Pubblicità

I Test Psicologici Computerizzati - Intervista al Dott.Vincenzo Paolillo

0
condivisioni

on . Postato in Le interviste di Psiconline® | Letto 893 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

La redazione di Edizioni Psiconline ha deciso, questa volta, di giocare in casa. Intervistiamo Vincenzo Paolillo, psicologo e psicoterapeuta napoletano, che è stato fra i primi a collaborare con PSICONLINE, Psychostore, ed oggi con noi, fin dalla "fondazione" del nostro sito.

“Vinci”, navigante degli oceani marini, quale ufficiale di macchina, degli oceani dello spazio come radioamatore (I0PVZ), degli infiniti oceani del web e, sopratutto, “subacqueo” della nostra psicologia.

Vincenzo ama la ricerca nella nostra psiche e vuole contribuire decisamente a diffonderla e a farla divenire ogni giorno più concreta e valida sia dal punto di vista scientifico che umano.

”Vinci”, pur impegnatissimo nel suo lavoro, non rinuncia ad essere on line quotidiniamente per "parlare di psicologia" in un forum sul Mobbing in Psiconline e per creare una “eterostasi” degli psicologi in linea al mondo d’oggi che naviga alla velocità della luce.
Numerosi sono i suoi articoli nella Top 10 di Psiconline, i Suoi Cd nella Top 10 di Psychostore. Ha pubblicato oltre 200 articoli nei vari settori della nostra professione e oltre 150 software nei vari settori della nostra professione, in Italiano, inglese e persino in rumeno.
Alcuni di questi software sono attualmente su Psychostore a prezzi assolutamente senza confronto.
I suoi ultimi lavori scritti nel 2006: I Test Psicoattitudinali, edito da Cisu, Roma, che è stato inserito nella bibliografia consigliata dall’Università Cattolica del Sacro Cuore per la preparazione ai test d’ammissione per le facoltà a numero programmato esistenti in questa Università.
A distanza di un semestre ecco l’ultimo nato, con Edizioni Psiconline: ”I Test psicologici computerizzati “ in cui “Vinci” è riuscito ancora una volta a centrare l'obiettivo, rendere semplice ed efficace una materia complessa, l'assessment psicologico ed in particolare il "mondo dei software in psicologia".

Il Dott. Vincenzo Paolillo si è laureato in Psicologia ad indirizzo sperimentale nel 1977, iscritto all'Albo degli Psicologi del Lazio, è divenuto psicoterapeuta con delibera dell'ordine degli Psicologi. Responsabile del Settore Ricerca dell'Associazione Psicoterapeuti della S.I.M.P., docente di Psicologia Generale all'Università La Sapienza di Roma, è stato co-Fondatore del Centro Italiano Antistress.

Lo abbiamo incontrato in una pausa del suo lavoro quotidiano, catturandolo tra i Suoi studi in Latina, Frosinone e La Spezia e lo abbiamo intervistato per voi, sperando di riuscire a tramettere in pieno il senso del Suo ultimo libro ed i suoi obiettivi .

Psiconline
I test sono uno degli strumenti di valutazione della personalità più usati dagli psicologi sia in Italia che all'estero ed hanno già una ampia bibliografia anche in italiano. Perché un altro libro sui test?

Dr. Vincenzo Paolillo
Trattasi di un libro nettamente diverso dagli altri. Da un lato, è la convergenza di una gran quantità di ricerche che ho condotto con Università e colleghi della SIMP e AP-SIMP, sui test effettuati negli anni a livello internazionale. Dall'altro, è un punto di partenza poiché tende ad introdurre in maniera sistematica e scientifica anche in Italia l’isomorfismo tra i test carta e matita e l’informatica che nel mondo, soprattutto negli Stati Uniti, è diventato il riferimento standard dei test. Inoltre con il sottotitolo: Kit di sopravvivenza per psicologi, ho presentato una metafora in particolare ai miei più giovani colleghi, per avvicinarci al linguaggio dei cosiddetti uomini-tecnici del terzo millennio e nel contempo non essere ancora “sul carretto tirato dall’asino sbalzato in alto dalla mole enorme dei test carta e matita”. I miei software sono in una leggerissima penna USB che porto vezzosamente al collo come una collanina floreale in Polinesia…

Psiconline
Quindi si tratta di un libro sull’utilizzo dei software in psicologia, psicoterapia. Quali sono le differenze principali con i sistemi conosciuti in Italia?


