Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

PSICOLOGIA NEWS n.162 - 3.6.2004

on . Postato in News libri e riviste | Letto 263 volte

  • L'universo mentale "nazista"
  • I modelli della didattica
  • VIVERE FELICI. Felici si nasce o si diventa?
  • La socializzazione. Come si costruisce l'identità sociale
  • La dislessia. Quando un bambino non riesce a leggere: cosa fare, come aiutarlo
  • Emicrania e cefalea tensiva in età evolutiva
  • Sulla soglia. Preliminari nella clinica dei nuovi sintomi
  • Per una psicologia della pace. Nuove prospettive psicologiche per approcci integrati interdisciplinari
  • Derive del narcisismo. Psicoanalisi, psicosi, esistenza
  • I test psicologici. Per capire te stesso e gli altri
  • Capire chi ci sta di fronte
  • Psicologia delle folle
  • Non riesco a fare meno di...
  • L'amore possibile. Come i rapporti padre-figlia e madre-figlio possono inmfluenzare il nostro modo di vivere l'amore
  • La stima di sé. L'arte di amare e apprezzare se stessi per vivere meglio in mezzo agli altri

Nielsen Niels Peter
L'universo mentale "nazista"
2004, Collana: Psicoanalisi psicoterapia analitica, Pagine: 240, ISBN : 88-464-5468-5
Prezzo: € 20,50
Editore: Franco Angeli

Sappiamo che il nazionalsocialismo fu un fenomeno più insidioso di quanto si immagini comunemente, più accattivante, più plausibile. Sappiamo che le barriere fra "noi" e "loro" non sono tanto massicce quanto ci piacerebbe supporre. Sappiamo che esistono inquietanti parallelismi fra quei tempi e i nostri. Sappiamo dell'esistenza di una zona circoscritta di mortale spietatezza sepolta e dissociata in molte persone.
Se dal punto di vista storico si può forse reputare l'avvento del nazismo un fenomeno unico e irripetibile, questa valutazione non è altrettanto possibile sul versante psichico, se consideriamo "Hitler" come l'espressione di una condizione mentale esistente in molte persone.
Nel tentativo di affrontare, attraverso la competenza critica del metodo psicoanalitico, l'enigma di come una parte di un popolo di "poeti e pensatori" si sia trasformato in un popolo di "giudici e di boia", viene indicata una traiettoria di pensiero che, partendo da una forma di educazione alienante, prende in considerazione la violenza sottesa all'ubbidienza, la distorsione dell'identità, la complessa fenomenologia del mondo della menzogna, la corruttibilità del Super io, l'espansione dell'Ideale dell'Io. Ne deriva un'organizzazione psichica che dispone di una logica e di un sistema mentale doppi che si interseca con la negazione delle differenze e si dispiega nel diniego perverso della realtà dando luogo alla costellazione del mondo alla rovescia.
Sottolineando l'influenza di quest'ultima nell'ambito filosofico, sociale, politico e nel campo della letteratura e delle arti figurative viene proposta l'ipotesi dell' universo mentale nazista, una struttura in grado di autorizzare la violenza, senza che sia esperita come tale, ieri come forse oggi.

Niels Peter Nielsen è medico, specialista in psichiatra e in psicologia clinica, psicoanalista dell'IPA e della Società Psicoanalitica Italiana. Vive e lavora a Como operando nelle istituzioni come responsabile di strutture consultoriali e primario psichiatra. Docente della Scuola Italiana di Psicoanalisi di Gruppo (IIPG), è anche autore di numerosi saggi e di alcuni volumi tra cui ricordiamo L'atto di passaggio (1992), A favore di una certa anormalità (1993), Pillole o parole. Relazione verbale e rapporto psicofarmacologico (1998)

.

