Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

PSICOLOGIA NEWS n.196 - 24.2.2005

on . Postato in News libri e riviste | Letto 213 volte

  • Ho sete, per piacere. Padre, madre, figli. Una esperienza a sostegno dei genitori
  • Linee guida per il trattamento dei disturbi psichiatrici. QUICK REFERENCE
  • I giochi estremi dei giovani. Mode, hobby e tendenze oltre ogni limite
  • L'omogeneo e il suo rovescio. Per una clinica psicoanalitica del piccolo gruppo monosintomatico
  • Metodologia della riabilitazione delle funzioni cognitive. Nel bambino e nell'adulto
  • Dialoghi con i bambini sulla morte. Le fantasie, i vissuti, le parole sul lutto e sui distacchi
  • Ragionare i casi. La pratica della riflessività nei servizi sociali e sanitari
  • A colloquio. Voci, Parole, linguaggi dell'incontro clinico


Maioli Sanese Vittoria
Ho sete, per piacere. Padre, madre, figli. Una esperienza a sostegno dei genitori
2004, Collana L'eco pagine: 240
Prezzo: € 16,00
Editore: Marietti

Madri, padri e figli. Non c'è nulla di più antico e nulla di più sconosciuto di questa relazione. Che cosa significa essere genitori? Questo libro non dà consigli, non prescrive regole o comportamenti. Descrive un'identità. Non si "fa" il genitore, si "è" genitore. Il problema dell'essere genitore è il problema dell'essere persona, dell'essere vero uome e vera donna. Coinvolge ciò che siamo fino al punto più alto che è quello di partecipare sé, di fare del proprio io la condizione di crescita di un altro. Ciò che emerge dal vivo da queste pagine è proprio la struttura del rapporto madri-padri-figli. "Tutto quello che io sono - quindi come tratto me, come tratto i sentimenti, come tratto mio figlio, come tratto il mio lavoro, i miei amici, il mondo, la realtà e la vita - si irradia sul figlio il quale, assorbendo, per così dire, la mia immagine, impara chi è, impara la sua identità".
Lungi dal cedere alla tentazione di intellettualizzare, di psicologizzare e tanto meno di tecnicizzare la trattazione del problema, qui si racconta un'esperienza, si descrive la vita dei genitori e dei figli, i loro problemi, le loro angosce e i loro speranze.

Vittoria Maioli Sanese (Rimini 1943) è psicologa della coppia e della famiglia. Ha fondato nel 1970 il Consultorio Familiare di Rimini, di cui è tuttora direttore. Oltre al lavoro clinico con le coppie, guida da anni gruppi di riflessione e di formazione per genitori, operatori sociali, eductori, psicologi e svolge un lavoro di ricerca sulla coppia e sulla famiglia dal punto di vista psicologico, esistenziale, sociale, culturale e antropologico.

 

American Psychiatric Association
Linee guida per il trattamento dei disturbi psichiatrici. QUICK REFERENCE
Edizione italiana a cura di C. Mencacci
2003 pagine: 192
Prezzo: € 30,00
Editore: Masson

Il testo Quick Reference, Linee guida per il trattamento dei disturbi psichiatrici e` stato realizzato sintetizzando le indicazioni contenute nelle linee guida dedicate ai singoli disturbi e pubblicate dall`American Psychiatric Association nel corso degli ultimi anni. Conciso, ma allo stesso tempo esaustivo e di facile consultazione, questo manuale offre percorsi diagnostico-terapeutici presentati sottoforma di tabelle. Lo specialista in psichiatria, ma anche il medico di famiglia, potranno utilizzarlo nella pratica quotidiana per il trattamento dei piu` importanti disturbi psichiatrici.''''

Contenuti
Trattamento del delirium. Trattamento della malattia di Alzheimer e delle altre demenze senili. Trattamento dell`HIV/AIDS. Trattamento dei disturbi da uso di sostanze. Trattamento della schizofrenia. Trattamento del disturbo depressivo maggiore. Trattamento del disturbo bipolare. Trattamento del disturbo di panico. Trattamento dei disturbi alimentari. Trattamento del disturbo borderline di personalita`.


