Pubblicità

Consapevolezza ed assertività. Intervista a Federica Curzi

0
condivisioni

on . Postato in Le interviste di Psiconline® | Letto 816 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Cos'è l'assertività? Forse avere la forza per "imporsi" agli altri? Oppure è altro? Si può imparare ad essere assertivi? Lo chiediamo a Federica Curzi

consapevolezza ed assertivita federica curziConoscersi meglio. Consapevolezza e assertività, scritto da Federica Curzi per i tipi delle Edizioni Psiconline, è in libreria da vario tempo ed in questi mesi ha riscosso un concreto apprezzamento da parte dei lettori.

Psiconline ha voluto intervistare l'autrice per comprendere meglio il suo libro e per avere risposte alle molte domande che nascono dalla lettura del testo.

Cosa significa assertività? Si può imparare ad essere assertivi, ad essere consapevoli di sé e degli altri, rispettosi di se stessi e allo stesso tempo delle altre persone, positivi, con una buona capacità comunicativa e una forte serenità di fondo? Queste alcune delle domande che sorgono spontanee dalla lettura e che abbiamo voluto rivolgere all'autrice per ascoltare dalla sua voce quale il senso del suo scritto.

Innanzitutto un ringraziamento a Federica Curzi per aver accolto il nostro invito.

PSICONLINE: Tu affermi che per diventare assertivi si dovrebbero sviluppare: il pensiero positivo, una buona autostima, il problem solving ecc. Ma tutto questo come si apprende? È frutto dell’esperienza? L’apprendimento del resto non è esperienza?

FEDERICA CURZI: Mi viene in mente questa frase presa dal libro “ Uccelli di rovo” e che ho anche riportato nel libro: “ ...la caratteristica che soprattutto affascinava i suoi amici era la straordinaria autodisciplina, come se fosse stata abituata sin dalla fanciullezza a non consentire alle circostanze di influenzare la sua serenità...”.
Tutto nella nostra vita è apprendimento e l’apprendimento non è altro che dovuto all’esperienza . Agire nel mondo in modo assertivo, decidere di dover apprendere questa qualità e agirla ecco cosa è importante fare.

Nel libro si parla della possibilità di scegliere che tipo di persona vogliamo essere... non pensi sia piuttosto complesso "decidere" il tipo di personalità che si vuole avere?

Penso sia possibile decidere che tipo di persona si vuol agire.
Penso anche sia più complicato continuare ad agire senza aver chiaro come siamo come ci mostriamo e come vogliamo essere e vorremo mostrarci.
Questo atteggiamento porta spesso a non renderci sereni a non vivere in armonia né con gli altri né tanto meno con noi stessi.
Penso sia importante fermarsi  e chiedersi cosa o come vorremo essere e muoverci.
La risposta per me è importante che sia sempre: Qualcuno che ci permetta di essere serene, felici, armoniosi.
Nel libro ho spiegato come poterlo fare, non trovo difficile modificare il nostro modo di fare se è quello che vogliamo veramente.

Se la vita ci ostacola in tutti i modi possiamo comunque realizzare noi stessi ed imparare ad essere assertivi?

Certo. L’assertivo non è colui che non ha situazioni difficili da affrontare, è colui che sa come affrontarle e sa anche che le circostanze esterne non hanno nulla a che fare con il nostro modo di affrontare le cose.

copertina conoscersi meglioTu proponi di sostituire il verbo  "accettare" con "riconoscere" e il verbo "giudicare" con "valutare" perché?

Perché "Chi pensa male, parla male"(Nanni Moretti amava ricordarci anni fa).
Cosa voglio dire? Che è fondamentale cambiare il nostro modo di pensare perché esso ci porta ad agire in modo differente nel mondo. I particolari sono esposti nel libro.

Come riuscire a bloccare i pensieri che portano ansia e tristezza?

Come ho scritto nel libro ci sono cose pratiche da fare per vincere i pensieri ansiogeni e pieni di tristezza. Fra questi, per esempio, c’è il sostituire il pensiero nocivo con qualcosa di altro.
Io al principio contavo, in realtà lo faccio ancora: o canti o pensi, del resto si può avere un solo pensiero per volta.

Quali sono gli errori cognitivi che spesso facciamo e come riusciamo a prenderne consapevolezza?

Gli errori cognitivi non sono altro che dei modi di pensare sbagliati, sono dovuti ai limiti della mente umana. Nel libro ho elencato quali sono questi limiti e penso che rendersi conto della loro esistenza ci aiuti ad usarli in modo positivo.

Come si impara ad essere felici?

Incominciando a domandarsi ogni mattina: “Cosa posso fare oggi per essere felice nel rispetto di me stesso e degli altri?” Nel libro ho dato delle linee guida da seguire, agirle.

Cosa sono le emozioni? E l’intelligenza emotiva?

Le emozioni, argomento difficile da affrontare non mi stancherò mai di dirlo!
Le emozioni in sostanza ritengo che siano come ci sentiamo dentro, cosa proviamo nel fare o a tendere a fare qualcosa, nel presente.
L’intelligenza emotiva è una abilità che ci permette di gestire le emozioni in modo positivo e come soleva dire mio nonno “Niente non è”.

Ancora un grazie a Federica per la sua disponibilità ed invitiamo i nostri lettori, se lo desiderano, a porre domande all'autrice commentando questa intervista o scrivendoci direttamente in Redazione. Vi invitiamo anche, ovviamente, a leggere il libro della Dottoressa Curzi per riuscire a saperne di più. Buona lettura a tutti.

 

Acquista il libro online

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: assertività assertivo, federica curzi consapevolezza Intervista

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Le parole della Psicologia

Catatonia

La prima descrizione della catatonia risale al 1874, quando lo psichiatra tedesco Karl Kahlbaum, nella sua monografia dal titolo Die Katatonie oder das Spannung...

Mania

L. Binswanger (Melanconia e mania, 1960) ha messo in evidenza come nella mania vi sia una destrutturazione della dimensione temporale della vita psichica che no...

La sindrome di Alice nel Paese…

Disturbo neurologico  che colpisce la percezione visiva, associato a  emicrania, crisi epilettiche o sostanze stupefacenti. La sindrome di Alice nel ...

News Letters

0
condivisioni