Pubblicità

I social media sul posto di lavoro

0
condivisioni

on . Postato in La psicologia del lavoro | Letto 991 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Lo studio ha mostrato che le personalità estroverse e nevrotiche trascorrono molto più tempo sui social media durante l’orario di lavoro per motivi privati; al contrario, soggetti puntuali e organizzati trascorrono meno tempo on line durante l’orario di lavoro, ma possono usare attivamente il web per motivi legati al lavoro stesso.

Social media lavoroCon il termine social network si fa riferimento ad un servizio informatico on line che permette la realizzazione di reti sociali virtuali; il loro utilizzo consente di condividere contenuti testuali, immagini, video e audio e di interagire tra loro.

La rete sociale diventa un ipertesto interattivo tramite cui diffondere pensieri, idee, link e contenuti multimediali.

Una nuova ricerca effettuata presso la Facoltà di Psicologia dell’Università di Bergen, ha mostrato che i manager d’azienda non sono favorevoli all’utilizzo dei social media durante le ore di lavoro da parte dei propri dipendenti.

Ogni giorno, più di un miliardo di persone nel mondo utilizza i social network; quest’abitudine ha invaso anche il mondo lavorativo, e alcune ricerche recenti hanno riportato che quattro dipendenti su cinque fanno uso dei social media per motivazioni private durante l’orario di lavoro.

Tuttavia, è stato interessante notare che sono gli stessi manager a fare uso dei social media per motivi privati, quando sono sul posto di lavoro.

Questo potrebbe essere spiegato dal fatto che i manager hanno orari di lavoro molto più lunghi rispetto a quelli dei dipendenti e quindi, avendo meno tempo libero, impegnerebbero quello del lavoro per fare uso di essi.

“E’ comprensibile che i manager siano preoccupati per la riduzione della produzione e conseguente perdita finanziaria come risultato dell’uso dei social network, per motivi personali, da parte dei propri dipendenti”, ha affermato Cecilie Schou Andreassen, del Dipartimento di Scienze Psicosociali.

Insieme al suo team di ricerca ha avviato il primo studio nel mondo sull’utilizzo privato dei social media sul posto di lavoro. Allo studio hanno partecipato 11.000 dipendenti norvegesi; i principali risultati dell’utilizzo di internet a lavoro possono essere così riassunti:

  • I dipendenti più giovani ricorrono maggiormente all’uso dei social media per motivi privati rispetti a dipendenti più anziani;
  • Gli uomini fanno un maggiore uso di essi rispetto alle donne durante l’orario di lavoro;
  • Soggetti con un grado di educazione elevata sono maggiormente attivi sui social media;
  • I single sono maggiormente attivi sui social media rispetto a coloro che hanno una relazione;
  • Persone nevrotiche ed estroverse trascorrono più tempo online;
  • Soggetti che presentano una personalità strutturata, organizzata, affidabile e precisa spendono meno tempo sui social network rispetto alla controparte.

Sulla base di tali risultati, la psicologa Andreassen sostiene che “i social media, probabilmente, svolgono un’importante funzione sociale per i single, rispetto a coloro che hanno già una relazione stabile”.

Pubblicità

Inoltre, un’elevata educazione e stato socioeconomico potrebbero essere correlati ad una maggiore familiarità con l’utilizzo del computer, e quindi maggiore utilizzo dei social media, rispetto a coloro con una scarsa educazione.

“I risultati possono inoltre riflettere il fatto che, soggetti appartenenti ad un ceto sociale alto, non sono preoccupati o impauriti di perdere il lavoro, rispetto a coloro che invece appartengono ad un ceto sociale più basso; in aggiunta, l’utilizzo dei social media potrebbe essere legato al farsi pubblicità per un’eventuale avanzamento di carriera”.

Lo studio ha anche mostrato che le personalità estroverse e nevrotiche trascorrono molto più tempo sui social media durante l’orario di lavoro per motivi privati; al contrario, soggetti puntuali e organizzati trascorrono meno tempo on line durante l’orario di lavoro, ma possono usare attivamente il web per motivi legati al lavoro stesso.

L’utilizzo dei social media durante le ore di lavoro è pertanto strettamente correlato alle proprie attitudini e inclinazioni personologiche.

Considerando che i manager temono che l’utilizzo dei social network durante l’orario di lavoro possa ostacolare la produzione e determinare perdita finanziaria, è bene anche riflettere sui risultati presenti in letteratura: da una parte questo potrebbe infatti anche essere vero, ma altri studi suggeriscono che l’utilizzo dei social media ha un effetto “rinfrescante” sulla mente, quasi come l’andare a fare una passeggiata e pertanto favorirebbero una ripresa del lavoro meno stressante e più efficiente!

 

Tratto da PsychologyToday

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Giorgia Lauro)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

Tags: psicologia del lavoro social media manager dipendenti.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Cattivo rapporto con i genitor…

Fatina, 17     Da 4 mesi a questa parte non riesco più a stare bene, sia mentalmente che fisicamente. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Gruppi self-help

Strutture di piccolo gruppo, a base volontaria, finalizzate all’aiuto reciproco e al raggiungimento di scopi particolari I gruppi di self-help (definiti anche ...

Disfunzioni Sessuali

La classificazione proposta dall’ICD-10 (International Classification of Diseases, Decima Versione) indica, innanzitutto, quattro criteri generali per poter d...

Catalessia

Detta anche catalessi, è uno stato patologico, ad esordio improvviso e che si protrae per brevi o lunghi periodi, in cui vi è una sospensione dei movimenti volo...

News Letters

0
condivisioni