Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

PSICOLOGIA NEWS n.211 - 9.6.2005

on . Postato in News libri e riviste | Letto 214 volte

  • Donne che pensano troppo. Ritrovare l'equilibrio tra ragione e sentimento
  • Goal! Le 21 regole per centrare i tuoi obiettivi con rapidità ed efficacia
  • Prova con una storia
  • Come essere felici
  • Capire un adolescente. Come cambia il cervello dei ragazzi fra i tredici e i diciotto anni
  • La comunicazione. L'abilità di esprimersi e di ascoltare
  • Nuovi rischi, vecchie paure. La percezione del pericolo nella società contemporanea
  • Perceval. Un paziente narra la propria psicosi, 1830-1832
  • Ridere, ridere, ridere ancora... Il riso e l'umorismo nelle relazioni familiari e in psicoterapia della famiglia
  • Scuola di follia
  • Psicologia quantica. La dimensione dell'Essere
  • Ipnositerapia sicura

Nolen-Hoeksema Susan
Donne che pensano troppo. Ritrovare l'equilibrio tra ragione e sentimento
2005, Collana Saggi, pagine: 333
Prezzo: € 16,50
Editore: Frassinelli

«Quando si "rumina" si torna e si ritorna sui propri pensieri e stati d'animo negativi, riesaminandoli... Noi donne siamo capaci di ruminare su qualunque cosa. Spesso ci sembra che questo atteggiamento faccia semplicemente parte dell'essere donna. Ma l'abitudine a pensare troppo può risultare anche deleteria. Interferisce con la capacità di risolvere i problemi. Allontana amici e famigliari. E può nuocere seriamente al nostro equilibrio psichico. [...] Questo libro dimostra che molte sono le vie che conducono alla ruminazione, ma molte sono anche le vie per uscirne. Possiamo realmente sconfiggere la tendenza a imprigionarci nei circoli viziosi della mente e a riprendere il controllo delle nostre vite, rendendole più appaganti e vincenti. Facciamolo da subito: miglioreremo come persone e migliorerà la società.»

La ricerca di Susan Nolen-Hoeksema, psicologa e docente universitaria, è stata insignita di diversi riconoscimenti. Attualmente l'autrice vive con il marito e il figlio ad Ann Arbor nel Michigan.


Tracy Brian
Goal! Le 21 regole per centrare i tuoi obiettivi con rapidità ed efficacia
2005, pagine: 395
Prezzo: € 12,50
Editore: Sperling & Kupfer

Come mai alcuni riescono a raggiungere tutti i loro obiettivi mentre altri devono limitarsi a sognare una vita migliore? In realtà, il percorso che conduce dalla frustrazione alla soddisfazione è facilmente percorribile e nelle pagine di questo libro troverete elencate una serie di mosse pratiche e collaudate che potrete agilmente compiere per avvicinarvi con più efficacia e velocità alle mete prescelte. Seguendo le strategie descritte dall'autore scoprirete infatti come valutare le vostre forze e chiarire i valori che per voi contano realmente nella vita e, più importante ancora, vi impadronirete in modo duraturo di un metodo che vi consentirà di ottenere tutto ciò che volete.

Brian Tracy è un'autorità in tema di sviluppo dell'efficienza personale e del successo nel lavoro. Si è affermato superando tutte le difficoltà di chi è partito iniziando dal basso, e le regole che ora insegna sono frutto del suo processo di apprendimento. Conferenziere a livello internazionale, tiene seminari sulla leadership, sull'arte della vendita e sulle strategie manageriali. Il punto di forza dei suoi libri e delle sue lezioni sono: concretezza, esempi pratici e una chiara esposizione di percorsi che tutti possono seguire. Autore di numerosi best-seller negli Stati Uniti



Ferraris Oliviero Anna
Prova con una storia
2005, Collana: Puericultura/pedagogia, Pagine: 128
Prezzo: € 15,00
Editore: Fabbri

