Pubblicità

PSICOLOGIA NEWS n.144 - 15.1.2004

0
condivisioni

on . Postato in News libri e riviste | Letto 317 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
  • Vince chi fa più errori. Il paradosso dell'innovazione
  • Nella pancia del papà. Padre e figlio: una relazione emotiva
  • Psicopatologia del cellulare. Dipendenza e possesso del telefonino
  • Terapia d'urto. La comunicazione come strumento per gestire le proprie emozioni
  • La comunicazione non verbale
  • Psicologia. Teoria ed esercizi svolti e commentati per l'ammissione ai corsi di laurea
  • La Promozione della Salute. Un approccio globale per il benessere della persona e della società
  • Follia e diritto
  • Ululare con i lupi. Conformismo e reverie
  • Il gesto di Ettore. Preistoria, storia, attualità e scomparsa del padre
  • Intersoggettività e teoria della mente. Le origini cognitive della comunicazione
  • Teoria e pratica dell'omicidio seriale
  • Psicologia. Test ufficiali svolti e commentati per l'ammissione ai corsi di laurea

Farson Richard , Keyes Ralph
Vince chi fa più errori. Il paradosso dell'innovazione
2003, Collana: Trend/Le guide in un mondo che cambia, pagine: 112
Prezzo: € 11,00
Editore: Franco Angeli

Oggi il successo presuppone l'innovazione continua. Ma le parole d'ordine suggestive, gli slogan e le formule semplicistiche non sono delle risposte adeguate. Solo una mentalità completamente nuova -un nuovo atteggiamento nei confronti del successo e dell'insuccesso - può trasformare il nostro comportamento. Lo affermano Richard Farson, autore del bestseller Il management per paradossi. Modelli di leadership per il XXI secolo , e Ralph Keyes, autore del rivoluzionario Chancing It: Why We Take Risks , in questo libro provocatorio.
Secondo Farson e Keyes, la chiave di questo nuovo atteggiamento sta nel prendersi dei rischi. In un mondo in rapido cambiamento dobbiamo confrontarci con il successo non meno che con l'insuccesso. Significa che abbiamo fallito? Solo secondo i parametri dei nostri nonni. Sia il successo che l'insuccesso sono dei passi avanti verso il progresso, dicono gli autori. Dopotutto, la rinascita della Coca-Cola è nata direttamente dalla debácle della New Coke, e una grave crisi finanziaria ha obbligato l'Ibm a reinventarsi completamente.
Le persone sagge accettano i propri errori come passi necessari sulla via che porta al successo. Sanno anche che il miglior modo per restare indietro in un'economia frenetica è affidarsi a ciò che ha funzionato in passato, come fecero a suo tempo la Polaroid e la Xerox. Altre aziende, come la 3M e la GE, sono rimaste sulla cresta dell'onda incoraggiando gli innovatori anche quando fallivano. Farson e Keyes definiscono questo approccio illuminato sperimentazione produttiva attraverso gli errori. La loro tesi è che invece di premiare il successo e di penalizzare l'insuccesso, dovremmo sforzarci d'imparare dall'uno e dall'altro. Paradossalmente, osservano, meno ricerchiamo il successo e meno rifuggiamo dall'insuccesso, più è probabile che otteniamo dei risultati brillanti.
Questo libro è un piccolo gioiello, ricco d'idee originali, conciso e stimolante.

Richard Farson , presidente del Western Behavioral Sciences Institute,è stato preside di un college, responsabile della ricerca, consulente d'organizzazione e docente di relazioni umane presso l'Harvard Business School. È autore di diversi bestseller. Anche Ralph Keyes , Fellow del Western Behavioral Sciences Institute, è autore di numerosi libri di successo.

