Pubblicità

La Mente estetica che cos’è il bello e perché la nostra mente lo apprezza

0
condivisioni

on . Postato in Libri e riviste | Letto 248 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Giuseppe Polipo, Edizioni Psiconline, 2009, € 20,00, pag. 124 a colori

Il testo di Giuseppe Polipo, Edizioni Psicoline, si presenta come un breve saggio che descrive, ripercorre e analizza teorie, opinioni e tecniche sulla percezione estetica integrandole in una visione multidisciplinare.

“La mente estetica” descrive la percezione del bello come espressione della somma tra unicità biologica e riferimenti personali e sociali, proprio questi ultimi sembrano i maggiori responsabili dei cambiamenti, patologici, dei modelli di bellezza definiti dall’autore “impossibili per chiunque”. Sono affrontati con tono di denuncia, non solo gli attuali criteri estetici dettati dai media ma anche l’utilizzo incondizionato e incosciente della chirurgia estetica pur ammettendo il suo ruolo scientifico decisivo e la sua utilità alle più disparate condizioni umane.

Il testo si fa promulgatore del passaggio da una buona esistenza a una bella esistenza, riscoprendo le antiche e fondamentali regole del percepire estetico, sono proprio l’equilibrio e l’armonia (psico-fisica-esistenziale) i capisaldi del libro. Partendo da una consapevolezza biologica, attraverso i capitoli si costituisce un percorso immaginario che evolve il lettore a una concezione estetica arricchita e profonda che sa di spirituale, capace di creare una reale e duratura congiunzione tra l’idea di bellezza generica e quella riferita al sé.

Caratteristica di spicco è la capacità dell’autore di rendere istantaneamente fruibile la realtà pratica di concetti non sempre comprensibili ai non addetti ai lavori, se pur in taluni frangenti la semplificazione non permette il percorso inverso. Il testo grazie alla leggerezza e alla semplicità di stile è adatto a un’ampia fascia di lettori, oltre che fonte di arricchimenti per i comuni mortali è indicato come introduzione a uno studio o come fattore che motiva qualsiasi tipo di professionista.

 Recensione a cura di Carmela Mainiero

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Amore Bordeline? (153355779047…

Lory, 52     Ho lasciato il mio compagno da un mese, la nostra relazione avrebbe compiuto due anni a breve. ...

Ragazzo fuori controllo (15335…

Giusy, 19     Buongiorno, sono una ragazza di 19 anni e sono fidanzata da 3 anni con un ragazzo di 22 anni. Nei primi due anni della nostra relaz...

Ritorno di ansia e attacchi di…

Misterok88, 30     Salve! Vi prego di aiutarmi. Ho un problema che pensavo di aver risolto ma da un po' di giorni a questa parte sono di nuovo da...

Area Professionale

Il Test del villaggio e l’orga…

Il Test del Villaggio è uno strumento psicodiagnostico che può avere un’ampia rilevanza all’interno del setting clinico tra terapeuta e paziente approfondendone...

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Le parole della Psicologia

Barbiturici

Con il termine Barbiturici si indica quella classe di farmaci anestetici, antiepilettici ed ipnotici, derivati dall’acido barbiturico (o malonilurea), che hanno...

Identificazione

L’identificazione è quel processo psicologico, attraverso il quale un individuo assume una o più caratteristiche di un altro soggetto, modificandosi parzialme...

Pediofobia

La pediofobia è definita come una paura persistente, incontrollata e ingiustificata nei confronti di bambole e burattini. Da sempre infatti le bambole sono usa...

News Letters

0
condivisioni