Pubblicità

I disturbi depressivi in età evolutiva Riconoscerli, prevenirli, trattarli

0
condivisioni

on . Postato in Libri e riviste | Letto 42 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

I disturbi depressivi in età evolutivaL'infanzia, la fanciullezza e l'adolescenza sono fasi dello sviluppo in cui prima il bambino e poi il ragazzo affrontano importanti e rapidi cambiamenti fisici e organici, neurobiologici e cognitivi, affettivi e relazionali.

L'inserimento a scuola, i mutamenti corporei, le relazioni familiari e quelle tra pari sono alcune delle esperienze di crescita che caratterizzano il ciclo evolutivo del bambino e del ragazzo e fronteggiarle può essere ostico. A volte capita anche che l'ambiente e gli eventi di vita possono essere sfavorevoli e influire fortemente sulla vulnerabilità personale del minore. Il disagio depressivo, piuttosto diffuso in età pediatrica, può così essere considerato una risposta al difficile adattamento del ragazzo al proprio contesto di vita.
I disturbi depressivi in età evolutiva sono affrontati in questo testo in un'ottica clinica orientata a integrare i pattern sintomatologici che giungono all'osservazione del clinico con i concetti di adattamento, resilienza, stress e vulnerabilità.

Questo libro tratta la diagnosi e l'assessment dei disturbi depressivi infantili e adolescenziali, concettualizzando le manifestazioni di malessere così come si osservano dalla prima età evolutiva fino all'adolescenza. Inoltre si propone di offrire un approfondimento aggiornato sui percorsi di prevenzione e cura. Uno spazio importante è riservato all'approccio cognitivo tradizionale così come a quelli più innovativi, che stanno acquisendo sempre più rilievo nel trattamento dei disturbi depressivi del minore: Theraplay, Mindfulness, EMDR, Role Play e Tecniche Corporeee.

L'attenzione è posta anche ad approcci di cura non psicologici come quello farmacologico, mettendo in evidenza i suoi limiti e i suoi punti di forza, sulla base preziosa delle evidenze scientifiche e delle linee guida.
Il testo è dedicato a "Quel minore che vive in quel determinato contesto di vita" poiché si propone di mettere in relazione i disturbi depressivi del minore al momento di vita e al contesto di crescita, prospettando la più adeguata possibilità di cura.

Katia Aringolo è psicologa clinica con formazione Cognitivista, Theraplay e Schema Therapy. Ha fondato e dirige lo studio Evolutiva di Roma, dove svolge attività clinica. Didatta nella Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Humanitas-Università Lumsa e docente presso l'Istituto di Psicoterapia Beck a Roma.

