Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

PSICOLOGIA NEWS n.216 - 21.7.2005

on . Postato in News libri e riviste | Letto 258 volte

  • DSM-IV-TR MG. Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali per la medicina generale
  • Prestami orecchio. L'uso della canzone nel dialogo tra le generazioni
  • Life Skills: Il pensiero critico
  • Life Skills: Il problem solving
  • Life Skills: La comunicazione efficace
  • Le radici dell'innovazione. Ricerche e progetti degli operatori delle dipendenze
  • Aiutare i bambini... a superare ansie o ossessioni. Attività psicoeducative con il supporto di una favola
  • Manuale per orientatori. Metodi e scenari per l'empowerment personale e professionale
  • Autoterapia. Guarire la propria psiche con strumenti personali
  • Che cos'è la personalità
  • Dare un senso alla diagnosi

DSM-IV-TR MG. Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali per la medicina generale
Introduzione di Giuseppe Leggieri
2003, pagine: 280
Prezzo: € 32,00
Editore: Masson

Il Manuale Diagnostico e statistico dei disturbi mentali, quarta edizione - Versione Primary Care - costituisce il risultato di un lavoro di collaborazione senza precedenti tra le specialita` della medicina generale e la psichiatria al fine di creare un utile approccio per la diagnosi dei disturbi mentali nella medicina generale. L`intento dell`opera e` di offrire agli addetti della medicina generale un`istruzione di base sui disturbi mentali che sia compatibile con gli approcci standard utilizzati nella cura specialistica della salute mentale (cioe`, il DSM-IV). Questa versione, destinata ai medici di medicina generale, dovrebbe inoltre contribuire a migliorare la comunicazione tra gli addetti alla medicina generale, gli psichiatri e gli altri operatori della salute mentale, e a promuovere la collaborazione nel campo didattico, clinico e della ricerca.


L. Gigante , G. Turi
Prestami orecchio. L'uso della canzone nel dialogo tra le generazioni
2005, Pagine: 184
Prezzo: Euro 14,00
Editore: La Meridiana

Ogni generazione ha le sue canzoni. C'è la generazione di De Andrè e quella di Eminem, quella di Vasco Rossi e quella di Caparezza. Ogni generazione racchiude nella musica i suoi miti, le sue speranze, ma anche le sue inquietudini, la sua domanda di senso. La canzone è come un messaggio in bottiglia affidato al mondo. Nella speranza che venga raccolto.
Questo volume vuole stimolare le generazioni degli adulti, giovani di ieri, e quelle dei giovani, adulti di domani, a scambiarsi i messaggi racchiusi nelle loro reciproche bottiglie. A fare della canzone un efficace strumento per ricucire il filo spezzato di un dialogo educativo tra generazioni diverse.
Come una vera guida all'ascolto, ricca di riflessioni pedagogiche, schede musicali, suggerimenti metodologici e un vastissimo repertorio di testi selezionato dalla migliore musica giovanile nazionale e internazionale, queste pagine propongono un percorso formativo, articolato e completo, centrato sull'esperienza dell'ascolto. In classe o in un gruppo, nella sede di un'associazione ma anche a casa di un amico. Una volta create le condizioni, tutti gli ambienti possono trasformarsi nel luogo in cui attraverso le note ognuno, certo con la sua parola, comunica lo scrigno pregiato delle sue emozioni. E insieme se stesso.

Lazzaro Gigante è docente di pedagogia presso l'Università LUMSA e giudice onorario del Tribunale per i minorenni di Bari. Già dirigente scolastico, promotore di sperimentazioni didattiche riconosciute a livello nazionale, ha diretto stage formativi sui problemi dell'adolescenza rivolti a educatori e responsabili di gruppi giovanili.
Giuseppe Turi è un cultore di musica pop. La sua lunga esperienza di frequentatore assiduo di concerti live e di siti internet gli permette una conoscenza approfondita dei vari stili musicali.


Francesca Mosiello Giovanna Boda
Life Skills: Il pensiero critico
2005, pagine: 112
Prezzo: € 10.00
Editore: Carocci

Le life skills sono quelle abilità che rendono gli individui capaci di affrontare efficacemente le richieste e le sfide della vita quotidiana. Tra queste, il pensiero critico è uno dei requisiti fondamentali per l'emancipazione e la partecipazione alla vita sociale di bambini e adolescenti. Ma che cosa si intende effettivamente quando si parla di pensiero critico? È possibile pensare di costruire strumenti per lo sviluppo e la valutazione del pensiero critico? Il volume intende rispondere a questi interrogativi attraverso materiale teorico e operativo.

