Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

PSICOLOGIA NEWS n.215 - 14.7.2005

on . Postato in News libri e riviste | Letto 308 volte

  • Gestire bene il tempo di lavoro. Strategie di time management
  • Adolescenti particolari. Analisi psicologica del diario di un adolescente impegnato
  • L'obesità in età evolutiva
  • Genitori grandi maestri di felicità
  • Che fine ha fatto Peter Pan? L'ascolto del bambino giocando in famiglia
  • Dalla stima di sé alla stima del sé. Un ponte tra psicologia e spiritualità
  • Relazione di coppia efficace. Creare il rapporto desiderato
  • Il ritardo mentale. Capire e curare una grave malattia della mente
  • Il counseling come riprogrammazione. Teoria e pratica di una terapia non convenzionale
  • Attenti al lupo cattivo. Riconoscere l'abuso e proteggere i bambini
  • Su anima e terra. Il valore psichico del luogo
  • L'identità empirica. Studi e ricerche sull'esperienza d'identità
  • Per genitori single
  • Ragazzi violenti. Da dove vengono, cosa c'è dietro la loro maschera,come aiutarli
  • Due terapeuti per un paziente. Dalla teoria dell'attaccamento alle psicoterapie a setting multipli
  • Il Test delle Fiabe (FTT - Fairy Tale Test). Test proiettivo di personalità per bambini dai 6 ai 12 anni
  • Dinamiche e ostacoli della comunicazione interpersonale

David Fontana
Gestire bene il tempo di lavoro. Strategie di time management
2005, pagine: 140
Prezzo: € 15,90
Editore: Erickson

Sappiamo bene quanto il tempo a nostra disposizione sia limitato e prezioso. Proprio per questo è importante usarlo al meglio e non sprecarlo, specialmente sul lavoro. Se i periodici buoni propositi di imparare a «organizzarsi» non bastano, occorre un aiuto a gestirlo in modo più efficace.
Questo libro, con numerosi esercizi di autoanalisi, insegna le abilità di gestione del tempo: quelle tattiche, riferite all’autocontrollo nei vari compiti lavorativi; quelle più strategiche, riferite alle dimensioni psicologiche profonde; e quelle relazionali, riferite ai rapporti con i colleghi e l’utenza o i clienti.
Apprendere una buona gestione del proprio tempo è necessario e possibile, perché non si tratta di un «dono di natura» ma di un insieme di abilità che ognuno di noi può acquisire.
I benefici che si possono ottenere da una migliore gestione del tempo sono immediatamente evidenti: maggiore produttività e autorealizzazione personale, sviluppo di un senso di autoefficacia e di controllo sugli eventi e sulle situazioni stressanti, con conseguente riduzione dell’affaticamento e dell’ansia da prestazione.


Angelo Peroni , Guido Petter
Adolescenti particolari. Analisi psicologica del diario di un adolescente impegnato
2005, pagine: 312
Prezzo: € 14.50
Editore: Erickson

Angelo è un adolescente che vive in un periodo terribile, quello della Seconda guerra mondiale. In questa cornice di incertezza e confusione etica Angelo si trova a dover risolvere dilemmi morali e problemi concreti che si fanno drammatici quando arriva la chiamata alle armi. In questi mesi il giovane inizia a tenere un diario per aiutarsi ad analizzare le situazioni in cui si trova, una sorta di camera segreta in cui elabora valutazioni, prende decisioni, formula progetti… Dopo quasi cinquant’anni uno studioso di psicologia dell’adolescenza, Guido Petter, riprende in mano il diario di Angelo, che allora aveva conosciuto, e lo rilegge dandone un’interpretazione psicologica e mettendo in luce le caratteristiche di quegli «adolescenti particolari» che non si limitano ad assorbire convinzioni e valori dal loro ambiente familiare e sociale, ma al contrario li sottopongono a un’attenta analisi critica e decidono autonomamente se accettarli o respingerli. Una lettura utile e coinvolgente non solo per gli aspetti storici legati a dolorosi momenti della storia italiana, ma anche per riscoprire e rivedere il rapporto con gli adolescenti che incontriamo nella nostra vita.