Ho cominciato con le schede perforate IBM, seguito con il Commodore 64, e cosi via fino ad arrivare al Windows XP ™, anzitutto creando dei software che non avessero il “cappio al collo” del numero di somministrazioni illimitate, che non è solo un problema economico, ma anche una pregiudiziale psicologica.
Ho proseguito addirittura creando software, quando non esistevano nemmeno nel mondo test carta e matita.
Tre esempi clamorosi :
A) Il Mr. & Mrs.H (Health) che ho realizzato addirittura in tre versioni, Italiano, Rumeno ed Inglese, e che ha suscitato notevole interesse perché è nettamente al 1° posto dei test commentati di Psiconline, oltre ad essere al 5°posto dei visitati. Faccio notare che questo software è in corso di validazione in due campus universitari in Virginia e California.(metafora della vendita di frigoriferi agli eschimesi). La versione in Rumeno è in validazione alla Università di Bucarest, in considerazione dell’elevato numero di immigrati rumeni in Italia.
B) Il software I.I.E.F. international Index of Erectile Functions era validato in molti paesi del mondo, per ultimo nel 1997 da Maremoto e collaboratori in Giappone. L’Università degli Studi di Siena, Centro inter universitario per lo studio e la cura dell’impotenza sessuale maschile, mi ha proposto dii creare una versione Italiana dello stesso test , direttamente su software. Cosa che abbiamo realizzato anche utilizzando Internet dove abbiamo posto il software a cui da tutta Italia si poteva rispondere in maniera anonima.
C) Il software I.A.S. (Indice di abusi sessuali), mi ha richiesto un lavoro di circa venti anni, per la difficoltà di discriminare soggetti positivi, da falsi positivi e da soggetti con cicatrici psicologiche di diversa origine. Al mondo non esistevano test definiti “proiettivi” che permettessero di ovviare ad alcune comprensibili resistenze di minori soggetti ad abusi sessuali. Ho trovato conforto in Valerie Van Hutton V.(1995), House-Tree-Person and draw a person as Measure of abuse in children: a quantitative Scoring system, P.A.R. Odessa , che in questo suo libro aveva utilizzato la stessa metodica con rigore e profondità ma utilizzando metodi empirici.
Cosi al VI° congresso della AP SIMP abbiamo presentato in prima mondiale i risultati di quattro lustri di ricerca.

Psiconline
L’adozione di software in psicologia e psicoterapia può allora essere considerato come "superiore" ai sistemi carta e matita?


Evito sempre in psicologia di utilizzare il termine "superiore" o “inferiore”, sbagliato o esatto, perché evito di dare per certo ciò che è probabile. L’informatica offre indubbiamente fondamentali vantaggi sugli altri sistemi grazie al fatto che una qualsiasi affermazione interpretativa elaborata all'interno della mio recente modello che ho definito Softeca: Hardware, software, liveware e environment ha una solida base sistemica ed esiste ed esiste una letteratura scientifica che ne supporta la validità. Un software può generare errori di due tipi: casuali, che in genere sono prodotti da errori del collega o sistematici che ripresentandosi ovviamente in maniera continua vengono facilmente individuati ed eliminati.
Si tratta di un aspetto importante: basti pensare all'uso dei software nell'ambito della psicologia forense.

Psiconline
Abbiamo visto che ha presentato una appendice molto profonda ed articolata…


Si, quando iniziai il 1° anno di psicologia, presentai ad una docent, una mia ricerca che avevo fatto utilizzando la mia stazione di radioamatore: How & Why sulle onde dell’etere. Volevo comprendere alcuni comportamenti dei sempre meno piccoli dell’uomo e della donna. Negli anni ho compreso che non bastava How and Why, ed aggiunsi, “and then to do”. L’appendice presenta casi reali di utilizzo dei test come ho fatto in tutte le mie pubblicazioni, per mettere I miei colleghi di non perdere tempo a scoprire “l’acqua calda”. Sono stati utilizzati in tutti i versanti della psicologia a 360°, non escludendo alcun settore, dalla clinica, allo sport, dalla ricerca all’ambito forense, dall’area lavorativa a quella del volontariato per consentire ai miei colleghi vie che apparentemente sono impervie ed invece sono autostrade, si informatiche, ma che male c’è?

Psiconline
Cosa vuole aggiungere a quanto detto?


Cari colleghi, se tra un giorno, un mese, un anno, i computer vi aiuteranno a ridurre i tempi ed i costi per aiutare la gente che soffre, non abbiate paura di usarli.

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Come imparare ad andare [1599…

mar, 29 anni Ho avuto una relazione di 5 anni finita per motivi banali, incomprensioni, caratteri opposti e contrastanti. La storia é finita quasi tre anni...

MARITO DEPRESSO DA 3 MESI [159…

blu, 43 anni Buongiorno, non riesco a capire come poter aiutare mio marito che oramai sono 3 mesi che è depresso soprattutto la mattina appena sveglio e l...

Consulenza [1599577765688]

Bice84, 36 anni Salve, volevo chiederle un'informazione riguardo alcuni comportamenti di mio marito. ...

Area Professionale

Disfunzioni sessuali dopo la s…

L'11 giugno 2019 l'European Medicines Agency (EMA) ha formalmente dichiarato di riconoscere la disfunzione sessuale post-SSRI (Post-SSRI Sexual Dysfunction, PSS...

Considerazioni teoriche sulla …

In letteratura sono presenti diverse teorie sulle cause sottostanti l'abuso e la violenza domestica. Queste includono teorie psicologiche che considerano i trat...

La relazione gene-ambiente nel…

Fra gli scienziati è in corso un importante dibattito sui nuovi modelli che esaminano il ruolo combinato dei geni e dell'ambiente nell'evoluzione della schizofr...

Le parole della Psicologia

Limerence (o ultrattaccamento)…

È uno stato cognitivo ed emotivo caratterizzato da intenso desiderio per un'altra persona. Il concetto di Limerence (in italiano ultrattaccamento) è stato elab...

Catarsi

Catarsi è un termine greco che deriva da kathàiro, "io pulisco, purifico", quindi significa “purificazione, liberazione, espiazione, redenzione”. Per i pitagor...

Desiderio

Tra Freud e Lacan: Dalla ricerca dell’Altro al Desiderio dell’Altro. Il desiderio, dal latino desiderĭu(m), “desiderare”, fa riferimento ad un moto intenso d...

News Letters

0
condivisioni