Acquista il libro on line

 

Pellai Alberto
Nella pancia del papà. Padre e figlio: una relazione emotiva
Collana: Le Comete - Per capirsi di piu' e aiutare chi ci sta accanto, ISBN: 88-464-4877-4, Pagine: 176
Prezzo: € 18,00
Editore: Franco Angeli - Milano

Essere padre: un'esperienza che pone ogni uomo di fronte ad un bivio.
Un'esperienza che ha la capacità di trasformare la vita concreta ma anche il mondo profondo, obbligando gli uomini ad interrogarsi sul senso vero della loro vita.
Questo volume prende per mano i papà di ieri, di oggi e di domani e li invita a riscoprire l'avventura emotiva che accompagna l'esperienza della loro paternità. Un libro che non insegna a "fare il padre" ma che aiuta ad essere padri, consentendo ad ogni uomo di comprendere i dubbi, le paure e le emozioni che lo possono mandare in crisi, proprio quando la vita lo mette a confronto con l'esperienza più in grado di completarlo e renderlo uomo: l'esperienza di un figlio.
Un libro tenero e delicato che nella seconda parte utilizza filastrocche e poesie per assecondare la dimensione più emotiva della paternità e per aiutare ogni padre ad amare il proprio bambino, ripensando al bambino che è stato.
Un libro che commuove, informa ed emoziona.
Lo strumento perfetto per chi è, sarà o è già stato papà.

Acquista il libro on line

Di Gregorio Luciano
Psicopatologia del cellulare. Dipendenza e possesso del telefonino
2003, Collana: Le Comete - Per capirsi di piu' e aiutare chi ci sta accanto, ISBN: 88-464-4944-4, Pagine: 176
Prezzo: € 15,00
Editore: Franco Angeli - Milano

La società attuale è dominata dal continuo bisogno di essere in comunicazione con gli altri. Ovunque ci si trovi c'è sempre un telefonino che suona e qualcuno che risponde.
- Da dove nasce la necessità di essere sempre in contatto con l'altro?
- Che funzione svolge il telefonino nell'offrire a tutti una continua reperibilità?
- Cosa lo rende uno strumento così indispensabile?
- Quali effetti può avere sulla nostra creatività e su quella di bambini e ragazzi?
- Si può parlare di una psicopatologia "da cellulare" o "del cellulare"?
Per dare risposta a queste domande, è necessario analizzare le diverse funzioni psicologiche che intervengono nella comunicazione e nell'interazione a distanza e come esse si modificano in base alle funzionalità tecniche e multimediali dei moderni telefonini.
Dalla difficoltà di relazione con il mondo e dall'incertezza dell'incontro affettivo con l'altro scaturisce la paura di non ricevere risposta alla nostra domanda d'amore o di interesse. Per questo ricorriamo immediatamente al cellulare: con un Sms sondiamo il terreno della disponibilità altrui e ci proteggiamo dai rischi dell'impatto emotivo diretto. Il cellulare ci permette continui viaggi nell'immaginario, durante i quali il sentimento d'insicurezza viene magicamente annullato. Ma da quei viaggi torniamo sempre meno "attrezzati" di prima per confrontarci con la realtà.
Non solo, i poteri dello strumento creano in noi una forma di dipendenza che si alimenta da sola con l'uso quotidiano: averlo diventa indispensabile, non averlo provoca ansia e disagio.
In questo gioco di relazioni col mondo lo strumento tecnico sembra prendere il sopravvento sull'uso della mente, tanto da sostituire le funzioni cognitive dell'individuo e da diventare un possesso "tramite" personale, una sorta di protesi psico-tecnica. Il cellulare viene investito di significati affettivi che lo rendono un oggetto-feticcio e in breve ci si ritrova ad essere posseduti dal proprio possesso tecnico.
Queste sono solo alcune delle riflessioni da cui prende spunto l'autore e già da esse emerge quanto, oggi, sia fondamentale mettere in luce le valenze e le implicazioni psicologiche legate all'uso della telefonia mobile, così prepotentemente entrata nella nostra quotidianità.

Luciano Di Gregorio , psicologo e gruppoanalista, svolge attività di psicoterapeuta a Milano. Socio ordinario della Società Gruppoanalitica Italiana (SGAI), è autore di numerosi articoli di settore; per i nostri tipi ha già pubblicato Lo psicoanalista tascabile: istruzioni per orientarsi nella vita affettiva (2000).

