Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

PSICOLOGIA NEWS n.233 - 1.12.2005

on . Postato in News libri e riviste | Letto 263 volte

  • Le nostre ansie quotidiane. Guida leggera per una vita più serena della realtà
  • Il colore come terapia. Cura ed esperienza artistica
  • Piccolo dizionario. Il male di vivere. Come stare bene con sé per stare meglio con gli altri
  • Dalla creta alla cretazione. L’argilla in arte terapia
  • Dreamwork lavorare con i sogni. I bisogni educativi, i nuovi metodi e i nuovi programmi
  • Il fantastico mondo dei sogni. Capire e interpretare la vita onirica
  • Il feto ci ascolta…e impara. Genitorialità, transgenerazionalità e ricerca sperimentale
  • Adolescenza: il trauma dell'età, l'eta' dei traumi
  • Pensare per immagini
  • Sostegno psicologico in gravidanza
  • Il bambino e le abilità di lettura: il ruolo della visione

Diego Garofalo
Le nostre ansie quotidiane. Guida leggera per una vita più serena della realtà
2005, pagine: 224
Prezzo: € 10.00
Editore: EDUP

Siamo noi i primi terapeuti di noi stessi. I piccoli problemi ci preservano, spesso, da quelli più grandi. Se ci poniamo di fronte ad essi con animo più fiducioso, possiamo non ingrandirli. Se non possiamo evitare lo stress della civiltà che ci rende nevrotici, almeno possiamo neutralizzarlo. Questa “giuda leggera ad una visione più serena della realtà” ha l’ambizione di voler aiutare il lettore a sdrammatizzare le preoccupazioni più frequenti della vita quotidiana, con un pizzico di ironia, di buonumore, di scientificità. Perché ognuno possa trovare in se stesso le potenzialità per la propria crescita, pur in mezzo alle ansie quotidiane.

Diego Garofalo è psicologo, psicanalista e saggista. Esponente della psicanalisi interpersonale e culturalista, ha pubblicato La psicanalisi interpersonale. Introduzione all’opera di Karen Horney (Padova 1979); Psicologia e scuola. (Roma 1979) Prevenzione, scuola e territorio (Roma 1981); Prevenzione psicosociale e salute (Roma 1989). Per la Edup ha già pubblicato Una psicanalisi a misura d’uomo. Le nuove vie dei neofreudiani (Roma 1995); L’importante è essere normali. (Roma 1998); Piccolo dizionario delle dipendenze psicologiche (Roma 2000); Analisi di gruppo (Roma 2001); Piccolo dizionario. Il Male di vivere (Roma 2002); Piccolo dizionario. La ricerca della bellezza (Roma 2003).


Maria Grazia Giaume
Il colore come terapia. Cura ed esperienza artistica
2002, Pagine: 104
Prezzo: € 8,00
Editore: EDUP

Lavorare con il colore, utilizzando varie tecniche, può offrire una possibilità d'aiuto a persone con difficoltà di tipo emotivo, esistenziale e con un disordine psichico in genere.

Maria Grazia Giaume, psicopedagogista lavora a Firenze come arte terapeuta con i ragazzi autistici all'Aiaba (Associazione italiana assistenza bambini autistici) e collabora con il Cai (Centro alcologico integrato) nel trattamento di persone che soffrono per diverse forme di dipendenza da alcol, cibo. Ha tenuto corsi di acquerello per bambini e adulti in alcune città italiane e ha guidato esperienze di pittura in gruppo nell'ambito di convegni e nelle giornate mondiali senza tabacco del 1996 e 1997.


Diego Garofalo
Piccolo dizionario. Il male di vivere. Come stare bene con sé per stare meglio con gli altri
2002, pagine: 184
Prezzo: € 13.00
Editore: EDUP

Le parole chiave per ritrovare uno spazio critico e un sano narcisismo. Abbuffata, Amore di sé, Angoscia, Anonimato, Arroccamento, Ascolto, Biologia, Biotecnologie, Borderline, Cambiamento, Colpa, Comunicazione, Corpo, Crescita, Diritti, Diseducazione, Emozioni, Estetica, Fantasia, Felicità, Festa, Fiducia, Folla, Follia, Formazione, Globalizzazione, Immaturità, Io, Leader, Magia, Novità, Parole, Perfezione, Perversione, Politica, Procreazione, Proibizionismo, Quantità, Rabbia, Realtà, Regole, Separazioni, Sessualità, Socialità, Solitudine, Supertecnologia, Tempo, Uguaglianza, Valori, Virtualità, Vittimismo, Vuoto.

