Pubblicità

La folla delinquente

0
condivisioni

on . Postato in Libri e riviste | Letto 625 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

La folla delinqu1

È merito di Scipio Sighele e della scuola criminologica italiana l’avere richiamato l’attenzione sulla psicologia delle folle nelle manifestazioni antisociali e delittuose.Proprio ne La folla delinquente (Torino 1891) l’autore illustra il fenomeno della suggestione collettiva e i suoi effetti.

«Il problema dunque va posto in questo modo: è temibile – e se sì, in qual grado è temibile – colui che in mezzo all’impeto d’una folla ha commesso un reato? Quest’uomo, cioè, tolto dall’ambiente esaltato e irritato in cui si trovava, liberato dalle mille suggestioni che lo spingevano al delitto, e ricondotto al suo stato normale, presenterà ancora un pericolo per la società? È possibile che anche un individuo onesto si lasci trascinar dalla folla a commettere il male quasi in un accesso di pazzia momentanea che, una volta cessato, non lascia più traccia e non può dar quindi diritto ad alcuna reazione penale? Per rispondere adeguatamente, bisognerebbe sapere, e non solo in teoria, ma in ogni singolo caso speciale, qual sia la forza suggestiva della folla, quale la sua potenza di pervertimento sull’individuo; bisognerebbe sapere se realmente essa possiede questo fascino terribile e strano di convertire in un assassino l’uomo saldamente pietoso. Può farlo la folla questo miracolo?»

Sighele studia le leggi della psicologia collettiva e l’influenza di Lombroso lo portava a evidenziare la tipologia antropologica. Cerca di scoprire le leggi capaci di spiegare il comportamento delle masse e dei piccoli gruppi (anche delle coppie); comunque la tesi di fondo dell’analisi da lui condotta cercava di dimostrare come la folla viva una situazione in cui le emozioni si intensificano, ma il ragionamento si semplifica: per questo essa è una creatura intrinsecamente labile e pericolosa, oltre che intellettualmente mediocre.

«Da una moltitudine» scrive l’attento osservatore della nuova realtà, «voi temete sempre, sperate di rado.».

Il cuore dell’opera di Sighele era costituito da un’analisi delle dinamiche di imitazione, suggestione e “fermentazione psichica” che caratterizzano, allora come oggi, le situazioni di folla.

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: società folla manifestazioni antisociali delitto pazzia miracolo Lombroso fermentazione psichica

0
condivisioni

Guarda anche...

Benessere e Salute

Dire basta al Bullismo

Un'esplorazione delle diverse tipologie di bullismo e delle possibili soluzioni a questo fenomeno insidioso Siamo cresciuti assistendo a comportamenti prepotenti, nei film, nei notiziari e, più...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Complesso di inferiorità (1548…

Maria, 24     Sono una ragazza di 24 anni neolaureata, mi sono trasferita a Milano per un master dove attualmente convivo con il mio fidanzato, a...

Tradimento e sofferenza (15486…

Eva, 39     Dopo 12 anni di matrimonio totalizzante e meraviglioso, ho improvvisamente tradito mio marito, una cosa che non avrei mai e poi mai c...

Rimozione o fantasia (1548536…

ELilai, 25     Cercherò di essere concisa. 13 anni fa hanno avuto esordio i miei problemi di disturbi alimentari (tolto un breve periodo di anore...

Area Professionale

Articolo 3 - il Codice Deontol…

Articolo 3 Lo psicologo considera suo dovere accrescere le conoscenze sul comportamento umano ed utilizzarle per promuovere il benessere psicologico dell’indiv...

Articolo 2 - il Codice Deontol…

Proseguiamo il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini, con l'articolo 2 Articolo ...

Articolo 1 - Codice Deontologi…

Iniziamo il lungo viaggio fra gli articoli del Codice Deontologico degli Psicologi Italiani con il commento all'articolo 1, a cura di Catello Parmentola e di El...

Le parole della Psicologia

Dipendenza sessuale

“Brandon ha paura di questa intimità, fa sesso casuale o con prostitute, ma se deve davvero fare l’amore per lui è impossibile, perché lasciar entrare qualcuno ...

Nevrastenia

Termine introdotto dal medico statunitense Beard, nel 1884, per designare un quadro clinico, caratterizzato da stanchezza fisica e mentale, irritabilità, insonn...

Agorafobia

Il termine agorafobia viene dal greco e letteralmente significa: "paura degli spazi aperti”. Le persone che ne soffrono temono perciò lo spazio esterno, vissuto...

News Letters

0
condivisioni