Non mangia, non dorme, ha paura... Il racconto giusto per ogni piccolo, grande problema
Il linguaggio metaforico e magico della fiaba consente, da tempi immemorabili, di raggiungere la mente e il cuore dei bambini, di rispondere ai loro quesiti sui temi fondamentali dell'esistenza e del rapporto con gli altri, di offrire modelli accattivanti di comportamento, di "curare" in modo lieve le loro paure e insicurezze. Scopo del volume è fornire a genitori, nonni, insegnanti e baby-sitter delle valide ragioni per riprendere l'antica e sana abitudine di raccontare storie ai bambini, non solo leggendole ma anche inventandole. Nelle pagine di questo libro vengono perciò forniti alcuni esempi di storie che gli adulti possono adattare alle esigenze dei loro bambini o servirsene come canovacci da cui partire per crearne di nuove.
Per secoli, anzi millenni, gli adulti hanno raccontato ai bambini delle storie per intrattenerli, divertirli ma anche per trasmettere loro dei messaggi che potessero aiutarli a crescere e a capire il mondo. E i bambini hanno sempre accolto queste storie con interesse, specialmente quando rispondevano alle loro curiosità, al bisogno di trovare dei modelli da imitare, all'esigenza di vivere delle avventure attraverso il gioco dell'immaginazione e delle parole. Le storie che da tempo immemorabile si raccontano ai bambini li accostano agli aspetti piacevoli della vita ma anche a quelli duri e lo fanno in modo da non traumatizzarli. I bambini hanno bisogno di qualcuno che dica loro come affrontare i pericoli, come reagire alle minacce, come ritrovare l'ordine quando c'è il caos.

Anna Oliverio Ferraris, psicologa e psicoterapeuta, insegna Psicologia all'università La Sapienza di Roma. Tra i suoi libri più recenti ricordiamo Il terzo genitore. Vivere con i figli dell'altro (R. Cortina), Le domande dei bambini (Rizzoli), La forza d'animo (Rizzoli), Dai figli non si divorzia (Rizzoli) e, con Alberto Oliverio, Le età della mente (Rizzoli).



Raffaele Morelli
Come essere felici
2005, Collana Oscar bestsellers, Pagine 204
Prezzo: € 9,80
Editore: Mondadori

Il noto psicoterapeuta Raffaele Morelli spiega come sconfiggere lo stress, e il perché la ricetta della felicità passi attraverso l'imparare ad amare gli altri. Un volume agile, ricco di informazioni sulle terapie alternative, di utili consigli per la vita di coppia o professionale, e di indicazioni pratiche per evitare le mille «trappole» in cui la mente spesso cade (la noia, la pigrizia, l'autocommiserazione...). Corredato da test di verifica e tabelle riassuntive, questo testo è uno strumento semplice, e proprio per questo tanto più efficace e prezioso, per affrontare i piccoli grossi guai della vita quotidiana, le situazioni difficili, i momenti di crisi. Una lettura che insegna ad acquistare fiducia in noi stessi, imparando come trarre sempre il meglio dalle mille situazioni della vita e come stare davvero bene con noi stessi e gli altri. In una parola, come essere felici.

Raffaele Morelli (Milano 1948) medico, psichiatra e psicoterapeuta, è presidente dell¿Istituto Riza (da cui nasce la Scuola di formazione in psicoterapia a indirizzo psicosomatico) e vicepresidente della Società italiana di medicina psicosomatica. Dirige le riviste «Riza Psicosomatica», «Salute Naturale» e «Dimagrire» ed è direttore scientifico di «Per Me». Con Edizioni Riza ha pubblicato numerosi libri, fra i quali Lo psichiatra e l'alchimista (2000), Le nuove vie dell'autostima (2002), La rinascita interiore (2003) e Alle radici della felicità (2004). Con Mondadori ha pubblicato Ciascuno è perfetto (2004) e Come essere felici (2005).


Barbara Strauch
Capire un adolescente. Come cambia il cervello dei ragazzi fra i tredici e i diciotto anni
2005, Collana Oscar saggi, Pagine 252
Prezzo: € 8,80
Editore: Mondadori

Che cosa scatta nella testa dei ragazzi quando entrano nell¿adolescenza? Perché tutto a un tratto diventano tetri e furiosi, scivolano nella disperazione più profonda o, all¿opposto, comprendono la bellezza e le sottigliezze dell¿algebra, della filosofia o della poesia? Per molti anni si è data la colpa alle tempeste ormonali. Oggi sappiamo per certo che gli strani comportamenti dei teenager, che tanto preoccupano i genitori, sono il frutto dei cambiamenti in corso nel loro cervello, che dai tredici ai diciotto anni conosce un passaggio cruciale nel suo sviluppo. Ce lo spiega in questo libro Barbara Strauch, facendo finalmente chiarezza su un momento fondamentale dell¿esistenza di ciascuno di noi e spiegando ai genitori, su basi scientifiche, perché non devono preoccuparsi se i figli tardano a dare prova di maturità.

Barbara Strauch è una delle più stimate giornaliste scientifiche del «New York Times», per il quale si occupa di salute e di medicina. È autrice di In Search of Dreams: Results of Experimental Dream Research (1996). Ha due figlie adolescenti.