Lorenzo Iughetti, Sergio Bernasconi (a cura di)
L'obesità in età evolutiva
2005, pagine: 365
Prezzo: € 30,00,
Editore: McGraw-Hill

Il progressivo incremento del peso medio della popolazione, inclusi i bambini e gli adolescenti, registrato negli ultimi decenni in Italia come negli altri Paesi ad alto tenore di vita, ha fatto emergere ciò che appare essere il problema sanitario delle prossime generazioni - "la nuova epidemia", secondo la definizione dell’OMS - vale a dire l’obesità.
Tale evidenza ha indotto le organizzazioni sanitarie nazionali e internazionali a intraprendere campagne di sensibilizzazione e di prevenzione dell’obesità fin dalla prima infanzia, in forza del riscontro che un bambino in sovrappeso ha elevate probabilità di diventare un adulto obeso.
Questo volume, frutto della collaborazione e delle competenze specifiche dei più prestigiosi esperti italiani di problemi endocrino-metabolici, nutrizionali, genetici e della crescita, ha lo scopo di fornire non soltanto ai pediatri di famiglia e ospedalieri, ma anche ai medici di medicina generale impegnati a confrontarsi quotidianamente con i diversi problemi legati all’obesità infantile, uno strumento completo e rigoroso sulle più recenti acquisizioni diagnostiche, terapeutiche e di prevenzione connesse all’obesità in età evolutiva, nel quadro di un approccio "olistico" decisamente innovativo in un settore di così grave attualità.

Lorenzo Iughetti è Responsabile del Modulo di Auxologia e Malattie Metaboliche, Azienda Ospedaliero-Universitaria di Modena.
Sergio Bernasconi è Direttore della Clinica Pediatrica e del Dipartimento Materno-Infantile, Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma.


Giovanni Bollea
Genitori grandi maestri di felicità
2005, Collana: Universale Economica, Pagine: 184
Prezzo: € 7.00
Editore: Feltrinelli

Una selezione di articoli pubblicati negli anni da Bollea sulla rivista “Gente”, all’interno delle sue rubriche di pedagogia. Dal grande neuropsichiatra suggerimenti per i genitori.
Giovanni Bollea applica la sua esperienza pedagogica e la sua saggezza ad alcune importanti questioni di educazione dei figli. Anzitutto dice che i bambini e gli adolescenti hanno bisogno di spazi per crescere sani e vivere bene: di giardinetti per giocare, di scuole a loro misura dove sentirsi a casa, di luoghi per socializzare ma anche di posti dove stare soli e da gestire come piace loro, come di momenti in cui condividere le esperienze e dialogare coi genitori, soprattutto in vacanza. I minori poi che già hanno dei diritti tutelati dalla legge potrebbero averne altri (come votare a sedici anni); in ogni modo vanno tutelati da ogni forma di violenza (sia essa il carcere invece di pene alternative, o la schiavitù del lavoro, o la sofferenza della separazione dei genitori senza affido congiunto). La crescita del resto è costellata di gioie e dolori: i primi amori, la scoperta della sessualità, la paura di uscire, lo stress adolescenziale, traumi come quello della bocciatura. Ai giovani si può insegnare a migliorarsi, aiutandoli a capirsi, a responsabilizzarsi e a diventare altruisti, attenti ai problemi sociali. Anche l’istruzione può essere una cosa divertente (basta guardare meno tv, andare a teatro, viaggiare alla scoperta di belle cose, studiare una lingua in un agriturismo) e deve far accettare le diversità, che si presentino sotto forma di colore della pelle oppure di piccoli o grandi handicap. Le paure ma anche i pericoli legati alla giovane età sono molti (dalla pedofilia alle droghe alle corse in motorino) e la violenza è sempre in agguato, tanto da parte di minori devianti che da parte della società. E non necessariamente l’informazione è d’aiuto, anzi spesso crea confusione più che altro e risveglia ansie come nel caso del terrorismo. Comunque nella famiglia che sa essere contenitore e funzionare da rete è più facile dialogare e capirsi, conservando credibilità. Senza scordare che di famiglia e società fanno parte anche i nonni.