Indice

Ringraziamenti
Lisa Arduino, Presentazione
Laura Di Giunta, Prefazione
Katia Aringolo, Introduzione. L'infanzia, la fanciullezza e l'adolescenza
Katia Aringolo, I disturbi depressivi in età evolutiva: come si manifestano
(Concettualizzare i disturbi depressivi nei bambini e nei ragazzi; Le caratteristiche dei disturbi depressivi nel corso dello sviluppo; Analisi dei sintomi del disturbo depressivo tra pubertà e adolescenza; Continuità e discontinuità tra disturbo depressivo in età evolutiva e in età adulta; Caratteristiche cliniche del Disturbo da Disregolazione dell'Umore Dirompente; Controversie sul Disturbo da Disregolazione dell'Umore Dirompente; Il Disturbo da Disregolazione dell'Umore Dirompente (DSM-5) e il Disturbo Misto della Condotta e della Sfera Emozionale (ICD-10); Epidemiologia; Disturbi depressivi e genere; Per riassumere)
Katia Aringolo, Diagnosi descrittiva ed esplicativa: criticità, potenzialità, esemplificazioni cliniche
(Il problema del fare diagnosi in età evolutiva; La diagnosi nosografico-descrittiva e interpretativo esplicativa con i minori e le famiglie; Quali i sistemi diagnostici nosografico-descrittivi per una diagnosi dei disturbi depressivi in età evolutiva?; La diagnosi interpretativo-esplicativa per i disturbi depressivi in età evolutiva; Potenzialità e limiti della diagnosi descrittiva ed esplicativa in età evolutiva; Qualche esemplificazione clinica della diagnosi esplicativa e descrittiva nell'età evolutiva; Per riassumere)
Katia Aringolo, Davide Delfino, Comorbilità dei disturbi depressivi in età evolutiva
(Il fenomeno della comorbilità; I disturbi depressivi e altri disagi; Il fenomeno Hikikomori: le "depressioni moderne"; Depressione e insuccesso scolastico; Depressione e comportamenti suicidari; Per riassumere)
Katia Aringolo, Marina Albrizio, Come mai ci si ammala di disturbi depressivi
(Il problema dell'eziologia nella psicopatologia dell'età evolutiva; La resilienza in età evolutiva: fattori protettivi e sistemi adattivi; La resilienza familiare; Lo stile di parenting; Il legame d'attaccamento e i disturbi depressivi in età evolutiva; Interazione tra caratteristiche individuali e fattori ambientali nell'esordio depressivo dell'età evolutiva; Riflessioni sull'ambiente familiare del bambino e del ragazzo con disturbo depressivo; I life events; Le esperienze traumatiche; Le caratteristiche individuali del bambino e del ragazzo a rischio di disturbi depressivi; Per riassumere)
Davide Delfino, Maria Antonietta Calpagnano, Valentina Fiori, Neurofisiologia e neuropsicologia nei disturbi depressivi in età evolutiva
(Il Sistema Nervoso Centrale e la neuroplasticità; Lo studio del Sistema Nervoso Centrale per la comprensione dei disturbi depressivi in età evolutiva: i dati dell'attività e della connettività cerebrale forniti dalla Risonanza Magnetica; Lo sviluppo della corteccia frontale dalla nascita all'adolescenza: il suo ruolo nei disturbi depressivi; Le funzioni esecutive nei disturbi depressivi dell'età evolutiva; Il ruolo del nervo vago nell'insorgenza e nel trattamento degli stati depressivi; Per riassumere)
Katia Aringolo, Laura Longo, Felipe Lopez, Il processo di assessment
(Fare assessment in età evolutiva; L'approccio multimethod e l'assessment psicologico evidence-based nel disagio depressivo; La struttura dell'assessment e la restituzione; Gli strumenti psicodiagnostici per un assessment in età evolutiva con attenzione alla sintomatologia dei disturbi depressivi; Limiti e punti di forza dei reattivi; Le variabili relazionali: nell'assessment del disagio depressivo; Il ruolo dei sistemi emotivo-motivazionali nell'assessment; Per riassumere)
Marina Albrizio, Alessandra Micheloni, Laura Longo, Stefania d'Angerio, La prevenzione dei disturbi depressivi nel contesto scolastico e familiare
(Gli interventi di prevenzione; Come mai intervenire con i genitori; Un breve excursus sugli interventi a favore dei genitori; Dalla famiglia alla scuola; Prevenire i disturbi depressivi nel contesto scolastico; La mindfulness: un possibile intervento di prevenzione nel contesto scolastico; Per riassumere)
Donata Caira, Cecilia Fusco, I disturbi del puerperio: trattare la mamma per effettuare un intervento di prevenzione sulla salute mentale del bambino
(Introduzione; L'attaccamento; Attaccamento e psicopatologia; I disturbi psichiatrici perinatali; Mattia, Giulia e Stefano: un caso clinico; Per riassumere)
Katia Aringolo, Il trattamento dei disturbi depressivi nel bambino e nell'adolescente
(Introduzione; L'"architettura" e le fasi del trattamento; Lo scopo e gli obiettivi del trattamento; Il setting del trattamento; Perché un trattamento psicoterapeutico?; La neurobiologia e il coinvolgimento dei genitori in psicoterapia)
Sezione trattamento
Katia Aringolo, Dalla psicoterapia cognitiva standard per l'età evolutiva alle terapie di terza onda applicate al disagio depressivo del bambino, del ragazzo e dei suoi genitori. Stimolare l'esplorazione, drammatizzare gli eventi, condividere e validare le emozioni, valorizzazione del sé