Psicologo, psicoanalista e saggista. Esponente della psicoanalisi interpersonale e culturalista, ha pubblicato: La psicoanalisi interpersonale. Introduzione all’opera di Karen Horney (Padova, 1979); Psicologia e scuola (Roma, 1979); Prevenzione, scuola e territorio (Roma, 1981); Prevenzione psicosociale e salute (Roma, 1989). Per la Edup ha già pubblicato: Una psicoanalisi a misura d’uomo. Le nuove vie dei neofreudiani (Roma, 1995); L’importante è essere normali (Roma, 1998); Piccolo dizionario delle dipendenze psicologiche (Roma, 2000); Analisi di gruppo (Roma, 2001); Piccolo dizionario. Il Male di vivere (Roma, 2002); Piccolo dizionario. La ricerca della bellezza (2003); Le nostre ansie quotidiane (2005).


Gabriella Trani
Dalla creta alla cretazione. L’argilla in arte terapia
2002, pagine: 160
Prezzo: € 10.00
Editore: EDUP

La “cretazione” è un modo di manipolare la materia plastica e agire con le mani attraverso esperienze controllate ma nello stesso tempo creative. L’autrice mostra con una serie di esperienze e testimonianze concrete come il gioco, il movimento corporeo, lo sviluppo espressivo dell'individuo siano alla base di una migliore qualità della vita.


Stefano De Camillis, Deborah Trinchi
Dreamwork lavorare con i sogni. I bisogni educativi, i nuovi metodi e i nuovi programmi
2001, Pagine: 160
Prezzo: € 13.42
Editore: EDUP

Le cronache ci informano giornalmente del cambiamento della scuola italiana spesso senza spiegarne le ragioni e i contenuti. Il libro intende colmare questa mancanza e chiarire i punti fondamentali della riforma Berlinguer-De Mauro. Inoltre svolge un'analisi precisa ed imparziale sullo stato della nostra istruzione e sulle nuove tecniche per educare e formare le nuove generazioni.

Stefano De Camillis, pedagogista, ha lavorato per la cattedra di Pedagogia all'Università di Roma La Sapienza e per il Centro europeo dell'educazione (Cede). E' operatore per l'infanzia con il Cemea (Centro d'esercitazione ai metodi dell'educazione attiva) del Mezzogiorno. Deborah Trinchi, pedagogista, ha lavorato per la cattedra di Pedagogia all'Università di Roma La Sapienza e per il Centro europeo dell'educazione (Cede).


Sabina Rellini
Il fantastico mondo dei sogni. Capire e interpretare la vita onirica
2005, Pagine: 252
Prezzo: € 12,00
Editore: EDUP

Il testo esplora il fantastico e misterioso mondo del sogno in chiave psicologica, storica e antropologica. Indaga, inoltre, la funzione terapeutica dell'esperienza onirica e l'utilità di ricordarla, registrarla, analizzarla. In quanto riflette la personalità del suo autore, il sogno è un valido strumento che aiuta a scoprire le proprie potenzialità creative, a individuare e superare un problema, un conflitto o un momento di crisi; suggerisce anche utili spunti di riflessione relativi ad aspetti emozionali e cognitivi. L’esperienza onirica, dunque, consente di mettere in gioco se stessi e di confrontarsi con la propria realtà psicologica. Questa inesauribile risorsa della vita inconscia, puntando un fascio di luce su zone profonde oscure e inesplorate, diventa fondamentale ai fini dell’autoconoscenza e dell’equilibrio psico-fisico di ogni individuo.

Sabina Rellini, psicologa e psicoterapeuta, è autrice di numerose pubblicazioni scientifiche (articoli e saggi) per diverse riviste. Ha collaborato alcuni anni con la rivista Babele, per la quale ha curato una rubrica sul tema del sogno, indagato in una prospettiva interdisciplinare. Ha condotto corsi e seminari presso L’Università degli Studi di Roma La Sapienza e altre istituzioni pubbliche.