Massimo Baldacci (A cura di)
I modelli della didattica
2004, pagine: 184, ISBN 88-430-2979-7
Prezzo: € 16.90
Editore: Carocci

La diffusa domanda di formazione che caratterizza l´odierna "società della conoscenza" ha determinato un crescente bisogno di elevare la qualità delle pratiche di insegnamento, particolarmente in ambito scolastico, considerando la funzione nevralgica che questa istituzione educativa, pur con tutte le difficoltà in cui versa, continua a svolgere. In questo sfondo culturale, la didattica - disciplina chiamata a garantire tale qualità - si interroga, in particolare, sul rapporto tra senso dell´intervento educativo e tecniche di insegnamento. Mantenendo viva un´istanza antidogmatica capace di valorizzare differenti prospettive problematiche, il volume riflette sulla fondamentale questione del ruolo della didattica nella società contemporanea e ricostruisce nel contempo un quadro sistematico dei diversi modelli dell´insegnamento e delle loro dimensioni operative.

Massimo Baldacci. È ordinario di Pedagogia generale all´Università di Urbino. Tra le sue ultime pubblicazioni: La qualità della didattica nella scuola che cambia (Milano 2002), La didattica per moduli (Bari 2003).


Christophe André
VIVERE FELICI. Felici si nasce o si diventa?
2004, pagine: 288
Prezzo: € 15.00
Editore: Corbaccio

Mai come in questi ultimi tempi la felicità è stata oggetto di studi, analisi e riflessioni. Christophe André, medico psichiatra, affronta il tema da numerosi punti di vista, cercando di rispondere alle domande che tutti ci facciamo sulla felicità, senza sottrarsi all’analisi delle osservazioni anche più banali (ognuno di noi si è chiesto, almeno una volta, se il denaro dà la felicità, o se i belli sono più felici).
L’autore struttura il libro partendo da queste domande, che pone all’inizio di capitoli agili e veloci, e cerca di offrire soluzioni concrete e nello stesso tempo approfondite, grazie anche alle testimonianze dei suoi pazienti e a citazioni tratte dalla letteratura e dal cinema. Ci invita a una presa di coscienza aperta e positiva e a un allenamento costante che ci liberi da atteggiamenti rinunciatari o passivi, legati a una scarsa stima di sé o a ostacoli culturali, psicologici, sociologici; Perché se è vero che ci sono individui più portati di altri alla felicità, è però altrettanto vero che si può imparare a essere felici.
Christophe André è medico psichiatra all’ospedale Sainte-Anne a Parigi. I suoi libri hanno riscontrato enorme successo; Corbaccio ha pubblicato La stima di sé e La forza delle emozioni (entrambi scritti con François Lelord). André è anche co-autore di Comment gérer les personnalités difficiles e di La Peur des autres.

Christophe André è medico psichiatra all'ospedale Sainte-Anne a Parigi. I suoi libri hanno riscontrato enorme successo; Corbaccio ha pubblicato La stima si sé e La forza delle emozioni (entrambi scritti con François Lelord). André è anche co-autore di Comment gérer les peronnalités difficiles e di La Peur des autres.


Claude Dubar
La socializzazione. Come si costruisce l'identità sociale
2004, Universale Paperbacks, pagine: 216
Prezzo: € 11,00
Editore: Il Mulino

"Entrare in società" e trovarvi il "proprio posto".
La "crisi delle identità" di cui si parla comunemente rimanda alla confusione delle categorie utilizzate per definire se stessi e gli altri, alle nuove forme di esclusione sociale, alle difficoltà di inserimento professionale dei giovani. Per comprendere tali fenomeni occorre innanzitutto vedere come si costruiscono le identità sociali e come esse si riproducono attraverso i processi di socializzazione. Questo libro presenta un quadro dei diversi approcci al problema della socializzazione: la psicologia piagetiana e le sue derivazioni sociologiche, l'antropologia culturale e il funzionalismo, la prospettiva dell'incorporazione di habitus e quella della realtà come costruzione sociale. Particolare attenzione è riservata alla socializzazione professionale che oggi si protrae molto a lungo e tende a riproporsi più volte nell'arco di vita. Un ambito - quest'ultimo - su cui pesano le rilevanti trasformazioni che investono oggi il mondo del lavoro e che rendono assai delicata la formazione dell'identità.

