o quelli maggiormente utilizzati. Tecniche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Difficoltà nei rapporti sessua…

Emilio, 20     Salve, sono Emilio, ho 20 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Coping

In che modo tendiamo a superare gli ostacoli e lo stress che la vita ci sottopone? Attuando strategie di coping!! Dall’inglese to cope (affrontare) il te...

La Serotonina

La serotonina (5-HT) è una triptamina, neurotrasmettitore monoaminico sintetizzato nei neuroni serotoninergici nel sistema nervoso centrale, nonché nelle cellul...

Pediofobia

La pediofobia è definita come una paura persistente, incontrollata e ingiustificata nei confronti di bambole e burattini. Da sempre infatti le bambole sono usa...

News Letters

0
condivisioni