Pubblicità

Sette passi ... verso l'amore

0
condivisioni

on . Postato in Le interviste di Psiconline® | Letto 721 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Uno dei collaboratori storici di Psiconline.it, il Dott. Alessandro Costantini, è da tempo all'opera per realizzare un nuovo libro, particolarmente significativo dal suo punto di vista, professionale e personale.

Psiconline.it, che da tempo lo segue con interesse, ha voluto sentirlo, in anteprima, per sapere cosa bolle in pentola e quando, presumibilmente, sarà disponibile al grande pubblico il suo nuovo lavoro.

Ecco di seguito l'intervista realizzata a cura di L. Di Giuseppe.

Caro Alessandro, ho saputo che stai per uscire con un nuovo testo, dopo Tra regole e carezze , uscito per la Carocci nel 2002, dove trattavi la comunicazione tra educatori e adolescenti, di cosa ti occupi questa volta?

E' un libro completamente diverso, non c'entra nulla, per certi versi, del campo professionale di cui mi occupo. Ha però un taglio psicologico e filosofico. E' poi uno scritto che mi riguarda direttamente, infatti lo considero un saggio autobiografico sull'amore.

Il tema è sicuramente tra i più trattati, perché interessa sempre e non se ne sa mai abbastanza, ma è il genere che è inusuale, non trovi?

Sì certo, ti spiego. Presenta una doppia lettura. Ha una parte narrativa, che mi vede in prima persona, dove racconto la nascita e la fine di una grande amore e una parte saggistica che, citando alcuni autori, segue l'evoluzione di questa relazione come paradigma di ogni storia d'amore. E' il tentativo di cercare quel filo rosso che le unisce tutte.

Interessante, potresti farci capire come è strutturato?

Il libro è suddiviso in tre parti con diversi capitoli. Ogni capitolo ha una sequenza narrativa, un ricordo, un evento, che racconta gli accadimenti in presa diretta con le emozioni provate. Seguono una serie di paragrafi di approfondimento e di analisi, che aiutano a leggere da un punto di vista psicologico e filosofico quello che accade nelle varie fasi di una relazione.

Racconto e saggio, sono curioso di sapere. Quali aspetti hai trattato e come li hai amalgamati per integrarli tra loro?

Sulla narrazione si può solo dire di leggerla, è una storia dalle tinte intense e forti. Sicuramente vi sono tutti i sentimenti che caratterizzano qualsiasi grande amore: il colpo di fulmine, la passione, la perdita, il dolore e tanti altri ancora.

Sul saggio si può dire che è il tentativo di dare risposte e spiegazioni a ciò che avviene quando siamo innamorati. Un accenno sull'indice, strutturato come un manuale, può aiutare a spiegarmi meglio.

La prima parte tratta di come nasce un amore e di cosa bisogna fare per renderlo costruttivo e farlo durare a lungo. E' un percorso che prevede sette passi (Steps). I temi riguardano i ruoli svolti dall'attrazione, dalla passione e dall'infatuazione, quando queste hanno la possibilità di tramutarsi in un legame più profondo. Bisogna cioè avere il coraggio di assumersi la responsabilità di una vera scelta affettiva. Un capitolo tratta solo di questo. L'innamoramento poi, con la sua forte componente di idealizzazione, svolge un'azione propedeutica per preparasi al sentimento più maturo dell'amore. Vengono inoltre indicati due aspetti fondamentali sui quali riflettere: il tipo di coppia che si vuole costruire e la comunicazione più efficace per rendere i partner soddisfatti.

La seconda parte affronta la fine di un grande amore. Partendo dalla mia esperienza diretta, viene individuato anche qui un percorso in passi che, attraverso emozioni e fasi di dolore diverse, può portare all'uscita dal tunnel della sofferenza. Chi ha perso o è stato abbandonato dal proprio partner, può trovare riflessioni ed indicazioni utili per mitigare il proprio stato ferito e addolorato.

La terza parte è una profonda riflessione su come certi eventi possano modificare la propria visione del mondo e di come, se veramente vogliamo, possiamo rinascere, attraverso l'amore perduto, per ridare senso e nuova energia alla nostra vita.

Pubblicità

Mi sembra molto corposo.

Sì, in effetti ha una ricca articolazione. A parte la narrazione che ha una sua autonoma e avvincente lettura, nel saggio si parla anche dell'anima come luogo in cui si scopre la profondità della persona amata, dell'incomunicabilità che però coinvolge molte coppie; si rivaluta il corteggiamento nel suo importante significato etologico e viene presentato un metodo per rendere più aperto il dialogo tra i partner. Si apre poi a scrutare il mondo del mistero, che si cela dietro certi episodi inspiegabili. Viene fatto riferimento all'Ombra yunghiana, alle percezioni di mondi paralleli che ci parlano di anime gemelle, alla visione buddistica del karma, a come si può contrastare con l'amore per l'Uomo, e con l'amore cristiano, quello delle origini, la visione filosofica pessimista del giorno d'oggi.

I riferimenti e le citazioni di alcuni autori, hanno segnato a fondo la stesura di questo libro. A parte qualche breve riferimento a Freud e E. Fromm, sul fronte psicologico e dell'analisi dell'amore mi sono avvalso degli apporti di: Vera Slepoj, Rosa Bell Watkins alias bell hook , Daniel Goleman, A. Carotenuto, Peck Scott, Donata Francescato, P. Watzlawick, P. Schellenbaum e Markham Ulman. In campo filosofico mi hanno supportato le riflessioni di Soren Kierkegaard e Umberto Galimberti. Per quanto riguarda i mondi diversi e la ricerca scientifica in questo campo, sono state utili gli scritti dello psichiatra B. Weiss e le analisi di D. Goleman con il Dalai Lama.

Beh direi che ce n'è abbastanza per interessare i nostri navigatori, ti ringrazio dell'attenzione che ci hai dedicato e rimaniamo in attesa della pubblicazione del tuo libro.

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Due mondi diversi [16092338958…

  Morfea23, 21 anni     Da circa 4 mesi sto con un ragazzo totalmente  opposto al mondo in cui da sempre vivo, per situazione famil...

Autostima? [161290462495]

    Buonasera! vi scrivo perche' alla soglia dei 50 anni mi rendo conto di non aver mai portato a termine i molti progetti professionali e pers...

Genitori separati [16127752256…

Lalli, 57 anni     Buongiorno, spiego in breve la mia situazione, sono divorziata e convivo con mio figlio ed il mio compagno da 5 anni, il mio ...

Area Professionale

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Le parole della Psicologia

Androfobia

L’androfobia rientra nella grande categoria delle fobie e viene definita come paura degli uomini. Nelle femmine questa paura tende a determinare un’avversione p...

Schema corporeo

  Il termine schema corporeo definisce una rappresentazione cognitiva inconsapevole della posizione e dell'estensione del corpo nello spazio e dell'organi...

Negazione

La negazione è un meccanismo di difesa. Fu descritto per la prima volta nel 1895 da Sigmund Freud nei suoi Studi sull’isteria. ...

News Letters

0
condivisioni