Claude Dubar è docente di Sociologia nell'Università di Versailles. Tra le sue pubblicazioni ricordiamo: "Sociologie des professions" (Colin, 1998) e "La crise des identités" (Puf, 2000); in italiano: "Dentro le storie. Analizzare le interviste biografiche" (con D. Demazière, Cortina, 2000).


Giacomo Stella
La dislessia. Quando un bambino non riesce a leggere: cosa fare, come aiutarlo.
2004, Farsi un'idea, pagine: 136
Prezzo: € 8,00
Editore: Il Mulino

Perché alcuni bambini intelligenti come gli altri non riescono a leggere? Perché un atto che per quasi tutti è semplice e automatico può divenire per qualcuno così complicato se non addirittura impossibile? Come distinguere i sintomi di un vero e proprio disturbo della lettura dalla fisiologica difficoltà dell'imparare? La dislessia è una sindrome clinica che ostacola il normale processo di interpretazione dei segni grafici, e che affligge, se pur in diversa misura, circa il 3% della popolazione italiana. Se non riconosciuta essa può divenire la causa di dolorose frustrazioni e di gravi disagi psicologici. Ma con un intervento tempestivo basato su adeguati metodi rieducativi è possibile farcela: un adulto professionalmente realizzato può essere stato un bambino dislessico. Uno dei massimi esperti del problema, ci spiega cos'è la dislessia, come si manifesta e soprattutto come la si affronta: genitori, insegnanti, logopedisti possono, con un corretto approccio educativo e un efficace intervento riabilitativo, contribuire al recupero di questa disabilità.

Giacomo Stella insegna Psicologia clinica nell'Università di Urbino ed è il fondatore dell'Associazione italiana dislessia. Tra le sue pubblicazioni: "Sviluppo cognitivo" (Bruno Mondadori, 2001) e "Storie di dislessia" (Libri liberi, 2002).


Fondazione Pierfranco e Luisa Mariani ONLUS
Emicrania e cefalea tensiva in età evolutiva
2004, Collana: Neurologia infantile, Pagine: 240, ISBN : 88-464-5472-3
Prezzo: € 19,00
Editore: Franco Angeli

L'emicrania senza aura e la cefalea sono i più comuni tipi di cefalea idiopatica in età evolutiva. Sebbene la cefalea costituisca un'entità nosografica ben definita, in età pediatrica differisce in alcune caratteristiche da quella dell'adulto. Nel 1998 L'International Headache Society ha introdotto nuovi criteri diagnostici per le varie forme di cefalea nell'adulto: per i bambini di età inferiore a 15 anni i criteri sono stai in parte modificati. Nel teso sono presentati i criteri classificativi della cefalea, glia spetti eziopatogenetici e fisiopatologici, che nelle forme primarie riconoscono fattori sia centrali che periferici, in un'articolata interazione fra loro.
Viene inoltre preposto un iter diagnostico, con l'indicazione dei fattori predittivi di rischio delle forme secondarie. Un'ampia sezione viene infine dedicata agli aspetti terapeutici, con descrizione delle più recenti evidenze scientifiche in merito ai presidi farmacologici e non, sia per la cura, sia per la prevenzione.
Fra le metodologie alternative, la ricerca negli ultimi anni conferma anche l'efficacia di approcci terapeutici comportamentali, quali terapia di rilassamento e biofeedback.
Il volume si offre come un aiuto prezioso alla comprensione e al trattamento del complesso fenomeno del "mal di testa" nei bambini: un problema assai diffuso, con importanti implicazioni a livello di qualità della vita in ambito sia familiare, sia scolastico, che si chiarisce qui con il contributo dei più autorevoli autori in materia.


