Pubblicità

Ottieni il lavoro che ti piace con il Self Coaching

0
condivisioni

on . Postato in La psicologia del lavoro | Letto 1627 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Il grande motivatore Antony Robbins dice: “Puoi avere ciò che vuoi semplicemente se sei disposto a liberarti della convinzione che tu non puoi averlo”.

lavoro perciavalle 2 Self CoachingPensando alla realizzazione dei propri obiettivi professionali sono dell’idea che ognuno di noi può realizzare la professione che ci interessa se davvero questo è allineato con tutti gli altri valori della persona.

Le soluzioni per arrivare a raggiungere il lavoro che interessa e piace sono due:

  1. cercare con costanza il lavoro e la professione che piace in diversi contesti organizzativi e continuare a cercare fino a quando non si è soddisfatti.
  2. iniziare il percorso verso la libertà e la creazione. Essere fautori del proprio progetto e diventare imprenditori di se stessi; può essere stimolante ma non è per tutti lo stesso tipo di sensazione.

Che sia un lavoro dipendente o autonomo l’importante per me è mantenere una mente aperta e avere un atteggiamento flessibile e responsabile per agire in maniera consapevole e mirata. Siamo fautori del nostro destino e abbiamo capacità di scelta per cui possiamo prenderci il coraggio di fare le scelte giuste per noi. Occorre solo cercare e provare in continuazione senza fermarsi fino a realizzare la propria ambizione.

Non si può solo attendere che prima o poi i risultati arrivino, occorre essere saldi e fiduciosi e agire consapevolmente, con strategia. Ogni persona ha già sviluppato un percorso e ha realizzato degli obiettivi professionali, (finire gli studi, trovare una prima occupazione, i primi guadagni, essere di supporto per qualcuno). Questi successi devono essere consapevolizzati e messi in evidenza per aumentare la propria fiducia in se stessi e preparare il terreno per il proprio cambiamento professionale.

Il consiglio è di utilizzare i periodi difficili di transazione tra un lavoro e l’altro o di ricerca per capire meglio cosa realmente si vuole e cosa c’è dietro ogni scelta (valori e credenze), fare anche un bilancio delle proprie competenze e abilità maggiormente sviluppate.

Pubblicità


E’ importante anche mettersi in ascolto dei propri pensieri e del proprio linguaggio per cambiare atteggiamento. Non serve dirsi o pensare di non potercela fare o di non avere le giuste esperienze.Se ci poniamo obiettivi sfidanti occorre anche mettersi nell’atteggiamento vincente che permetta di avere la carica e l’energia adeguate per affrontare le situazioni. Facendo un esempio, nessun parteciperebbe ad una gara pensando di arrivare ultimo, ma si prepara ad arrivare primo o al massimo rimanere sul podio dei tre vincenti. Solo dopo aver chiarito le idee si possono identificare obiettivi nuovi, più chiari specifici e realizzabili nel tempo. Successivamente si può stabilire un piano d’azione che riguardi i diversi comportamenti da agire per ottenere il lavoro che davvero appassiona.

Propongo ora tre semplici esercizi di self coaching per iniziare a sviluppare consapevolezza, cambiare atteggiamento e fare azioni diverse.   

ESERCIZIO N° 1
Fai una veloce autoanalisi della tua situazione attuale lavorativa e professionale
Pensando alla tua professione ideale, quanto sei vicino o lontano dalla sua realizzazione?
Dai una valutazione da 0 a 10, dove 10 è molto lontano dalla realizzazione e 0 hai realizzato la tua professione ideale.
La metafora che utilizzo è quella della temperatura di un termometro: più è alta (valore 10) più sei in sofferenza a livello emotivo e sei insoddisfatto,  più è bassa (0) più sei soddisfatto e tranquillo emotivamente.MMAGINE ARTICOLO PERCIAVALLE

ESERCIZIO N° 2
Per aiutarti a focalizzarti maggiormente sugli aspetti positivi di te stesso e riequilibrare i giudizi negativi e positivi su di te, ti offro un esercizio che puoi sviluppare facilmente  e che potrà aiutarti a ripartire con la giusta carica emotiva.
Abituati ad annotare su un quaderno, ogni giorno, almeno un Tuo risultato positivo, un pregio che ti hanno riconosciuto, una competenza che hai valorizzato e che ti è stata particolarmente utile oppure, semplicemente, un riscontro positivo, un complimento che hai ottenuto da parte degli altri, colleghi o amici, conoscenti.
Alla fine della tua giornata utilizza un post-it e segna in stampatello, la seguente frase:
"Io sono (qualità) e mi sento bene con me stesso!”
Stasera cosa vuoi segnare sul tuo post-it personale?

ESERCIZIO N°3
Obiettivo.
Decidi 3 azioni concrete che puoi fare già oggi per  iniziare a realizzare il lavoro e la professione che vuoi.
1)__________________________________________________________________
2)__________________________________________________________________
3)__________________________________________________________________

Dopo aver fatto questi esercizi hai più chiaro come ti condiziona oggi la tua condizione lavorativa e capire come migliorarla con tre semplici azioni. Ricorda se le azioni che stai facendo per ottenere il lavoro che ti piace non stanno funzionando vuol dire che devi cambiarle e puoi farti coraggio per cambiare velocemente la tua strategia.

 

(a cura del Dottor Massimo Perciavalle)

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 


 

Tags: ottieni lavoro piace self coaching

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Sensazione di essere preso in …

  Michele, 75 anni     Gent.mo Dott., sono un musicista (ed ex bancario). Da un po' di tempo mi reco presso un negozio saltuariamente do...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Aplasia

Con il termine Aplasia si intende il mancato sviluppo di un tessuto o di un organo.  Deriva da un disfunzionamento delle cellule o dei tessuti che porta...

MUTISMO SELETTIVO

Il "Mutismo Selettivo", è un disordine dell'infanzia caratterizzato dall'uso appropriato del linguaggio in alcune situazioni, in particolare quelle familiari, e...

Melatonina

Omone secreto dai pinealociti della ghiandola pineale (o epifisi), derivato dalla serotonina, regolatore dei ritmi circadiani.   Il ruolo più noto dell...

News Letters

0
condivisioni