Pubblicità

La sindrome degli antenati. Psicoterapia transgenerazionale e i legami nascosti nell'albero genealogico

0
condivisioni

on . Postato in Libri e riviste | Letto 948 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

sindrome antenatiVi chiederete il perché della recensione di un libro che ormai appartiene ai classici della letteratura psicodrammatica. Potrebbe essere sufficiente affermare la fama internazionale della sua autrice, Anne Ancelin Schützenberger, la cui opera negli ultimi anni è stata pubblicata e ristampata in Italia da Di Renzo Editore. Si potrebbe inoltre fare riferimento alla sua presenza lo scorso anno a Roma durante l’ultimo Congresso dello I.A.G.P.: chi era presente ricorderà la conduzione psicodrammatica del protagonista durante il suo ultimo workshop.


Una direttività, una materna presa in carico del protagonista, un rigore deontologico – direi – paterno, da parte di una professionista ultranovantenne, quasi cieca e con deficit di deambulazione, che hanno letteralmente smosso gli animi e le menti pensanti di tutti i presenti, psicodrammatisti e non!

Si potrebbe anche menzionare l’interesse recente della comunità psicodrammatica italiana rispetto ai temi del coinconscio e del transgenerazionale (si pensi ai workshop condotti da Manuela Maciel organizzati a Milano negli ultimi anni dall’AlPsiM e dall’Associazione Metodi Attivi).

Infine non possiamo non citare anche il rilievo internazionale che il transgenerazionale sta avendo: nel mese di ottobre del 2010 c’è stata la Prima Conferenza sul Transgenerazionale a Lisbona organizzata da allievi della Schützenberger, Manuela Maciel e Leandra Perrotta, e da Mark Wentworth, inventore della tecnica dell’ausiliario in incognito.

Nel testo preso in esame l’autrice, partendo dalla sua esperienza professionale, presenta l’efficacia clinica della psicoterapia transgenerazionale – a onor del vero non supportata da una evidenza scientifica (ma credo spetti alle nuove generazioni di colleghi lavorare per questo scopo). È tuttavia sorprendente leggere le descrizioni che ha fatto nel corso dei suoi trattamenti che narrano di associazioni tra le vite dei soggetti presi in carico e dei loro antenati, anche di personaggi illustri, sino a giungere anche alla settima generazione.

Pubblicità


La scelta fondazionale della Schützenberger è quella di concepire l’identità dell’individuo come costrutto a partire dalla storia propria di ciascuno, che è fatta di storia familiare così come di storia personale nonché di appartenenze ad un contesto storico-sociale-economico. Scopriamo così i concetti di lealtà invisibili e di sindrome dell’anniversario, che non sono altro che la testimonianza dell’esistenza della trasmissione generazionale.

La raccolta di tali informazioni, che diventa allo stesso tempo un esame anamnestico e un primo disvelamento del mondo interno del paziente, avviene grazie alla tecnica del genosociogramma, di cui il testo è ricco di esempi.

Per gli psicodrammatisti tale testo può essere assai utile nella pratica clinica in quanto è come se, all’interno della “cornice” psicoterapeutica, il genosociogramma rappresentasse la dimensione psicodiagnostica: attraverso la comprensione delle dinamiche familiari e degli investimenti affettivi verso gli altri significativi dell’atomo sociale familiare e attraverso la raccolta – direi anamnestica – di tutti quelle informazioni utili per cogliere quegli elementi della storia personale dell’individuo, lo psicoterapeuta a orientamento psicodrammatico può dare forma ad un’iniziale diagnosi che lo può orientare nel lavoro trattamentale successivo attraverso lo psicodramma.

La comunità degli psicodrammatisti è ritenuta – sia da colleghi di altri orientamenti sia dagli psicodrammatisti stessi – una fucina di uomini di azione, poco avvezzi a rendere pensiero e comunicazione il proprio operato. La nostra rivista, Psicodramma Classico, esiste anche per sfatare questo luogo comune. E credo che riscoprire i cosiddetti classici della letteratura psicodrammatica possa servire alla stessa causa.

(Psicodramma Classico)
Ivan Fossati

 

Anne Ancelin Schützenberger
La sindrome degli antenati. Psicoterapia transgenerazionale e i legami nascosti nell'albero genealogico
2019, Pagine: 256
EAN: 9788883233548
Prezzo: € 16.50
Editore: Di Renzo Editore

 

Acquistalo su Amazon

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

Tags: libri di psicologia antenati Anne Ancelin Schützenberger

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Mild Cognitive Impairment (MCI…

È uno stato di confine o di transizione tra l’invecchiamento normale e la demenza, noto come “lieve compromissione cognitiva”. Il declino cognitivo lieve consi...

MUTISMO SELETTIVO

Il "Mutismo Selettivo", è un disordine dell'infanzia caratterizzato dall'uso appropriato del linguaggio in alcune situazioni, in particolare quelle familiari, e...

Disturbo Antisociale di Person…

La prevalenza del DAP è pari al 3% nei maschi e all'1% nelle femmine nella popolazione generale, e aumenta al 3-30% in ambiente clinico. Percentuali di preva...

News Letters

0
condivisioni