Lolli Franco
Sulla soglia. Preliminari nella clinica dei nuovi sintomi
2004, Collana: Jonas. Studi di psicoanalisi applicata, Pagine: 128, ISBN : 88-464-5470-7
Prezzo: € 13,00
Editore: Franco Angeli

L'applicazione della psicoanalisi al trattamento delle nuove forme del sintomo comporta l'incontro con una economia libidica soggettiva che ha fatto del rifiuto dello scambio con l'Altro il fulcro del proprio meccanismo di godimento.
Da un lato, dunque, la psicoanalisi pratica fondata sul potere della parola e del transfert, dall'altro il paziente, chiuso nella negazione di ogni dialettica con l'Altro.
Come rendere possibile questo incontro? Il trattamento preliminare costituisce il tempo in cui si può rendere possibile questo incontro. Si tratta di un tempo della cura su cui si sono interrogati ed hanno discusso psicoanalisti e psicoterapeuti dell'associazione Jonas recentemente intervenuti a Gubbio nell'ambito di un Seminario di studio sul tema. Questo testo raccoglie alcuni tra gli interventi più significativi.


Antonella Sapio
Per una psicologia della pace. Nuove prospettive psicologiche per approcci integrati interdisciplinari
2004, Collana: Serie di psicologia, Pagine: 944, ISBN : 88-464-5430-8
Prezzo: € 43,00
Editore: Franco Angeli

La psicologia della pace risulta materia disciplinare di recente istituzione nei curricola accademici statunitensi e ancora poco conosciuta in Europa.
La nascita ufficiale si può far risalire alla costituzione nel 1990 negli Usa della Pace Psicology come 48 Division of America Psicology Association ; attualmente la Peace Psicoloy è organizzata in diversi gruppi di lavoro e studio, attivi nel campo della ricerca scientifica e della formazione; presente in diverse università degli stati Uniti come materia di studio ben delineata, risulta tuttavia ancora di discussa attribuzione il campo epistemologico, per lo più comunque riferito agli orientamenti della psicologia sociale.
Per una psicologia della pace muove in parte dalla traduzione del testo statunitense di Christie, Peace, Conflict and Violence: Peace Psicology for the 21 st Centur , che rappresenta la prima pubblicazione organica sulla disciplina a livello internazionale e si configura come il primo testo in Europa sull'argomento. Prende le mosse dal testo statunitense per integrarlo poi con i contributi - appartenenti ad autori di chiara fama - delle teorie psicologiche più significative sul tema della pace, definita nella sua dimensione individuale, sociale e collettiva.

Antonella Sapio , medico, neuropsichiatria infantile e psicoterapeuta, è stata per diversi anni dirigente di servizi territoriali sociosanitari per l'età evolutiva. Docente di Psichiatria sociale dell'età evolutiva presso l'università di Napoli, si occupa di formazione in campo psicosociale e di training formativi alla non violenza e alla pace. Attualmente è docente di Psicologia sociale presso il corso di Laurea per Operatori per la pace dell'Università di Firenze e di Neuropsichiatria dell'Università di Urbino.


De Risio Sergio
Derive del narcisismo. Psicoanalisi, psicosi, esistenza
2004, Collana: Serie di psicologia, Pagine: 136
Prezzo: € 18,00
Editore: Franco Angeli

