Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

PSICOLOGIA NEWS n.175 - 23.9.2004

on . Postato in News libri e riviste | Letto 211 volte

  • La persona con demenza. Approcci psicologici centrati sulla persona
  • Le favole che fanno crescere - Vol. 1
  • L’uomo scimmia. Implicazioni psicologiche animali e comparate
  • Insonnia - Guida alla valutazione e all’intervento psicologico
  • Psicologia del consumatore. Consumi e costruzione del significato
  • Il bambino a rischio autistico
  • Il girasole e l’ombra. Intimità e solitudine del bambino nella cultura del clamore
  • Riposar giocando a scuola. Enigmistica facile per apprendere storia, geografia, italiano
  • La scienza come gioco. Capire la realtà divertendosi
  • Le aquile sono nate per volare. Il genio creativo nei bambini dislessici
  • Ascoltare e parlare. Manuale di comunicazione assertiva

Ian Morton
La persona con demenza. Approcci psicologici centrati sulla persona
2004, pagine: 160, ISBN 88-7946-645-3
Prezzo: € 17,50
Editore: Erickson

Lo sviluppo di un approccio «centrato sulla persona» nell’assistenza alla demenza si sta affermando sempre più: se, infatti, da una parte si è verificato un aumento consistente delle persone colpite da demenza, dall’altra è cresciuto anche l’interesse dell’opinione pubblica per un approccio che sia più attento alle singole esigenze del paziente.
Questo volume ripercorre le teorie e le esperienze cliniche nell’ambito dell’assistenza delle persone con demenza che fanno riferimento all’approccio centrato sulla persona elaborato da Rogers. L’autore analizza in modo approfondito tutti i più importanti approcci psicologici alla cura della persona con demenza: dalla Validation Therapy alla Resolution Therapy alla Preterapia di Prouty, fino all’esperienza del Gruppo di demenza di Bradford.
Testo unico nel panorama editoriale italiano, il volume si propone di andare al di là di una visione medica tradizionale che vede la malattia come un insieme di sintomi, cercando invece di recuperare la realtà soggettiva della persona.

 

Barbara Colombo, Rosa Angela Fabio e Luciana Saur
Le favole che fanno crescere - Vol. 1
Superare paure e difficoltà, accettare consigli e critiche
2004, pagine: 180, ISBN 88-7946-637-2
Prezzo: € 14,90
Editore: Erickson

Un semino che ha paura di germogliare e diventare pianta; due gemelle che vogliono realizzare il loro sogno; un bambino che non sa ascoltare; un giovane panettiere che parte alla ricerca di una principessa; un coniglietto timido e insicuro. Sono questi i protagonisti del primo volume di Le favole che fanno crescere, una raccolta di racconti divertenti e poetici, che mescolano le atmosfere classiche delle favole dei fratelli Grimm all’ironia di quelle più recenti; e così, vicino a vecchine che sembrano streghe, a folletti e a campi fatati vediamo comparire marmotte che parlano e scoiattoli che si lamentano di aver perso la coda.
I temi affrontati sono alcuni dei momenti cruciali nella crescita di un bambino: dalla paura di diventare grande alla voglia di realizzare i propri sogni, dal ricevere e fare critiche alla capacità di affrontare gli ostacoli, fino a imparare ad ascoltare.
Obiettivo delle fiabe è quello di portare il bambino a identificarsi con il personaggio principale per imparare a risolvere i problemi più comuni e ad affrontare le situazioni difficili in modo positivo.
Un libro importante per aiutare tutti i bambini, non solo i più fragili, a imparare ad affrontare la vita e i problemi che si possono incontrare con serenità e fiducia in se stessi.


