Pubblicità

I social media sul posto di lavoro

0
condivisioni

on . Postato in La psicologia del lavoro | Letto 1770 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Lo studio ha mostrato che le personalità estroverse e nevrotiche trascorrono molto più tempo sui social media durante l’orario di lavoro per motivi privati; al contrario, soggetti puntuali e organizzati trascorrono meno tempo on line durante l’orario di lavoro, ma possono usare attivamente il web per motivi legati al lavoro stesso.

Social media lavoroCon il termine social network si fa riferimento ad un servizio informatico on line che permette la realizzazione di reti sociali virtuali; il loro utilizzo consente di condividere contenuti testuali, immagini, video e audio e di interagire tra loro.

La rete sociale diventa un ipertesto interattivo tramite cui diffondere pensieri, idee, link e contenuti multimediali.

Una nuova ricerca effettuata presso la Facoltà di Psicologia dell’Università di Bergen, ha mostrato che i manager d’azienda non sono favorevoli all’utilizzo dei social media durante le ore di lavoro da parte dei propri dipendenti.

Ogni giorno, più di un miliardo di persone nel mondo utilizza i social network; quest’abitudine ha invaso anche il mondo lavorativo, e alcune ricerche recenti hanno riportato che quattro dipendenti su cinque fanno uso dei social media per motivazioni private durante l’orario di lavoro.

Tuttavia, è stato interessante notare che sono gli stessi manager a fare uso dei social media per motivi privati, quando sono sul posto di lavoro.

Questo potrebbe essere spiegato dal fatto che i manager hanno orari di lavoro molto più lunghi rispetto a quelli dei dipendenti e quindi, avendo meno tempo libero, impegnerebbero quello del lavoro per fare uso di essi.

“E’ comprensibile che i manager siano preoccupati per la riduzione della produzione e conseguente perdita finanziaria come risultato dell’uso dei social network, per motivi personali, da parte dei propri dipendenti”, ha affermato Cecilie Schou Andreassen, del Dipartimento di Scienze Psicosociali.

Insieme al suo team di ricerca ha avviato il primo studio nel mondo sull’utilizzo privato dei social media sul posto di lavoro. Allo studio hanno partecipato 11.000 dipendenti norvegesi; i principali risultati dell’utilizzo di internet a lavoro possono essere così riassunti:

  • I dipendenti più giovani ricorrono maggiormente all’uso dei social media per motivi privati rispetti a dipendenti più anziani;
  • Gli uomini fanno un maggiore uso di essi rispetto alle donne durante l’orario di lavoro;
  • Soggetti con un grado di educazione elevata sono maggiormente attivi sui social media;
  • I single sono maggiormente attivi sui social media rispetto a coloro che hanno una relazione;
  • Persone nevrotiche ed estroverse trascorrono più tempo online;
  • Soggetti che presentano una personalità strutturata, organizzata, affidabile e precisa spendono meno tempo sui social network rispetto alla controparte.

Sulla base di tali risultati, la psicologa Andreassen sostiene che “i social media, probabilmente, svolgono un’importante funzione sociale per i single, rispetto a coloro che hanno già una relazione stabile”.

Pubblicità

Inoltre, un’elevata educazione e stato socioeconomico potrebbero essere correlati ad una maggiore familiarità con l’utilizzo del computer, e quindi maggiore utilizzo dei social media, rispetto a coloro con una scarsa educazione.

“I risultati possono inoltre riflettere il fatto che, soggetti appartenenti ad un ceto sociale alto, non sono preoccupati o impauriti di perdere il lavoro, rispetto a coloro che invece appartengono ad un ceto sociale più basso; in aggiunta, l’utilizzo dei social media potrebbe essere legato al farsi pubblicità per un’eventuale avanzamento di carriera”.

Lo studio ha anche mostrato che le personalità estroverse e nevrotiche trascorrono molto più tempo sui social media durante l’orario di lavoro per motivi privati; al contrario, soggetti puntuali e organizzati trascorrono meno tempo on line durante l’orario di lavoro, ma possono usare attivamente il web per motivi legati al lavoro stesso.

L’utilizzo dei social media durante le ore di lavoro è pertanto strettamente correlato alle proprie attitudini e inclinazioni personologiche.

Considerando che i manager temono che l’utilizzo dei social network durante l’orario di lavoro possa ostacolare la produzione e determinare perdita finanziaria, è bene anche riflettere sui risultati presenti in letteratura: da una parte questo potrebbe infatti anche essere vero, ma altri studi suggeriscono che l’utilizzo dei social media ha un effetto “rinfrescante” sulla mente, quasi come l’andare a fare una passeggiata e pertanto favorirebbero una ripresa del lavoro meno stressante e più efficiente!

 

Tratto da PsychologyToday

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Giorgia Lauro)

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: psicologia del lavoro social media manager dipendenti.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Sensazione di essere preso in …

  Michele, 75 anni     Gent.mo Dott., sono un musicista (ed ex bancario). Da un po' di tempo mi reco presso un negozio saltuariamente do...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Stress

Il termine stress, tradotto dall’inglese, significa "pressione" (o “sollecitazione"), ed è stato introdotto per la prima volta da Hans Seyle nel 1936 per indica...

Trinatopia

In oculistica, è una rara forma di cecità per il blu e il violetto. E' uno dei quattro tipi di daltonismo più diffusi: Acromatopsia: deficit di visione di t...

Barbiturici

Con il termine Barbiturici si indica quella classe di farmaci anestetici, antiepilettici ed ipnotici, derivati dall’acido barbiturico (o malonilurea), che hanno...

News Letters

0
condivisioni