Pubblicità

Relazioni difficili al lavoro. 3 modi per affrontarle

0
condivisioni

on . Postato in La psicologia del lavoro | Letto 2485 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Il lavoro occupa gran parte della nostra vita ed è fondamentale lavorare in un ambiente che sia salutare e non tossico. Nell'articolo vi diamo alcuni semplici suggerimenti

Relazioni difficili al lavoroIl lavoro occupa una parte importante della nostra vita, non solo in termini di tempo, ma anche di passione ed investimento.

Ciascuno di noi ha scelto il proprio ruolo e lo porta avanti con impegno e motivazione, nonostante ciò possa comportare un po’ di stanchezza ed alcune rinunce.

È importante, quindi, come avviene per le coppie, mantenere delle relazioni il più salutari possibili anche sul posto di lavoro.

I ricercatori hanno dimostrato, infatti, che c’è una relazione tra morale buono, relazioni di lavoro salutari e produttività.

A volte, però, può capitare di ritrovarsi ad affrontare una relazione tossica anche in questo contesto.

Queste sono situazioni che esauriscono le nostre energie, fanno aumentare lo stress e l’ansia, fino a creare un abbassamento netto dell’autostima e della motivazione, problemi relazionali generali e difficoltà ad andare a lavoro.

Come si può evitare tutto questo?

Ecco 3 suggerimenti per affrontare le persone e le relazioni tossiche sul posto di lavoro.


1.    Non prendetela sul personale.

Le persone che sono tossiche verso di voi, lo sono, di solito, anche nei confronti degli altri.
Voi potreste essere semplicemente (e per qualche ragione) un buon bersaglio.

Ribadite la vostra dignità e non permettete che il bagaglio emotivo di un’altra persona vi influenzi.

Non è una cosa facile da mettere in pratica, ma, se vi accorgete che state internalizzando la crudeltà, o la passività, dell’altro, fermatevi, fate un respiro e rilassatevi, senza dare troppa importanza e farvi toccare da ciò che egli sta facendo.


2.    Non agite d’istinto.

Prima di reagire al comportamento dell’altro, prendetevi un momento per riflettere sul da farsi.

Ad esempio, se volete correre da questa persona, andare verso di lei e mostrare un qualche interesse, aspettate un attimo prima di agire ed eviterete di assecondarla.

Non cedete, ma sbarazzatevi di individui come questi: ciò, a volte, è quello che serve per invertire effettivamente tutto lo schema tossico.


3.    Parlatene con persone di fiducia.

Se la persona tossica non è il vostro capo, parlatene con lui: discutere della situazione con chi ha più potere può fornirvi una visione diversa e strategie risolutive a cui non avevate pensato, quindi conforto e motivazione.

Se è, invece, il vostro capo, rivolgetevi a dei colleghi veramente fidati.

Pubblicità

Ovviamente, anche i vostri amici ed i membri della famiglia possono essere validi confidenti, con i quali condividere le vostre difficoltà.

Ottenere il loro sostegno può, spesso, darvi la forza di affrontare le persone tossiche.

Trovarsi in questa situazione di disagio può essere, a volte, più complesso e difficile di come descritto di sopra. E, ovviamente, queste sono solo alcune delle strategie da poter mettere in atto in questi casi, che, a volte, potrebbero non bastare.

Il consiglio, di fronte a questi problemi, è di chiedere aiuto ad un professionista qualificato e di mettere in campo la vostra passione e la vostra creatività, per poter essere ancora felici e soddisfatti del vostro lavoro!!!
 
    
 

Fonte: Psych Central


(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Alice Fusella)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

Tags: relazioni tossiche

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Rêverie

“Rêverie sta a designare lo stato mentale aperto alla ricezione di tutti gli ‘oggetti’ provenienti dall’oggetto amato, quello stato cioè di recepire le identificazioni proiettive del bambino,...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto urgente (1554296627141)

Virginia, 17     Avrei urgentemente bisogno di aiuto, soffro d'ansia da qualche anno e, adesso che mi sono momentaneamente ritirata dalla scuol...

Collega con manie ossessive co…

Rebecca, 29     Buongiorno vorrei un consiglio su come rapportarmi con una collega arrivata in studio da pochi mesi con contratto a termine rin...

Confusione e stress (155330395…

Elena, 22     Buonasera, cercherò di spiegare al meglio la mia situazione. Ho 22 anni e sono fidanzata con R. da quasi 8 anni e ho una bambina ...

Area Professionale

Articolo 13 - il Codice Deonto…

Proseguiamo, con il commento all'art.13 (obbligo di referto o di denuncia), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settim...

La nera depressione e il Confi…

Elementi prognostici ed esperienze traumatiche nel Test I.Co.S. Un caso clinico di depressione analizzato ed illustrato attraverso l'utilizzo del Test Indice de...

Articolo 12 - il Codice Deonto…

Prosegue, con l'art.12, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini. Articolo 12 L...

Le parole della Psicologia

Paura

La paura è quell’emozione primaria di difesa, consistente in un senso di insicurezza, di smarrimento e di ansia, di fronte ad un pericolo reale o immaginario, o...

Anosognosia

Il termine, che deriva dal greco, significa letteralmente “mancanza di conoscenza sulla malattia”. Per la precisione, “nosos” significa malattia, “gnosis” sta p...

Emetofobia

Dal greco emein che significa "un atto o un'istanza di vomito" e fobia, ovvero "un esagerato solito inspiegabile e illogico timore di un particolare oggetto,&nb...

News Letters

0
condivisioni