Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

PSICOLOGIA NEWS n.191 - 20.1.2005

0
condivisioni

on . Postato in News libri e riviste | Letto 501 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
  • Criteri di valutazione nell’abuso all’infanzia - Elementi clinici e forensi 2/ed
  • Un modo nuovo di pregare
  • Role playing, autocasi ed esercitazioni psicosociali. Come insegnare comportamenti interpersonali

Ernesto Caffo, Giovanni Battista Camerini, Giuliana Florit
Criteri di valutazione nell’abuso all’infanzia - Elementi clinici e forensi 2/ed
2004, pagine: 440
Prezzo: € 30,00,
Editore: McGraw-Hill

Alla riscoperta dei fenomeni di abuso e di maltrattamento all’infanzia, avvenuta nella seconda metà del XX secolo, sono seguite diverse fasi, legate dapprima a una diffusione delle notizie e delle conoscenze, poi al loro consolidamento e al tentativo di passare da una visione emotiva e "impressionistica", necessaria per accrescere la sensibilità sociale su questi temi, a una comprensione più allargata e approfondita del problema, in senso sia culturale, sia clinico e psicosociale. Al consolidamento, infatti, si associa il rischio di una reificazione dei processi di conoscenza, sino alla possibilità che l’abuso all’infanzia divenga un costrutto rigido elevato a "verità" sociale dotata di presupposti e di caratteristiche date per scontate e facilmente riconoscibili.
È sulla base di queste riflessioni che gli Autori hanno deciso di proporre, dopo soli due anni, la seconda edizione di "Criteri di valutazione nell’abuso all’infanzia", curata all’insegna di due esigenze egualmente fondamentali.
Da una parte, la necessità di affrontare l’argomento dell’abuso all’infanzia cercando di fondare le osservazioni e l’assessment su dati precisi e criteri coerenti, scaturiti da ricerche effettuate sul campo. Sotto questo profilo, il paradigma scientifico della psicopatologia dello sviluppo si è rivelato il più utile per analizzare e interpretare tutte le complesse implicazioni psicologiche, neurobiologiche, sociali e psicopatologiche legate all’abuso e alla trascuratezza, consentendo di abbandonare le interpretazioni cliniche e sociali troppo lineari e semplicistiche a favore di un approccio integrato e multidimensionale, identificando e pesando i fattori di rischio e protettivi più significativi.
La seconda esigenza investe, invece, l’ambito giuridico e sociale. La crescente enfasi posta sul fenomeno dell’abuso all’infanzia, con particolare riferimento all’abuso sessuale, ha fatto scaturire il bisogno di aggiornare il volume con approfondimenti riguardanti la psicologia della testimonianza e la valutazione psicopatologico-forense dell’abuso fisico e sessuale, accompagnati da una revisione delle più recenti evoluzioni della legislazione penale e civile riguardante l’abuso sui minori e la loro tutela, alla luce delle recenti evoluzioni culturali e giuridiche.
Completa il volume il testo definitivo delle "Linee guida: procedure operative" in materia di abusi in età evolutiva approvate nell’ottobre 2002 dalla SINPIA.

Ernesto Caffo è Professore Ordinario di Neuropsichiatria Infantile presso l’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia; Presidente dell’ESCAP (European Society for Child and Adolescent Psychiatry); Vicepresidente della IACAPAP (International Association for Child and Adolescent Psychiatry and Allied Professions); Vicepresidente della Fondazione Child per lo Studio e la Ricerca sull’Infanzia e l’Adolescenza; Vicepresidente della SINPIA (Società Italiana di Neuropsichiatria Infantile); Presidente della Fondazione Childrenfirst (riconosciuta nello Stato di New York, USA); Fondatore e Presidente dell’Ente Morale S.O.S. “Il Telefono Azzurro”; Presidente del Comitato scientifico del “Tetto Azzurro” di Roma; Direttore del Master (II livello) “Esperto nella valutazione, nella diagnosi e nell’intervento in situazioni di abuso all’infanzia e all’adolescenza” dell’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia; Componente dell’Osservatorio Nazionale sull’Infanzia presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri.
Giovanni Battista Camerini è Specialista in Neuropsichiatria Infantile e in Psichiatria; psicoterapeuta; Professore a contratto presso la Scuola di Specializzazione di Neuropsichiatria Infantile dell’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. È Collaboratore de “Il Telefono Azzurro”.
Giuliana Florit è psicologa, libera professionista.