Carlo Climati
I giochi estremi dei giovani. Mode, hobby e tendenze oltre ogni limite
2005, pagine: 162
Prezzo: € 12,50
Editore: Paoline

Perché tutta questa voglia di estremo da parte di tanti giovani? Che cosa spinge le nuove generazioni a cercare l’eccesso? Quali sono le radici di certi stili di vita pericolosi e privi di senso?
Partendo da queste domande e dalla constatazione che tra i giovani tutto sembra ormai diventato estremo, eccessivo, esagerato, il libro di C. Climati si pone come un viaggio alla scoperta dei giochi, degli hobby, delle tendenze, delle mode in cui i ragazzi di oggi, per cercare di stupire e di colpire a ogni costo, infrangono le regole e superano ogni limite.
Dagli sport estremi, all’abbigliamento, ai film, alla musica, ai videogiochi, quello che più conta è soddisfare la voglia di estremo, misurarsi con qualcosa di più grande, rischiare, assaporare il brivido dell’imprevisto, uscire da qualsiasi regola. Il risultato è uno stato di confusione generale, in cui si perde di vista la consapevolezza del bene e del male…
L’unica regola che sembra caratterizzare fortemente lo stile di vita delle nuove generazioni è la non-cultura del rischio e il mito dell’apparenza: non conta ciò che si è, ma ciò che si fa di pericoloso.


Recalcati Massimo
L'omogeneo e il suo rovescio. Per una clinica psicoanalitica del piccolo gruppo monosintomatico
2005, Pagine: 208
Prezzo: € 17,50
Editore: Franco Angeli

A partire dai primi anni Novanta in Italia si è sviluppata con particolare forza l'applicazione della psicoanalisi al piccolo gruppo cosiddetto monosintomatico o omogeneo, caratterizzato dalla presenza di soggetti che condividono la stessa sofferenza sintomatica. In questo contesto l'autore si è trovato impegnato in prima linea nella pratica con i piccoli gruppi monosintomatici anoressico-bulimici a conduzione analitica.
Il libro distilla questa esperienza di psicoanalisi applicata alla terapeutica in modo creativo e rigoroso. Il suo taglio è teorico e clinico. Teoricamente viene messa a punto una concezione del lavoro psicoanalitico col piccolo gruppo che si orienta a partire dall'in-segnamento di Lacan, il quale, sebbene non si sia mai occupato in modo specifico dei piccoli gruppi terapeutici, fornisce comunque indicazioni vitali per una sua possibile teorizzazione. Clinicamente il riferimento maggiore è al piccolo gruppo anoressico-bulimico, alla sua specificità soggettiva e al suo trattamento. L'autore ordina gli insegnamenti ricevuti dalla sua pratica in un modello teorico originale.
Il "rovescio dell'omogeneo" indica sinteticamente la strategia della cura: consentire che la particolarità soggettiva, dispersa anonimamente in un'identificazione alienata ad un tratto comune, possa emergere nella sua singolarità più propria. Un ampio preliminare inquadra, in apertura, l'esperienza clinica dei piccoli gruppi monosintomatici nella cornice più generale della clinica contemporanea, delle sue nuove declinazioni sintomatiche e delle sue implicazioni etiche e storico-politiche.

Massimo Recalcati vive e lavora a Milano. È psicoanalista, membro AME della Scuola lacaniana di psicoanalisi. Insegna all'Università di Bergamo e all'Istituto freudiano per la clinica, la terapia e la scienza. È fondatore di Jonas - Centro di ricerca psicoanalitica per i nuovi sintomi . Tra le sue numerose pubblicazioni: L'universale e il singolare. Lacan e l'al di là del principio di piacere (Marcos & Marcos, Milano 19952, Vienna 2001); L'ultima cena: anoressia e bulimia (Bruno Mondadori, Milano 19973, Buenos Aries 2004); Clinica del vuoto: anoressie, dipendenze e psicosi (FrancoAngeli, Milano 20022, Madrid 2003); Sull'odio (Bruno Mondadori, Milano 2004). Collabora con diverse riviste tra le quali La psicoanalisi, Attualità lacaniana e aut-aut e con il quotidiano Il Manifesto.


