Pubblicità

Addiction. Nuove strategie d’intervento clinico

0
condivisioni

on . Postato in Libri e riviste | Letto 462 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

copertina addiction franco roboldiCurare le persone affette da addiction comporta non poche difficoltà. Da quella di individuare le cause all’origine del processo morboso, a quella del rapporto con un paziente spesso demotivato e poco collaborante, a quella di un esito quanto mai incerto del proprio intervento (perché alcune persone guariscono ed altre no?).

Pur non mancando le conoscenze neurobiologiche al riguardo, si fa ancora fatica a riconoscere le tappe evolutive della malattia, nonché il nesso tra queste ed un metodo clinico efficace.

Spesso chi opera in questo campo costruisce il proprio sapere sulla base dell’esperienza quotidiana, facendo riferimento più a leggi e normative che non a linee guida di carattere tecnico. In particolare appare in difetto la capacità di operare in equipe, il metodo di lavoro universalmente riconosciuto come il più idoneo nell’approccio a questa tipologia di pazienti.

Il libro valorizza tale metodo di lavoro, lo indirizza in modo pratico e, nell’intento di colmare alcune delle lacune suddette, propone un nuovo modello di storia naturale della malattia, adattabile a tutte le forme di addiction (sia da sostanza che da comportamento). In tale modello sono rappresentate diverse fasi cliniche, ognuna delle quali connessa a specifiche strategie d’intervento.

Nella sua praticità il testo si connota come uno strumento di riferimento specialistico, innovativo e originale, proponendosi come un mezzo per facilitare l’adozione di un metodo di lavoro nell’equipe, sollecitandola costantemente al ragionamento clinico e all’elaborazione di programmi terapeutici appropriati.

AUTORE

Franco Riboldi è medico chirurgo, lavora dal 1987 presso il SERT di Merate ricoprendo attualmente il ruolo di direttore dell’U.O.C. Rete Dipendenze dell’ASST di Lecco, specialista in Igiene e Medicina preventiva, specialista in Criminologia clinica.

È autore dei volumi: Stop alla dipendenza dal fumo (De Vecchi, 2008), Stop alla dipendenza dall’eroina (De Vecchi, 2008), Stop alla dipendenza dall’alcol (De Vecchi, 2009), Dipendenze dal piacere e autoterapia (Edizioni Psiconline, 2013) Droghe Ricreative, Le life skills per crescere in-dipendenti (coautore E. Magni, Franco Angeli, prima edizione 2010, nuova edizione 2016).

A CHI È RIVOLTO

Il volume si rivolge principalmente agli operatori dei servizi specialistici, pubblici e privati, che si occupano di addiction (medici, psichiatri, psicologi, assistenti sociali, educatori, infermieri).

Pubblicità

Ricco di aggiornamenti scientifici e spunti metodologici il testo promuove un nuovo modo di lavorare in equipe. Grande spazio è dato alle modalità di interazione tra le diverse figure professionali, con molteplici sottolineature di carattere operativo in ogni fase del percorso clinico, sia sul piano delle azioni più opportune, sia su quello dei possibili errori di metodo.

Ciò rende l’opera particolarmente interessante per chi svolge un ruolo di coordinamento nel contesto dell’equipe oppure ha compiti formativi o di supervisione.

Alcuni aspetti della trattazione, in particolare la distinzione delle strategie cliniche in funzione degli stadi della malattia, aprono un ventaglio incredibilmente ampio dei possibili interventi (interventi precoci, interventi per la cronicità, interventi a bassa o ad alta soglia) rendendo il libro un utile riferimento anche per chi si occupa di politica sanitaria e organizzazione dei servizi.


Addiction. Nuove strategie d’intervento clinico
Franco Riboldi
Collana Punti di Vista
Edizioni Psiconline
Pagine 160 circa
Formato 15x21 cm
Prezzo 16.00 euro
ISBN 978-88-99566-24-1

 

Acquista il libro su Amazon:

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Genitore inadeguato [15992344…

DEDDA, 47 anni   Buongiorno, mia figlia 15enne soffre di blocchi emotivi a scuola. Quando deve fare un'interrogazione si chiude in se stessa, terror...

Come imparare ad andare [1599…

mar, 29 anni Ho avuto una relazione di 5 anni finita per motivi banali, incomprensioni, caratteri opposti e contrastanti. La storia é finita quasi tre anni...

MARITO DEPRESSO DA 3 MESI [159…

blu, 43 anni Buongiorno, non riesco a capire come poter aiutare mio marito che oramai sono 3 mesi che è depresso soprattutto la mattina appena sveglio e l...

Area Professionale

Funzionamento cognitivo in sog…

Recenti ricerche suggeriscono che le persone che presentano esperienze psicotiche, ma nessuna diagnosi di malattia psicotica, presentano un'alterazione del funz...

Il "potere" nella re…

Nonostante si possa pensare che vi sia uno squilibrio di potere all'interno della relazione terapeutica, in realtà lo psicoterapeuta non esercita un maggiore po...

Disfunzioni sessuali dopo la s…

L'11 giugno 2019 l'European Medicines Agency (EMA) ha formalmente dichiarato di riconoscere la disfunzione sessuale post-SSRI (Post-SSRI Sexual Dysfunction, PSS...

Le parole della Psicologia

Disturbo Antisociale di Person…

La prevalenza del DAP è pari al 3% nei maschi e all'1% nelle femmine nella popolazione generale, e aumenta al 3-30% in ambiente clinico. Percentuali di preva...

Catatonia

La prima descrizione della catatonia risale al 1874, quando lo psichiatra tedesco Karl Kahlbaum, nella sua monografia dal titolo Die Katatonie oder das Spannung...

Ipercinesia

Nel disturbo ipercinetico si ha la contemporanea presenza di sintomi quali: la breve durata dell’attenzione, distrazione, iperattività e almeno un sintomo di im...

News Letters

0
condivisioni