Acquista il libro on line

Simionato Monica , Anderson George
Terapia d'urto. La comunicazione come strumento per gestire le proprie emozioni
2003, Collana: Trend/Le guide in un mondo che cambia, ISBN : 88-464-4875-8, Pagine: 224
Prezzo: € 18,00
Editore: Franco Angeli - Milano

La comunicazione come terapia d'urto per affrontare e riordinare le situazioni professionali o personali nelle quali non ci troviamo a nostro agio. Un libro per affrontare anche il tema della gestione della rabbia in tutte le sue forme, dalla più lieve arrabbiatura fino a quella cronica. Saper comunicare e gestire le emozioni sono fra le competenze più importanti per gli esseri umani, perché saper comunicare è una delle competenze più importanti per gli esseri umani perché attraverso l'espressione dei nostri bisogni e dei nostri desideri possiamo vivere bene le situazioni che affrontiamo e far crescere le relazioni con chi ci sta accanto. Come per esempio la rabbia, una delle emozioni più difficili da gestire e più pericolose per il proprio benessere e quello degli altri.
Anche se non dobbiamo per forza essere amici dei nostri colleghi di lavoro, riuscire a gestire la relazione professionale in maniera soddisfacente ed efficace ci permette di lavorare con maggiore focalizzazione, ottenendo dei risultati migliori. E le emozioni? Non esistono persone robot, ciascuno di noi racchiude dentro di sé una vasta gamma di emozioni, che se represse o mal sfogate ci causano l'ulcera o la fanno venire a chi ci sta accanto.
Ricco di situazioni reali e di aneddoti come quello della manager che va in ufficio con una scorta di matite in tasca per poterle spezzare nei momenti di più intensa ira... e non passare alle mani coi colleghi. Il libro contiene anche degli esercizi di stimolazione per individuare quali emozioni proviamo più frequentemente e come saperle gestire. Terapia d'urto ci apre le porte della soddisfazione personale e dell'autosviluppo per condurci a una maggiore consapevolezza nelle nostre azioni e dei meccanismi comportamentali che regolano la comunicazione.
Terapia d'urto e i suoi autori sono stati d'ispirazione per l'omonimo film con Jack Nicolson e Adam Sandler che tratta in chiave di commedia il problema della gestione della collera, utilizzando alcune delle tecniche reali spiegate nel libro.

Acquista il libro on line

M Bonaiuto F. Maricchiolo
La comunicazione non verbale
2003, collana: Le bussole, pagine: 128
Prezzo: € 8.50
Editore: Carocci

La comunicazione non verbale ci consente di condividere con i nostri interlocutori un´ampia gamma di contenuti, a prescindere dall´uso delle parole. Può essere considerata come un "linguaggio del corpo" e un elemento di base della comunicazione faccia a faccia; nell´epoca attuale assume una rilevanza particolare grazie al rapido sviluppo di nuove tecnologie di comunicazione che sempre più implicano modalità non verbali di relazione. Il libro illustra le principali conoscenze scientifiche, le forme e il ruolo della comunicazione non verbale, i metodi di ricerca e le possibili applicazioni.

Marino BONAIUTO. Insegna Psicologia sociale della comunicazione e Psicologia della comunicazione non verbale all´Università "La Sapienza" di Roma.
Fridanna MARICCHIOLO. È dottoranda di ricerca in Psicologia sociale presso l´Università "La Sapienza" di Roma.

Acquista il libro on line

Psicologia. Teoria ed esercizi svolti e commentati per l'ammissione ai corsi di laurea
2003, collana: Test Training, pagine: 322
Prezzo: € 17,00
Editore: McGraw-Hill

Questo volume serve come utile manuale di supporto teorico nella preparazione della prova di selezione per il corso di laurea in psicologia.
La prima parte viene dedicata alla spiegazione del significato e alle tecniche di "test di selezione", a cui corrispondono indicazioni sulle metodologie di studio e di comunicazione.
La seconda parte si apre con un’illustrazione dei programmi d’esame, a cui seguono quesiti di cultura generale e due ampi capitoli dedicati alla grammatica inglese e alla statistica.
La conclusione del libro si compone di circa 400 quiz ufficiali degli anni accademici passati, accompagnati dalle relative soluzioni opportunamente commentate.

