Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

PSICOLOGIA NEWS n.249 - 23.3.2006

on . Postato in News libri e riviste | Letto 203 volte

  • La vita segreta del bambino
  • Manuale di reflecting
  • Dio, per i bambini chi è? E se Dio fosse uno specchio?
  • Il codice innato. I modelli nella mente, in natura e nella psiche
  • L'epilogo della cura terapeutica. I colloqui conclusivi dei trattamenti psicologici
  • La co-psicoterapia. Due è meglio e più di uno in efficacia ed efficienza
  • Zone d'ombra. Storie di normale psicopatologia
  • Immaginazione, pazzia e creatività
  • Esplorare il cambiamento sociale. Studi in onore di Gabriele Calvi
  • Partecipare il lavoro sociale. Esperienze, metodi, percorsi
  • Introduzione alla psicologia. Vol. II: i processi cognitivi

Marcello Bernardi - Fulvio Scaparro
La vita segreta del bambino
2006, Pagine: 104
Prezzo: € 7,50
Editore: Tea

«Scrutare il primo passo del nostro andare. Guardare il neonato. La sua gioia di esistere e di vivere è avvolta dal velo dell’incomprensibile. Vagisce di tanto in tanto ma non si sa perché. Forse qualche volta soffre; forse no, ed è soltanto l’aria che trasmette il muoversi del suo finora immobile respiro. Talvolta piange, e allora sappiamo che qualcosa lo turba e lo affligge; e se il suo pianto diviene gemito, si profila la minaccia di un venir meno di energie. Oppure dorme… Il sonno è la sua casa, il suo rifugio, la sua fortezza. Ed è il segnale di un raggiunto benessere e di un profondo distensivo piacere. Per chi lo può contemplare è affascinante. Come se lo stesso osservatore fosse trascinato nel cuore di un paradiso tenue e soave.»

Marcello Bernardi, scomparso nel 2000, fu professore di Puericultura all'Università di Pavia e di Auxologia all'Università di Brescia, e inoltre, presidente del Centro Educazione Matrimoniale e Prematrimoniale Italiano.

Fulvio Scaparro ha insegnato pricologia dell'adolescenza e della devianza all'Università degli Studi di Milano e Psicologia dell'età evolutiva nelle scuole di specializzazione in Neuropsichiatria infantile e Criminologia clinica. Ha una rubrica sul Corriere della Sera dove risponde ai lettori sui problemi del rapporto genitori e figli.


Simone Pesci (a cura di)
Manuale di reflecting
2005, pagine: 128
Prezzo: € 11.00
Editore: Magi

Gli autori si propongono di dare una risposta operativa e formativa a quanti intendono seguire un percorso di aiuto a favore di persone in difficoltà. Il manuale – che segue in collana il libro Reflecting. Un metodo per lo sviluppo del Sé – conferma l'animata concezione che alla terapia occorre una svolta.
Non è accettabile che molti operatori siano convinti di possedere risposte per gli altri, di interpretare per gli altri, incoraggiare, indirizzare, dare consigli e considerare tutto questo terapia. La terapia deve abbandonare il protagonismo della parola usata per conoscere, liberare, condurre l'altro; quella parola-farmaco sulla quale si è costituita la sovranità terapeutica, che si propone di alimentare gli spazi di silenzio con domande e affermazioni, con spiegazioni e conclusioni.
La persona, per il Recflector, non ha bisogno di un insegnante tecnico, di un interprete poliglotta, di una schiavitù segreta della propria psiche, di un'influenza esercitata da qualcuno su di lei, poiché necessita di una totale indipendenza nelle relazioni. Il Reflecting è un modo di porsi di fronte all'altro per fornirgli gli strumenti adatti alla riflessione. Il Reflector, infatti, non dà risposte, ma aiuta a riflettere.

Simone Pesci, Reflector, docente dell'isfar Post-Università delle Professioni. È presidente della sir (Società Internazionale di Reflecting), co-direttore scientifico della Collana «Reflecting» delle Edizioni Magi di Roma e co-direttore della collana «Pedagogia e Formazione» della casa editrice Armando di Roma, membro della redazione e del Comitato scientifico della rivista «Pedagogia Clinica-Pedagogisti Clinici», co-autore dei volumi Reflecting. Un metodo per lo sviluppo del Sé (Edizioni Magi, 2003), Touch ball. Metodo per favorire l'equilibrio e il piacere (Edizioni Magi, 2003), Le radici della pedagogia speciale (Armando, 2005). Autore di opere in versi e in prosa, pubblicate da Polistampa (2001, 2002), Edizioni della Meridiana (2004, 2005), Sovera (2005) e ideatore del metodo Cromopoesia. Ha scritto numerosi articoli per riviste specialistiche.


