Pubblicità

L'e-learning fra ambiente di apprendimento e comunità virtuale

0
condivisioni

on . Postato in Libri e riviste | Letto 619 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

elearningL'apprendimento, sia quello in rete sia quello tradizionale, si può definire come acquisizione di competenze, e si realizza attraverso tre stadi successivi: acquisizione di un input dall'esterno, rielaborazione personale dei dati, verifica dei risultati raggiunti.

Non cambia quindi il paradigma didattico, ma solo i modi e i metodi per arrivare agli scopi prefissati.

Negli ultimi anni abbiamo assistito a uno sviluppo sempre più incisivo delle nuove tecnologie, che hanno prodotto nella nostra società un rapido mutamento sotto diversi aspetti. Questo processo di evoluzione sta interessando con forza i processi formativi, sia aggiungendo nuovi strumenti alle metodologie tradizionali, sia offrendo veri e propri nuovi sistemi di didattica quali la formazione in rete.

L'oggetto di questo libro è appunto la tematica dell'e -learning, soprattutto riguardo all'applicazione della didattica e degli aspetti socio-psico-pedagogici legati alle interazioni in ambito della comunicazione mediata dal computer (CMC).
L'e-learning rappresenta una forma specializzata e tecnologicamente avanzata di Formazione a Distanza, che sfrutta le tecnologie web e la multimedialità nella loro massima potenza.

Adottare un sistema di e-learning comporta un ripensamento complessivo del modello di formazione e delle metodologie di progettazione degli ambienti tecnologici di apprendimento nei diversi contesti; e proprio lo scopo di questo libro è quello di far conoscere questo nuovo modo di fare formazione anche attraverso il confronto tra la psicologia delle interazioni fra membri di una comunità e studenti di una classe on line e la psicologia di gruppo in presenza.

Tramite questo confronto si mettono in evidenza i cambiamenti di ruolo che investono le tre figure principale della formazione a distanza: il discente, il docente e il tutor.

Il discente viene coinvolto anche nell'organizzazione, progettazione e gestione dei contenuti e delle metodologie, rendendolo responsabile di quello che sarà poi il suo percorso didattico.
Il docente mantiene quelle funzioni prettamente didattiche ma perde quelle sociali e organizzative, che risiedono nella figura del tutor. Un intero capitolo è dedicato, infatti, al ruolo e alle funzioni della nuova figura del "tutor on line".

Un testo, quindi, che si propone di offrire una visione innovativa della formazione a distanza, proponendo degli spunti teorici ed operativi sulle metodologie di progettazione dei corsi on line.

 

L'e-learning. Fra ambiente di apprendimento e comunità virtuale
Nicolò A.Piave, Giustina Iadecola
2005, Pagine 200
Ed. (Autò)

 

A cura di Lara D'Orazio

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto compagno [1596550507819]

Manugia68, 51 anni  Buongiorno, grazie per l'attenzione. Vorrei chiedervi gentilmente che cosa in termini di comportamento dovrei provare a fare per ...

Single a 44 anni [159637738178…

Giuseppe, 44anni Gent.mi dottori buongiorno, vi scrivo per chiedervi un'opinione sulla mia storia di vita. Prometto che non sarò prolisso. ...

stato apatico [1596135127415]

Cerbero80, 40 anni Premetto che vi scrivo non perché io non sia soddisfatto del lavoro che ho fatto fino ad oggi con la mia terapista, ma prevalentemente p...

Area Professionale

Come lavorare con chi ha avuto…

Capita a psicologi e psicoterapeuti di lavorare con clienti che provengono da precedenti relazioni terapeutiche e in questo breve articolo cerchiamo di foc...

La resilienza e i concreti ind…

Gregory E. Miller e i suoi collaboratori in un nuovo studio di neuroimaging pubblicato sulla rivista PNAS hanno ipotizzato che la connettività della rete esecut...

Nelle sedute di psicoterapia l…

Una ricerca, pubblicata su “The American Journal of Psychotherapy”, sostiene l'ipotesi che l'umorismo all'interno delle sedute di psicoterapia possa contribuire...

Le parole della Psicologia

Onicofagia

L'onicofagia, meglio conosciuta come il brutto vizio di mangiarsi le unghie, è un’impulso incontrollabile definito in ambito psicologico come disturbo del compo...

Oblio

L'oblio è un processo naturale di perdita dei ricordi per attenuazione, modificazione o cancellazione delle tracce mnemoniche, causato dal passare del tempo tra...

Solipsismo

Il solipsismo (dal latino "solus", solo ed "ipse", stesso, quindi "solo se stesso") è un attaccamento patologico al proprio corpo di tipo autistico o narcisisti...

News Letters

0
condivisioni