Silvana Brunelli
La comunicazione. L'abilità di esprimersi e di ascoltare
Pagine: 206
Prezzo: € 18.00
Editore: Orizzonti

La comunicazione è la chiave indispensabile per ottenere il successoin ogni aspetto della vita. Principi semplici, chiari e d'immediata applicazione per migliorarsi, comprendersi ed essere più felici.

Silvana Brunelli, nata a Pola D'Istria il 20 luglio 1967. Laureata in psicologia presso l'Università di Padova. Da dodici anni opera come ricercatrice nel campo della comunicazione e dello sviluppo del potenziale umano. Ha ideato e condotto corsi di crescita personale e corsi di formazione per insegnanti.
Cofondatrice dell'associazione umanistico-pedagogica Vitae ONLUS e dell'associazione culturale internazionale EOS, dirige un innovativo progetto di studio dell'educazione basato sui principi di amore e fermezza. Autrice di testi innovativi sui temi dell'evoluzione personale come "Volontà Creativa - come l'uomo crea", e libri per bambini: "Come comunichiamo?", "Dare e ricevere", "Amo la terra". Ha dato vita alla rivista "Educarsi - conoscere il mondo dell'infanzia in evoluzione".


Lucia Savadori, Rino Rumiati
Nuovi rischi, vecchie paure. La percezione del pericolo nella società contemporanea
2005, Collana "Contemporanea", pagine: 208
Prezzo: € 12,50
Editore: Il Mulino

Aids, morbo della mucca pazza, Sars, terrorismo, incidenti nucleari, e ora anche lo tsunami: sono solo alcune delle fonti delle paure che agitano la società contemporanea, ormai ribattezzata secondo un fortunato slogan "società del rischio". Ma quali sono esattamente i meccanismi che attiviamo di fronte al pericolo, vero o presunto? Perché abbiamo paura di eventi o comportamenti che, statisticamente parlando, di rado sono causa di incidenti e mietono meno vittime di altri con i quali conviviamo tranquillamente, nonostante gli allarmi lanciati dagli esperti? Perché neppure l'informazione più accurata, corredata di numeri, percentuali, statistiche, calcoli della probabilità riesce a scalfire le nostre paure né, all'incontrario, il nostro ottimismo ingiustificato? Passando in rassegna i rischi e pericoli del settore sanitario, finanziario, tecnologico, così come quelli legati alle attività domestiche e professionali, gli autori illustrano le curiose distorsioni della nostra mente, i modi in cui spesso il nostro sistema emozionale prevale su quello cognitivo, la potenza evocatrice delle immagini e delle parole rispetto all'"afasia" delle cifre, il ruolo dei media, accompagnando il tutto con divertenti episodi di plateale fallimento comunicativo in cui incorrono spesso manager, politici e gli stessi esperti alle prese con situazioni di pericolo.

Lucia Savadori è ricercatrice nella Facoltà di Scienze cognitive dell'Università di Trento, sede di Rovereto, e ha pubblicato numerosi articoli sul tema del rischio in riviste scientifiche italiane e internazionali.
Rino Rumiati è professore ordinario di Psicologia cognitiva al Corso di laurea in Scienze della comunicazione nell'Università di Padova. Con il Mulino ha già pubblicato "Decidere" (2000) e "Psicologia delle decisioni" (con N. Bonini, 2001).


Gregory Bateson
Perceval. Un paziente narra la propria psicosi, 1830-1832
2005, Collana «Saggi. Psicologia»
Prezzo: € 36,00
Editore: Bollati Boringhieri

Si tratta di un testo ritrovato e pubblicato, con un’introduzione e un’attenta cura editoriale, da Gregory Bateson negli anni sessanta del Novecento. Il protagonista, John Perceval, è figlio di Spencer Perceval, ministro di Giorgio iii d’Inghilterra (il «re pazzo»), che aveva avuto una parte nelle decisioni riguardo alla follia del re e alla sua cura, e nel 1812 fu assassinato da un folle nella Camera dei Comuni. Per un curioso destino, anche il figlio John, giovane ufficiale, diede segni di follia (allucinazioni religiose) e venne curato nei migliori «asili per lunatici» dell’epoca. Guarito, raccontò la sua esperienza in questo memoriale. Alla suggestione del linguaggio a tratti stralunato, con accenti visionari che fanno pensare a William Blake – e anche al presidente Schreber, oggetto di un celebre saggio di Freud – si aggiunge l’interesse delle notazioni critiche sul trattamento allora riservato ai malati mentali: notazioni sorprendentemente acute e coerenti con quanto afferma, per esempio, Michel Foucault nella sua Storia della follia. Questo aspetto, inserito nel contesto storico più generale, è esaminato da Paolo Bertrando nella Nota finale.