Francesca Mosiello, psicologa, frequenta il dottorato di ricerca in Psicologia sociale presso l'Università "La Sapienza" di Roma.
Giovanna Boda dottore di ricerca in Psicologia sociale e della personalità, è stata responsabile del coordinamento tecnico-scientifico del programma del miur "Life Skills e Peer Education". Collabora con la Fondazione Giovanni e Francesca Falcone.


Giovanna Boda Silvia Landi
Life Skills: Il problem solving
2005, pagine: 128
Prezzo: € 10.00
Editore: Carocci

Nell’insegnamento delle life skills o “abilità per la vita” individuate dall’OMS, il ruolo della scuola e degli insegnanti è sempre più centrale. Ai docenti non è più richiesto di fornire ai propri allievi solo “saperi”, ma anche gli strumenti necessari per fronteggiare efficacemente le situazioni problematiche incontrate da ragazzi nella vita quotidiana. A questo proposito, il volume tratta il tema delle life skills e del problem solving, cercando di fornire al lettore non solo informazioni che accrescano il suo “sapere”, ma anche strumenti che gli permettano di “saper fare”.

Silvia Landi Psicologa, collabora con la cattedra di Psicologia giuridica dell´Università "La Sapienza" di Roma.
Giovanna Boda dottore di ricerca in Psicologia sociale e della personalità, è stata responsabile del coordinamento tecnico-scientifico del programma del miur "Life Skills e Peer Education". Collabora con la Fondazione Giovanni e Francesca Falcone.


Giovanna Boda
Life Skills: La comunicazione efficace
2005, pagine: 128
Prezzo: € 10.00
Editore: Carocci

Tema di grande attualità nella psicologia dello sviluppo e dell’educazione, le life skills (le competenze indispensabili per le nuove generazioni) sono al centro dei percorsi educativi più avanzati. In questo volume viene approfondita la “comunicazione efficace” quale strumento educativo e metodologico indispensabile per promuovere un apprendimento personalizzato a scuola. Infatti le richieste formative rivolte alla scuola d’oggi sono focalizzate sull’esigenza di porre al centro del processo formativo lo studente, con le proprie caratteristiche individuali, le potenzialità e le aspirazioni, con il suo bisogno di realizzarsi nella società in cui vive e di sviluppare competenze professionali e sociali.

Giovanna Boda dottore di ricerca in Psicologia sociale e della personalità, è stata responsabile del coordinamento tecnico-scientifico del programma del miur "Life Skills e Peer Education". Collabora con la Fondazione Giovanni e Francesca Falcone.


Strepparola Giovanni , Di Carlo Cesare
Le radici dell'innovazione. Ricerche e progetti degli operatori delle dipendenze
2005 Collana: Clinica delle dipendenze e dei comportamenti di abuso, Pagine: 480
Prezzo: € 29,00
Editore: Franco Angeli

Il volume raccoglie i contributi presentati al Secondo Congresso Nazionale di FeDerSerD (Firenze, 17-20 ottobre 2004), dedicato all’approfondimento delle vecchie e nuove forme di dipendenza, dei fenomeni d’abuso e al tema dei consumi di sostanze e alle modalità per farvi fronte. I lavori sono qui suddivisi in sette aree tematiche: epidemiologia, prevenzione, management, inquadramento diagnostico, trattamento, riabilitazione e valutazione, al fine di comprendere, approfondire e analizzare i diversi settori ed ambiti caratteristici del lavoro di contrasto alle forme di dipendenza.
Le tecniche terapeutiche e di prevenzione, i diversi approcci alla tematica e l’apporto globale fornito alla discussione sui principali capitoli del dibattito scientifico attuale fanno di questo testo uno strumento completo e aggiornato in materia di abuso e dipendenza.
Le esperienze alla base dei testi qui presentati rivisti e ampliati, nascono all’interno sia di servizi pubblici sia di istituzioni private che operano in tutte le regioni italiane e possono, pertanto, considerarsi rappresentative della complessità e della diffusione del sistema di intervento e cura delle dipendenze patologiche sul territorio nazionale.

Giovanni Strepparola , Medico specialista in Psicologia medica, è Responsabile dell’Osservatorio Territoriale Droghe e Tossico-dipendenze del Dipartimento delle Dipendenze dell’Asl provincia di Milano 2.
Cesare Di Carlo , Medico specialista in Igiene e Medicina preventiva, è Direttore del Ser.T. di Giulianova (TE).