Il narcisismo costituisce uno dei concetti cardinali su cui si regge l'intera costruzione della psicoanalisi.
In modo esplicito o implicito nessuna "versione" della concezione psicoanalitica del mondo della mente può fare a meno di farvi ricorso.
Il ruolo che il concetto di narcisismo riveste nella teoria della mente è analogo al ruolo che il concetto di energia riveste in fisica. È una specie di "dato" postulato a partire da una empiria elementare di quegli stessi fenomeni che poi permette di vedere in una luce più specifica e più netta. Partire dal "narcisismo primario" e un po' come partire dal postulato che il punto (.) sia zero dimensionale. Della assunzione del punto zero dimensionale, è conseguenza una concezione dello spazio fisico che si dispiega attraverso dimensioni chiamate geometrie. Della assunzione di un punto d'investimento primariamente narcisistico è conseguenza una concezione dello spazio mentale nei suoi aspetti consci ed inconsci, che getta luce su aspetti più o meno normali della psichicità, come su alcune sue declinazioni decisamente patologiche, responsabili di specifici disturbi.
La psicoanalisi ha fornito numerosi contributi a un chiarimento del ruolo del narcisismo in una serie di condizioni patologiche di rilievo (disturbi narcisistici di personalità, stati psicotici dissociativi, stati deliranti, disturbi dell'umore soprattutto nelle espressioni che attraversano il pensiero in senso megalomanico o, al contrario, di immiserimento). La presenza quasi muta ma consistente dell'investimento narcisistico nella incessante costruzione della cosiddetta "vita quotidiana" è stata complessivamente meno esplorata. Questo libro corrisponde a un tentativo minimale di individuare una "psicopatologia della vita quotidiana" che includa l'esperienza psicotica.

Sergio De Risio è nato a Scerni (CH) nel 1945. È diventato psicoanalista e professore di Psichiatria, ruolo ricoperto prima a Chieti e infine a Roma presso l'Università Cattolica. All'attività clinica e di ricerca appaia un interesse vivo per la letteratura, segnatamente quella espressa in poesia.


Lorenza Armano
I test psicologici. Per capire te stesso e gli altri
Categoria: Test psicologici, Pagine: 280
Prezzo: € 15,00
Editore: De Vecchi

I test per conoscere se stessi, la propria personalità e il proprio carattere, per misurare l'intelligenza, la flessibilità mentale, lacultura, il vocabolario.
I test per conoscere i bambini, interpretandone il carattere attraverso la scrittura e i gesti
I test della personalità: siete ottimisti o pessimisti? Riflessivi o impulsivi? Sapete utilizzare il vostro tempo? Com'è il vostro rapporto con il denaro? Siete gelosi? Siete fedeli o infedeli? Il vostro matrimonio funziona?
I test del lavoro e della carriera: siete capaci di risolvere i problemi? Siete corruttibili o integerrimi? Riuscireste come imprenditori?
Un libro che oltre a mettervi in condizione di affrontare con maggiore serenità una prova di selezione, vi consentirà di comprendere quale è il settore professionale più adatto alle vostre capacità, di misurare consapevolmente la vostra capacità di comunicare, di negoziare, di decidere, di creare, di dirigere, di lavorare con gli altri...

Lorenza Armano, psicologa del lavoro, opera da diversi anni come consulente di direzione aziendale. In particolare cura l'attuazione di interventi nel campo della selezione del personale. Si è specializzata in sviluppo organizzativo delle risorse umane e orientamento professionale.


C. C. Cucchi - M. Grassi
Capire chi ci sta di fronte
Categoria: Psiche, Pagine: 168
Prezzo: € 9,80
Editore: De Vecchi

Quante volte parliamo con qualcuno che vogliamo convincere, cui vogliamo risultare simpatici, ma non sappaimo chi è veramente, come ragiona, come reagisce alle nostre parole...!
È grande il problema che viviamo ogni giorno sul lavoro, a scuola, nelle relazioni sociali e persino con gli amici o con i familiari.
Per comunicare con successo non occorre essere psicologi, ma è necessario conoscere l'interlocutore, capirlo, intenderne i gesti, le espressioni.
Insomma, occorre saper ascoltare, vedere, "sentire" gli altri. Difficile? Meno di quanto pensiate: qui ci sono esercizi, test, esempi pratici che vi insegnano a sviluppare questa capacità.
Dovete cominciare proprio da voi stessi; imparate ad ascoltarvi, a comprendere e poi a evitare i vostri errori, per arrivare a trasformare l'ascolto distratto in ascolto "empatico", per riuscire a far sentire gli altri a proprio agio e soddisfatti di sé quando sono con voi.

