Pubblicità

Migliorare la salute mentale sul posto di lavoro

0
condivisioni

on . Postato in La psicologia del lavoro | Letto 606 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista Journal of Occupational Health Psychology, ha evidenziato che la psicoterapia cognitivo-comportamentale focalizzata sui problemi di lavoro, accelera il recupero e migliora la salute mentale dei dipendenti.

Migliorare la salute mentale sul posto di lavoroI disturbi della salute mentale sono una causa comune di congedi per malattia sul posto di lavoro.

I dipendenti che hanno deciso di intraprendere un percorso personale e sono pertanto rientrati prima a lavoro non hanno subito effetti avversi e hanno mostrato un significativo miglioramento della salute mentale nel corso di un anno.

La ricerca è stata pubblicata sul Journal of Occupational Health Psychology.

Le persone affette da depressione o ansia possono richiedere spesso congedi per malattia al fine di affrontare i loro problemi”, ha affermato l'autrice principale dello studio, Suzanne Lagerveld.

Tuttavia, concentrarsi su come o quando tornare a lavoro non è una parte standard della psicoterapia. Questo studio dimostra che l'integrazione delle strategie di ritorno al lavoro in terapia porta a ridurre il tempo libero dal lavoro con un minimo o nessun compromesso nel benessere psicologico delle persone nel corso di un anno”.

Lo studio olandese ha seguito 168 impiegati, di cui il 60% erano donne, in congedo per malattia a causa di problemi psicologici come ansia, disturbi dell'adattamento e depressione minore.

Settantanove dipendenti appartenenti a settori lavorativi diversi hanno ricevuto una terapia cognitiva-comportamentale basata sull'evidenza, mentre il resto ha ricevuto una terapia cognitiva-comportamentale che includeva un focus sul lavoro ed il processo di ritorno al lavoro.

L'idea alla base della psicoterapia cognitivo-comportamentale è che i pensieri delle persone, piuttosto che fattori esterni come persone, situazioni o eventi, causano sentimenti e comportamenti.

Pubblicità

Gli psicoterapeuti cognitivi-comportamentali incoraggiano i loro clienti a cambiare il loro modo di pensare per sentirsi meglio anche se la situazione non cambia,.

Le tecniche comportamentali come l'esposizione graduale a situazioni difficili sono spesso utilizzate come parte di tale psicoterapia.

Nello studio, gli psicoterapeuti hanno adattato la strategie cognitiva-comportamentale per affrontare i problemi di lavoro in una fase iniziale e hanno utilizzato il lavoro ed il posto di lavoro come meccanismi o contesto per migliorare la salute mentale del cliente.

Ad esempio, gli psicoterapeuti hanno costantemente spiegato ai loro clienti come il lavoro può offrire struttura e autostima, caratteristiche utili per il loro recupero.

Hanno anche aiutato i clienti a redigere un piano dettagliato e graduale per il ritorno al lavoro, concentrandosi su come il cliente avrebbe intrapreso attività e compiti specifici.

I clienti di entrambi i gruppi hanno ricevuto un trattamento di 12 sessioni per una media di sei mesi. I ricercatori hanno effettuato i controlli ad intervalli di tre mesi per un anno, poco prima dell'inizio del trattamento.

Sorprendentemente, le persone nel gruppo focalizzato sul lavoro sono tornate a lavorare in media 65 giorni prima rispetto ai partecipanti al gruppo di terapia standard che sono rientrati 12 giorni prima rispetto alla scadenza del periodo di malattia.

Quelli nella terapia focalizzata sul lavoro hanno intrapreso più passi per tornare pienamente al lavoro, aumentando gradualmente le loro ore e le loro mansioni.

Quasi tutti i partecipanti allo studio, il 99%, hanno parzialmente ricominciato a lavorare al follow-up di un anno.

Tutti partecipanti hanno avuto meno problemi di salute mentale nel corso del trattamento, indipendentemente dal tipo di psicoterapia ricevuta, con una diminuzione dei sintomi che si sono verificati nei primi mesi.

Nello studio i ricercatori hanno affrontato gli aspetti sociali dell'essere senza lavoro - inclusa la perdita del supporto sociale quotidiano che un individuo riceve normalmente durante il lavoro.

Pubblicità

Inoltre, l'autostima era spesso influenzata negativamente quando l'individuo non riusciva a lavorare.

Essere senza lavoro ha un effetto diretto sul benessere delle persone. Chi non è in grado di partecipare al lavoro perde una preziosa fonte di sostegno sociale e contatti interpersonali”, ha affermato Lagerveld.

Potrebbero perdere parte del loro reddito e conseguentemente tendono a sviluppare sintomi ancora più gravi.

I ricercatori hanno quindi dimostrato che i dipendenti in congedo per malattia con disturbi mentali possono beneficiare di interventi che consentono loro di tornare a lavoro.

Il risparmio per un datore di lavoro il cui dipendente è tornato a lavorare prima era stimato al 20%, che ammontava a circa 5.275 dollari per dipendente.

Questo era basato esclusivamente sui salari pagati durante le assenze per malattia e non includeva costi aggiuntivi per la perdita di produttività e le sostituzioni per le assunzioni.

Pertanto, un intervento mirato di tipo cognitivo-comportamentale può aiutare sia l'individuo che il datore di lavoro migliorando la salute mentale e accelerando il ritorno al lavoro.

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

 

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

 

Tags: carico di lavoro lavoro, salute metale

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Perdere le persone importanti …

  Crazy, 48 anni Buonasera, chiedo come si fa ad accettare prima la perdita di un marito e dopo poco quella di un fratello. {loadposition pub3} &n...

Ragazzo insicuro e con ansia d…

Annie, 27 anni       Buonasera! In psicologia, i cinque fattori che elencherò possono essere correlati l'uno all'altro oppure no?* Ansia d...

Situazione complessa [16102055…

  Nanna, 30 anni Ciao, ho cambiato città e lavoro per il mio compagno e ora siamo arrivati a un punto che in ogni discussione lui prende la valigia ...

Area Professionale

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Le parole della Psicologia

Borderline

“una malinconia terribile aveva invaso tutto il mio essere; tutto destava in me sorpresa e mi rendeva inquieto. mi opprimeva la sensazione che tutto era, ai mie...

Pedofilia

  Con il termine pedofilia si intende un disturbo della sessualità di tipo parafilico, caratterizzato da intensi e ricorrenti impulsi o fantasie sessuali ...

La sindrome di Alice nel Paese…

Disturbo neurologico  che colpisce la percezione visiva, associato a  emicrania, crisi epilettiche o sostanze stupefacenti. La sindrome di Alice nel ...

News Letters

0
condivisioni