Paola Manfredi, Antonio Imbasciati
Il feto ci ascolta…e impara. Genitorialità, transgenerazionalità e ricerca sperimentale
2004, Collana: Opere varie scienze umane, Pagine: 264
Prezzo: € 23,5
Editore: Borla

Che il feto abbia una vita psichica è oggi universalmente acquisito.
Che si possa chiamare “mente” dipende da come la si definisce.
Che questa mente sia acquisita attraverso una progressione di apprendimenti fetali e che la struttura funzionale che ne consegue moduli successivamente tutto lo sviluppo dell’individuo, è nozione ormai condivisa da tutti gli studiosi, ma non ancora assimilata dalla nostra cultura.
Questo libro descrive il processo di costruzione delle funzioni mentali che si sviluppano nel feto e come gli apprendimenti che le determinano dipendano essenzialmente dalle relazioni del feto con la gestante, e poi del bambino coi suoi caregiver.
Tale descrizione è basata e collegata con le ricerche sperimentali. In particolare viene descritta una lunga e laboriosa ricerca condotta dagli autori. Il fuoco dello sviluppo fetale che qui si descrive è posto sugli apprendimenti auditivi del feto: per questo, come nel titolo, ogni genitore dovrà tener conto che “il feto ci ascolta… e impara”.

Paola Manfredi, psicologa, psicoterapeuta, è Professore Associato di Psicologia Clinica, inquadrato come Ricercatore Confermato nella Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Brescia, ove è affidataria degli insegnamenti di Psicologia Medica nel Corso di Laurea specialistica in Medicina, di Psicologia Clinica nel Corso di Laurea in Ostetrica/o e in quello di Scienze Motorie. Le sue principali aree di ricerca concernono la genitorialità, la vita fetale e il primo sviluppo infantile, nei loro aspetti clinici e teorici, nella normalità e nella patologia.
Antonio Imbasciati, Professore Ordinario, è Direttore della Sezione di Psicologia Clinica della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Brescia. E’ membro ordinario e analista didatta della Società Psicoanalitica Italiana (International Psychoanalytical Association). E’ autore di 230 pubblicazioni tra le quali 36 volumi. Sul suo sito personale www.alfapi.com/imbasciati, sono descritti il curriculum, le aree di ricerca e le pubblicazioni in dettaglio.


A cura di Cristina Esposito
Adolescenza: il trauma dell'età, l'eta' dei traumi
2004, Collana: Identità e carattere, Pagine: 320
Prezzo: € 24,00
Editore: Borla

Il trauma in adolescenza è un tema caro alla riflessione psicoanalitica: Freud parla di un secondo tempo del trauma con l'entrata nell'età adolescenziale collegato ad un primo tempo non mentalizzato e silente che risale all'età infantile.
L'irruzione della pulsionalità genitale vivifica certamente questa età ma insieme la rende un'età potenzialmente traumatogena e/o traumatofilica, insomma un'età a rischio. I vissuti inelaborati dell'arco temporale infantile si riattivano nel grande calderone della potente spinta pulsionale in un tutto magmatico declinato al presente: le già costituite barriere psiche-soma, mondo interno-mondo esterno, genitori-figli, maschile-femminile sfumano la loro capacità differenziante acquisita nella prima processualità edipica.
Queste incrinature sono fisiologiche ad una nuova identità e capacità generativa che necessita appunto di nuove identificazioni e nuovi investimenti extrafamiliari per una ridefinizione del Sé. Anche l'incontro con l'extrafamiliare, con il sociale più ampio può costituirsi come secondo tempo del trauma, con la tendenza a rinnovare e ripetere esperienze traumatiche di origine familiare. Perdite, lutti, malattie, guerre sono delle vere e proprie aggressioni al mondo intrapsichico adolescenziale se le figure parentali o quelle istituzionalmente preposte alla guida di questa età non sono in grado di comprendere le tante angosce di un primo tempo del trauma che si sta riaffacciando in cerca di significazione nel presente di quella giovane vita.
L'adolescenza, età primaverile della vita, età di feconda elaborazione e di autocura i cui buoni frutti si potranno continuare a raccogliere durante tutto l'arco delle individuali esistenze, può divenire stagione di fioritura psicopatologica, di disintegrazione invece che di integrazione, di indifferenziazione invece che di separazione e di individuazione, di crollo psicotico invece che di soggettivizzazione: un'età che a quel punto necessita di una comprensione e di un ascolto speciale che solo la cura può riservare.

Cristina Esposito, Psicologa, Psicoterapeuta, Psicoanalista della Società Italiana di Psicoanalisi, Docente di Psicologia Dinamica presso la Facoltà di Psicologia, Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione dell'Università di Padova, partecipa al gruppo di ricerca Adolescenza e Psicoanalisi che ha pubblicato in questa collana altri due volumi: Il Piacere Offuscato. Lutto, depressione, disperazione nell'infanzia e nell'adolescenza (A. Racalbuto, E. Ferruzza, 1999); Lo Stesso e l'Altro (C. Esposito, E. Mangini, E. Ferruzza, A. Racalbuto, 2001).


