Pubblicità

Un'orchidea al Polo Nord. Storia di una schizofrenia, di Stefano Lasagna

0
condivisioni

on . Postato in Le interviste di Psiconline® | Letto 1082 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Francesca diciottenne 191x300La cordiale disponibilità di Stefano Lasagna traspare anche dalla puntuale e generosa volontà di dedicarci un pò del suo prezioso tempo di giovane psicologo, marito, figlio e papà, nel fare due chiacchiere con noi sul suo libro.

Inutile dire che parlarne è parlare della sua vita, su cui ironizza dicendo che ormai non c'è più nulla che non si sappia già.

Ne siamo sicuri? Ascoltiamolo..

Psiconline
Cos’è, secondo la sua esperienza, la schizofrenia?

Stefano Lasagna
Come psicologo considero la schizofrenia una grave patologia psichiatrica, a eziologia tuttora ignota, per diagnosticare la quale, deve essere riscontrabile un ben preciso cluster di sintomi prolungati nel tempo (vedi D.S.M. IV tr.). La schizofrenia nella quale mi sono imbattuto per esperienza personale è quella di mia madre e, così come ogni persona è unica nella sua individualità, lo è anche la malattia della sua anima. Per quanto riguarda mia madre, a volte penso che la sua follia sia stata il solo modo possibile per sottrarsi ad una realtà nella quale era come imprigionata. Realtà alla quale la sua vera natura non riusciva in nessun modo ad adattarsi. Poi, capire se la definizione di realtà sia più appropriata per l’ambiente sociale, affettivo e culturale che ci circonda, o per la natura della quale siamo fatti, è una domanda alla quale risponde da sola la natura, ogni volta che si ribella ai nostri maldestri tentativi di controllarla senza prima conoscerla.

In che modo ha influito sulla sua vita l’esperienza della malattia di sua madre Francesca?

All’inizio l’idea dominante era quella di averla persa, poi sono sopraggiunti l’esigenza di capire e il percorso verso la comprensione, tutt’ora in corso, il quale si è rivelato uno stimolo continuo che credo mi abbia aiutato non poco a sconfiggere la disperazione e la rabbia iniziali, originate anche dal punto di osservazione del problema (è difficile comprendere gli altri se prima non comprendiamo noi stessi).

Come affronterebbe oggi questa stessa esperienza di vita? (Cosa rifarebbe e cosa no).

Mi auguro sinceramente di non rivivere più nulla di simile ma, col senno di poi, penso che l’errore che eviterei di fare sia quello di oppormi ai deliri, cercando di dimostrarne l’infondatezza con la logica, anziché ascoltarli attentamente, perché sono forse l’unica via di accesso ancora disponibile per entrare in contatto con chi soffre.

Che “consigli”, se ne esistono, darebbe a chi sta vivendo una condizione familiare simile?

Il consiglio che mi sento di dare a chi si trova ad affrontare una situazione di malattia mentale in famiglia, è quello di non lasciarsi, in alcun modo, influenzare dallo stigma sociale che grava per ignoranza e superficialità sulle malattie mentali. Ciò finirebbe per rendere ancora più dolorosa una realtà alla quale comunque non ci si può sottrarre. Poi, per chi ne sentirà l’esigenza, un percorso di comprensione confronto, può a mio avviso rivelarsi molto utile. Personalmente ho vissuto questa esperienza come figlio, altri la vivono come genitori, compagni o fratelli e sono tutte situazioni molto diverse tra loro, per le quali penso sia impossibile dare consigli generalizzati. C’è poi una frase famosa che dice: “dà buoni consigli chi non può più dare cattivo esempio” e non è ancora il mio caso.

In che modo spera che questo libro possa essere utile a chi vive una situazione simile?

Ho vissuto sulla mia pelle il disagio dell’isolamento volontario, causato dal timore che nessuno potesse capire la mia frustrazione e i miei pensieri. Poi, quando ho iniziato a documentarmi leggendo storie di schizofrenia narrate da altri, mi sono sentito improvvisamente meno solo e ne ho tratto il beneficio che si trae da un confronto vero e proprio, sentendo di seguito il bisogno di scrivere la mia storia. Spero semplicemente che la lettura del libro possa far sentire meno sole altre persone che vivono situazioni simili.

Dal libro traspare uno sguardo amorevole e rispettoso nei confronti di quanto è accaduto a sua madre; è frutto della sua spiccata sensibilità o del cammino complesso fatto nella sua vita?

Da mia madre ho imparato ad amare gli altri per quello che sono: così lei mi ha amato e così forse, la parte più vera di lei avrebbe voluto essere amata. Lo sguardo amorevole e rispettoso che ho per nei suoi confronti è dato semplicemente da ciò che provo per lei, che è e sarà sempre una parte di me! Questo amore è anche senza dubbio la fonte di energia che ha alimentato, in tutti questi anni, la mia voglia di capire.

Chi è Stefano Lasagna oggi?

Oggi Stefano Lasagna è un quasi cinquantenne giovane dentro e da poco laureato, che da grande vorrebbe fare lo psicologo, ma soprattutto è un padre che spera di non fare troppi danni!

 

Un'orchidea al Polo  Nord. Storia di una schizofrenia
2011 - Edizioni Psiconline (CH) - Pag. 110 - 8,50 euro

(intervista a cura della dott.ssa Serena Stuard)

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Consulenza-info [1617960082929…

  Sarah, 19 anni   Salve, le scrivo per dirle che in questi momenti mi sento molto sola. Vorrei andare avanti nel mio percorso di vita ma ho t...

Paure invalidanti [16176868876…

Verde123, 33 anni     Buongiorno, scrivo perché mi trovo in una situazione per me difficile da sopportare e risolvere. Sono sempre stata una p...

Mi sento triste e depresso [16…

ANONIMo, 14 anni   Buongiorno, sono un ragazzo di 14 anni e sto vivendo un periodo buio nella mia vita; il motivo è soprattutto l'impatto che ha av...

Area Professionale

Esame di Stato Psicologi 2021

In questo breve articolo ci soffermeremo sulla modalità di svolgimento dell'Esame di Stato (EDS) per la professione di Psicologo/a, ad un anno dall'esperienza p...

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Le parole della Psicologia

Gruppi self-help

Strutture di piccolo gruppo, a base volontaria, finalizzate all’aiuto reciproco e al raggiungimento di scopi particolari I gruppi di self-help (definiti anche ...

Training Autogeno

Il training autogeno nasce come tecnica ideata da J.H. Schultz, neurologo e psichiatra.Training significa “allenamento”, autogeno “che si genera da sé”; ciò dif...

Disturbo Esplosivo Intermitten…

Disturbo del comportamento caratterizzato da espressioni estreme di rabbia, spesso incontrollabili e sproporzionate rispetto alla situazione L’IED (Intermitten...

News Letters

0
condivisioni