Nicole Fabre
Dio, per i bambini chi è? E se Dio fosse uno specchio?
2005, Pagine: 112
Prezzo: €10.00
Editore: Magi

Attraverso Dio, il bambino cerca la figura di cui ha bisogno: severa, comprensiva, riparatrice, amorevole… Il suo è un dio dallo sguardo tenero o inflessibile, a seconda se venga preso in prestito da un genitore o da un maestro; un dio pazzo e perverso a seconda dei dolori subiti e degli incontri fatti; un dio-orsacchiotto quando gli si chiede di essere la tenerezza di cui si ha bisogno… È importante dare spazio a questo dio, per quanto imprevedibile, buffo o sconcertante possa apparire, perché è su di lui che il bambino proietta il mondo che lo circonda.
L'immagine di Dio, formatasi – spesso inconsapevolmente – nell'infanzia, vive ancora dentro di noi e testimonia il percorso di crescita. Come fondamento della nostra spiritualità si inserisce, a volte, in una religione ma, più spesso, ha bisogno di sfuggirvi per crescere. Un volume sui bambini destinato a quanti desiderino rintracciare e capire le radici della propria spiritualità o a quanti sentano bisogno di osservare e comprendere il suo sviluppo nei propri figli.

Nicole Fabre, psicoanalista e psicoterapeuta dell'infanzia, è impegnata da molti anni nei corsi di formazione rivolti a genitori ed educatori. Autrice di numerosi volumi nei quali affronta temi di psicoanalisi e psicopedagogia. Presso le Edizioni Magi sono stati pubblicati: I discorsi dei grandi nelle orecchie dei bambini (1998), Le ferite dell'infanzia (1999), Sono felici lontano da noi? (2000), Questi bambini che ci provocano (2001), Allo specchio dei sogni (2002), A me non piace separarmi (2003), L'immaginario in azione nella psicoterapia infantile (2004), La solitudine (2004).


Michael Conforti
Il codice innato. I modelli nella mente, in natura e nella psiche
2005, Pagine: 208
Prezzo: €17.00
Editore: Magi

Il volume interpreta la psiche umana quale parte di un ordine naturale più ampio in cui gli archetipi, fino a poco tempo fa considerati modelli solo psichici, sottendono anche le leggi naturali. Il saggio mette a confronto diversi campi della ricerca umana: psicologia, biologia, fisica, principi dell'auto-organizzazione suggerendo che le apparenti distinzioni umane siano contenute all'interno di una dimensione più ampia di significato. Quest'affascinante ottica porta alla riscoperta di ciò che i mistici, gli alchimisti e i poeti hanno saputo per secoli: dell'esistenza di un unus mundus.
La capacità di entrare in rapporto con l'archetipico ha un alto valore trasformativo e permette di schierarsi con il proprio destino, il che rappresenta quanto ci sia di più creativo nella vita di un uomo. Il non farlo provoca infelicità, personali e collettive. Il volume mostra come operare tali ricongiungimenti e come, prendendo coscienza dei modelli e dei campi, ci si possa impegnare in modo più significativo nella realtà archetipica e spirituale soggiacente. L'aumento della capacità di costruire un ordine interiore mette l'uomo in condizione di aumentare esponenzialmente anche la capacità collettiva di cambiare.

Michael Conforti , analista junghiano, è considerato il pioniere nel campo degli studi sulle interconnessioni tra materia e psiche. Fondatore, nel 1989, e direttore dell'Assisi Conferences and Seminar, con sede sia nella località umbra che negli Stati Uniti. Docente e consulente presso numerose associazioni e istituti junghiani, tra cui il C.G. Jung-Institut di Zurigo, è impegnato in attività clinica privata a Brattleboro, nel Vermont.