Anna Ferruta (A cura di)
Pensare per immagini
Introduzione di Antonino Ferro
2005, Collana: Monografie/Rivista di psicoanalisi, Pagine: 112
Prezzo: € 12,50
Editore: Borla

"L'interesse per il sogno è stato al centro della psicoanalisi, la famosa “via regia”, ma Bion ci porta una rivoluzione copernicana (...): l'attività di formazione di elementi del sogno è una attività costante della nostra mente, che è capace di sincretizzare di continuo in un pittogramma quanto urge in forma non ancora metabolizzata.
Se la seduta è sogno è chiaro che vi è un cambiamento di vertice nell'ascolto analitico, ciò di cui il paziente ci parla è anche un derivato narrativo del suo "pensiero onirico della veglia" ed è di esso che dobbiamo interessarci, risalendo dalle scene narrate al film di pittogrammi direttamente non accessibili. (...)
L'onirico come categoria centrale della seduta e dell'incontro analitico (mi riferisco al pensiero onirico della veglia prodotto dalle funzioni a di analista e paziente) tende a spostare a livelli più bassi problemi come comunicazioni di realtà, transfert collaterali, ecc., tutto è lì nel campo analitico che pulsa e che vive e noi con eco-sonar, scandagli e "maschere" abbiamo la possibilità di avvicinarsi a questa matrice pittografica del pensiero" (dall’ Introduzione di ANTONINO FERRO).
"Le due configurazioni visive che propongo, relative alla mente del paziente, dell'analista, del sogno, della rappresentazione filmica, hanno qualcosa in comune con il modo di conoscere del mito e con la funzione mitopoietica della mente. Il ricorrere alle figure di "Aggrapparsi" e di "Isolarsi" rappresenta un modo per configurare iconicamente il rapporto tra soggetto e oggetto di fronte ad emozioni violente, uno stadio di sviluppo del pensiero che presenta caratteristiche di una certa universalità: aggrapparsi a un appiglio e spaziare nel vuoto; isolarsi nel contatto con il proprio psichesoma e avventurarsi su una zattera verso il non conosciuto per incontrare l'altro. Stabilità e movimento, identità e alterità" (ANNA FERRUTA).

Nel volume sono presenti lavori di GIOVANNI HAUTMANN sulla ricerca della matrice visiva del pensiero; di DINA VALLINO, sulla formazione del protomentale nelle relazioni primarie a partire dal laboratorio dell'Infant Observation; di GIUSEPPE RIEFOLO sui nessi tra neurobiologia e psicoanalisi nello sviluppo del visivo dal pittogramma all'immagine condivisa tra analista e paziente; di PAOLO BOCCARA sui legami tra immagine/pensieri e immagine/ricordi; di ANNA FERRUTA su configurazioni visive "mitiche" ricorrenti nei sogni dei pazienti e nei film quale estensione del campo del mito della fila C della griglia bioniana; di MARCO LA SCALA sulle questioni dei margini e dei confini nella raffigurabilità a partire da un ricco materiale clinico


Pier Luigi Righetti - Dario Casadei (a cura di)
Sostegno psicologico in gravidanza
2005, Pagine: 304
Prezzo: € 20.00
Editore: Magi

Il vissuto psichico della donna in attesa di un bambino e quello di tutto il suo contesto relazionale e familiare sono i temi che uniscono le numerose testimonianze raccolte in questo volume scritto da professionisti con specializzazioni diverse (psicologi, psicoterapeuti, ginecologi, ostetriche, neuropsichiatri infantili).
La presenza dello psicologo nei reparti di ostetricia è ritenuta ormai fondamentale per supportare la donna durante la gravidanza, per prepararla ad affrontare consapevolmente, e insieme al partner, il travaglio, il parto e il diventare ed essere genitore, e anche per aiutarla a far fronte a un'eventuale perdita di un figlio (a seguito del parto o dell'aborto). I numerosi casi clinici qui presentati evidenziano tuttavia la «cecità» di alcune prassi cliniche che, focalizzandosi sull'«organo da curare», ignorano l'intero contesto psicologico della gestante. Gli autori, forti dell'esperienza quotidiana nei reparti d'ostetricia, affrontano vari aspetti connessi al vissuto psicologico della gravidanza al fine di stabilire un modus operandi comune che contempli, oltre agli aspetti prettamente medici, anche quelli emotivi e relazionali.