Bettetini Massimo
Che fine ha fatto Peter Pan? L'ascolto del bambino giocando in famiglia
2005, pagine: 136
Prezzo: € 7.50
Editore: San Paolo

L’autore presenta alcune «tecniche» pedagogiche innovative nell’educazione dei bambini, ragazzi e adolescenti, soprattutto nei casi di difficoltà comunicative e problemi educativi.
Queste tecniche si attuano attraverso il gioco e alcune forme d’arte (Art-Therapy: la fiaba, letteratura, il teatro, i burattini), ma anche mediante altre occasioni e opportunità, quali, ad esempio, il rapporto con gli animali (Pet-Therapy, Ippoterapia, ecc.).
Inoltre l’Autore mostra come instaurare e approfondire un sano rapporto educativo”sfruttando” anche altre “occasioni”: la visione di un film, di un telegiornale, la lettura di un libro...
L’uso della metafora e della fantasia,un mondo apparentemente irreale, ma che strutturalmente corrispondente al vero, è un «altrove», un’ «Isola che non c’è», è il luogo dove vive Peter Pan, e dove i «bambini perduti» possono guarire dalle sofferenze interiori.

Massimo Bettetini (Milano 1965), laureato in Medicina e chirurgia, è psicoterapeuta, psicologo della fiaba e poeta. Ha vinto numerosi premi letterari nazionali e internazionali: Premio Internazionale Eugenio Montale (1990), Premio Lodi Città di Ada Negri (1991), Premio Giovan Battista Basile (2000), Gran Premio Capri – San Michele (2002). Tra le sue pubblicazioni: Fiabe boeme (Milano 1993); Fiabe georgiane (Milano 1993); Fiabe russe (Milano 1994);Il Cantico dei Cantici (Milano 1996); Maria, piena di grazia (Milano 1998); Iubilando (Napoli 1999); Lo Scemo del Villaggio (Casale Monferrato 2000); Teresa d’Avila – Il Castello interiore (Casale Monferrato 2002);Giovanni Paolo II – Strade d’amore (Milano 2002);Alla scoperta di un amore più grande (Roma 2002);Karol Wojtyla – La dottrina della fede in San Giovanni della Croce (Milano 2003); Chi, io? Sì, tu! (Roma 2004).


Jean Monbourquette
Dalla stima di sé alla stima del sé. Un ponte tra psicologia e spiritualità
2005, pagine: 238
Prezzo: € 11.00
Editore: San Paolo

La “stima di sé” cui allude il titolo è l’apprezzamento di un individuo per la propria persona e le proprie capacità, e si colloca in un ambito strettamente psicologico; la “stima del sé” si riferisce invece a quel nucleo che costituisce l'identità profonda e spirituale di ogni essere umano e che contiene l’imago Dei, l’immagine di Dio. Psicologia e spiritualità si sono spesso trovate su posizioni differenti a questo riguardo, creando a volte una frattura quasi insormontabile.
Questo libro di J. Monbourquette individua invece le profonde affinità tra psicologia e spiritualità e recupera il percorso che dalla stima di sé conduce alla stima del sé.
L’autore è convinto che, per la sua piena maturazione, una persona debba al tempo stesso sviluppare la propria autostima e scoprire le ricchezze interiori del sé. La maturità spirituale, infatti, esige un “io” forte sul piano psicologico e, viceversa, la crescita personale si rivela incompleta se ignora la “cura dell’anima” e le risorse spirituali.
Il volume è articolato in tre parti: Dalla stima di sé - Alla stima del sé - Dalla spiritualità del sé alla fede cristiana.

Jean Monbourquette, psicologo, ha insegnato per molti anni all'istituto di pastorale dell'Università Saint-Paul di Ottawa (Canada).
Ha una licenza in teologia ed è laureato in filosofia e in scienze dell'educazione. Ha condotto i suoi studi di psicologia clinica a San Francisco e a Los Angeles. Al pubblico italiano è noto per i volumi: Ricominciare a vivere (2003) , L'arte di perdonare (2004), I lati nascosti della personalità (2001) e Che cosa voglio dalla vita (2003).


P. Howell , R. Jones
Relazione di coppia efficace. Creare il rapporto desiderato
2005, Pagine: 224
Prezzo: € 22,00
Editore: La Meridiana

"Così come la vita è imparare, il matrimonio è imparare insieme ad affrontare sfide complesse con successo e farlo in modi che accrescano entrambi come individui e la vostra reazione come coppia."
Le librerie sono piene di manuali che promettono d'insegnare ad avere successo negli aspetti più disparati della vita. La loro lettura è spesso deludente. La vita è per sua natura complessa e non tutto può essere risolto imparando tecniche o ancor peggio trucchetti di un manuale fai da te. Alcune sfide della vita non sono problemi, ma aspetti integranti della vita stessa. Questo libro saggiamente evita questo pericolo; illustra delle tecniche, ma solo dopo aver chiarito che per avere successo nel rapporto con il proprio partner sono necessarie delle attitudini fondamentali: il rispetto per l'altro, la capacità di comprensione empatica e l'autenticità.
Matrimonio efficace non indica, dunque, un matrimonio ideale. La sua premessa è che tutti gli esseri umani sono imperfetti e tutte le relazioni contengono conflittualità. Il successo di una relazione dipende, allora, dalla capacità di esprimere reciprocamente i propri bisogni, di risolvere insieme i conflitti, di disporsi in ascolto di fronte alle sfide della vita.