Danilo Solfaroli Camillocci Monica Vella
Ridere, ridere, ridere ancora... Il riso e l'umorismo nelle relazioni familiari e in psicoterapia della famiglia
Presentazione di Maurizio Andolfi
2005, Collana «Saggi. Psicologia»
Prezzo: € 18,00
Editore: Bollati Boringhieri

Il terapeuta della famiglia si trova spesso ad ascoltare, nel suo lavoro, espressioni di rimpianto («perché non ridiamo più come una volta?», «nella nostra famiglia non si ride mai») che appaiono come un segno inequivocabile di relazioni non soddisfacenti, come se l’assenza del ridere, in una realtà familiare o coniugale in cui la sofferenza ha progressivamente sostituito il piacere e la gioia, fosse il sintomo più acutamente condiviso. Ma in che modo si ride e perché si ride nelle famiglie cosiddette normali? C’è un membro della famiglia (il «clown familiare») che svolge il ruolo di sollecitatore del riso? L’esperienza di questo aspetto delle relazioni familiari – un aspetto più «serio» di quanto potrebbe sembrare – ha sollecitato gli autori a estendere la loro riflessione agli aspetti filosofici e antropologici del ridere, alle sue funzioni sociali, alla sua capacità di costruirsi come elemento di identificazione culturale, per poi analizzare le funzioni nei gruppi familiari e nella terapia della famiglia, attraverso testimonianze dirette e una ricerca condotta sulle registrazioni di numerose sedute. A conclusione, un colloquio con Serena Dandini: dall’esperienza di un personaggio che ha fatto della comicità e del riso un’arte e un lavoro risulta uno spaccato della complessa relazione fra organizzazione familiare, sviluppo della vis comica e ruolo dell’attore comico all’interno propria famiglia.

Danilo Solfaroli Camillocci, psicologo e psicoterapeuta sistemico-relazionale, lavora a Roma dove è didatta all’Istituto Italiano di Psicoterapia Relazionale. Tra i suoi lavori ricordiamo Né con te né senza di te (1992), con Gaspare Vella; Identità e relazione (2001), con Enrico Visani.
Monica Vella, psichiatra e psicoterapeuta sistemico-relazionale, lavora a Roma presso il Servizio Sanitario Nazionale e insegna Psicopatologia all’Istituto Italiano di Psicoterapia Relazionale.


Lodolo D'Oria Vittorio
Scuola di follia
2005, Collana: Scaffale Aperto - Psicologia Psicoanalisi, Pagine: 288
Prezzo: € 24,00
Editore: Armando

Un libro dossier , frutto di una paziente e scrupolosa raccolta di storie vere, testimonianze, contributi professionali, studi scientifici e documenti istituzionali, che suggerisce proposte d'intervento a tutti gli attori coinvolti, richiamandoli all'impegno comune nel tentativo di contrastare l'inesorabile crescita del disagio mentale tra gli insegnanti. Un'opera rivolta a singoli docenti di ogni ordine e grado, dirigenti scolastici, studenti e genitori ma di sicuro interesse anche per medici, rappresentanti politici, istituzionali e sindacali.

Vittorio Lodolo D'Oria, medico ematologo ed esperto di comunicazione e marketing in sanità, si occupa del disagio mentale del corpo docente dal 1998, sviluppandone gli aspetti della prevenzione, dell'orientamento alla cura e della gestione sociale. Dal 1992 è membro del Collegio Medico della Asl Città di Milano per il riconoscimento dell'Inabilità al lavoro per causa di salute ed è autore delle pubblicazioni scientifiche Getsemani (2002) e Golgota(2004) sulla malattia psichiatrica di origine professionale.
È stato consulente del Ministero dell'Istruzione per la stesura del rapporto sulla salute degli Insegnanti Italiani nell'ambito del progetto OCSE 2002-2004 sul tema Attracting, developing, and retaining effective teachers.


Facchini Francesco
Psicologia quantica. La dimensione dell'Essere
2005, Collana: Psicoanalisi e psichiatria dinamica, Pagine: 144
Prezzo: € 20,00
Editore: Armando

La fisica quantistica ha profondamente rivoluzionato ed arricchito la concezione dell'universo e dell'uomo con importanti conseguenze in ogni ambito del sapere. Dall'incontro-confronto tra fisica e scienze umanistiche nasce la psicologia su base quantistica, con la quale si spiegano in modo originale i notevoli e sconcertanti cambiamenti che si stanna verificando anche nella pratica clinica della spicoterapiae, più in generale, nell'interpretazione del senso dell'esistenza e della realtà nella quale il paziente vive.
L'educazione, la formazione, la cura e l'evoluzione delle persone vanno quindi ripensate e rinnovate secondo nuovi criteri, partendo dalle più recenti scoperte della fisica quantistica, della neuroscienze e della psicologia clinica. Ne consegue che l'essere umano non va più soltanto consideraro riduttivamnete come una mente dentro un corpo, poiché di esso emerge ora prepotentemente la dimensione ontologica fondamentale dell'Essere. Questo è il primo libro pubblicato in Italia riguardante la psicologia interamnete fondata su basi quantistiche.

