Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

L'Amore (im)Perfetto - Intervista alla Dott.ssa Annalisa Balestrieri (a cura della Dott.ssa Carrasca Federica)

on . Postato in Le interviste di Psiconline® | Letto 281 volte

In una bella giornata di inizio Marzo abbiamo incontrato Annalisa Balestrieri autrice del libro L'Amore (im)perfetto. Sedute davanti ad una tazza di the, ha accettato di rispondere alle nostre domande.

Annalisa Balestrieri si è laureata all'Università Statale di Milano in Lettere Moderne ad indirizzo pedagogico. Si interessa di psicologia sociale e dinamiche relazionali e ha pubblicato alcuni approfondimenti di carattere sociologico.

Psiconline
Il tuo libro, pubblicato da pochi mesi, ha ricevuto un notevole riscontro da parte dei lettori. Oltre alla qualità del testo, a tuo giudizio, da che cosa è provocato quest'interesse ?

Dott.ssa Annalisa Balestrieri
L'amore è un argomento capace di catturare sempre molto interesse, ma questo libro si propone di far luce su un particolare tipo di amore che si basa su un rapporto di dipendenza. Ho avuto modo di riscontrare come la dipendenza sia una condizione molto diffusa ai giorni nostri, in cui il bisogno di poter contare su qualcun altro è avvertito con prepotenza, ma contemporaneamente si percepisce una sempre maggiore labilità nei rapporti interpersonali. Dalla famiglia, meno stabile di una volta, agli amici che si trovano e si perdono lungo la strada, è più facile creare ma anche rompere legami che un tempo erano fonti di certezze. Questa instabilità affettiva sfocia nell'idealizzazione di legami che si vogliono a tutti i costi considerare perfetti ma che, in realtà, nascondono molti punti deboli.

Il primo capitolo è dedicato alla "dipendenza affettiva" e leggendone le sue caratteristiche mi sono resa conto che forse siamo tutti dipendenti! È così?

In un certo senso si può dire che siamo tutti dipendenti, ma non da una persona specifica. Dipendiamo dalla necessità di avere vicino qualcuno con cui dividere la nostra vita, i nostri interessi. Qualcuno a cui dare qualcosa di noi e che sia in grado di valorizzarci e gratificarci dimostrandoci di ritenerci meritevoli delle sue attenzioni. Purtroppo non sempre, nella realtà, riusciamo a trovare questa persona così speciale. Allora succede che si vada alla ricerca di un "surrogato" capace di colmare il vuoto che avvertiamo.

Quindi il titolo "L'Amore (im)perfetto" a cosa si riferisce?

L'amore (im)perfetto si riferisce ad una amore che percepiamo come perfetto, in quanto frutto più dei nostri desideri, dei nostri sogni, della nostra fantasia che non della realtà. Una realtà che, invece, non manca prima o poi di palesarsi mettendo impietosamente in evidenza tutti i limiti e le contraddizioni di un rapporto che non si basa su di un confronto reale tra due persone, ma è filtrato dalle nostre aspettative che deformano la realtà fino a convincerci che non esista.

Come si delinea l'Amore Perfetto?

L'amore perfetto è uno scambio tra due persone che sono innanzi tutto capaci di amare sé stesse. Solo dalla consapevolezza del proprio valore nasce la capacità di fare dono di sé ad un'altra persona e di ricevere da lei le medesime attenzioni. Nessuno può riuscire ad amarci se non siamo noi i primi ad essere capaci di farlo. L'amore è perfetto quando riesce ad assolvere il suo compito principale: farci stare bene. Un vero amore non deve essere fonte di angoscia e di sofferenza, non deve dare tormenti, ma deve essere gratificante e appagante.

Nel II capitolo introduci la figura del "Magic Helper", dell'"Idolo" e del "Leader". Potresti chiarirmi questi tre concetti?

