Pubblicità

#Cittàdelfuturo: Psiconline intervista il dottor Perilli

0
condivisioni

on . Postato in Le interviste di Psiconline® | Letto 687 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

SPunti di Riflessione sul tema della psicologia urbana

PEriL'evento #cittàdelfuturo tenutosi il 1° Luglio presso L'Aquila ha suscitato diverse riflessioni rispetto all'inserimento della figura dello psicologo nel contesto dell'urbanistica.

Psiconline è stata pertanto lieta di accogliere le diverse prospettive emerse durante lo svolgimento dell'evento e tra i diversi professionisti incontrati, qui di seguito verrà presentata l'intervista fatta al dottor. Perilli.

 

Dottor Perilli, in qualità di Presidente della Commissione del Territorio del Comune di L’Aquila, in relazione al suo intervento, in che modo la psicologia urbana può tener conto delle componenti motivazionali ed emotive legate ad un contesto specifico?

Bè moltissimo. Poiché siccome nella ricostruzione dei nuovi piani regolatori, quello che viene preso in considerazione, parlo dei piani regolatori delle città che culturalmente cercano di essere più avanzate, l’aspetto emotivo riguarda anche “lo stare bene in città”, partiamo dal testo di Moser “ gli stress urbani” , visto che determinate città costruite in un certo modo che portano ad un determinato modo di vivere sono fattori stressanti.
Dobbiamo concepire la costruzione di una città in tutto altro modo, garantendo una qualità della vita e un maggior benessere.Compito, in qualità di regolatore e amministratore è costruire questo tipo di città. Ci sono molte differenze rispetto alle città che abbiamo costruito fino ad ora.
Per fare un esempio, bisogna costruire una città a misura del bambino. Costruire la città come la vorrebbe un bambino : vasta , spazi larghi ,poco rumorosa. Ci sono diversi agglomerati sovrappolati, sovradimensionati ove costruire uno spazio vitale diventa un problema.

“Ricostruire la città per ricostruire l’identità delle persone” appello lanciato gli Psicologi dell’università dell’ Aquila. Secondo lei in che modo la psicologia e l’architettura possono contribuire a ritrovare l’identità di un territorio e dei suoi abitanti.

Tantissimo, perché, poi bisogna vedere cosa intendiamo per identità, però la costruzione di quello che dicevo prima, la costruzione di un luogo è anche fisica, spaziale ed è legata all’ identità delle person , la famosa “anima dei luoghi “. Ognuno di noi ha dentro di sé l’anima dei luoghi in cui ha vissuto, dove ha costruito legami , il potere della cultura, delle persona, degli archetipi, tipici della Psicologia Junghiana. Quindi l’aspetto fisico e spaziale è strettamente correlato a quello psicologico.

La ringrazio

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: psicologo riflessione psicologia urbana piani regolatori spazi larghi

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto urgente (1554296627141)

Virginia, 17     Avrei urgentemente bisogno di aiuto, soffro d'ansia da qualche anno e, adesso che mi sono momentaneamente ritirata dalla scuol...

Collega con manie ossessive co…

Rebecca, 29     Buongiorno vorrei un consiglio su come rapportarmi con una collega arrivata in studio da pochi mesi con contratto a termine rin...

Confusione e stress (155330395…

Elena, 22     Buonasera, cercherò di spiegare al meglio la mia situazione. Ho 22 anni e sono fidanzata con R. da quasi 8 anni e ho una bambina ...

Area Professionale

Articolo 13 - il Codice Deonto…

Proseguiamo, con il commento all'art.13 (obbligo di referto o di denuncia), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settim...

La nera depressione e il Confi…

Elementi prognostici ed esperienze traumatiche nel Test I.Co.S. Un caso clinico di depressione analizzato ed illustrato attraverso l'utilizzo del Test Indice de...

Articolo 12 - il Codice Deonto…

Prosegue, con l'art.12, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini. Articolo 12 L...

Le parole della Psicologia

Burnout

Il burnout è generalmente definito come una sindrome di esaurimento emotivo, di depersonalizzazione e derealizzazione personale, che può manifestarsi in tutte q...

Mild Cognitive Impairment (MCI…

È uno stato di confine o di transizione tra l’invecchiamento normale e la demenza, noto come “lieve compromissione cognitiva”. Il declino cognitivo lieve consi...

Podofobia

Una tra le paure meno conosciute sembra essere la podofobia ovvero la paura dei piedi. Il termine fobia (che in greco significa “paura” e “panico”)&n...

News Letters

0
condivisioni