Pubblicità

Le faccende domestiche. Ergonomia e psicologia di un VERO lavoro

0
condivisioni

on . Postato in Libri e riviste | Letto 346 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Autore: Anna Abiate Fubini

TRAUBEN Editore, pp. 340,
L. 30.000, 1998

"LE FACCENDE DOMESTICHE. Ergonomia e psicologia di un vero lavoro" è il titolo del libro, e questo determinato LAVORO ne è l'argomento . Proprio perché tanto attinenti alle fondamenta emotive e operative di ogni altro tipo di attività , perché tanto multiformi e sfaccettate nei loro dettagli operativi, se considerate dal lato puramente ERGONOMICO queste "faccende" , possono venir studiate come lavori FONDAMENTALi, come PROTOTIPI di molti MESTIERI e di molte PROFESSIONI.

Studiando la loro stessa essenza si possono introdurre e spiegare cioè i vari concetti-base di ergonomia di ogni altra diversa attività, come PARADIGMI, come standard semplificati per l'introduzione allo studio di ogni altro tipo di attività lavorativa. Riferendosi invece al loro aspetto psicologico e utilizzando la terminologia coniata da Freud, verranno dedicati molti capitoli al complesso dal quale vengono attinte le energie deputate proprio al lavoro, ad ogni lavoro - mestiere o professione - cioé al "complesso anale" , quel complesso generalmente molto meno studiato degli altri complessi - quelli orale ed edipico-genitale -.

Queste "faccende" nel loro svolgersi attingono direttamente da vicino all' iniziale normale sviluppo bio-sociologico dei normali complessi infantili nel loro aspetto "sublimato". Ne deriva che il concetto base di questo libro è che OGNUNO DI NOI ne è sicura parte in causa (e PROTAGONISTA): in quanto CASALINGA/O in funzione, coabitante con casalinga/o, casalingo FIGLIO/A o ex figlio/a, in quanto membro di una famiglia, anche se ormai "mono-componente" , di un'organizzazione socio-economica che è la "casa" nel senso di "home", di "casa mia".

Ma la "casa" e la "famiglia" sono comunque entità socio-economiche, una specie di entità "aziendale": ogni azienda ha le sue maestranze, attrezzi, prodotti e clienti; ma la FAMIGLIA-AZIENDA ha come personale, come capi, lavoratori, fornitori e clienti proprio persone sessualmente e sentimentalmente collegate l'una all'altra. Il grande paradosso del «lavoro» casalingo è che si tratta di un lavoro destinato a PRODURRE... RIPOSO. Lo scopo di un'azienda è produrre: i prodotti della casa sono, o dovrebbe essere, RIPOSO per la famiglia tutta, ma spesso anche figli, cioè le GENERAZIONI FUTURE. Questo implica che le qualità e difetti di futuri uomini e donne rifletteranno le qualità e difetti della casa dove sono stati prodotti, cioè le qualità e difetti dei vertici dell'impresa, dell'amministratrice: quindi della madre.

Chi si occupa di ERGONOMIA o di PSICOLOGIA potrà leggere con attenzione la parte che gli compete senza troppo approfondire le altre, mentre chi credesse di trovarvi prevalenti descrizioni più o meno amene di «casalinghe complessate» rimarrebbe probabilmente deluso. Ciascuno potrà leggere con attenzione la parte che gli compete senza troppo approfondire le altre, ma consiglierei a TUTTI di leggere almeno l'ultimo capitolo: «Bambini di ieri = adulti di oggi. Adulti di oggi e adulti di domani».

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Genitore inadeguato [15992344…

DEDDA, 47 anni   Buongiorno, mia figlia 15enne soffre di blocchi emotivi a scuola. Quando deve fare un'interrogazione si chiude in se stessa, terror...

Come imparare ad andare [1599…

mar, 29 anni Ho avuto una relazione di 5 anni finita per motivi banali, incomprensioni, caratteri opposti e contrastanti. La storia é finita quasi tre anni...

MARITO DEPRESSO DA 3 MESI [159…

blu, 43 anni Buongiorno, non riesco a capire come poter aiutare mio marito che oramai sono 3 mesi che è depresso soprattutto la mattina appena sveglio e l...

Area Professionale

Funzionamento cognitivo in sog…

Recenti ricerche suggeriscono che le persone che presentano esperienze psicotiche, ma nessuna diagnosi di malattia psicotica, presentano un'alterazione del funz...

Il "potere" nella re…

Nonostante si possa pensare che vi sia uno squilibrio di potere all'interno della relazione terapeutica, in realtà lo psicoterapeuta non esercita un maggiore po...

Disfunzioni sessuali dopo la s…

L'11 giugno 2019 l'European Medicines Agency (EMA) ha formalmente dichiarato di riconoscere la disfunzione sessuale post-SSRI (Post-SSRI Sexual Dysfunction, PSS...

Le parole della Psicologia

Pediofobia

La pediofobia è definita come una paura persistente, incontrollata e ingiustificata nei confronti di bambole e burattini. Da sempre infatti le bambole sono usa...

Acting out

Il termine Acting out , letteralmente “passaggio all’atto”, indica l’insieme di azioni aggressive e impulsive utilizzate dall’individuo per esprimere vissuti co...

Emetofobia

Dal greco emein che significa "un atto o un'istanza di vomito" e fobia, ovvero "un esagerato solito inspiegabile e illogico timore di un particolare oggetto,&nb...

News Letters

0
condivisioni