Pubblicità

Un nuovo modo di fare formazione. Intervista a Fabio Ianniello

0
condivisioni

on . Postato in Le interviste di Psiconline® | Letto 823 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Pubblichiamo una intervista a Fabio Ianniello, autore del volume "A piccoli passi. La rivoluzione della formazione" (Punti di Vista - Edizioni Psiconline) che punta l'attenzione sulla carica innovativa del metodo formativo proposto nel suo libro.

fabio ianniello e il suo libroIl testo, frutto di circa cinque anni di ricerche, esperienze ed approfondimenti sul tema della formazione, in diversi ambiti e contesti, si propone di fornire al lettore una metodologia pragmatica e funzionale alla realizzazione di interventi formativi efficaci sia in ambito solastico che extrascolastico.

Il metodo proposto nel manuale si è sviluppato nell'ambito del progetto OPEN acronimo di Officina di Progetti Educativi Nonformali, un progetto di promozione sociale di territori svantaggiati realizzato attraverso attività di formazione non convenzionali, rivolte a bambini ed adolescenti dai nove anni in su.

Psiconline
Prima di parlare dei contenuti del volumi conosciamo meglio l'autore. Chi è Fabio Ianniello?

Fabio Ianniello
Fabio Ianniello è uno che ci ha sempre creduto: che le cose possano cambiare, che la felicità è dove meno te l’aspetti, che l’impegno è una forma di magia, capace di trasformare le cose.

Perché scrivere un testo sulla formazione, cosa propone di nuovo?

Perché, nella mia idea, è sul campo della formazione che si può giocare la partita del cambiamento, attivando un processo di ricerca e potenziamento di quelle competenze che potrebbero davvero cambiare il corso delle cose. In questo non c’è molto di nuovo: la carica innovativa si definisce piuttosto nell’approccio proposto che prova ad integrare le visioni tradizionali, alla ricerca di un approccio funzionale.

A chi è rivolto e consigliato il libro?

Ad un sacco di persone, forse a tutte quelle che sono interessate al cambiamento e sentono l’esigenza di promuovere nuovi stili di vita, ispirati alla tolleranza, al rispetto ed alla solidarietà. Detto questo, il libro si rivolge specificamente agli “addetti ai lavori”: insegnanti, educatori, psicologi, operatori di comunità ed animatori territoriali e quanti sono alla ricerca di un approccio funzionale alla promozione di competenze utili a migliorare la qualità delle relazioni e, quindi, della vita.

Da cosa trae spunto la nascita di questo libro?

Dalla consapevolezza, diventata necessità, di fare la propria parte, per ispirare altri a fare lo stesso, affinchè uno sforzo comune diventi rivoluzione e cambiamento.

Nel libro le tecniche di formazione che lei propone quale fascia di età prendono in considerazione?

Le tecniche presentate rappresentano un approccio molto versatile: gli esercizi possono essere modificati e ricombinati a seconda del contento, del target di riferimento e della sensibilità del formatore. Detto questo, i percorsi formativi proposti possono essere rivolti a tutti, decisamente.

Come si realizza la creazione di un gruppo, attraverso quali tecniche?

C’è una sezione del volume dedicata proprio a questo tema che è sicuramente uno dei più affascinanti del campo della formazione ma, evidentemente, non solo. Senza entrare nello specifico, mi sento di dire che un gruppo nasce quando condivide un obiettivo comune. La direzione è questa.

Perché è importante approfondire le relazioni con e tra i partecipanti al gruppo?

Nell’ottica del volume, le relazioni rappresentano lo strumento principale per promuovere l’apprendimento di determinate competenze che nel tempo possono essere in grado di fare la differenza.

Pubblicità

Quali sono le attività che favoriscono la conoscenza di sé e degli altri?

Esistono innumerevoli tipi di attività che possono raggiungere questo obiettivo; la cosa essenziale, secondo me, è promuovere un interesse autentico nella conoscenza interpersonale, mantenendo un atteggiamento di rispetto e tolleranza quando questo interesse non c’è.

Quanto è importante per il formatore conoscere le motivazioni, le aspettative i bisogni dei partecipanti al gruppo? Come si acquisiscono tali informazioni?

È fondamentale. Sulla base di questi elementi, infatti, si definisce il percorso formativo. Una regola fondamentale potrebbe essere: chiedi al gruppo quello che il gruppo è disposto a dare.

Le attività di riscaldamento di cui parla nel libro perché sono importanti e per quale fascia di età?

Per tutte le fasce d’età, con le dovute varianti. La loro importanza sta nel ricostituire l’unità mente corpo che si propone come propedeutica per l’apprendimento.

Quando il cerchio si chiude, l'esperienza formativa del gruppo si conclude, che ne sarà del gruppo?

Il volume propone una concezione dell’apprendimento come un processo sostenibile che avviene per contaminazione: come lo sforzo del formatore è quello di porsi come modello di riferimento per i membri del gruppo per lo sviluppo di un proprio percorso di crescita, allo stesso modo questi potranno divulgare l’apprendimento conseguito attraverso le loro azioni, proponendosi a loro volta come testimonianze concrete di un modello di comportamento ispirato alla tolleranza, alla solidarietà ed al rispetto.

 

Acquista il volume direttamente su www.edizioni-psiconline.it

 

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: formazione Edizioni Psiconline fabio ianniello

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Archetipo

“La nostra psiche è costituita in armonia con la struttura dell'universo, e ciò che accade nel macrocosmo accade egualmente negli infinitesimi e più soggettivi recessi dell'anima.” Carl Gustave Jung Il...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Attaccamento

“Ogni individuo costruisce modelli operativi del mondo e di se stesso in esso, con l’aiuto dei quali percepisce gli avvenimenti. Nel modello operativo del mondo...

Atarassia

L’atarassia (dal greco “ἀταραξία”, assenza di agitazione o tranquillità) è «la perfetta pace dell’anima che nasce dalla liberazione delle passioni» secondo la f...

Fobie

Nel DSM-IV la fobia specifica è definita come la "paura marcata e persistente, eccessiva o irragionevole, provocata dalla presenza o dall'attesa di un oggetto o...

News Letters

0
condivisioni