Patrizia Bisiacchi Patrizio Tressoldi
Metodologia della riabilitazione delle funzioni cognitive. Nel bambino e nell'adulto
2005, pagine: 304
Prezzo: € 22.60
Editore: Carocci

Il volume - rivolto alle figure professionali quali psicologi, neuropsicologi, terapisti della riabilitazione, logopedisti - intende fornire una guida metodologica per realizzare programmi di recupero delle diverse funzioni cognitive: attenzione, memoria, linguaggio, lettura. Avvalendosi dell´esperienza clinica di numerosi ricercatori, attraverso esempi reali di abilitazione di capacità non ancora acquisite e di tentativi di recupero di capacità perdute, al lettore viene offerta una panoramica delle diverse metodologie da applicare ogni qualvolta ci si pone il problema, sempre più pressante, di verificare l´efficacia dei propri interventi abilitativi in età evolutiva e riabilitativi in età adulta. Anche se la verifica degli esiti dei trattamenti non può essere considerata una procedura facile, le indicazioni fornite dal testo sono sufficienti per consentire a ogni operatore di mettere in pratica progetti di ri-abilitazione che rispettino i criteri minimi indicati dall´attuale metodologia scientifica.

Patrizia Bisiacchi. Professore ordinario presso il dipartimento di Psicologia generale dell´Università di Padova, è titolare degli insegnamenti Neuropsicologia dell´invecchiamento, Psicobiologia dello sviluppo e dell´invecchiamento.
Patrizio Tressoldi. Ricercatore presso il dipartimento di Psicologia generale dell´Università di Padova, è titolare dell´insegnamento Metodologia della ricerca clinica e valutazione degli esiti, e docente presso il master in Psicopatologia dell´apprendimento presso la facoltà di Psicologia della stessa Università.


Daniel Oppenheim
Dialoghi con i bambini sulla morte. Le fantasie, i vissuti, le parole sul lutto e sui distacchi
2005, pagine: 254
Prezzo: € 21,50
Editore: Erickson

Tutti i bambini e gli adolescenti devono confrontarsi, prima o poi, con la morte. Essa può presentarsi all’improvviso, come situazione reale o prospettiva futura e costituisce sempre una prima, traumatica rottura di un ordine consolidato e protettivo, a livello familiare e sociale. Gli adulti non sempre sanno interpretare le loro emozioni, reazioni, interrogativi, oppure temono, a torto, che parlarne aumenti la loro sofferenza e infelicità.
Questo libro vuole essere un valido sostegno e una fonte di suggerimenti utili per impostare un dialogo aperto con bambini e adolescenti, per aiutarli a superare la difficile prova, trasformandola in un momento di maturazione. Le storie presentate, tratte dai casi clinici incontrati dall’autore nella sua lunga attività professionale, offrono punti di riferimento, consigli ed esempi concreti da cui prendere ispirazione e raccogliere informazioni sul livello di maturità dei propri figli, sulle loro riflessioni e sul loro bisogno di comprendere meglio la vita e la morte.


Carolyn Taylor Susan White
Ragionare i casi. La pratica della riflessività nei servizi sociali e sanitari
2005, pagine: 254
Prezzo: € 21,50
Editore: Erickson

Chi lavora nei servizi sociali e sanitari è investito di una grande responsabilità nei confronti degli utenti. Si trova a dover prendere decisioni difficili, pesanti, talvolta con risvolti drammatici per la vita delle persone. Le valutazioni professionali dei singoli casi vengono spesso intese come processi neutrali di raccolta e analisi delle informazioni. Tuttavia, diagnosi, prescrizioni e interventi risentono sia di un corpo di conoscenze formali e di approcci tecnico-procedurali basati sulle evidenze empiriche, sia di routine e di pregiudizi latenti di cui l’operatore non è sempre del tutto consapevole. Praticare la riflessività significa essenzialmente sviluppare la capacità di analizzare il proprio pensiero professionale, così come si manifesta nel parlato e nella documentazione scritta. La pratica della riflessività costituisce un modo nuovo di costruire criticamente le conoscenze, nel mondo della sanità e dei servizi socio-assistenziali.
Attraverso un excursus nelle teorie della conoscenza, nell’analisi del discorso e nella psicologia discorsiva e grazie all’esposizione di molti casi esemplificativi, il testo offre agli operatori sociali e sanitari un approccio teorico innovativo e insieme uno strumento efficace per l’attività professionale nei servizi alla persona.