(Introduzione; Dalla psicoterapia cognitivo-comportamentale standard alle terapie della terza onda; Sistemi Motivazionali Interpersonali, capacità meta-rappresentazionali e relazione terapeutica; Il coinvolgimento del bambino, del ragazzo e dei genitori: esplorare gli eventi e lo stato problematico; Alla scoperta dei Mode sani e vulnerabili: le fiabe e la pecora Dolly; La promozione del cambiamento: l'ologramma e la metafora della "valigia da arricchire"; Capacità meta-rappresentative, funzione riflessiva e mentalizzazione: Imagery, Rescripting, Role Taking e Role Playing; Modulo competenza emotiva; Modulo sulla valorizzazione di sé: consolidare la base sicura; Conclusioni)
Sezione trattamento con Theraplay
Milena Milani, Ritrovare vitalità e connessione con il gioco interattivo polivagale: il caso di Riccardo
(Introduzione; Gioco e depressione; Theraplay: origini e basi teoriche; La teoria polivagale di Porges fornisce un contributo fondamentale alla Theraplay sia come orientamento teorico che come guida all'applicazione clinica; Theraplay: i concetti base; Theraplay: la pratica)
Sezione trattamento con Mindfulness
Stefania d'Angerio, La mindfulness per bambini ed adolescenti: quale possibile applicazione nei disturbi depressivi dell'età evolutiva
(Introduzione; La mindfulness in età evolutiva: perché utilizzarla con i bambini ed i ragazzi?; Le pratiche di mindfulness e l'applicazione clinica nell'età evolutiva; I protocolli mindfulness per l'età evolutiva; Quali i benefici di un protocollo mindfulness per una psicopatologia depressiva in età evolutiva?; Quali sono le abilità sviluppate dalla mindfulness nell'età evolutiva?; Un'esemplificazione clinica della mindfulness applicata ad un gruppo di bambini e adolescenti balbuzienti depressi e loro genitori; Mindful Parenting; I programmi di Mindful Parenting)
Sezione trattamento con EMDR
Alessandra Micheloni, Maria Antonietta Calpagnano, Margheritalandia: il mio posto al sicuro. L'EMDR nel lavoro terapeutico con bambini, adolescenti e genitori che affrontano il disagio depressivo
(Introduzione; Il protocollo EMDR; Applicazioni cliniche del protocollo EMDR; L'EMDR nei bambini con sintomatologia depressiva; Il protocollo EMDR con i bambini; Il coinvolgimento dei genitori nella terapia EMDR)
Sezione trattamento con la Dialectical Behavior Therapy
Stefania d'Angerio, Il trattamento con la Dialectical Behavior Therapy del Disturbo da Disregolazione dell'Umore Dirompente
(L'uso della Dialectical Behavior Therapy (DBT) in età evolutiva; Il Disturbo da Disregolazione dell'Umore Dirompente e Dialectical Behavior Therapy; Gruppi multifamiliari di skill training per adolescenti e famiglie: una possibile applicazione nel trattamento del Disturbo da Disregolazione dell'Umore Dirompente (DDUD))
Sezione trattamento
Katia Aringolo, Il supporto alla genitorialità ed il lavoro di rete con la scuola: come pagaiare in sintonia?
(Introduzione; L'intervento Evidence-Based Connect e sua possibile applicazione con i genitori di ragazzi con Disturbo da Disregolazione dell'Umore Dirompente (DDUD); Il Parent Training; Il Parent Training centrato sui disturbi depressivi; Il Parent Training Razionale Emotivo: PTRE e i disturbi depressivi; Cosa fare con la scuola quando un allievo è in psicoterapia per un disturbo dell'umore? La metafora del "pagaiare in sintonia" ed i GLO; Il lavoro di rete con il contesto scolastico ed il Teacher Training; Conclusioni)
Donata Caira, Farmocoterapia dei disturbi depressivi in età evolutiva
(Definire i diturbi depressivi in età evolutiva in ambito medico scientifico; Trattare o non trattare farmacologicamente i disturbi depressivi in età evolutiva?; Dalle linee guida; I farmaci antidepressivi; La gestione della cura; Per riassumere)
Valentina Fiori, Modalità di intervento alternative nel trattamento dei disturbi depressivi in età evolutiva: limiti attuali e sfide future
(Introduzione; La Stimolazione Magnetica Transcranica (TMS); Il Neurofeedback; Per riassumere)
Appendice
Bibliografia
Gli autori.

 

Autori: Katia Aringolo
Contributi: Marina Albrizio, Luisa Arduino, Donata Caira, Maria Antonietta Calpagnano, Stefania d'Angerio, Davide Delfino, Laura Di Giunta, Valentina Fiori, Cecilia Fusco, Laura Longo, Felipe Lopez, Alessandra Micheloni, Milena Milani
pp. 400, 1a edizione 2021
Prezzo: € 39,00
Codice ISBN: 9788835118367

Acquistalo su Amazon:

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

 

 

 

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Funzione riflessiva

“La funzione riflessiva è l’acquisizione evolutiva che permette al bambino di rispondere non solo al comportamento degli altri, ma anche alla sua concezione dei...

Musofobia

Il termine musofobia, che deriva del greco μῦς (mys) che significa "topo", è la paura persistente ed ingiustificata per i topi, più in generale per i roditori. ...

Gimnofobia

Il termine, dal greco “gymnos” (nudo) e “phobos” (paura), definisce la paura persistente, anormale ed ingiustificata per la nudità Coloro che soffrono di quest...

News Letters

0
condivisioni