Patty Howell, psicologa, ha vasta esperienza come counselor nei programmi sul Counselling dell'Università di Washington. E' stata presidente e fondatrice di organizzazioni che promuovono progetti per la pace nel mondo dagli Stati Uniti, alla Cina, al Messico e all'Ungheria.
E' socia dell'Istituto dell'Approccio Centrato sulla persona (IACP) fondato da Carl Rogers. Con la meridiana ha già pubblicato "La promozione della Salute. Un approccio globale per il benessere della persona e della società." (2003)


M. Marcherschi, P. Pfanner
Il ritardo mentale. Capire e curare una grave malattia della mente
2005, Collana "Farsi un'idea", pagine: 148
Prezzo: € 8,00
Editore: Il Mulino

Il comportamento dell'uomo è frutto di molte capacità e di molte passioni, ma nelle condizioni del ritardo queste appaiono ridotte, impoverite e distorte. Abbiamo in questo caso a che fare con una condizione limite - chiamata impropriamente ritardo - poco conosciuta e spesso solo banalmente quantificata. Due autorevoli voci della neuropsichiatria infantile ci spiegano cosa accade nella persona con ritardo mentale, e ci fanno capire come la mente possa essere ferita ma mai distrutta; ed è proprio questo che rende sempre possibile uno spazio fecondo per un intervento riabilitativo. Il volume è uno strumento prezioso per genitori, insegnanti, operatori, psichiatri e per tutti coloro che devono capire e riabilitare, senza dimenticare che ogni essere umano può conquistare una maggiore autonomia della propria condotta e ha il diritto di realizzare al meglio le proprie possibilità nella vita affettiva, familiare e sociale.

Pietro Pfanner insegna Neuropsichiatria infantile nell'Unversità di Pisa, è direttore scientifico dell'Istituto Scientifico Stella Maris di Calambrone (Pisa) ed è presidente del Corso di specializzazione per insegnanti di sostegno della scuola secondaria (Ssis) della Toscana.
Mara Marcheschi insegna Neuropsichiatria infantile nell'Unversità di Pisa, è responsabile della formazione nell'Istituto Scientifico Stella Maris di Calambrone (Pisa) ed è docente della Ssis della Toscana.


Mario Papadia
Il counseling come riprogrammazione. Teoria e pratica di una terapia non convenzionale
2005, Collana Medico Psico-Pedagogica, pagine: 175
Prezzo: € 16.00
Editore: Armando

Il presente volume integra armonicamente molteplici discipline nella teoria e nella pratica del counseling arricchendosi così di nuove prospettive.
La sua impostazione lineare e sistematica consente di trattare con chiarezza concetti e teorie molto complessi, spaziando dalla biologia alla filosofia e alle terapie non convenzionali.
viene così offerta alla discussione degli operatori e alla curiosità dei lettori la conoscenza di un ulteriore nuovo approccio di counseling, al quale si affianca la nozione di riprogrammazione. Una proposta che fornisce una visione a largo spettro dell'individuo e del sistema nel quale questo è inserito, sottolineando la possibilità di ristrutturare qualsiasi concetto che irrigidisca la sua vita.

Mario Papadia, psicologo e psicoterapeuta è counselor supervisor clinico nella "Società Italiana di Counseling" (SICo) e direttore dell'"Accademia per la Riprogrammazione" per la formazione nel counseling. Persegue e promuove l'applicazione delle terapie naturali nell'ambito della psicoterapia ed ha inoltre studiato da vicino il fenomeno dei guaritori spontanei sulla cui esperienza ha scritto un manuale.
Per Armando ha pubblicato: La riprogrammazione esistenziale. Psicoterapia, counseling e medicina naturale (2001).


