Pubblicità

Le faccende domestiche. Ergonomia e psicologia di un VERO lavoro

on . Postato in Libri e riviste | Letto 13 volte

Autore: Anna Abiate Fubini

TRAUBEN Editore, pp. 340,
L. 30.000, 1998

"LE FACCENDE DOMESTICHE. Ergonomia e psicologia di un vero lavoro" è il titolo del libro, e questo determinato LAVORO ne è l'argomento . Proprio perché tanto attinenti alle fondamenta emotive e operative di ogni altro tipo di attività , perché tanto multiformi e sfaccettate nei loro dettagli operativi, se considerate dal lato puramente ERGONOMICO queste "faccende" , possono venir studiate come lavori FONDAMENTALi, come PROTOTIPI di molti MESTIERI e di molte PROFESSIONI.

Studiando la loro stessa essenza si possono introdurre e spiegare cioè i vari concetti-base di ergonomia di ogni altra diversa attività, come PARADIGMI, come standard semplificati per l'introduzione allo studio di ogni altro tipo di attività lavorativa. Riferendosi invece al loro aspetto psicologico e utilizzando la terminologia coniata da Freud, verranno dedicati molti capitoli al complesso dal quale vengono attinte le energie deputate proprio al lavoro, ad ogni lavoro - mestiere o professione - cioé al "complesso anale" , quel complesso generalmente molto meno studiato degli altri complessi - quelli orale ed edipico-genitale -.

Queste "faccende" nel loro svolgersi attingono direttamente da vicino all' iniziale normale sviluppo bio-sociologico dei normali complessi infantili nel loro aspetto "sublimato". Ne deriva che il concetto base di questo libro è che OGNUNO DI NOI ne è sicura parte in causa (e PROTAGONISTA): in quanto CASALINGA/O in funzione, coabitante con casalinga/o, casalingo FIGLIO/A o ex figlio/a, in quanto membro di una famiglia, anche se ormai "mono-componente" , di un'organizzazione socio-economica che è la "casa" nel senso di "home", di "casa mia".

Ma la "casa" e la "famiglia" sono comunque entità socio-economiche, una specie di entità "aziendale": ogni azienda ha le sue maestranze, attrezzi, prodotti e clienti; ma la FAMIGLIA-AZIENDA ha come personale, come capi, lavoratori, fornitori e clienti proprio persone sessualmente e sentimentalmente collegate l'una all'altra. Il grande paradosso del «lavoro» casalingo è che si tratta di un lavoro destinato a PRODURRE... RIPOSO. Lo scopo di un'azienda è produrre: i prodotti della casa sono, o dovrebbe essere, RIPOSO per la famiglia tutta, ma spesso anche figli, cioè le GENERAZIONI FUTURE. Questo implica che le qualità e difetti di futuri uomini e donne rifletteranno le qualità e difetti della casa dove sono stati prodotti, cioè le qualità e difetti dei vertici dell'impresa, dell'amministratrice: quindi della madre.

Chi si occupa di ERGONOMIA o di PSICOLOGIA potrà leggere con attenzione la parte che gli compete senza troppo approfondire le altre, mentre chi credesse di trovarvi prevalenti descrizioni più o meno amene di «casalinghe complessate» rimarrebbe probabilmente deluso. Ciascuno potrà leggere con attenzione la parte che gli compete senza troppo approfondire le altre, ma consiglierei a TUTTI di leggere almeno l'ultimo capitolo: «Bambini di ieri = adulti di oggi. Adulti di oggi e adulti di domani».

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Ansia e derealizzazione (1511…

LukasV, 25     Salve, sto passando un periodo difficile in cui c'è di mezzo una sentenza (tra pochi giorni) per il futuro dell'affidamento di mio...

matrimonio, figli, amante (151…

tosca, 35     Sono una donna sposata da solo un anno, ma la relazione dura da circa 10 anni. ...

Area Professionale

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Le parole della Psicologia

Acting out

Il termine Acting out , letteralmente, “passaggio all’ atto”, indica l’insieme di azioni aggressive e impulsive utilizzate dall’in...

Disturbo Antisociale di Person…

La prevalenza del DAP è pari al 3% nei maschi e all'1% nelle femmine nella popolazione generale, e aumenta al 3-30% in ambiente clinico. Percentuali di preva...

Identificazione proiettiva

“Ora mi sembra che l’esperienza del controtransfert abbia proprio una caratteristica particolare che dovrebbe permettere all’analista di distinguere le situazio...

News Letters