Acquista il libro on line

 

A. Zucconi , P. Howell
La Promozione della Salute. Un approccio globale per il benessere della persona e della società
2003, Collana: persone, pagine: 396
Prezzo: € 30,00
Editore: La Meridiana

“Le società contemporanee sono complesse e interdipendenti. La salute non può essere un obiettivo isolato… Il principio guida generale per il mondo intero, per le nazioni, le regioni o le comunità deve essere sempre il sostegno reciproco: dobbiamo aver cura gli uni degli altri, della nostra comunità e dell'ambiente naturale”. OMS - Carta di Ottawa per la Promozione della Salute
Sono trascorsi diciassette anni da quando la Carta di Ottawa ha richiamato l'attenzione delle organizzazioni internazionali e delle persone di tutto il mondo affinché fosse riconosciuto e sostenuto il valore della promozione della salute come fondamentale investimento sociale… Negli ultimi anni i vantaggi dello sviluppo sociale, economico e individuale hanno suscitato l'interesse di molti verso una realtà caratterizzata da una migliore qualità di vita e da ciò che ne consegue.
Gli autori hanno affrontato questi temi avvalendosi di una prospettiva più ampia di quella offerta dai tradizionali approcci alla salute e illustrando al lettore un paradigma - il Modello Biopsicosociale - che propone una visione sistemica che vede la salute correlata a una moltitudine di determinanti. Ciascuno di questi determinanti emerge dalle dimensioni biologica, psicologica e sociale di tale modello. I vantaggi di tale approccio sono ragguardevoli.
L'opera è sostenuta da una buona ricerca e rivela la grave entità dei problemi gettando luce su ognuno dei diversi contesti trattati. È una lettura essenziale per tutti coloro che riconoscono il bisogno del cambiamento oltre che per aspiranti formatori nel campo della promozione della salute.
Pur essendo un'opera indubbiamente impegnativa, il lettore sarà stimolato ed entusiasta per la varietà del materiale presentato.

Acquista il libro on line

 

Gilda Ferrando e Giovanna Visintini - a cura di
Follia e diritto
2003, Collana "Manuali di Psicologia, Psichiatria, Psicoter."
Prezzo: € 26,00
Editore: Bollati Boringhieri

A partire dalla crisi della nozione di imputabilità nel diritto civile e penale, i giuristi, sentiti anche gli psichiatri e gli psicoanalisti, propongono un nuovo statuto giuridico del sofferente psichico, che sia più consono alle sue esigenze di guarigione e di reinserimento nella vita sociale. Il discorso è già all’attenzione del legislatore, anche sulla base di rilevazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. Tutto il dibattito su colpa e responsabilità è poi arricchito e reso più complesso dalle scoperte della psicoanalisi (vedi per esempio il «senso di colpa inconscio»). Il volume affronta l’argomento in una prospettiva interdisciplinare. Mette in evidenza i limiti e le insufficienze degli attuali istituti giuridici nell’assicurare un’adeguata protezione delle persone che non sono pienamente in grado di provvedere a sé stesse. I progressi delle conoscenze psichiatriche, d’altro canto, hanno posto in luce l’eterogeneità delle situazioni di disagio che si vorrebbe riassumere nella formula «infermità di mente», e inoltre il problema della protezione dei disabili non può limitarsi alla considerazione del malato psichico (vedi gli anziani). Le trasformazioni intervenute negli ultimi decenni nelle concezioni e nelle pratiche dell’intervento psichiatrico hanno aperto una serie di questioni circa i rapporti tra psichiatria e giusti penali, fino a porre apertamente in discussione il valore e l’utilità di considerare il malato di mente autore di reati come soggetto non imputabile, mentre il riconoscimento della sua responsabilità, invece che ribadirne l’esclusione, potrebbe meglio contribuire al suo recupero sociale.

Gilda Ferrando è ordinario di Diritto privato presso l’Università di Genova.
Giovanna Visintini è ordinario di Diritto civile e preside della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Genova.

Acquista il libro on line

 

Eugenio Gaburri e Laura Ambrosiano
Ululare con i lupi. Conformismo e reverie
2003, Collana «Programma di Psic.Psichiat.Psicoter», pagine 164
Prezzo: € 19,00
Editore: Bollati Boringhieri