Giuseppe Maiolo , Giuliana Franchini (a cura di)
Attenti al lupo cattivo. Riconoscere l'abuso e proteggere i bambini
2005, pagine: 207
Prezzo: € 14,90
Editore: Erickson

Cos’è la violenza sui minori? Come si possono riconoscere i segnali dell’abuso? Cosa si può fare per tutelare i bambini? Come ci si attiva, concretamente, quando si sospetta che un bambino venga maltrattato o abusato sessualmente? Strutturato in forma di domande e risposte, il libro getta luce su vari aspetti di un fenomeno diffuso più di quanto si creda, che oggi richiede l’impegno e la collaborazione di tutti. Porta l’attenzione sul mondo sommerso della violenza fisica e psicologica, sui fenomeni della pedofilia e dell’incesto, sull’abuso sessuale che sempre di più si compie tra le mura domestiche, nell’ottica di promuovere una nuova cultura dell’infanzia, attenta, rispettosa e solidale.
Corredata di una serie di schede illustrate a colori da utilizzare con i bambini per aiutarli a proteggersi e a riconoscere precocemente i pericoli, l’opera si rivolge a genitori, insegnanti, educatori, psicologi e a tutti coloro cui stanno a cuore i bambini e gli adolescenti.


Elena Liotta
Su anima e terra. Il valore psichico del luogo
2005, Pagine: 424
Prezzo: € 22.00
Editore: Magi

Conservatore o progressista, nativo o immigrato, l'abitante della società avanzata vive ormai nella bolla dei suoi privilegi materiali, sospeso in un ambiente scorporato, snaturato, inumano, nel quale né anima né terra sembrano essere dimensioni significative
Il volume affronta il rapporto tra gli esseri umani e il loro ambiente. I luoghi suscitano sensazioni ed emozioni e sono depositari di affetti. Possiedono, dunque, una significatività psicologica. Il vissuto di eventi e relazioni importanti li rende psichicamente rilevanti e presenti nella memoria dell'individuo e della comunità: spazi esterni si tramutano in spazi interni, tempo reale in tempo psichico, per diventare esperienza, cultura, memoria e valore sentimentale. L'autrice pone un accento particolare sul tema della migrazione, del viaggio e dei luoghi d'origine, alla luce degli attuali processi di globalizzazione che hanno trasformato anche l'identità culturale e la figura dello straniero. Attraversando le disfunzioni e le sofferenze, la psicologia del profondo si riappropria di un tema centrale, troppo a lungo trascurato, per l'equilibrio dell'individuo e della collettività.
Un percorso inconsueto e affascinante che, tra paesaggi, partenze, esili, nostalgie e ritorni, tra immaginazione, simbolo e realtà concreta, tra storia, poesia e testimonianze di vita, rivela l'esistenza del paese dell'anima. E lì conduce.
Per l'autrice occorre oggi un nuovo patto tra anima e terra, una maggiore consapevolezza e partecipazione alla cura per l'ambiente che ci circonda, così intimamente legato alla nostra esistenza e alla sopravvivenza dei nostri figli. Nel luogo, come valore psichico condiviso, si può ricreare il rapporto pacifico tra gli esseri umani e la terra che li ospita, rianimando la passione per il mondo.
Il volume è dedicato agli emigranti per forza o per scelta, agli psicoterapeuti e ai professionisti della cura e dell'educazione in generale. Ma anche agli architetti e urbanisti, agli amministratori e ai politici che hanno a cuore il benessere delle loro comunità. Potrà essere utile a chiunque abbia fatto l'esperienza di lasciare il proprio ambiente e i luoghi familiari per inoltrarsi in uno spazio nuovo e sconosciuto: dal trasloco di casa allo spostamento per studio, lavoro o turismo. A chi percepisca la sacralità di certi luoghi, la loro armonia e disarmonia, e si ponga domande sulle esperienze estetiche e contemplative. A quanti, infine, considerino la relazione con l'ambiente esterno meritevole di maggiore attenzione e consapevolezza psicologica.