Angelo Tartabini
L’uomo scimmia. Implicazioni psicologiche animali e comparate
2004, collana: Psicologia, pagine: 210
Prezzo: € 19.00
Editore: McGraw-Hill

Lo stretto legame tra l’uomo e le scimmie non è il risultato di un capriccioso punto di vista, ma è un dato biologico, psicologico ed evoluzionistico oggettivo e scientificamente provato. Chi ha sempre sostenuto la centralità dell’uomo e la sua elezione nel mondo, deve rivedere le sue posizioni.
Con questo libro si vuole pacatamente riflettere sul fatto che avere dei "nobili sentimenti" dovrebbe voler anche dire avere rispetto verso il mondo degli altri, soprattutto verso le specie a noi più prossime insieme ai loro ambienti naturali. La coscienza, la cultura, l'investimento parentale, la rivalità tra figli e genitori, la società organizzata e gerarchicamente strutturata, caratterizzano l’uomo quanto le scimmie.
È dal confronto comportamentale e psicologico che possiamo capire l’origine di tanti mali che affliggono la nostra società e i lati oscuri delle nostre emozioni e dei nostri sentimenti: la disuguaglianza sociale, il tribalismo negativo, la discriminazione razziale, la tirannia, il fanatismo religioso e l'aggressività tra i popoli. Invece, continuiamo a inveire contro le scimmie usandole come se fossero dei passatempi o sfruttandole come cavie da laboratorio, danneggiando noi stessi e rischiando di recidere l’unico legame che ancora ci resta con il passato.
Certo, uno scimpanzé non riuscirà mai a scrivere la Divina Commedia o a costruire il Partenone di Atene, ma se consideriamo l’uso che noi uomini moderni abbiamo fatto di questi gioielli d'arte e gli insegnamenti tratti, forse sarebbe stato meglio non avanzare tante pretese di superiorità rispetto al Mondo degli Animali, soprattutto a quello delle nostre cugine più prossime, le scimmie, appunto.

Angelo Tartabini insegna Psicologia evoluzionistica presso l’Università degli Studi di Parma.


Charles M. Morin, Colin A. Espie
Insonnia - Guida alla valutazione e all’intervento psicologico
2004, collana: Psicologia, pagine: 220
Prezzo: € 26.00
Editore: McGraw-Hill

Un terzo della nostra vita, in media più di venticinque anni, vengono trascorsi dormendo. Più di sei anni li trascorriamo sognando.
Si tratta di una parte straordinariamente importante della nostra esistenza, più lunga della nostra intera attività lavorativa. Per alcuni rappresenta la parte migliore della propria permanenza su questa Terra, per altri una insopportabile perdita di tempo contro cui lottano con caffè, stimolanti e ogni sorta di alchimie chimiche o comportamentali. Per chi soffre di insonnia le lunghe ore passate a dibattersi nel letto possono essere un vero inferno e condizionare pesantemente la vita diurna, l’umore, il rendimento, le relazioni sociali. Le turbe del sonno possono essere causa ed effetto di disturbi che coinvolgono tutto l’organismo. Solo la conoscenza del paziente e della natura del suo disturbo consentono un adeguato trattamento che non può limitarsi a una generica e acritica prescrizione di sonniferi.
Dalla tradizione comportamentale e cognitiva sono scaturite molte proposte utili, spesso determinanti, per valutare, comprendere e superare l’insonnia.
Il manuale di Colin A. Espie e Charles M. Morin è indirizzato agli psicologi, ai medici e a tutti coloro che operano nelle professioni sanitarie e desiderano sviluppare competenze specifiche nella valutazione e trattamento dell’insonnia, con l’obiettivo di fornire un programma attuabile efficacemente in varie situazioni cliniche. Il volume è corredato in appendice da un utile repertorio di strumenti, riproducibili secondo necessità, come scale di valutazione, esempi di sessioni terapeutiche, resoconti dei pazienti e fogli di lavoro.

Dott. Davide Coradeschi: Psicologo, IPSICO - Istituto di Psicologia e Psicoterapia Comportamentale e Cognitiva, Firenze. Dottore di Ricerca in Psicologia Sociale e della Personalità - Università degli Studi di Padova.
Prof. Claudio Sica: Docente di Psicologia della Personalità, Ricercatore in Psicologia Clinica - Università degli Studi di Parma.