Albisetti Valerio
Un modo nuovo di pregare
2004, Collana Note di psicologia, pagine: 40
Prezzo: € 3,10
Editore: Paoline

La preghiera è il rapporto interpersonale per eccellenza, quello tra l'essere umano e il suo Creatore. Per pregare occorre soprattutto essere se stessi aprirsi spontaneamente, con amore e speranza. Entreremo così in contatto con il nucleo più profondo di noi stessi, che apre la via alla trascendenza.


Castagna Maurizio
Role playing, autocasi ed esercitazioni psicosociali. Come insegnare comportamenti interpersonali
2004, Collana: Aif - Associazione italiana formatori, pagine: 96
Prezzo: € 11,50
Editore: Franco Angeli

Con il diffondersi dell'attività di formazione, diventano sempre più numerose le situazioni ed i contesti in cui sono utilizzate le metodologie didattiche tipiche della formazione degli adulti.
Questo libro intende dare un quadro di riferimento concettuale ed operativo a chi desidera approfondire le proprie conoscenze sulle modalità d'impiego delle più diffuse metodologie didattiche destinate alla formazione sui comportamenti organizzativi.
In particolare nel testo sono descritti e trattati:
- i role playing, da usarsi per l'insegnamento e la modifica dei comportamenti organizzativi,
- gli autocasi comportamentali, utilizzabili con partecipanti particolarmente esperti,
- le esercitazioni psicosociali o esperienziali, anche chiamate "giochi" psicologici.
Per ciascuna metodologia didattica sono illustrate, in forma concreta e facilmente applicabile, le modalità da utilizzare in sede di progettazione e le prassi più diffuse ed efficaci per un loro corretto impiego in aula.
Il testo è completato da un capitolo introduttivo sugli obiettivi didattici perseguibili nell'area dei comportamenti organizzativi e da un capitolo conclusivo su come progettare i seminari che hanno per obiettivo la modifica dei comportamenti.
Un manuale operativo, un testo concreto e pragmatico, scritto da chi pratica quotidianamente le attività di cui parla, destinato a chi inizia l'attività di formazione o a chi, già da qualche anno sul campo, intende confrontarsi ed arricchire il proprio bagaglio professionale.

Maurizio Castagna (Milano, 1947) laureato in Economia all'Università Cattolica e in Psicologia a Padova, dal 1972 opera nel campo della formazione e dello sviluppo delle risorse umane, prima all'interno di grandi aziende, poi come consulente. Oggi è partner della MIDA spa, nota società di consulenza milanese, e si occupa di progetti di formazione manageriale e di sviluppo organizzativo. Da più di vent'anni si interessa specificatamente di formazione formatori. Ha pubblicato i volumi Progettare la formazione (1988), Gestire le riunioni (in collaborazione con R. Costantini) (1996), La lezione nella formazione degli adulti (1998), Esercitazioni, casi e questionari (2000), tutti editi da FrancoAngeli.

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Amore Bordeline? (153355779047…

Lory, 52     Ho lasciato il mio compagno da un mese, la nostra relazione avrebbe compiuto due anni a breve. ...

Ragazzo fuori controllo (15335…

Giusy, 19     Buongiorno, sono una ragazza di 19 anni e sono fidanzata da 3 anni con un ragazzo di 22 anni. Nei primi due anni della nostra relaz...

Ritorno di ansia e attacchi di…

Misterok88, 30     Salve! Vi prego di aiutarmi. Ho un problema che pensavo di aver risolto ma da un po' di giorni a questa parte sono di nuovo da...

Area Professionale

Il Test del villaggio e l’orga…

Il Test del Villaggio è uno strumento psicodiagnostico che può avere un’ampia rilevanza all’interno del setting clinico tra terapeuta e paziente approfondendone...

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Le parole della Psicologia

Negazione

La negazione è un meccanismo di difesa. Fu descritto per la prima volta nel 1895 da Sigmund Freud nei suoi Studi sull’isteria. ...

Manierismo

Questo termine sta ad indicare un uso dei mezzi espressivi eccessivo e sovraccarico, cioè una mimica, un comportamento ed un linguaggio privi di naturalezza o s...

Abreazione

Il termine fu coniato da Freud e Breuer nel 1895 per designare il meccanismo inconscio, secondo il quale un individuo si libera dall’affetto connesso ad un even...

News Letters

0
condivisioni