Carla Curina Cucchi si è specializzata negli Stati Uniti nello studio della struttura del comportamento umano attraverso la programmazione neurolinguistica con approccio sistematico. Giornalista, ha collaborato con testate italiane, americane e francesi. Da alcuni anni è consulente di aziende multinazionali nell'area della struttura della comunicazione.
Maurizio Grassi, laureato in sociologia e specializzato in psicologia del lavoro e dell'organizzazione, opera nell'ambito della consulenza aziendale dal 1985 con particolare riferimentoalle tematiche di gestione e sviluppo delle risorse umane. È autore di diversi articoli di management su riviste del settore.


Gustave Le Bon
Psicologia delle folle
2004, pagine: 254, ISBN 88-502-0624-0
Prezzo: € 8,00
Editore: TEA

«I veri sconvolgimenti storici non sono quelli che ci empiono di stupore per la loro vastità o violenza. I soli cambiamenti importanti – quelli che consentono il rinnovarsi delle civiltà – avvengono nelle opinioni, nei concetti e nelle credenze… Mentre le antiche credenze barcollano e spariscono, e le vetuste colonne della società si schiantano a una a una, la potenza delle folle è la sola che non subisca minacce e che veda crescere di continuo il suo prestigio. L’età che inizia sarà veramente l’era delle folle… La conoscenza della psicologia delle folle costituisce la grande risorsa dell’uomo di Stato che voglia non dico governarle (cosa divenuta ormai ben difficile), ma almeno non essere da esse interamente governato.» Pubblicato per la prima volta a Parigi nel 1895, Psicologia delle folle seppe cogliere i primi segnali dell’entrata in scena di un nuovo attore sociale: la folla, soggetto e oggetto di un nuovo operare politico. Degradato a manuale precettistico, fu opera di riferimento per dittatori e aspiranti dittatori degli anni Venti del secolo scorso. Ma nelle sue parti più vitali, nelle sue numerose intuizioni, in certo suo profetismo, questo libro inaugura l’epoca di una nuova consapevolezza dell’uomo.

Gustave Le Bon (1842-1931) fu un'eclettica personalità fra Otto e Novecento. Si interessò dapprima di fisiologia e di anatomia, passando poi a occuparsi di archeologia e antropologia, per concludere i suoi studi con la sociologia e la psicologia.


Alain Sauteraud
Non riesco a fare meno di...
2004, pagine: 296, ISBN 88-502-0453-1
Prezzo: € 8,50
Editore: TEA

Avete l’impressione bizzarra e penosa che la stretta di mano che vi è stata data vi abbia sporcato; l’avete già «ripulita» più volte ma vi sembra che non basti. Siete usciti di casa e avete chiuso la porta «come sempre», ma vi viene in mente che potreste non averla chiusa a chiave; vi ripetete che è assurdo, che non è grave, e però questo pensiero vi tormenta fino a distrarvi da tutto il resto. E il gas? L’avrete chiuso correttamente? Avete controllato dieci volte prima di uscire, ma non riuscite a tranquillizzarvi. Questo genere di ossessioni (manie o fissazioni) o compulsioni (atti ripetitivi o cerimoniali), che caratterizzano il cosiddetto disturbo ossessivo-compulsivo (DOC), sono sempre più diffusi. Soltanto in Italia, si stima che ne soffra oltre un milione di persone, tra cui anche molti bambini e adolescenti. Questa guida seria ed esauriente è stata scritta per loro. È un ottimo «manuale di servizio» per capire tale disturbo, e affrontare da sé la propria sofferenza. Un libro che interroga e informa, che segnala le emergenze del disturbo, sollecita ad agire senza perdere tempo, a rallegrarsi dei miglioramenti e a guardarsi dai peggioramenti.