Questo libro è in sintonia con tematiche già affrontate nella collana (vedi per esempio Cancrini, "Un tempo per il dolore"; Bolognini, "L’empatia psicoanalitica"); ma anche con una posizione generale autorevolmente sostenuta, circa la necessità che l’analista si metta costantemente in discussione, evitando di aderire in modo acritico alle idee dei propri maestri o dell’istituzione di cui fa parte; e ancora, le idee sul coinvolgimento personale dell’analista nel processo di cura (vedi Mitchell). Gaburri e Ambrosiano assumono l’esperienza del lutto come fondante i processi di separazione dai primi oggetti. La separazione ci mette di fronte al terrore per la caducità, e il gruppo è lo spazio in cui si organizzano modi di elaborarla. Ma dal gruppo il soggetto deve poi emanciparsi, pur mantenendo una disponibilità a lasciarsi impregnare dalla cultura dominante. La funzione di "rêverie" è qui intesa come un’apertura intermittente della mente al «contagio» da parte dell’altro. Una carenza di "rêverie" è alla base sia del conformismo come identificazione al gruppo (conformismo sociale) sia del conformismo in analisi. Gli autori parlano poi di ideologie-rifugio, nel momento in cui anche gli orientamenti culturali più pregnanti (ambientalismo, femminismo, pacifismo) vengono assunti come «tane» in cui trovare scampo dalla paura di sentire e di pensare. Ciò porta i singoli a «ululare con i lupi», cioè a conformarsi, eludendo la propria specificità e il proprio progetto di individuazione.

Eugenio Gaburri, psichiatra, è psicoanalista con funzioni di training della Società Psicoanalitica Italiana e della International Psychoanalytic Association. È attualmente presidente del Centro Milanese di Psicoanalisi «Cesare Musatti». Per le nostre edizioni ha curato i volumi "Emozione e interpretazione" (1997) e, con Roberto Contardi, "Enigmi della cultura e disagio nella civiltà" (1999).
Laura Ambrosiano, psicologa e psicoanalista, è socio ordinario della Società Psicoanalitica Italiana e della International Psychoanalytic Association. È membro del Centro Milanese di Psicoanalisi «Cesare Musatti».

Acquista il libro on line

Luigi Zoja
Il gesto di Ettore. Preistoria, storia, attualità e scomparsa del padre (nuova edizione riveduta e ampliata)
2003, Collana «Saggi. Psicologia»
Prezzo: € 25,00
Editore: Bollati Boringhieri

«Finalmente una storia dei padri che dà respiro e profondità culturale al dibattito contemporaneo sulla paternità. Non siamo nel primo mattino del mondo e se vogliamo diventare padri migliori dovremmo cercare di comprendere come ci siamo trasformati nei millenni. L’opera di Zoja induce il lettore a collocare i padri di oggi sullo sfondo della memoria del loro passato, chiarisce la cronaca alla luce della storia e getta solide basi per il cambiamento.» (Fulvio Scaparro) «Il padre oggi è la figura familiare più in discussione. Portatore del cognome, del rispetto del gruppo, della forza fisica e del senso della famiglia, il suo destino segue le vicende di questi valori, attualmente in crisi nella società. Luigi Zoja ne traccia la sorte millenaria e ne disegna il profilo a venire come quello di un argonauta solitario sull’oceano carico di tenebre e di lampi.» (Stanislao Nievo) Questo saggio si occupa delle origini e dell’evoluzione del padre da un punto di vista storico, sociologico e soprattutto psicologico. L’autore rilegge alcune figure mitiche dell’antichità classica – Ettore, Ulisse, Enea – come immagini dell’affermazione del padre. Passando dall’Ebraismo al Cristianesimo, alla parola del Padre subentra quella del Figlio. Il Cristianesimo, il laicismo, la democrazia portano a un lento ma costante svuotamento dei simboli del padre. L’industrializzazione, le guerre mondiali, la globalizzazione e l’esplosione dei divorzi conducono al collasso attuale. L’ultima parte del libro discute l’universalità, i problemi, le prospettive psicologiche di questa condizione senza precedenti. La nuova edizione è notevolmente arricchita nell’apparato iconografico.

Luigi Zoja vive e lavora privatamente a Milano come psicoanalista. Docente presso il C.G. Jung Institut di Zurigo, è stato presidente del CIPA (Centro Italiano di Psicologia Analitica) dal 1984 al 1993, e dal 1998 al 2001 della IAAP (International Association for Analytical Psychology). Per questo volume, ha ricevuto nel 2001 il Premio Palmi per la saggistica, e nel 2002, a New York, il Gradiva Award, Best Book, History and Culture, della National Association for the Advancement of Psychoanalysis. La dimensione temporale nel funzionamento e nell’evoluzione della coppia e della famiglia, come pure nei diversi approcci alla psicoterapia dei sistemi familiari.