Questi tre concetti rivestono un'importanza fondamentale in momenti in cui avvertiamo il bisogno di un modello di riferimento capace di sostenerci e al quale ispirarci.
Il magic helper è una figura che viene in nostro aiuto quando ci sentiamo soli o non sufficientemente forti per affrontare la vita con le nostre sole forze. Spesso non è una figura concreta ma la proiezione delle nostre necessità che assume le sembianze di una data persona, capace di soccorrerci nel momento del bisogno non facendoci sentire soli.
L'idolo è una figura a cui attribuiamo doti e poteri superiori alla media, quasi soprannaturali. Anche qui le nostre necessità giocano un ruolo fondamentale rivestendo questa figura di quelle caratteristiche che vorremmo trovare in una persona reale e che, non necessariamente, le sono del tutto proprie. Avere un idolo può assumere un significato molto positivo quando il desiderio di emulazione diventa uno stimolo a migliorarci. Entrambe queste figure hanno il compito di rassicurarci, rispondono alle specifiche esigenze di un determinato periodo della nostra vita. Per questo motivo sono spesso figure destinate a sparire con il tempo, quando le nostre necessità cambiano, anche loro devono sparire per lasciare spazio a nuovi idoli e nuovi magic helper.
Il leader, infine, è una figura carismatica che, per questo motivo si presta a diventare un idolo. Ha la capacità di guidare altre persone che finiscono con l'immedesimarsi in lui e far propri i suoi ideali. Attraverso lui e i suoi anche noi ci sentiamo a nostra volta innalzati e liberati da una quotidianità spesso insoddisfacente.

Come queste tre figure sono legate al concetto di amore?

Queste figure sono l'esempio più evidente di un amore imperfetto in quanto il nostro rapporto con loro, che il più delle volte non è un rapporto reale nel senso in cui questo viene comunemente inteso, si basa su di un'esaltazione delle loro caratteristiche, sul desiderio di condividere con loro qualcosa che viene percepito come l'aspetto più importante della nostra vita.
Ci si convince che tra noi e loro esista un legame profondo, ma va riconosciuto a queste figure anche un grande merito, cioè quello di riuscire spesso, e nonostante tutto, a darci quel senso di completezza e quell'appagamento che stiamo cercando.

"Il transfert è un concetto molto usato in psicanalisi per spiegare un tipo di rapporto che si può venire a creare tra analista e paziente". Inizia così il paragrafo dedicato al transfert, può essere riconducibile allo stesso tipo di rapporto che si crea tra uomo e donna?

In alcuni casi sicuramente si. Il transfert è una sorta di strategia di sopravvivenza che viene messa in atto quando si perde fiducia nella possibilità di ottenere ciò che si desidera nella vita reale. Quando ci convinciamo che la felicità non esiste, o che noi non siamo capaci di raggiungerla, allora decidiamo di sottometterci volontariamente a qualcun altro. Su di lui concentriamo tutte le nostre energie e riusciamo a sentirci noi stessi solo vicino a lui e in funzione di lui. E' una situazione pericolosa che ci allontana dalla possibilità di realizzarci concretamente.

Quanti Peter Pan abbiamo sicuramente incontrato nella nostra vita, persone che non vogliono legami stabili, che non sono soggette alle convenzioni sociali,..mi chiedo, forse il Peter Pan è l'unico essere umano che non è "affetto" da dipendenza affettiva?

Per quanto liberi possiamo sentirci, o vogliamo far credere di essere, tutti siamo soggetti a delle dipendenze affettive, tutti siamo condizionati da altre persone che sono per noi importanti. Il Peter Pan che esiste in molti di noi non vive una dipendenza finalizzata alla stabilità, non avverte il bisogno di uniformarsi a delle regole imposte dalle convenzioni, ma il suo rifiuto di assumere un ruolo preciso, con le responsabilità che questo comporta, lo porta a fuggire da ciò che gli appare come un vincolo alla sua libertà. Lo porta a vivere dei rapporti a metà, ma non ad evitarli. Dipende ugualmente da qualcun altro ma non lo vuole ammettere, la sua fuga è la reazione ad un modello di comportamento che non vuole condividere ma che lo condiziona e questo non si discosta molto da una dipendenza.

(a cura di Federica Carrasca)

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Ansia e derealizzazione (1511…

LukasV, 25     Salve, sto passando un periodo difficile in cui c'è di mezzo una sentenza (tra pochi giorni) per il futuro dell'affidamento di mio...

Area Professionale

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Le parole della Psicologia

Catatonia

La prima descrizione della catatonia risale al 1874, quando lo psichiatra tedesco Karl Kahlbaum, nella sua monografia dal titolo Die Katatonie oder das Spannung...

Disturbi somatoformi

I Disturbi Somatoformi rappresentano una categoria all’interno della quale sono racchiuse entità cliniche caratterizzate dalla presenza di sintomi fisici non im...

Sindrome di Munchausen

S'intende un disturbo psichiatrico in cui le persone colpite fingono la malattia od un trauma psicologico per attirare attenzione e simpatia verso di sé. A vol...

News Letters