Giusti Edoardo - Sica Alessia
L'epilogo della cura terapeutica. I colloqui conclusivi dei trattamenti psicologici
2006, Collana: Psicoterapie e counseling, Pagine: 159
Prezzo: € 15.00
Editore: Sovera

Quando terminare in modo soddisfacente un proprio percorso di psicoterapia? Quali strategie facilitano il processo decisionale per la conclusione di una buona relazione d'aiuto? Come attraversare proficuamente la fine di un rapporto terapeutico significativo e proiettarsi con discreto ottimismo verso il futuro.


Giusti Edoardo - Montanari Claudia
La co-psicoterapia. Due è meglio e più di uno in efficacia ed efficienza
2006, Collana: Psicoterapie e counseling, Pagine: 319
Prezzo: € 26.00
Editore: Sovera

Avere a disposizione due terapeuti in gruppo risulta un valore aggiunto che consente una co-conduzione ricca di interventi molteplici e complementari a beneficio totale dei partecipanti.
La coppia di terapeuti collabora in squadra per ottimizzare con flessibilità il processo e gli esiti di trattamento in co-psicoterapia.


Anna Oliverio Ferraris
Zone d'ombra. Storie di normale psicopatologia
2004, Collana: Saggi Giunti, Pagine: 162
Prezzo: € 12,00
Editore: Giunti

In questo libro il lettore vedrà come, ripercorrendo storie di vita, lo psicoterapeuta riesca ad identificare le zone d’ombra che sfuggono all’io narrante del suo “paziente”, troppo coinvolto dal punto di vista emotivo, troppo bloccato sul piano mentale da difese e censure, per riuscire ad individuare da solo ciò che in realtà può balzare con evidenza agli occhi di un osservatore esterno. Vengono presentate vicende di vita quotidiana. Vicende difficili, certamente. Dove la mente è in crisi. Ma non casi “unici” o “eccezionali”. Sono vicende che possono coinvolgere ognuno di noi a seconda dell' età e delle dinamiche familiari e sociali attraversate.


Daniel Nettle
Immaginazione, pazzia e creatività
2005, Pagine: 256
Prezzo: € 9,50
Editore: Giunti

La follia è solo un altro aspetto della creatività umana? Sembrerebbe di sì, soprattutto se si analizzano i “grandi” dell’umanità, dagli scrittori “maledetti” ai pittori smoderati, dai musicisti depressi agli scrittori tormentati, agli inventori, “pazzi” per antonomasia. Se la fantasia, la creatività, l’immaginazione sono proprietà della mente umana che migliorano il rapporto dell’animale uomo col proprio ambiente, e che ci permettono di vivere meglio, di gustare appieno ogni sfaccettatura del nostro mondo e addirittura di inventarne di nuovi, in una continua crescita di potenzialità, la follia è una sorta di creatività al di là di ogni limite fisiologico che rende impossibile percepire l'ambiente reale, impedisce la normale convivenza anche con le più piccole difficoltà e ostacola la vita “normale” trasformando spesso in un incubo la banalità del quotidiano. Questo saggio ricco di suggestioni ci offre un’analisi coinvolgente e appassionante delle complesse relazioni fra quelle caratteristiche psichiche che, più delle altre, rendono unica la nostra specie.


Claudio Albino Bosio (a cura di)
Esplorare il cambiamento sociale. Studi in onore di Gabriele Calvi
2006, Collana: Varie, Pagine: 272
Prezzo: € 20,00
Editore: Franco Angeli

Il volume rappresenta una raccolta di studi realizzati in onore di Gabriele Calvi, la cui attività di professore e ricercatore ha ampiamente orientato gli sviluppi della psicologia sociale come disciplina accademica e quelli della ricerca sociale applicata come pratica professionale.
La raccolta ospita contributi di colleghi, collaboratori ed allievi, dando vita ad una sorta di colloquio a distanza con Calvi sui principali temi che caratterizano il suo percorso scientifico-culturale:
- Valori (scritti di Eugenia Scabini, Antonio De Lillo, Adriano Pagnin);
- Comunicazione sociale (scritti di Paolo Calegari, Giuseppe Minoia);
- Formazione (scritti di Alessandro Cavalli, Cesare Scurati);
- Mondo delle organizzazioni e delle imprese (scritti di Cesare Kaneklin, Paolo Anselmi);
- Ricerca di marketing (scritti di Giorgio Marbach, Cecilia Gobbi);
- Ricerca sui fenomeni politici (scritti di Felice Perussia, Nando Pagnoncelli, Dario Romano).
Al di là della varietà e della ricchezza dei temi, i denominatori comuni sono l'interesse per una ricerca psico-sociale attenta ad intercettare e a confrontarsi con le domande generate dal contesto sociale reale e la propensione a frequentare aree di ricerca di confine - meno definite e sistematizzate - dove il confronto con il nuovo e lo sconosciuto appare la sfida dominante.


