Pubblicità

Migliorare la salute mentale sul posto di lavoro

0
condivisioni

on . Postato in La psicologia del lavoro | Letto 787 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista Journal of Occupational Health Psychology, ha evidenziato che la psicoterapia cognitivo-comportamentale focalizzata sui problemi di lavoro, accelera il recupero e migliora la salute mentale dei dipendenti.

Migliorare la salute mentale sul posto di lavoroI disturbi della salute mentale sono una causa comune di congedi per malattia sul posto di lavoro.

I dipendenti che hanno deciso di intraprendere un percorso personale e sono pertanto rientrati prima a lavoro non hanno subito effetti avversi e hanno mostrato un significativo miglioramento della salute mentale nel corso di un anno.

La ricerca è stata pubblicata sul Journal of Occupational Health Psychology.

Le persone affette da depressione o ansia possono richiedere spesso congedi per malattia al fine di affrontare i loro problemi”, ha affermato l'autrice principale dello studio, Suzanne Lagerveld.

Tuttavia, concentrarsi su come o quando tornare a lavoro non è una parte standard della psicoterapia. Questo studio dimostra che l'integrazione delle strategie di ritorno al lavoro in terapia porta a ridurre il tempo libero dal lavoro con un minimo o nessun compromesso nel benessere psicologico delle persone nel corso di un anno”.

Lo studio olandese ha seguito 168 impiegati, di cui il 60% erano donne, in congedo per malattia a causa di problemi psicologici come ansia, disturbi dell'adattamento e depressione minore.

Settantanove dipendenti appartenenti a settori lavorativi diversi hanno ricevuto una terapia cognitiva-comportamentale basata sull'evidenza, mentre il resto ha ricevuto una terapia cognitiva-comportamentale che includeva un focus sul lavoro ed il processo di ritorno al lavoro.

L'idea alla base della psicoterapia cognitivo-comportamentale è che i pensieri delle persone, piuttosto che fattori esterni come persone, situazioni o eventi, causano sentimenti e comportamenti.

Pubblicità

Gli psicoterapeuti cognitivi-comportamentali incoraggiano i loro clienti a cambiare il loro modo di pensare per sentirsi meglio anche se la situazione non cambia,.

Le tecniche comportamentali come l'esposizione graduale a situazioni difficili sono spesso utilizzate come parte di tale psicoterapia.

Nello studio, gli psicoterapeuti hanno adattato la strategie cognitiva-comportamentale per affrontare i problemi di lavoro in una fase iniziale e hanno utilizzato il lavoro ed il posto di lavoro come meccanismi o contesto per migliorare la salute mentale del cliente.

Ad esempio, gli psicoterapeuti hanno costantemente spiegato ai loro clienti come il lavoro può offrire struttura e autostima, caratteristiche utili per il loro recupero.

Hanno anche aiutato i clienti a redigere un piano dettagliato e graduale per il ritorno al lavoro, concentrandosi su come il cliente avrebbe intrapreso attività e compiti specifici.

I clienti di entrambi i gruppi hanno ricevuto un trattamento di 12 sessioni per una media di sei mesi. I ricercatori hanno effettuato i controlli ad intervalli di tre mesi per un anno, poco prima dell'inizio del trattamento.

Sorprendentemente, le persone nel gruppo focalizzato sul lavoro sono tornate a lavorare in media 65 giorni prima rispetto ai partecipanti al gruppo di terapia standard che sono rientrati 12 giorni prima rispetto alla scadenza del periodo di malattia.

Quelli nella terapia focalizzata sul lavoro hanno intrapreso più passi per tornare pienamente al lavoro, aumentando gradualmente le loro ore e le loro mansioni.

Quasi tutti i partecipanti allo studio, il 99%, hanno parzialmente ricominciato a lavorare al follow-up di un anno.

Tutti partecipanti hanno avuto meno problemi di salute mentale nel corso del trattamento, indipendentemente dal tipo di psicoterapia ricevuta, con una diminuzione dei sintomi che si sono verificati nei primi mesi.

Nello studio i ricercatori hanno affrontato gli aspetti sociali dell'essere senza lavoro - inclusa la perdita del supporto sociale quotidiano che un individuo riceve normalmente durante il lavoro.

Pubblicità

Inoltre, l'autostima era spesso influenzata negativamente quando l'individuo non riusciva a lavorare.

Essere senza lavoro ha un effetto diretto sul benessere delle persone. Chi non è in grado di partecipare al lavoro perde una preziosa fonte di sostegno sociale e contatti interpersonali”, ha affermato Lagerveld.

Potrebbero perdere parte del loro reddito e conseguentemente tendono a sviluppare sintomi ancora più gravi.

I ricercatori hanno quindi dimostrato che i dipendenti in congedo per malattia con disturbi mentali possono beneficiare di interventi che consentono loro di tornare a lavoro.

Il risparmio per un datore di lavoro il cui dipendente è tornato a lavorare prima era stimato al 20%, che ammontava a circa 5.275 dollari per dipendente.

Questo era basato esclusivamente sui salari pagati durante le assenze per malattia e non includeva costi aggiuntivi per la perdita di produttività e le sostituzioni per le assunzioni.

Pertanto, un intervento mirato di tipo cognitivo-comportamentale può aiutare sia l'individuo che il datore di lavoro migliorando la salute mentale e accelerando il ritorno al lavoro.

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

 

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

 

Tags: carico di lavoro lavoro, salute metale

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Paure invalidanti [16176868876…

Verde123, 33 anni     Buongiorno, scrivo perché mi trovo in una situazione per me difficile da sopportare e risolvere. Sono sempre stata una p...

Mi sento triste e depresso [16…

ANONIMo, 14 anni   Buongiorno, sono un ragazzo di 14 anni e sto vivendo un periodo buio nella mia vita; il motivo è soprattutto l'impatto che ha av...

Mio marito ha un disturbo? [16…

Francesca, 36 anni. Salve, ho un problema con mio marito. Lui ha 39 anni e siamo sposati da 12. Da 3 ha un'azienda tutta sua di idraulica, fa impianti, ec...

Area Professionale

Esame di Stato Psicologi 2021

In questo breve articolo ci soffermeremo sulla modalità di svolgimento dell'Esame di Stato (EDS) per la professione di Psicologo/a, ad un anno dall'esperienza p...

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Le parole della Psicologia

Psicologia

La psicologia è una scienza che studia i processi psichici, consci e inconsci, cognitivi (percezione, attenzione, memoria, linguaggio, pensiero ecc.) e dinamici...

Anedonia

Il termine anedonia venne coniato da Ribot nel 1897  e descrive l’assoluta incapacità nel provare piacere, anche in presenza di attività normalmente piacev...

MUTISMO SELETTIVO

Il "Mutismo Selettivo", è un disordine dell'infanzia caratterizzato dall'uso appropriato del linguaggio in alcune situazioni, in particolare quelle familiari, e...

News Letters

0
condivisioni