Acquista il libro on line

Gabriella Airenti
Intersoggettività e teoria della mente. Le origini cognitive della comunicazione
2003, Collana «Manuali di Psicologia, Psichiatria, Psicoter.»
Prezzo: € 24,00
Editore: Bollati Boringhieri

Il cinese e il tedesco sono due lingue molto diverse, ma i parlanti di queste due lingue hanno in comune il processo mentale che permette di costruire le frasi di qualunque linguaggio. Un dialogo fra un avvocato e il suo cliente
ha poco in comune con le parole che si scambiano due innamorati, ma si tratta sempre di due espressioni della capacità comunicativa. Fare proprio il punto di vista cognitivo significa esplorare i processi all'origine delle svariate forme che ogni capacità può assumere. Per quanto riguarda la comunicazione, ne consegue che non si possono studiare separatamente la comunicazione e le vicende del suo sviluppo. Inoltre, è sbagliato vedere la comunicazione esclusivamente come uso del linguaggio, e il suo studio come un aspetto dello studio del linguaggio. In altri termini, un bambino prende parte a interazioni comunicative anche se è ancora incapace di parlare: la capacità comunicativa non dipende dalla capacità linguistica. Le teorie della comunicazione abitualmente utilizzate non considerano comunicative le interazioni dei bambini più piccoli, e in generale non servono per studiare la comunicazione infantile.
L'autrice si propone di costruire un quadro teorico all'interno del quale spiegare i processi di sviluppo della capacità comunicativa, a partire dalle prime interazioni non verbali del bambino fino alle interazioni verbali e non verbali tra adulti.

Gabriella Airenti insegna Psicologia dello sviluppo del linguaggio e della comunicazione alla Facoltà di Psicologia dell'Università di Torino, e Metodologia al Dottorato di ricerca in Scienza cognitiva della stessa Università, presso la quale ha partecipato alla fondazione del Centro di Scienza cognitiva.

Acquista il libro on line


Magnarapa Giuseppe - Pappa Daniela
Teoria e pratica dell'omicidio seriale
2003, Collana: Psicologia dei comportamenti e della devianza, pagine: 286
Prezzo: € 20.00
Editore: Armando

In questo saggio gli Autori hanno messo a frutto l'esperienza maturata in istituzioni giudiziariee psichiatriche per delineare una possibile strategia preventiva nei confronti dei comportamentiviolenti in generale e, in particolare, di quelli più organizzati ed efferati, tipici degli omicidi seriali. Allo scopo, hanno effettuato una minuziosa ricerca sulle vicende dei più celebriSerial Killer che hanno operato in diversi contesti geografici e sociali, in modo da rintracciareelementi comuni la cui identificazione possa essere utilizzata per mettere in atto un tempestivo intervento terapeutico.

Acquista il libro on line

Psicologia. Test ufficiali svolti e commentati per l'ammissione ai corsi di laurea
2003, collana: University Test, pagine: 361
Prezzo: € 15,50
Editore: McGraw-Hill

Questo volume è diretto ad acquisire una completa preparazione in vista della prova di ammissione ai corsi di laurea in psicologia.
Il testo si struttura in due parti. La prima contiene oltre 400 quiz a risposta multipla inerenti le più diverse materie: logica, cultura generale, inglese, informatica, statistica. Fa da compendio un capitolo dedicato all’analisi dei problemi relativi alle discipline d’esame.
La seconda parte presenta circa 400 test assegnati nei precedenti anni accademici, che permettono di confrontarsi direttamente con le dinamiche della prova che si va ad affrontare.

Acquista il libro on line

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Difficoltà nei rapporti sessua…

Emilio, 20     Salve, sono Emilio, ho 20 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Amaxofobia

L'amaxofobia è il rifiuto di origine irrazionale a condurre un determinato mezzo di trasporto. Può essere dovuta, per esempio, al coinvolgimento diretto o di p...

Gestalt

Con il termine Gestalt si va a designare un importante indirizzo della psicologia moderna, secondo il quale l’esperienza percettiva e per estensione, la vita ps...

Binge Eating Disorder

Non si conosce ancora la causa esatta del BED (binge Eating Disorder), anche perché è una patologia da poco individuata e studiata come categoria a sé stante (s...

News Letters

0
condivisioni