Pubblicità

Abuso sessuale e sue conseguenze. Intervista a M.Giordano

0
condivisioni

on . Postato in Le interviste di Psiconline® | Letto 1718 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

margherita giordano, autrice di Abuso sesssuale e dinamiche familiariMargherita Giordano è autrice di Abuso sessuale e dinamiche familiari, recentemente pubblicato da Edizioni Psiconline, è psicologa, si occupa di psicologia e psicopatologia dello sviluppo ed è specializzata in ArtCounseling e tecniche di rilassamento.

Nel testo cerca di svelare i giochi familiari tipici delle famiglie abusanti e incestuose e di ricostruire e capire le dinamiche interattive che caratterizzano tali famiglie “patologiche”, soffermandosi prima però sui  fattori predisponenti l’abuso sessuale, l’incesto o il maltrattamento all’interno del nucleo familiare. Nella intervista che segue ci presenta il suo volume da poco in libreria.

D. Sembra che negli ultimi anni si stia parlando sempre più di frequente di abuso sessuale, è un argomento di attualità o è sempre esistito?

R. È certamente un argomento di grande attualità, ma in fondo è un fenomeno che esiste sin dall’antichità. La differenza è che oggi c’è una maggiore conoscenza e consapevolezza di quelle che sono le ripercussioni negative vissute e subite dalle vittime di abuso e questo ha portato ad un notevole aumento di denunce e quindi ad una maggiore tutela della vittima sia a livello psicofisico che giudiziario.

D. Quando si può affermare di trovarsi di fronte a un caso di abuso sessuale?

R. Quando è possibile rilevare ed accertare determinati indicatori fisici, psicologici e comportamentali, ma talvolta questi indicatori non sempre costituiscono un elenco completo e certo sul quale poter desumere con esattezza se l’abuso si è realizzato oppure no. Sono molti, infatti, i casi in cui la sintomatologia clinica non è troppo esaustiva e dove rimangono molti dubbi.

copertina abuso sessualeD. Nei casi accertati o sospetti di abuso sessuale, quali sono gli operatori coinvolti?

R. Nel momento in cui è stato accertato o sospettato un caso di abuso sessuale, è indispensabile che ci sia un lavoro di equipe professionale che coinvolga diversi operatori  (giudiziari, socio-sanitari, psicologi, medici), in modo da tutelare la vittima sia da un punto di vista giuridico che psico-fisico.

D. Chi è coinvolto nell'abuso sessuale e chi va "curato" e nei casi di abuso in ambito familiare quali persone sono coinvolte?

R. Generalmente è coinvolta l’intera famiglia e quindi la cura, l’assistenza e il sostegno psicologico riguardano non solo la vittima abusata, ma anche i suoi familiari, nonché l’abusante.
Di fronte ad un caso di incesto è coinvolta l’intera famiglia, poiché oltre alla vittima abusata ci sono i familiari denominati “osservatori” (coloro che sanno), che mantengono il segreto e tra questi vi è ovviamente anche l’abusante.

D. Quali sono le dinamiche familiari delle famiglie abusanti, e quali sono i fattori predisponenti l'abuso sessuale?

R. Il fattore predisponente principale dell’abuso sessuale è il cosiddetto “ciclo ripetitivo dell’abuso”, ovvero la ripetizione di questo atto “patologico” di generazione in generazione, in cui solitamente la vittima abusata potrebbe diventare un eventuale adulto abusante, a causa di un processo inconscio di identificazione con l’abusante. Le dinamiche familiari delle famiglie abusanti sono patologicamente rigide ed è proprio questa rigidità che favorisce l’instaurarsi e il mantenimento del “segreto”, elemento tipico del’incesto. Infatti una dinamica familiare caratterizzante delle famiglie incestuose è il cosiddetto “triangolo rigido” costituito dalla vittima, l’abusante e l’osservatore.

D. Quali sono le conseguenze dell'abuso sessuale?

R. Un abuso sessuale provoca soprattutto nella vittima gravi conseguenze negative da un punto di vista fisico, psicologico, comportamentale, affettivo, relazionale, familiare, sociale a breve e a lungo termine.

D. Cosa si potrebbe/dovrebbe fare per prevenire i casi di abuso e intervenire tempestivamente nei casi accertati per aiutare la vittima ma anche i familiari?

R. Bisognerebbe imparare a saper rilevare tempestivamente i primi indicatori psico-fisici e comportamentali della potenziale vittima, in modo da accertare subito il caso e avviare il prima possibile un intervento adeguato.

D. Come si interviene quando si è di fronte a un caso a rischio di abuso?

R. L’intervento primario è quello giudiziario che accerta il caso, in un secondo momento è fondamentale intervenire soprattutto a livello psicologico con la vittima di abuso, la famiglia e l’abusante, attraverso un percorso psicoterapeutico adeguato e individualizzato.

D. A chi è rivolto il libro?

R. Il libro è rivolto a Psicologi, Psicoterapeuti, studenti in psicologia, Educatori, Mediatori, Medici, Assistenti sociali e a tutte le persone interessate all’argomento.

 

(Intervista a cura di Arianna Ciamarone)

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

Tags: bambini prematuri bambini, Edizioni Psiconline abuso sessuale margherita giordano

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Come si ritrova l'amore di viv…

polppols, 18 anni Ciao, ho 18 anni e non so bene come iniziare a scrivere questa richiesta. Non mi sono mai aperta con qualcuno liberamente e sinceramente ...

Problematiche relazionali [160…

m, 20 anni Salve, recentemente dei Miei amici mi hanno detto che dovrei vedere un terapeuta perché secondo loro ho dei problemi a capire come relazionarmi ...

Genitori che non ti accettano …

alice, 25 anni Buongiorno,scrivo perchè mi trovo in una situazione veramente difficile e ho bisogno di un consiglio. Dalla tarda adolescenza non sono mai a...

Area Professionale

Il disturbo pedofilico

Secondo il DSM-5 i criteri per diagnosticare ciò che prende il nome di disturbo pedofilico sono definiti come esperienze ricorrenti di eccitazione sessuale inte...

La psicologia forense

La psicologia forense, come definita dall'American Psychological Association è l'applicazione delle specialità cliniche al campo legale. La professione dello p...

Depressione adolescenziale e t…

Secondo un'analisi della letteratura, tra gli approcci psicoterapeutici che mostrano una certa efficacia nella gestione e trattamento della depressione adolesce...

Le parole della Psicologia

Anedonia

Il termine anedonia venne coniato da Ribot nel 1897  e descrive l’assoluta incapacità nel provare piacere, anche in presenza di attività normalmente piacev...

Cinofobia

Il cane è da sempre l’animale più amato dagli esseri umani, ormai è proverbiale la definizione “migliore amico dell’uomo” e in effetti la storia conferma questa...

Trinatopia

In oculistica, è una rara forma di cecità per il blu e il violetto. E' uno dei quattro tipi di daltonismo più diffusi: Acromatopsia: deficit di visione di t...

News Letters

0
condivisioni