Giovanni Siri (a cura di)
Psicologia del consumatore. Consumi e costruzione del significato
2004, collana: Psicologia, pagine: 355
Prezzo: € 27,50
Editore: McGraw-Hill

Per strano che possa sembrare, delle cose più familiari sappiamo meno delle altre. Ciò in cui viviamo, la nostra quotidianità, raramente è oggetto di documentazione, riflessione, ricerca: tutt’al più di polemica a partire da convinzioni tanto certe quanto superficiali. Per i consumi accade lo stesso: la familiarità con il nostro ruolo di consumatori (che vive non solo quando andiamo ad acquistare, ma anche quando veniamo interpellati dalla pubblicità, quando usiamo i servizi, quando consumiamo tempo libero e vacanze o cinema o TV...) inibisce la nostra voglia e lo sforzo di appropriarci criticamente di questa importante sfera di esperienza.
Questo volume, facendo tesoro della importanza della psicologia dei consumi in altre culture e mercati, nasce per sollecitare il sospetto di quanto sia importante e stimolante uscire dall’"ovvietà familiare" per cercare di capire "scientificamente" la complessità e ricchezza di processi che stanno dietro desideri, sogni e azioni legati al mondo del consumo.
Capire come funziona la "mente consumista", cosa fa sì che la pubblicità ci persuada, in che modo i consumi influenzano la nostra personalità, come si può fare ricerca "scientifica" sul consumatore... questi e altri i temi affrontati nel volume sempre con l’intento di partire dalle esperienze reali per guardarle da studioso e ricercatore all’inseguimento di chiarezza concettuale e di risorse di metodo per osservare e capire sempre meglio.

Giovanni Siri attualmente insegna Psicologia della Personalità e Psicologia dei Consumi presso la Libera Università IULM di Milano.


AA.VV. a cura di Pierre Delion
Il bambino a rischio autistico
2004, Collana Sentieri della mente, Pagine: 124
Prezzo: € 14.00
Editore: Pendragon

L’autismo è patologia neuropsichiatrica che riduce le capacità sociali, comunicative e cognitive del bambino e che già dai primi anni di vita può comprometterne il processo evolutivo. È quindi fondamentale poter individuare il problema fin dai suoi primi segnali, per indirizzare bambini e famiglie verso figure competenti - operatori scolastici e socio-sanitari - offrendo un sostegno pratico e psicologico alle famiglie.
Questa condizione altamente problematica "affascina" da sempre chi l’avvicina: quale può essere il vissuto dei bambini autistici? Quali sono i dispositivi di cura cui i genitori possono ricorrere? Il saggio che proponiamo offre la possibilità di approfondire questioni scientifiche ed etiche non certo tra le più semplici.


AA.VV. a cura di Guido Crocetti
Il girasole e l’ombra. Intimità e solitudine del bambino nella cultura del clamore
2004, Collana Sentieri della mente, Pagine: 128
Prezzo: € 13.00
Editore: Pendragon

La rappresentazione simbolica dell’infanzia diffusa dai mezzi di comunicazione ripete lo stesso inquietante messaggio: da una parte la società adulta cura amorevolmente il bambino, ne soddisfa i bisogni, dall’altra lo brutalizza, lo offende nei suoi diritti fondamentali. Quando l’intimità dell’infanzia viene negata, il senso di appartenenza ad un contesto umano, affettivo e culturale è compromesso e, in una società in cui il pubblico invade il privato, i bambini rischiano di diventare vittime passive di una cultura seduttiva che li fa consumatori di prodotti preconfezionati da adulti interessati e distratti: nel rumore del nostro tempo, occorre riscoprire la sensibilità, il godimento del gioco e tutte le potenzialità innovative proprie dell’infanzia.


L. Fabi Schlinger
Riposar giocando a scuola. Enigmistica facile per apprendere storia, geografia, italiano
2004, Collana: p come gioco...strumenti, Pagine: 52
Prezzo: € 12,00
Editore: La Meridiana