Elena Liotta, nata a Buenos Aires, laureata in Lettere e in Psicologia, psicoterapeuta e analista junghiana, membro dell'AIPA (Associazione Italiana di Psicologia Analitica), della IAAP (International Association of Analytical Psychology) e del Paricenter for New Learning. Svolge da più di vent'anni attività clinica, didattica e culturale in ambito psicologico, educativo e sociale, sia in istituzioni pubbliche che in ambito privato. Nelle stesse aree svolge attualmente il ruolo di consulente per il Comune di Orvieto, dove risiede. È autrice di numerosi articoli, saggi e libri che sottolineano il contributo della psicologia analitica alla comprensione della realtà contemporanea non solo dal punto di vista clinico, ma anche in un'ottica interdisciplinare che affronta la scienza, l'arte e la creatività, la critica sociale e l'identità femminile. Tra essi: Educare al Sé (Edizioni Magi, 2001), Le solitudini nella società globale (La Piccola Editrice, 2003) e il libro di poesie Vuoti d'aria
(Ripostes, 1998).


Savardi Ugo , Bianchi Ivana
L'identità empirica. Studi e ricerche sull'esperienza d'identità
2005, Collana: Serie di psicologia, Pagine: 240
Prezzo: € 20,00
Editore: Franco Angeli

"l'identità (...) fa parte di quegli aspetti dell'esperienza che vorremmo indicare come categoriali. (...) infatti, contribuisce a dare all'ordine delle cose esperite l'aspetto che esso ha (...); non è possibile immaginare una scena in cui gli elementi costitutivi non possiedano in qualche grado una propria identità; possiamo rappresentarceli come divenienti di attimo in attimo un'altra cosa, diversa, da quella che erano un attimo prima (...). Ma per immaginare una continua perdita di identità occorre pure immaginare una identità che va perduta, una identità durata solo un attimo..." (Bozzi, 1969).
Del tema dell'identità si interessano filosofi, logici, linguisti, psicologi, psicoterapeuti, letterati, genetisti...
Il testo tratta dell'identità come proprietà empirica degli oggetti. Lo fa, innanzitutto, riproponendo la lettura di due capitoli fondamentali di Paolo Bozzi; quindi ridiscutendo le analisi empiriche dell'identità in due direzioni filosofiche (con i contributi di un matematico e filosofo della scienza, Antonio Moretto, e di un ontologo contemporaneo, Maurizio Ferraris) e "specificandole" in riferimento a precisi contenuti dell'esperienza percettiva: l'identità temporale degli oggetti, dei colori e della propria immagine allo specchio (contributi di Giovanni Bruno Vicario, Osvaldo da Pos, Ugo Savardi e Ivana Bianchi), l'identità sonora (trattata dalla prospettiva di un informatico, Davide Rocchesso) e infine rispetto ai modi in cui l'identità si declina nelle strutture linguistiche (contributo di Federico Vicario).

Ugo Savardi , professore associato di Psicologia generale, afferisce al Dipartimento di Psicologia e Antropologia culturale dell'Università di Verona. Con Ivana Bianchi ha pubblicato: I luoghi della contrarietà , Upsel, 1997; L'identità dei Contrari , Cierre, 2000; per i nostri tipi ha curato Le relazioni empiriche. Per un scienza delle Relazioni in Psicologia, 2003).
Ivana Bianchi , professore associato di Psicologia generale, afferisce al Dipartimento di Scienze dell'educazione e della formazione dell'Università di Macerata.


Barry G. Ginsberg
Per genitori single
2005, pagine: 250
Prezzo: € 12.50
Editore: Pan

Questo libro si propone di aiutare i genitori single, il cui numero è decisamente in crescita, a fronteggiare i problemi quotidiani con i figli donando loro coraggio e serenità.
Non si può negare che educare dei figli quando si è genitori divorziati - o soli per svariati motivi - è una sfida ben più grande di quella che devono affrontare un padre e una madre uniti. Lo sconforto e la paura di non farcela possono talvolta giungere a minare il rapporto con i figli, compromettendo l'armoniosa crescita di questi ultimi e trasmettendo loro insicurezza e infelicità.
L'autore, che ha individuato 50 atteggiamenti da adottare per superare i problemi insiti nel ruolo di genitore single, sottolinea l'importanza del dialogo, del confronto quotidiano, del sapersi esprimere con chiarezza e soprattutto dell'offrire, attraverso il proprio comportamento, un esempio chiaro e coerente al quale i figli possono ispirarsi in ogni momento.

Barry G. Ginsberg, psicologo con alle spalle una trentennale esperienza, ha una profonda conoscenza della problematica, in quanto cresciuto dalla madre single.