Francesco Facchini, psicologico-psicoterapeuta accreditato in psicologia clinica, è specializzato in medicina psicosomatica, ipnosi clinica, tecniche cognitivo-comportamentali ed umanistico-esistenziali. È autore di varie pubblicazioni di psicologia applicata, fra le quali due studi sulla dimensione metafisica. L'ombra venuta dall'ignoto (Napoli 2003) e La filosofia dei maestri spirituali (Brescia 2003). Nella stessa collana, di Armando ricordiamo: La dimensione onto-psicosomatica. Nuovi orizzonti nella psicoterapia (2005).


Roger Hambleton
Ipnositerapia sicura
2005, Collana: Psicologia dei comportamenti e della devianza, Pagine: 189
Prezzo: € 16,00
Editore: Armando

«Studiando l'ipnosi come modalità di medicina alternativa mi colpì lo scoprire che il suo utilizzo comportava numerosi rischi». Roger Hambleton introduce la sua opera mettendo in luce l'inesistenza di una trattazione sistematica dei possibili effetti collaterali dell'ipnositerapia e dei pericoli ad essa legati. Il suo intento è quindi quello di fornire un supporto teorico completo sull'argomento attraverso una raccolta di articoli e scritti di vari autori.
Grazie alle sue competenze in ambito giuridico e alla sua preparazione nel campo psicologico, R. Hambleton può presentare i possibili esiti negativi dell'ipnositerapia attraverso due punti di vista: quello medico e quello legale. In base a questa suddivisione, l'opera è strutturata in due parti.
Dopo una breve presentazione storica dell'ipnosi, della sua natura e delle varie tipologie dei rischi, si passa all'analisi di alcuni casi in cui l'ipnosi ha avuto esiti negativi. L'analisi permette di individuare delle categorie di rischio in base alle aree di utilizzo dell'ipnosi e alla fase di trattamento.
La seconda sezione dell'opera tratta l'aspetto legale, con particolare attenzione alle disposizioni di legge sulla violenza civile e penale e sulla negligenza. Entra quindi in gioco la responsabilità del terapeuta.
Ipnositerapia sicura significa perciò conoscenza delle sue possibili conseguenze negative, ma non solo. È fondamentale la prevenzione, che comprende la consapevolezza del proprio ruolo di terapeuta e un corretto stile di intervento.

Roger Hambleton ha lavorato sia in processi penali che civili come difensore e pubblico ministero. Dopo aver conseguito la laurea in legge, si è laureato in psicologia e criminologia. In riconoscimento dei suoi lavori sull'ipnosi, la Manchester Metropolitan University gli ha conferito la laurea di ricercatore MPhil. È esperto professionista in ipnoiterapia clinica.
Attualmente in pensione, è senior partner di una associazione britannica di avvocati.

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

dipendenza da chat (1511886186…

Mau, 38     Buongiorno, sono un ragazzo gay, ho 38 anni ed ho una relazione da 4 anni con il mio compagno; l' unico se possiamo dire "neo" che c...

Abuso narcisistico in famiglia…

Apocalisse, 38     Cinque anni fa ho perso mia madre di un grave e raro tumore all'intestino. La sua perdita ha generato un totale disfacimento ...

La danza, da passione a ladra …

Francesca, 29     Buongiorno,all'età di 7 anni ho iniziato a frequentare un corso di danza classica, amatoriale, da quel momento non ho mai più s...

Area Professionale

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

Le parole della Psicologia

Disturbo schizoide di personal…

Disturbo di personalità caratterizzato da mancato desiderio o piacere ad instaurare relazioni altrui e chiusura verso il mondo esterno. Il disturbo schizoide d...

Funzione riflessiva

“La funzione riflessiva è l’acquisizione evolutiva che permette al bambino di rispondere non solo al comportamento degli altri, ma anche alla sua concezione dei...

Claustrofobia

La claustrofobia (dal latino claustrum, luogo chiuso, e phobia, dal greco, paura) è la paura di luoghi chiusi e ristretti come camerini, ascensori, sotterranei...

News Letters