Questo libro è meno serio di quel che pare. Certo, contiene molte cose serie, un tentativo di mescolare competenze, discipline, generi, tecniche e strumenti di diverso livello. Ma il tutto in una chiave ironica, spesso evidente e talvolta no (non dice mai: "scherzavo"). Questo libro è più serio di quanto pare. Più tradizionale se si vuole, in esso il gioco è un gioco "a scuola", non rompe gli schemi, sta nel meccanismo tradizionale dell'apprendimento e della valutazione, contiene nozioni (e soprattutto stimoli all'esercitazione) di arte, musica, storia, geografia, letteratura e scienze. Destinato agli studenti di scuola media, inferiore e superiore, questo libro è una vera miniera inesauribile di suggerimenti, giochi, esercizi, pronto per essere sfornato, utilizzabile subito e dovunque. Insomma serve, diverte e fa pensare.
Lucius F. Schlinger, dopo la laurea ad Urbino sulle teorie musicali dei romantici tedeschi, negli anni '70 scrive per l'Unità e pubblica racconti con Regione Letteraria e le Edizioni Posterula di Urbino, interviene in vari scritti e trasmissioni radio e televisive contro la superstizione, pubblica versi con DP Marche, ENTeL MCL, Il Grillo. Ora collabora per la divulgazione scientifica a Punto d'incontro. Spesso segnalato nei giochi della rivista Il Racconto (Crocetti), ha pubblicato prose su Achab e molte brevi note su Avvenimenti in gioco. Scrive anche opere di teatro e racconti, alcuni usciti su Futuro Europa. Dacia Maraini ha letto per la RAI-TV dei versi suoi in seguito pubblicati da Capriccio di Strauss. Entro qualche millennio diverrà anche lui noto all'Universo e... in altri siti.


Silvano Fuso
La scienza come gioco. Capire la realtà divertendosi
2004, Pagine: 52
Prezzo: € 12,00
Editore: La Meridiana

Per i ragazzi (ma non solo per loro) il gioco rappresenta un mezzo fondamentale per divertirsi e, al tempo stesso, comprendere la realtà circostante. Ma allora una delle attività umane che più di ogni altra assomiglia al gioco è proprio la scienza. I veri scienziati svolgono le loro ricerche divertendosi e, al tempo stesso, indagando e comprendendo la realtà. Questo volume dimostra che la scienza può essere divertente. Attraverso la descrizione di fenomeni singolari e la realizzazione di semplici congegni, ottenuti con materiali facilmente reperibili, i lettori saranno coinvolti nell'affascinante gioco di scoprire la realtà. Una realtà che spesso crediamo di conoscere ma che risulta, a un esame più approfondito, sempre più complessa e interessante di quanto pensiamo secondo il cosiddetto senso comune. Lo scopo di tutto questo? Far capire ai ragazzi che l'atteggiamento giusto verso la scienza non è né quello di cieco fideismo né quello di irrazionale diffidenza e paura. Più che un insieme di conoscenze, infatti, la scienza resta un avvincente modo per perlustrare la realtà, superando le singole opinioni individuali.

Silvano Fuso, dottore di ricerca in scienze chimiche, è docente di chimica in un liceo genovese. Si occupa di didattica e divulgazione scientifica. Collabora con diverse riviste e siti internet e ha pubblicato diversi libri di testo e di divulgazione. È coordinatore del Gruppo-Scuola del CICAP (Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sul Paranormale) e segretario del CICAP-Liguria.


Rossella Grenci
Le aquile sono nate per volare. Il genio creativo nei bambini dislessici
2004, Collana: partenze, Pagine: 116
Prezzo: € 14,00
Editore: La Meridiana

Cos’ha in comune Leonardo da Vinci con Steven Spielberg, oppure Agatha Christie con John Lennon? La loro dislessia. Anzi, la tenacia con la quale sono riusciti a sprigionare tutte le potenzialità creative della loro dislessia. Anche le più recenti ricerche offrono una lettura inedita della dislessia, secondo le quali, con un approccio adeguato, questo disturbo può divenire straordinaria condizione per lo sviluppo del genio creativo. Questo libro, contiene un’agile ma completa rassegna delle riflessioni sul fenomeno della dislessia e propone un inedito approccio positivo, di tipo multisensoriale, al bambino dislessico valido sia in ambito pedagogico che riabilitativo. Non solo. A chi opera con i bambini dislessici, questo volume offre una guida con numerosi suggerimenti pratici per stimolarne le abilità. Mentre, a tutti gli scettici dedica la sorprendente galleria delle biografie di personalità illustri del passato e del presente, ritenute o accertate come dislessiche.