Filippo Muratori
Ragazzi violenti. Da dove vengono, cosa c'è dietro la loro maschera,come aiutarli
2005, Collana "Farsi un'idea", pagine: 144
Prezzo: € 8,00
Editore: Il Mulino

Cosa può condurre un ragazzo ad avere un comportamento violento fino all'omicidio? Chi sono i ragazzi violenti? L'aggressività è un fenomeno molto complesso, non sempre sinonimo di violenza e non sempre immediatamente collegabile ad una diagnosi psichiatrica; perché un comportamento possa essere definito violento è infatti necessario l'intervento di molti fattori genetici, biologici, familiari o sociali, ancora in gran parte sconosciuti. L'autore del volume, dopo aver smontato una serie di luoghi comuni, a partire da quello che vede in aumento la violenza nelle nuove generazioni, individua le radici dell'aggressività, mette a fuoco le sue possibili cause, esamina le diverse tipologie di comportamento violento e i suoi rapporti con i disturbi psicopatologici. Infine, si sofferma sulle cure e sugli interventi di recupero, invitando tutti coloro che sono coinvolti nel processo educativo a non demonizzare il problema, ma a capire per poter prevenire, nell'interesse non solo dei soggetti a rischio ma anche dell'intera comunità.

Filippo Muratori insegna Neuropsichiatria infantile nell'Università di Pisa, è direttore dell'Unità Operativa di Psichiatria dello sviluppo presso l'Istituto Scientifico Stella Maris di Calambrone (Pisa) ed è presidente dell'Associazione italiana per la salute mentale infantile.


Farina B. Liotti G. Rainone A.
Due terapeuti per un paziente. Dalla teoria dell'attaccamento alle psicoterapie a setting multipli
2005, Collana: Scienze della mente, pagine: 262
Prezzo: € 22,00
Editore: Laterza

Un contributo originale alla teoria e alla prassi della psicoterapia, che illustra con una serie di dettagliati esempi clinici la possibilità di integrare l’impegno simultaneo di diverse figure terapeutiche nella cura dei pazienti difficili.
Indice: Introduzione di Giovanni Liotti - 1. Una pratica senza teoria. Storia delle psicoterapie a setting multipli per i pazienti gravi - 2. Una teoria per la pratica. Attaccamento disorganizzato e psicoterapie a setting multipli - 3. Una paziente incurabile? Psicoterapia individuale e gestione della cura farmacologica - 4. Sentirsi tanti e la fatica di essere uno. Dalla co-terapia farmacologica alla duplice psicoterapia individuale - 5. Solo se mi oppongo esisto. La terapia familiare come strumento per la costruzione del setting individuale - 6. In famiglia non si parla più. Psicoterapia individuale e intervento familiare - 7. Il dramma del matrimonio bianco. Psicoterapia individuale e intervento sulla coppia - 8. Ci vediamo al gruppo. Il modello cognitivo-evoluzionista di terapia integrata individuale e di gruppo - 9. Durante e dopo il ricovero. Psicoterapia individuale, gruppi psicopedagogici e ospedalizzazione - 10. Vantaggi e limiti delle psicoterapie condotte in setting multipli integrati - Appendice I sistemi motivazionali interpersonali - Riferimenti bibliografici - Gli autori

Benedetto Farina, psichiatra e psicoterapeuta, dottore di ricerca in Neuroscienze, è autore, oltre che di diversi articoli editi su riviste internazionali e nazionali, del volume Il déjà vu e la coscienza (Milano 1999).
Giovanni Liotti, psichiatra e psicoterapeuta, è presidente della Società Italiana di Terapia Comportamentale e Cognitiva (SITCC) e docente nella Scuola di Psicoterapia Cognitiva di Roma. È coautore, con Vittorio Guidano, del libro Cognitive processes and emotional disorders (Guilford Press, New York 1983), e autore dei volumi La dimensione interpersonale della coscienza (Nuova Italia Scientifica, Roma 1994; nuova ed. Carocci, in corso di stampa) e Le opere della coscienza: psicopatologia e psicoterapia nella prospettiva cognitivo-evoluzionista (Raffaello Cortina, Milano 2001).
Antonella Rainone, psicologa e psicoterapeuta, è docente presso il corso di specializzazione in Psicoterapia Cognitiva dell’Associazione di Psicologia Cognitiva e presso la Scuola di Psicoterapia Cognitiva; ha curato, con F. Mancini, il libro Gli approcci cognitivi alla depressione (Franco Angeli, Milano 2004).