Pier Luigi Righetti, psicologo, psicoterapeuta, professore a contratto presso la Facoltà di Psicologia dell'Università degli Studi di Padova, direttore scientifico del «Giornale Italiano di Psicologia e di Educazione Prenatale», svolge la sua attività professionale presso l'Unità Operativa di Ostetricia e Ginecologia dell'Ospedale di Mirano (ASL 13 Veneto). È autore di numerose pubblicazioni, tra cui i volumi Non c'è due senza tre (Bollati Boringhieri, 2000), Elementi di psicologia prenatale (Edizioni Magi, 2002), Ogni bambino merita un romanzo (Carocci, 2005).
Dario Casadei, psicologo, psicoterapeuta, professore a contratto presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Università degli Studi di Udine, membro del Comitato Scientifico dell'Associazione Nazionale di Psicologia ed Educazione Prenatale, si occupa di psicologia in ambito medico ospedaliero ed è dirigente psicologo dell'Unità Operativa di Ostetricia e Ginecologia dell'Ospedale di Mirano (ASL 13 Veneto).


Silvio Maffioletti , Roberto Pregliasco , Letizia Ruggeri
Il bambino e le abilità di lettura: il ruolo della visione
2005, Collana: Fondazione Iard, Pagine: 384
Prezzo: € 26,50
Editore: Franco Angeli

Il processo di apprendimento della lettura copre un ampio periodo nel quale il bambino acquisisce le informazioni relative al linguaggio parlato e alla sua traduzione grafica scritta che, gradualmente, gli consentono di leggere e scrivere correttamente.
Negli ultimi vent'anni le ricerche concernenti i processi visivi e neuropsicologici che sottendono la lettura hanno avuto un notevole sviluppo e oggi costituiscono un corpus di conoscenze consolidato, che fornisce a chi se ne occupa una più ampia consapevolezza.
Questo volume si propone di fornire un panorama delle principali riflessioni teoriche e delle ricerche sperimentali più recenti relative alla percezione visiva e ai processi che rendono possibile la lettura. Il volume è diviso in tre parti; la parte prima riguarda l'area visuo-percettiva e oculomotoria, la parte seconda approfondisce l'area della lettura, la parte terza prende in considerazione l'area ergonomica e compensativa.
Per il taglio interdisciplinare, per la chiarezza espositiva e per l'ampiezza delle fonti bibliografiche, il testo offre conoscenze e prospettive innovative e rappresenta uno strumento prezioso per tutti coloro che sono interessati alla visione, alla lettura e all'apprendimento scolastico.

Fondazione IARD è specializzata nel campo della ricerca pedagogico-didattica, psico-sociale delle organizzazione non profit e della formazione istituzionale e professionale. Fondazione IARD raccoglie in sé oltre quarant'anni di attività caratterizzata da una continua evoluzione scientifica che l'ha portata ad eccellere a livello nazionale ed internazionale e ad essere accreditata presso Ministeri italiani ed esteri e presso organizzazioni nazionali e sovranazionali.

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

cambio generazionale (15083266…

Anna, 50     Buongiorno, ringrazio in anticipo chi potrà aiutarmi ad affrontare il mio problema. Ho 50 anni e da 30 lavoro nell'azienda di famig...

sig (1509381564901)

Antony, 50     Da 5 anni, più o meno nel periodo tra ottobre e gennaio, mia moglie, 48 anni, è come se cambiasse personalità. ...

Fobia di non riuscire a tratte…

Marco989898, 14     Il mio problema è che ho la continua ossessione di andare in bagno e anche se all'inizio sembrerà  una cosa stupida, son...

Area Professionale

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

La Certificazione Psicologica:…

Nella pratica clinica è possibile trovarsi di fronte ad una specifica richiesta, da parte del paziente/cliente, di una Certificazione che attesti, sia dal punto...

Le parole della Psicologia

Attaccamento

“Ogni individuo costruisce modelli operativi del mondo e di se stesso in esso, con l’aiuto dei quali percepisce gli avvenimenti, prevede il futuro e costruisce ...

Negativismo

Con il termine Negativismo si può indicare, in linea generale, un comportamento contrario o opposto, di tipo sia psichico che motorio. ...

Tic

I tic sono quei disturbi, che consistono in movimenti frequenti, rapidi, involontari, apparentemente afinalistici. Sono percepiti come irresistibili, ma posson...

News Letters