Margot Sunderland
Aiutare i bambini... a superare ansie o ossessioni. Attività psicoeducative con il supporto di una favola
2005, pagine: 68 + 32 favola allegata a colori
Prezzo: € 19,00
Editore: Erickson

Vi sono bambini che percepiscono il mondo esterno come insicuro, instabile, ondeggiante e minaccioso, riflesso di un disordine emotivo interiore e di un’incapacità reale di affrontare serenamente le difficoltà della vita quotidiana, fino a coltivare paure e ansie paralizzanti. Viceversa, vi sono bambini che interiorizzano un mondo statico, ordinato e rigoroso, fatto di norme, divieti e autorità, che generano apatia, passività, demotivazione, fino alla manifestazione di rituali ossessivi. In entrambi i casi siamo in presenza di emozioni e bisogni affettivi repressi o inibiti perché è stata negata loro una vitale possibilità di esprimersi in libertà, una presenza adulta rassicurante, fisicamente presente e stimolante.
Seguendo le tracce di Willy, che vive in una casa in cui tutto trema e ondeggia, e Joe, circondato da linee rette, ambienti ordinati e forme geometricamente perfette, è possibile accompagnare i bambini in un mondo diverso, a portata di desiderio, dove ritrovare serenità, tenerezza e protezione, e allo stesso tempo spazi di gioco e di sperimentazione creativa, luoghi in cui liberare fantasia e immaginazione, e ritrovare il proprio Sé autentico.
Il libro presenta una guida introduttiva, di aiuto nella lettura della favola e nella comprensione del suo valore terapeutico, rivolta ai genitori, ma anche a educatori, insegnanti, psicologi e quanti incontrano bambini che hanno difficoltà a esprimere le proprie emozioni.


Federico Batini (a cura di)
Manuale per orientatori. Metodi e scenari per l'empowerment personale e professionale
2005, pagine: 301
Prezzo: € 18,50
Editore: Erickson

Nel quadro dell’evoluzione della società contemporanea e dell’emergere dell’apprendimento come dimensione costitutiva dell’intero corso della vita, l’orientamento ha assunto negli ultimi anni un’importanza sempre crescente, sia nel dibattito scientifico che nelle politiche della formazione e del lavoro.
Novità assoluta nel panorama editoriale italiano, il volume si occupa di questo tema unendo all’inquadramento teorico un’ampia e dettagliata presentazione dei metodi e degli strumenti utilizzabili dagli orientatori.
Un primo nucleo di interventi delinea lo scenario in cui oggi vengono ripensate le tradizionali modalità di orientamento, anche in relazione all’importanza assunta dal concetto di competenza, e quali siano le prospettive future.
La sezione centrale del volume introduce quindi le tecniche, gli strumenti, i metodi e le risorse che l’orientatore dovrebbe possedere e padroneggiare (l’ascolto, il colloquio, il bilancio di competenze, l’orientamento in gruppo, l’orientamento narrativo, il progetto professionale, le tecniche di ricerca del lavoro), proponendo un approccio centrato sull’empowerment dei soggetti.
La terza parte, infine, propone alcune esperienze in una duplice accezione: l’applicazione di determinati metodi (bilancio e simulazione) e il panorama delle esperienze di formazione degli orientatori in ambito europeo.
Il testo si rivolge principalmente agli operatori del settore che stanno completando la propria formazione o che vogliono avere un quadro sistematico e riassuntivo degli «strumenti del mestiere».


Ghezzani Nicola
Autoterapia. Guarire la propria psiche con strumenti personali
2005, Collana: Le Comete - Per capirsi di piu' e aiutare chi ci sta accanto, Pagine: 144
Prezzo: € 15,00
Editore: Franco Angeli

Una delle maggiori angosce che affliggono la persona che soffre nella psiche è la confusa varietà dell’offerta psicoterapeutica. A terapia avviata, uno dei suoi maggiori problemi è la dipendenza dallo psicoterapeuta, dai gruppi o le scuole di terapia, dagli psicofarmaci.
Il presente libro nasce dalla consapevolezza che l’individuo sofferente è in grado di risolvere sia il problema dell’incertezza delle scelte, sia quello della dipendenza se è coinvolto nella sua terapia in prima persona, non solo e non tanto come paziente di qualcuno, bensì come terapeuta di se stesso.
Intervallato da pagine di limpida autobiografia, il libro descrive le tappe che hanno portato l’autore dalla sua personale vicenda esistenziale all’elaborazione del concetto e della prassi dell’autoterapia.
Scrive Ghezzani: «Alcuni degli psicoterapeuti più noti sono stati anche, nella loro vita, dei grandi autoterapeuti… Che cos’è un autoterapeuta?… Nella mia concezione, autoterapeuta è colui che, in fasi particolari della vita, abbia dovuto impegnarsi nella risoluzione di problemi psichici personali, e non solo sia riuscito, almeno in parte, a risolverli, ma, soprattutto, si sia impegnato a fornire una testimonianza diretta delle operazioni poste in essere per superarli, una testimonianza in grado di raggiungere persone costrette o interessate a compiere anch’esse lo stesso percorso…
Pertanto, definisco autoterapeuta chi abbia documentato il percorso effettuato per giungere all’autoguarigione».
Guidandoci lungo un percorso che da Carl Gustav Jung va ad Ivan Illich per giungere fino a Michel Foucault e alle filosofie post-strutturaliste, il libro di Nicola Ghezzani descrive e documenta la possibilità di un radicale e profondo percorso di autoterapia, che, mentre svela al soggetto come si sono costituite la sua mente e la sua personalità, gli offre l’occasione di rimodellarle e portarle così a più adeguati livelli di funzionamento.

