Pubblicità

Essere estroversi sul posto di lavoro porta vantaggi?

0
condivisioni

on . Postato in La psicologia del lavoro | Letto 727 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

Essere estroversi può produrre vantaggi sul posto di lavoro, come ha evidenziato uno studio dell'Università di Toronto

di Giorgia Lauro

Essere estroversi sul posto di lavoro porta vantaggiDi recente c'è stato un grande dibattito nella cultura popolare sui vantaggi e gli svantaggi degli estroversi sul posto di lavoro, ma spesso trascurato dalla letteratura scientifica”, afferma Michael Wilmot, del Dipartimento di Management dell'Università di Toronto.

Volevamo approfondire questa ricerca per scoprire come e in che misura l'estroversione si correla al successo sul posto di lavoro nel corso della vita delle persone”.

Un estroverso prototipico può essere definito come loquace, prende iniziativa, esprime emozioni positive e si diverte a cercare nuove esperienze. Al contrario, un introverso prototipico è silenzioso, emotivamente riservato, meno energetico e più difficile da conoscere.

Il nuovo studio, pubblicato sul Journal of Applied Psychology, offre la revisione più completa della ricerca esistente (91 meta-analisi in totale) relative all'estroversione e alle variabili relative al lavoro.

Queste variabili (165 in totale) includono aspetti quali motivazione, equilibrio tra lavoro e vita privata, benessere emotivo e performance. I dati di supporto sono stati ricavati da studi in più paesi, da diverse occupazioni e in diversi momenti di carriere tra cui istruzione, domanda di lavoro e valutazioni del lavoro.

Pubblicità

Wilmot e i suoi colleghi dell'Università del Minnesota hanno scoperto che una maggiore estroversione era auspicabile per il 90% delle variabili, il che suggerisce un piccolo vantaggio persistente sul posto di lavoro.

Tuttavia, era in quattro categorie che gli estroversi godono di un netto vantaggio: motivazione, emotività, area interpersonale e area legata alle prestazioni.

Questi quattro aspetti sembrano davvero catturare i più forti effetti positivi dell'estroversione sul posto di lavoro”, afferma Wilmot, la cui ricerca esamina come le organizzazioni usano le misure della personalità per risolvere le sfide del posto di lavoro.

Wilmot afferma che l'estroversione è legata a una motivazione maggiore per raggiungere obiettivi positivi – in questo caso come una ricompensa desiderata attraverso il lavoro.

L'estroversione risulta inoltre associata al provare emozioni positive in modo regolare. Come sottolinea, un dipendente felice non solo è più soddisfatto della vita, ma tende anche a lavorare di più e di conseguenza viene percepito come un miglior leader.

Le emozioni positive fungono anche da cuscinetto contro lo stress o le esperienze avverse sul lavoro. Dato che agli estroversi piace stare con altre persone, il terzo vantaggio riguarda la socializzazione.

In virtù delle più forti capacità comunicative, gli estroversi tendono ad adattarsi meglio alle diverse situazioni sociali e sono abili nel persuadere, che è anche una forte capacità di leadership.

Il quarto vantaggio riguarda le prestazioni lavorative.

Questa è stata una grande sorpresa!”, afferma Wilmot, il quale fa riferimento a una ricerca passata che rispetto ai cinque tratti della personalità, solo coscienziosità e stabilità emotiva erano generalmente correlate alle prestazioni in diverse occupazioni.

Commenta dicendo che la ragione per una migliore prestazione sembra provenire da una combinazione dei tre vantaggi precedenti.

Se sei motivato a raggiungere un obiettivo al lavoro, se ti senti positivo e sei bravo a trattare con le persone, probabilmente, stai andando meglio sul lavoro”, prosegue.

Sono proprio questi i vantaggi che sembrano avere un effetto cumulativo nel corso della carriera.

Ovviamente, rispetto alla controparte, Wilmot sostiene che gli introversi non dovrebbero interpretare questi risultati come condizione necessariamente di svantaggio.

Innanzitutto, come osserva il ricercatore, poche persone possono essere definite puramente come introverse o estroverse e tutti mostrano una serie di comportamenti che oscillano tra le due dimensioni.

Pubblicità

Vi sono anche altre numerose caratteristiche che contribuiscono al successo sul posto di lavoro, tra cui capacità cognitive, coscienziosità e la capacità di regolare le emozioni negative.

Una limitazione dello studio è che ha riguardato solo l'estroversione e le variabili relative al lavoro.

Wilmot aggiunge che vi sono molti lavori, come quelli legati la mondo dell'informatica, in cui le caratteristiche di introversione come la capacità di ascolto o la capacità di concentrazione sarebbero più vantaggiose.

Potresti essere più introverso, ma se sei intelligente e lavori sodo sperimenterai comunque il successo”, afferma.

Allo stesso tempo, se sei più estroverso, ma non hai le capacità cognitive o l'etica del lavoro, probabilmente non avrai lo stesso successo”, ha concluso l'autore.

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

Tags: estroversione Essere estroversi posto di lavoro

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Perdere le persone importanti …

  Crazy, 48 anni Buonasera, chiedo come si fa ad accettare prima la perdita di un marito e dopo poco quella di un fratello. {loadposition pub3} &n...

Ragazzo insicuro e con ansia d…

Annie, 27 anni       Buonasera! In psicologia, i cinque fattori che elencherò possono essere correlati l'uno all'altro oppure no?* Ansia d...

Situazione complessa [16102055…

  Nanna, 30 anni Ciao, ho cambiato città e lavoro per il mio compagno e ora siamo arrivati a un punto che in ogni discussione lui prende la valigia ...

Area Professionale

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Le parole della Psicologia

Barbiturici

Con il termine Barbiturici si indica quella classe di farmaci anestetici, antiepilettici ed ipnotici, derivati dall’acido barbiturico (o malonilurea), che hanno...

Pet therapy

Con il termine pet therapy s'intende generalmente, una terapia dolce, basata sull'interazione uomo-animale. Si tratta di una terapia che integra, rafforza e co...

Agnosia

L'agnosia (dal greco a-gnosis, "non conoscere") è un disturbo della percezione caratterizzato dal mancato riconoscimento di oggetti, persone, suoni, forme, odor...

News Letters

0
condivisioni