Pietro Rizzi
A colloquio. Voci, Parole, linguaggi dell'incontro clinico
2004, pagine: 300
Prezzo: € 18.50
Editore: Raffaello Cortina

Anche nell'attuale clima, tendenzialmente orientato alla individuazione di metodologie sempre più oggettive, il colloquio clinico rimane uno strumento indispensabile non solo alla pratica, ma anche alla ricerca in campo clinico. Il suo elevato valore come mezzo di conoscenza osservativa comincia ora ad apparire in piena luce, grazie a un rinnovato interesse di studiosi e ricercatori che ne vanno scoprendo tutte le potenzialità. A colloquio si colloca all'interno di questa tendenza, poiché vi si affrontano, con grande competenza e con l'uso di diversi modelli disciplinari, numerosi e svariati aspetti del colloquio clinico, alcuni dei quali solitamnete trascurati dalla letteratura scientifica. Ne deriva una visione del colloquio inteso quale strumento di volta in volta diagnostico, relazionale, terapeutico o semplicemente di conoscenza, che ne mette in evidenza le diverse sfaccettature non solo dal punto di vista strettamente psicologico, ma come fenomeno linguistico, clinico-terapeutico, istituzionale, culturale. L'autore mostra l'articolazione di questi vari aspetti, aprendo punti di vista inediti e spesso stimolanti, mantenendo peraltro un'elevata attenzione alla chiarezza e alla comprensibilità dell'esposizione.
Un testo che potrà interessare non solo studenti e specializzandi in psicologia, ma anche clinici, ricercatori e operatori nei diversi campi, teorici e applicativi, che riconoscano al colloquio clinico la sua natura di "snodo" essenziale tra aspetti quantitativi e qualitativi dell'indagine clinica.

Pietro Rizzi, psicoanalista della Società Psicoanalitica Italiana, è professore associato di Psicologia dinamica alla facoltà di Psicologia dell'Università di Milano-Bicocca. È inoltre docente di Psicologia del colloquio clinico nell'ambito di Scuole di specializzazione universitarie. I suoi interessi sono rivolti al colloquio clinico, alle teorie cliniche e ai modelli psicoterapeutici e pcicoanalitici, nonché ai metodi osservativi nella ricerca psicologica.

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobia di non riuscire a tratte…

Marco989898, 14     Il mio problema è che ho la continua ossessione di andare in bagno e anche se all'inizio sembrerà  una cosa stupida, son...

E' realmente un problema? (151…

Flick, 27     Buongiorno, sono una donna di 27 anni e da quando ne ho compiuti più o meno 19, nei momenti di maggiore stress sento un forte impul...

Credo di essere depressa, mi a…

Psiche, 33     Salve, vi scrivo perchè da un pò di tempo (non so neanche io precisamente quanto) ho dei sintomi che mi fanno presagire qualcosa d...

Area Professionale

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

La Certificazione Psicologica:…

Nella pratica clinica è possibile trovarsi di fronte ad una specifica richiesta, da parte del paziente/cliente, di una Certificazione che attesti, sia dal punto...

Le parole della Psicologia

Controtransfert

“L’idea che il controtransfert rappresenti una creazione congiunta dell’analista e dell’analizzando riflette un movimento verso una conc...

Burnout

Il burnout è generalmente definito come una sindrome di esaurimento emotivo, di depersonalizzazione e derealizzazione personale, che può manifestarsi in tutte q...

Amaxofobia

L'amaxofobia è il rifiuto di origine irrazionale a condurre un determinato mezzo di trasporto. Può essere dovuta, per esempio, al coinvolgimento diretto o di p...

News Letters