Rossella Grenci, logopedista presso l'Azienda Ospedaliera San Carlo di Potenza, è docente presso il Corso di Laurea di Logopedia dell'Università Cattolica di Roma, sede di Potenza. Ha già pubblicato diversi lavori sulla dislessia.


P. Marcato , G. Alfieri , L. Musumeci
Ascoltare e parlare. Manuale di comunicazione assertiva
2004, Collana: p come gioco, Pagine: 104
Prezzo: € 15,00
Editore: La Meridiana

Finti coniugi in finti tribunali, rissose tribune sportive del lunedì, del martedì, del mercoledì, grotteschi talk show...la comunicazione di massa mette continuamente in scena un teatro in cui il dibattito è solo un pretesto per monologhi con lo scopo di vincere sull’altro. Assertività si confonde con aggressività non perché fa rima ma perché nella nostra testa, in fondo, comunicare è equivalente ad annichilire l’interlocutore, spesso ridotto ad avversario. Abbiamo perso il piacere di conversare e dibattere. Il piacere di convincere. Ossia, di costringere il nostro interlocutore ad ammettere che l’altra tesi è migliore. E di agire la temibile arma della seduzione cognitiva. Ci sono molti volumi che parlano di tecniche di ascolto attivo; molti di più che parlano di comunicazione e di assertività; molti di meno che parlano di tutt’e tre assieme. Questo volume raduna quelle tre categorie sviluppando, in forma semplice e immediata, un percorso di apprendimento di capacità concrete legate alle dimensioni dell’ascolto attivo e della comunicazione assertiva, grazie anche a uno stimolante apparato di giochi e suggerimenti tecnici. Tutto ruota attorno a due contenuti centrali. La sequenza ascoltare-parlare, perché per convincere chi ci ascolta (l’uditorio e fors’anche il nostro interlocutore) abbiamo bisogno di capirne le ragioni. E poi il gioco, perché attraverso questa modalità si riscopre il gusto della conversazione e la comunicazione diventa quindi socialità e conoscenza.

Paolo Marcato è consulente in interventi organizzativi e formativi, specialista nella progettazione e gestione di attività di gioco e simulazione nelle attività di formazione ed educazione degli adulti. E' tra i fondatori della SIGIS (Società Italiana dei Giochi di Simulazione). E' partner di AGIO sas (Atelier dei giochi di simulazione) con sede a Genova e Roma e di GO, Giochi e Organizzazioni, con sede a Roma e Venezia.
Giovanna Alfieri, psicologa, psicoterapeuta, analista transazionale, vive e lavora a Roma. E' membro dell'European Association of Transactional Analysis e della Società Italiana di Analisi Transazionale. E' formatrice presso diversi istituti e società e svolge attività clinica privata. E' docente e membro dello staff di progetto del Master in Gestione e Risorse Umane e Organizazione dell'I.F.R.E.P. Organizzazioni
Luciana Musumeci, psicologa clinica, psicoterapeuta e specializzata in criminologia clinica, si occupa dello sviluppo del gioco negli interventi organizzativi. Da diversi anni alterna alla pratica clinica attività di progettazione e gestione di percorsi formativi. E' partner di AGIO sas e di GO, Giochi e Organizzazioni.

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

ansia (1510264195644)

Vanessa, 44     Ciao. Sono una donna single, innamorata dei viaggi. ...

Credo che al mio ragazzo inte…

Flavia, 23     Salve, sono una ragazza di 23 anni. Per cinque mesi sono stata con un ragazzo che ho lasciato nei giorni scorsi. ...

Depressione a causa di una rag…

Pasq, 25     Sono un ragazzo di 25 anni, 1 anno fa conobbi una ragazza, e subito abbiamo stretto amicizia e siamo diventati molto amici. ...

Area Professionale

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Le parole della Psicologia

Malaxofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata dei giochi amorosi. E’ conosciuta anche come sarmasofobia, usata dai greci. ...

Afasia

L’afasia è un disturbo della formulazione e della comprensione di messaggi linguistici, che consegue a lesioni focali cerebrali, in persone che avevano in pre...

Il linguaggio

L’uomo comunica sia verbalmente che attraverso il non verbale. Il processo del linguaggio ha suscitato da sempre l’interesse degli studiosi essendo essa una car...

News Letters