Carina Coulacoglou
Il Test delle Fiabe (FTT - Fairy Tale Test). Test proiettivo di personalità per bambini dai 6 ai 12 anni
2005, pagine: 273 + protocollo + 21 schede plastificate a colori
Prezzo: € 28.00
Editore: Erickson

Il Test delle Fiabe è un test proiettivo, unico nel suo genere, per la valutazione della personalità nei bambini dai 6 ai 12 anni. Si compone di una serie di 21 tavole illustrate che rappresentano i principali personaggi di fiabe molto note (come Biancaneve e i Sette Nani, Cappuccetto Rosso, Hansel e Gretel, Pollicino, ecc.) che, per il loro contenuto simbolico, si prestano molto bene a far emergere gli aspetti centrali dell’esperienza, dei conflitti e delle angosce dei bambini.
Durante la somministrazione del test, della durata di circa 45 minuti, vengono presentate al bambino delle serie di 3 tavole che raffigurano lo stesso personaggio della fiaba in tre versioni diverse; scegliendo tra queste immagini, egli dovrà rispondere ad alcune domande, e le sue risposte verranno adeguatamente siglate attribuendo loro un punteggio rispetto alle 29 scale del test.
Standardizzato su un ampio campione di soggetti (873 bambini tra i 6 e i 12 anni) l’FTT rappresenta per lo psicologo uno strumento molto utile di valutazione della personalità nell’età dello sviluppo e può essere somministrato anche a bambini con bisogni educativi speciali, come difficoltà di apprendimento o ritardo mentale lieve.

Adattamento italiano di Anna Paola Ercolani e Francesca Ortu


Vittoria Cesari Lusso
Dinamiche e ostacoli della comunicazione interpersonale
2005, pagine: 201
Prezzo: € 19,80
Editore: Erickson

«Non capisco quel che dice!» «Parlare con te è come parlare coi muri.» «Non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire.» Perché, pur disponendo di uno strumento di comunicazione estremamente sofisticato e potenzialmente efficace - il linguaggio verbale - e vivendo in un’epoca che attribuisce alla comunicazione un’importanza senza precedenti, abbiamo ancora tante difficoltà a capirci? Come mai i mal-intesi, i sotto-intesi, i non-intesi sono ingredienti difficilmente evitabili della comunicazione quotidiana?
Questo libro cerca di fare chiarezza sulle dinamiche e sugli ostacoli della comunicazione interpersonale partendo da alcune fondamentali premesse:
– saper parlare non significa saper comunicare: le competenze comunicative, infatti, non piovono dal cielo ma vanno apprese e insegnate;
– la comunicazione, che generalmente appare come un processo spontaneo e piuttosto semplice, è invece un meccanismo assai complesso che può essere opportunamente oliato e «guidato»;
– la qualità della comunicazione è intimamente legata al tipo di rapporto socioculturale e alla qualità delle relazioni interpersonali.
L’opera fornisce ai professionisti della formazione e dell’educazione, ma anche ai genitori e a chi opera nel mondo del lavoro, una selezione di risorse ad hoc — supporti teorici e «diagnostici», strumenti di analisi del quotidiano e indicazioni operative — allo scopo di rendere agevolmente fruibili alcuni elementi essenziali delle attuali conoscenze scientifiche e alcuni strumenti per comunicare più efficacemente nelle situazioni quotidiane.

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

ansia (1510264195644)

Vanessa, 44     Ciao. Sono una donna single, innamorata dei viaggi. ...

Credo che al mio ragazzo inte…

Flavia, 23     Salve, sono una ragazza di 23 anni. Per cinque mesi sono stata con un ragazzo che ho lasciato nei giorni scorsi. ...

Depressione a causa di una rag…

Pasq, 25     Sono un ragazzo di 25 anni, 1 anno fa conobbi una ragazza, e subito abbiamo stretto amicizia e siamo diventati molto amici. ...

Area Professionale

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Le parole della Psicologia

Efferenza

Il termine “efferenza” si riferisce alle fibre o vie nervose che conducono in una determinata direzione i potenziali di riposo e di azione provenien...

Folie à deux

La folie à deux è un disturbo psicotico condiviso, ossia una “follia simultanea in due persone”.  Essa è una psicosi reattiva che insorge in modo simultane...

La proiezione

La proiezione è un meccanismo di difesa arcaico e primitivo che consiste nello spostare sentimenti o caratteristiche proprie, o parti del Sè, su altri oggetti o...

News Letters