Alain Sauteraud, psichiatra francese, è specializzato nel trattamento del disturbo ossessivo-compulsivo. È stato direttore della clinica universitaria di Bordeaux, dove ha anche uno studio.


Guy Corneau
L'amore possibile. Come i rapporti padre-figlia e madre-figlio possono inmfluenzare il nostro modo di vivere l'amore
2004, pagine: 296, ISBN 88-502-0646-1
Prezzo: € 8,00
Editore: TEA

I rapporti che abbiamo stabilito nell’infanzia con i nostri genitori possono condizionare in maniera decisiva le nostre scelte affettive in età adulta, fino a diventare modelli da ripetere nelle nostre relazioni amorose. Ma il più delle volte tali meccanismi di origine famigliare finiscono col complicare ulteriormente la già complessa vita a due. Ma è possibile, allora, l’amore sereno, equilibrato e felice? Guy Corneau, psicanalista di formazione junghiana, è convinto di sì, ma a condizione d’imparare ad affrontare gli inevitabili conflitti tra partner quali altrettante occasioni per prendere coscienza delle proprie ferite e per cercare di guarirle. Soltanto la comprensione del passato, infatti, ci permette di superare le insicurezze e i problemi che tanto spesso rovinano le nostre relazioni di coppia.

Guy Corneau è uno psicanalista di formazione junghiana. Lavora in Quebec e tiene molte conferenze sulla coppia e sui rapporti familiari in Francia e nel resto del mondo.


Christophe André
La stima di sé. L'arte di amare e apprezzare se stessi per vivere meglio in mezzo agli altri
2004, pagine: 296, ISBN 88-502-0623-2
Prezzo: € 8,00
Editore: TEA

Guidandoci con pragmatismo e intelligenza in un attento riesame dei modi con i quali valutiamo i nostri risultati, la nostra «riuscita», André e Lelord c’insegnano come sviluppare e accrescere l’amor proprio, la nostra visione personale e la fiducia in noi stessi su cui si fonda la stima di sé. E nell’aiutarci a fare un bilancio personale, ci spiegano anche, con molta chiarezza, come coltivare l’autostima nei nostri figli, da piccoli e durante l’adolescenza. Il best seller dei due psicologi francesi che hanno ridefinito il concetto di autostima come passaporto per il benessere.

Christophe André e François Lelord sono psichiatri e psicoterapeuti ed esercitano la professione anche come consulenti d'azienda.


Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

cambio generazionale (15083266…

Anna, 50     Buongiorno, ringrazio in anticipo chi potrà aiutarmi ad affrontare il mio problema. Ho 50 anni e da 30 lavoro nell'azienda di famig...

sig (1509381564901)

Antony, 50     Da 5 anni, più o meno nel periodo tra ottobre e gennaio, mia moglie, 48 anni, è come se cambiasse personalità. ...

Fobia di non riuscire a tratte…

Marco989898, 14     Il mio problema è che ho la continua ossessione di andare in bagno e anche se all'inizio sembrerà  una cosa stupida, son...

Area Professionale

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

La Certificazione Psicologica:…

Nella pratica clinica è possibile trovarsi di fronte ad una specifica richiesta, da parte del paziente/cliente, di una Certificazione che attesti, sia dal punto...

Le parole della Psicologia

Agnosia

L'agnosia (dal greco a-gnosis, "non conoscere") è un disturbo della percezione caratterizzato dal mancato riconoscimento di oggetti, persone, suoni, form...

Sessualità

La sessualità può essere intesa come l’espressione fondamentale dell’essere umano che coinvolge tutti gli aspetti della sua personalità: razionalità, affettivit...

Aerofobia

Con il termine aerofobia (o aviofobia) viene definita la paura di volare in aereo per via di uno stato d'ansia a livelli significativi. È definita come una pau...

News Letters