Pubblicità

Le faccende domestiche. Ergonomia e psicologia di un VERO lavoro

0
condivisioni

on . Postato in Libri e riviste | Letto 420 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Autore: Anna Abiate Fubini

TRAUBEN Editore, pp. 340,
L. 30.000, 1998

"LE FACCENDE DOMESTICHE. Ergonomia e psicologia di un vero lavoro" è il titolo del libro, e questo determinato LAVORO ne è l'argomento . Proprio perché tanto attinenti alle fondamenta emotive e operative di ogni altro tipo di attività , perché tanto multiformi e sfaccettate nei loro dettagli operativi, se considerate dal lato puramente ERGONOMICO queste "faccende" , possono venir studiate come lavori FONDAMENTALi, come PROTOTIPI di molti MESTIERI e di molte PROFESSIONI.

Studiando la loro stessa essenza si possono introdurre e spiegare cioè i vari concetti-base di ergonomia di ogni altra diversa attività, come PARADIGMI, come standard semplificati per l'introduzione allo studio di ogni altro tipo di attività lavorativa. Riferendosi invece al loro aspetto psicologico e utilizzando la terminologia coniata da Freud, verranno dedicati molti capitoli al complesso dal quale vengono attinte le energie deputate proprio al lavoro, ad ogni lavoro - mestiere o professione - cioé al "complesso anale" , quel complesso generalmente molto meno studiato degli altri complessi - quelli orale ed edipico-genitale -.

Queste "faccende" nel loro svolgersi attingono direttamente da vicino all' iniziale normale sviluppo bio-sociologico dei normali complessi infantili nel loro aspetto "sublimato". Ne deriva che il concetto base di questo libro è che OGNUNO DI NOI ne è sicura parte in causa (e PROTAGONISTA): in quanto CASALINGA/O in funzione, coabitante con casalinga/o, casalingo FIGLIO/A o ex figlio/a, in quanto membro di una famiglia, anche se ormai "mono-componente" , di un'organizzazione socio-economica che è la "casa" nel senso di "home", di "casa mia".

Ma la "casa" e la "famiglia" sono comunque entità socio-economiche, una specie di entità "aziendale": ogni azienda ha le sue maestranze, attrezzi, prodotti e clienti; ma la FAMIGLIA-AZIENDA ha come personale, come capi, lavoratori, fornitori e clienti proprio persone sessualmente e sentimentalmente collegate l'una all'altra. Il grande paradosso del «lavoro» casalingo è che si tratta di un lavoro destinato a PRODURRE... RIPOSO. Lo scopo di un'azienda è produrre: i prodotti della casa sono, o dovrebbe essere, RIPOSO per la famiglia tutta, ma spesso anche figli, cioè le GENERAZIONI FUTURE. Questo implica che le qualità e difetti di futuri uomini e donne rifletteranno le qualità e difetti della casa dove sono stati prodotti, cioè le qualità e difetti dei vertici dell'impresa, dell'amministratrice: quindi della madre.

Chi si occupa di ERGONOMIA o di PSICOLOGIA potrà leggere con attenzione la parte che gli compete senza troppo approfondire le altre, mentre chi credesse di trovarvi prevalenti descrizioni più o meno amene di «casalinghe complessate» rimarrebbe probabilmente deluso. Ciascuno potrà leggere con attenzione la parte che gli compete senza troppo approfondire le altre, ma consiglierei a TUTTI di leggere almeno l'ultimo capitolo: «Bambini di ieri = adulti di oggi. Adulti di oggi e adulti di domani».

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mi sento triste e depresso [16…

ANONIMo, 14 anni   Buongiorno, sono un ragazzo di 14 anni e sto vivendo un periodo buio nella mia vita; il motivo è soprattutto l'impatto che ha av...

Mio marito ha un disturbo? [16…

Francesca, 36 anni. Salve, ho un problema con mio marito. Lui ha 39 anni e siamo sposati da 12. Da 3 ha un'azienda tutta sua di idraulica, fa impianti, ec...

Vivo ogni giorno con sempre me…

  lola, 23 anni   Salve, sono una ragazza di 23 anni e soffro di molti dei settori sopra indicati..avrei davvero bisogno di sfogarmi con qualcun...

Area Professionale

Esame di Stato Psicologi 2021

In questo breve articolo ci soffermeremo sulla modalità di svolgimento dell'Esame di Stato (EDS) per la professione di Psicologo/a, ad un anno dall'esperienza p...

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Le parole della Psicologia

Disturbi somatoformi

I Disturbi Somatoformi rappresentano una categoria all’interno della quale sono racchiuse entità cliniche caratterizzate dalla presenza di sintomi fisici non im...

Il metadone

Il metadone è un oppioide sintetico, usato in medicina come analgesico nelle cure palliative e utilizzato per ridurre l'assuefazione nella terapia sostitutiva d...

Cinofobia

Il cane è da sempre l’animale più amato dagli esseri umani, ormai è proverbiale la definizione “migliore amico dell’uomo” e in effetti la storia conferma questa...

News Letters

0
condivisioni