Pubblicità

Può l'uso di Instagram essere collegato all'abuso di alcool?

0
condivisioni

on . Postato in Infanzia e adolescenza | Letto 222 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (5 Voti)

Lo studio indaga la relazione tra l'utilizzo di Instagram e l'abuso di alcool negli adolescenti.

instagram

Più del 90% degli adolescenti sono sui social network come Facebook, Twitter ed Instagram e la maggior parte di loro li utilizza quotidianamente.

Un nuovo studio di Bergman e colleghi pubblicato su "Cyberpsychology, Behavior, and Social Networking" ha esaminato la relazione tra l'uso di Instagram e di alcool negli adolescenti. I ricercatori hanno ipotizzato che l'utilizzo di Instagram potrebbe esaltare l'abuso di alcool attraverso i contenuti pubblicati dalle persone seguite, adolescenti e non. Le influenze sociali, incluse le relazioni e le norme dei pari, sono i fattori di rischio principali per l'abuso di alcool in adolescenza. La teoria delle norme sociali suggerisce che gli individui calibrino automaticamente i loro comportamenti per conformarsi alle norme dei pari. Moltissimi studi hanno mostrato che l'abuso di alcool è collegato al conformarsi alle norme sociali dei pari sul bere.

Un altro fattore importante sembra essere lo status sociale: i membri di status sociale più alto sono anche quelli che fanno un uso più alto di alcool poichè sono quelli che si conformano di più alle norme sociali  adolescenziali. Le norme sociali rispetto all'uso di alcool sono molto cambiate nell'ultima generazione: questo cambiamento può essere dovuto al sempre più vasto utilizzo dei social network come Instagram, e dal suo utilizzo quotidiano a qualunque ora che rende più accessibili contenuti di adolescenti che fanno abuso di alcool. In una metanalisi di 19 studi, Curtis e colleghi hanno scoperto che la relazione tra l'utilizzo di alcool e la partecipazione ai social network (nei termini di pubblicazione di post e visione dei contenuti, prendendo come campione di social network, Instagram) era significativa.

La ricerca di Bergman ha testato l'ipotesi della relazione tra uso di alcool e di Instagram, utilizzando un campione di 194 partecipanti di età compresa dai 18 ai 29 anni da un sondaggio su Amazon Mechanical che venivano ricompensati con un credito di 3 dollari su Amazon. Contrariamente alle ipotesi, la partecipazione ad Instagram non era associata significativamente con l'uso di alcool. Coerentemente con le ipotesi, invece il sentirsi parte di un gruppo di adolescenti moderava significativamente l'effetto per il quale la partecipazione ad Instagram era associata con l'uso di alcool ma appunto solo per gli individui con livelli alti di identificazione sociale. Lo studio puntualizza che è presente un ruolo mediatore delle norme sociali dei pari nella relazione tra partecipazione ad Instagram con visione dei contenuti e l'uso di alcool.

Pubblicità

Per quanto riguarda invece la relazione tra l'uso di marijuana e di Instagram, non è stato riscontrato nessun effetto, questo può essere spiegato soprattutto dal fatto che nella maggior parte degli stati USA di riferimento del campione di partecipanti, il suo uso è illegale e quindi è anche più difficile essere esposti a contenuti di adolescenti e non che fumano marijuana su Instagram. Il senso di identificazione sociale alto ad un gruppo indica che una persona si identifica in maniera molto forte con i membri del proprio gruppo sociale (in questo caso dei pari adolescenti). L'identificazione e l'aver bisogno di essere parte del gruppo di amici può avere risvolti negativi nell'essere facilmente influenzabili. Il fatto che però, che gli adolescenti usino Instagram, in questa ricerca non sembra fare molta differenza.

Gli adolescenti sono motivati ad usare Instagram perchè lo considerano di tendenza e perchè vogliono vedere cosa fanno i loro amici o far vedere agli amici cosa invece fanno loro. Sebbene siano presenti contenuti di adolescenti che fanno abuso di alcool nelle "Instagram stories", questo non condiziona cosi tanto gli adolescenti, a meno che non sia presente una fortissima tendenza all'adeguamento sociale guidata da un forte senso di identificazione con il gruppo di amici adolescenti. Quello che bisognerebbe fare per prevenire l'uso e l'abuso di alcool negli adolescenti è fare informazione nelle scuole e far risultare meno di tendenza l'alcool, facendo ragionare sulle conseguenze disastrose che può causare a livello di salute oppure se ci si mette alla guida. 

Riferimenti Bibliografici:

  • Bergman B.G., Dumas T.M., Maxwell-Smith M.A. & Davis J.P., (2018): "Instagram Participation and Substance Use Among Emerging Adults: The Potential Perils of Peer Belonging" in "Cyberpsychology, Behavior, and Social Networking";
  • Curtis B.L., Lookatch S.J., Ramo D.E., et al., (2018): "Meta-analysis of the  association  of  alcohol-related  social  media  use  with alcohol consumption and alcohol-related problems in adolescents  and  young  adults" in "Alcoholism:  Clinical  and  Experimental Research";

 

 

A cura del Dottor Claudio Manna

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: dipendenza alcool adolescenza social network identificazione Instagram Infanzia e adolescenza norme sociali

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Rêverie

“Rêverie sta a designare lo stato mentale aperto alla ricezione di tutti gli ‘oggetti’ provenienti dall’oggetto amato, quello stato cioè di recepire le identificazioni proiettive del bambino,...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto urgente (1554296627141)

Virginia, 17     Avrei urgentemente bisogno di aiuto, soffro d'ansia da qualche anno e, adesso che mi sono momentaneamente ritirata dalla scuol...

Collega con manie ossessive co…

Rebecca, 29     Buongiorno vorrei un consiglio su come rapportarmi con una collega arrivata in studio da pochi mesi con contratto a termine rin...

Confusione e stress (155330395…

Elena, 22     Buonasera, cercherò di spiegare al meglio la mia situazione. Ho 22 anni e sono fidanzata con R. da quasi 8 anni e ho una bambina ...

Area Professionale

La nera depressione e il Confi…

Elementi prognostici ed esperienze traumatiche nel Test I.Co.S. Un caso clinico di depressione analizzato ed illustrato attraverso l'utilizzo del Test Indice de...

Articolo 12 - il Codice Deonto…

Prosegue, con l'art.12, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini. Articolo 12 L...

Articolo 11 - il Codice Deonto…

con l'art.11 proseguiamo su Psiconline.it, anche questa settimana, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parm...

Le parole della Psicologia

Tic

I tic sono quei disturbi, che consistono in movimenti frequenti, rapidi, involontari, apparentemente afinalistici. Sono percepiti come irresistibili, ma posson...

La sindrome di Alice nel Paese…

Disturbo neurologico  che colpisce la percezione visiva, associato a  emicrania, crisi epilettiche o sostanze stupefacenti. La sindrome di Alice nel ...

Ofidiofobia

L’ofidiofobia (dal greco ὄφις ophis "serpente" e φοβία phobia "paura") è la paura patologica dei serpenti. ...

News Letters

0
condivisioni