Nicola Ghezzani , psicologo e psicoterapeuta, vive e lavora a Roma dove ha contribuito alla formulazione dei principi della Psicoterapia dialettica . È consulente scientifico presso associazioni di pazienti e di mutuo aiuto. Con FrancoAngeli ha già pubblicato Uscire dal panico (2000), su ansia, fobie e attacchi di panico, Volersi male (2002), sulle patologie masochistiche e la depressione e Crescere in un mondo malato. Bambini e adolescenti in una società in crisi (2004).


Lisa Di Blas
Che cos'è la personalità
3^ Ristampa 2005 pagine: 128
Prezzo: 9.00
Editore: Carocci

Che cos'è la personalità? E' inscritta nel nostro patrimonio genetico o è determinata dall'ambiente sociale in cui viviamo? Come cambia dall'infanzia alla maturità? Il libro è un'introduzione aggiornata alle principali teorie e questioni sviluppate e discusse dagli studiosi della materia. Tra i temi affrontati, le basi biologiche della personalità, il ruolo dei processi cognitivi e affettivi nella costruzione del s , l'unicità del mondo interiore di ciascun individuo.

Lisa Di Blas insegna Teorie e tecniche dei test di personalità alla Facoltà di Psicologia dell'Università di Trieste. Ha pubblicato diversi articoli su riviste nazionali e internazionali di psicologia scientifica.


James W. Barron, (a cura di)
Dare un senso alla diagnosi
2005, Collana : Psichiatria Psicoterapia Neuroscienze, pagine: 382
Prezzo: € 35,00
Editore: Raffaello Cortina

Contributi di Sidney J. Blatt, John F. Clarkin, Courtenay M. Harding, Enrico E. Jones, Otto F. Kernberg, Howard D. Lerner, Paul M. Lerner, Kenneth N. Levy, Leigh McCullough, Susan H. McDaniel, Nancy McWilliams, Peter E. Nathan, Bruce L. Smith, Javiera Somavia, George E. Vaillant, Jerome C. Wakefield, William H. Watson, Drew Westen.
Il DSM-IV, testo di riferimento per la diagnosi e il trattamento dei disturbi mentali, non ha mancato di suscitare perplessità tra gli operatori della salute mentale per l’eccessiva rigidità nella classificazione delle patologie, che trascura gli aspetti soggettivi e umani. “Dare un senso alla diagnosi” costituisce una fondamentale integrazione al DSM-IV, proponendo di comprendere nell’osservazione diagnostica non solo la descrizione oggettiva dei comportamenti dei pazienti ma anche il significato, conscio e inconscio, che viene loro attribuito. Un invito a psicologi, psichiatri e psicoterapeuti a riconsiderare il problema del “senso” nel lavoro quotidiano con i pazienti.

James W. Barron, psicoanalista e psicologo clinico, insegna Psicologia al dipartimento di Psichiatria della Harvard Medical School di Boston, Massachusetts.

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

sig (1509381564901)

Antony, 50     Da 5 anni, più o meno nel periodo tra ottobre e gennaio, mia moglie, 48 anni, è come se cambiasse personalità. ...

Fobia di non riuscire a tratte…

Marco989898, 14     Il mio problema è che ho la continua ossessione di andare in bagno e anche se all'inizio sembrerà  una cosa stupida, son...

E' realmente un problema? (151…

Flick, 27     Buongiorno, sono una donna di 27 anni e da quando ne ho compiuti più o meno 19, nei momenti di maggiore stress sento un forte impul...

Area Professionale

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

La Certificazione Psicologica:…

Nella pratica clinica è possibile trovarsi di fronte ad una specifica richiesta, da parte del paziente/cliente, di una Certificazione che attesti, sia dal punto...

Le parole della Psicologia

Effetto Zeigarnik

L’effetto Zeigarnik è uno stato mentale di tensione causato da un compito non portato a termine. L'effetto Zeigarnik descrive come la mente umana ha più faci...

Personalità

“Esistono bisogni emotivi primitivi, esistono bisogni di evitare la punizione e di conservare il favore del gruppo sociale, esistono bisogni di mantenere l’armo...

Voyeurismo

Il Voyeurismo (dal francese  voyeur che indica chi guarda, “guardone”)  è un disordine della preferenza sessuale. I voyeur sono quasi sempre uomini ch...

News Letters