Pubblicità

Il mio bambino sensibile. Comprendere l'ipersensibilità per aiutarlo a sviluppare tutto il suo potenziale

0
condivisioni

on . Postato in Libri e riviste | Letto 366 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Il mio bambino sensibile. Comprendere l'ipersensibilità per aiutarlo a sviluppare tutto il suo potenzialeChi è il bambino altamente sensibile? Come si riconosce?

L’alta sensibilità come dono. Che cosa può fare un genitore per valorizzarlo? E per aiutare il bimbo a decomprimersi nei momenti più pesanti? Questo libro è un aiuto prezioso per rispondere a questi interrogativi.

Tutti i bambini sono sensibili. Lo sono per natura. Ma una bambina o un bambino altamente sensibile è come un germoglio raro e delicatissimo, che per svilupparsi ha bisogno di cure più sapienti.

Partendo dalle origini dell'alta sensibilità, questo libro esplora il ruolo svolto dal temperamento, dall'ambiente familiare e dalle prime esperienze di vita del bambino, per poi spiegare nel dettaglio e attraverso un ricco quadro di testimonianze come supportarlo nel quotidiano e nelle situazioni più difficili, quando incoraggiarlo a superare i propri limiti e quando invece rispettarli, offrendogli accoglienza e protezione.

Accompagnare nella crescita un piccolo ipersensibile è una sfida impegnativa per i genitori - come per gli insegnanti e gli educatori - ma anche una straordinaria opportunità di conoscersi a fondo e di mettersi in gioco.

Perché solo così l'adulto potrà risuonare insieme con il bambino e aiutarlo a trasformare una potenziale fragilità in una risorsa su cui contare per la vita.

I bambini ipersensibili di oggi sono più fortunati di quelli di ieri perché attualmente il tema è conosciuto e se ne parla molto.

Questo volume, in particolare, spiega che cos’è l’alta sensibilità, come valorizzarla e insegna alcune tecniche di decompressione che il genitore può proporre al bambino particolarmente sensibile in certi momenti, per esempio: colorare un mandala; ascoltare musica, soprattutto Mozart; avvicinare il piccolo alla mindfulness.

Ma specialmente, offrire al bambino gli strumenti per decodificare quello che sente, come ad esempio dare il nome giusto alle sue emozioni. Con questo libro, i genitori impareranno a rispettare l’animo del loro bimbo, un bimbo speciale, che per sbocciare al meglio andrà accompagnato nella sua crescita in modo adeguato.

 

Emmanuelle Rigon
Il mio bambino sensibile. Comprendere l'ipersensibilità per aiutarlo a sviluppare tutto il suo potenziale
2019, Collana: Economici di qualità
Pagine: 140
EAN: 9788857308982
Prezzo: € 13,00
Editore: Red Edizioni

 

Tags: bambino ipersensibilità

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobie, paranoie (1579177546962…

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo fan...

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni   Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola f...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55, 20 anni     Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi  per il servizio che offrite.Sono una ragazza di 20 anni. Non ho...

Area Professionale

E' esplosa la psicologia onlin…

In piena crisi mondiale da Coronavirus è improvvisamente esplosa la psicologia online. Su consiglio del CNOP e obbligati dalle circostanze, molti psicologi e ps...

Gli psicologi nell'emergenza. …

Monica Isabella Ventura, Presidente di Psicologi Emergenza Abruzzo (PEA), ripercorre in poche righe l'esperienza diretta degli psicologi abruzzesi di fronte all...

Quello che emerge nell’emergen…

L'emergenza per il Covid-19 ha portato la comunità degli psicologi ad applicare nuove e più attuali forme di sostegno psicologico. Una riflessione sulle implica...

Le parole della Psicologia

Il linguaggio

L’uomo comunica sia verbalmente che attraverso il non verbale. Il processo del linguaggio ha suscitato da sempre l’interesse degli studiosi essendo essa una car...

Catatonia

La prima descrizione della catatonia risale al 1874, quando lo psichiatra tedesco Karl Kahlbaum, nella sua monografia dal titolo Die Katatonie oder das Spannung...

Noia

La noia è uno stato psicologico ed esistenziale di insoddisfazione, temporanea o duratura, nata dall'assenza di azione, dall'ozio o dall'essere impegnato in un...

News Letters

0
condivisioni