Angela Fedi (a cura di)
Partecipare il lavoro sociale. Esperienze, metodi, percorsi
2005, Collana: Serie di psicologia, Pagine: 208
Prezzo: € 22.00
Editore: Franco Angeli

La partecipazione nel lavoro sociale rimanda non soltanto alla relazione dialogica tra gli attori in esso coinvolti, ma, unendo opzioni di metodo e dimensioni etiche ormai imprescindibili, si riferisce ad una costruzione collettiva delle questioni sociali: all'individuazione dei problemi e delle risorse per gestirli, così come alla loro stessa definizione. Essa sollecita inoltre una posizione attiva, di cittadinanza, che chiama in causa il sentirsi parte, l'assunzione di responsabilità e dunque l'agire per modificare: il lavoro sociale, in quest'ottica, diventa il lavoro su questioni sociali, cioè comuni, la cui titolarità, nelle cause così come nella gestione, dovrebbe essere collettiva.
Viviamo in un contesto - storico, culturale, economico, etico - in cui si avverte forte l'esigenza di ripensare il significato del lavoro sociale: l'aumento e la diversificazione della domanda, la diminuzione delle risorse così come i dibattiti socio-politici che spesso si costruiscono attorno ai "problemi sociali", modificano i confini e le definizioni degli ambiti, dei ruoli, degli obiettivi, dei metodi. È dunque un lavoro sociale che si caratterizza per i processi di scambio che implica tra gli attori coinvolti, per le comunicazioni che attiva, per la produzione e la messa in circolo di risorse che sostiene. Il welfare si allarga così a tutte le attività che a vario titolo sostengono la vita quotidiana di persone e famiglie che affrontano problemi diversi, anche quelli ancora poco decifrabili ed etichettabili: così inteso, il welfare finisce per ricoprire una posizione di mediazione politica fra cittadini ed istituzioni. I contributi che compongono il volume fanno riferimento al lavoro sociale ampiamente inteso non solo per i soggetti che coinvolgono o per gli ambiti di intervento (dal singolo, al gruppo, alla comunità allargata) ma per l'idea di co-costruzione che li guida. Tale costruzione collettiva avviene in contesti e organizzazioni temporanee che assumono la forma del gruppo dei pari, dei gruppi di genitori nelle scuole, delle scuole stesse, delle comunità per famiglie, dei setting formativi e rielaborativi.
Strumenti, sguardi e obiettivi si intrecciano nei vari capitoli a conferma di un'ottica generale comune che consente l'utilizzo del testo a studenti ed operatori curiosi rispetto alle pratiche ma anche, più in generale, a coloro che hanno in mente il valore euristico e politico del lavoro sociale.

Angela Fedi, è ricercatrice in Psicologia Sociale presso l'Università degli Studi di Torino, Facoltà di Psicologia, presso cui insegna Psicologia dei Gruppi. Si occupa inoltre di formazione e ricerca nel campo psicosociale.


Paolo Gambini
Introduzione alla psicologia. Vol. II: i processi cognitivi
Allegati: allegati e test on-line
2006, Collana: Serie di psicologia, Pagine: 160
Prezzo: € 17,00
Editore: Franco Angeli

Questo volume è la seconda parte di un manuale di psicologia generale che si propone di venire incontro alle esigenze di chi si accosta per la prima volta allo studio della psicologia a livello universitario. È comunque indicato anche per chi già opera nei vari contesti socio-educativi o desidera approfondire le sue conoscenze in materia
L'aspetto innovativo di questa opera è quello di organizzare i molteplici contenuti di questa disciplina seguendo due grandi percorsi.
Un primo unico discorso lineare - nel primo volume - si occupa delle questioni della psicologia generale (metodi della ricerca scientifica, motivazioni, emozioni, conflitto, adattamento) facendo un quadro che riguarda i processi dinamici. L'altro percorso - in questo secondo volume - tratta, invece, i restanti aspetti fondamentali relativi ai processi cognitivi (sensazione e percezione, coscienza e attenzione, memoria, apprendimento, pensiero, linguaggio).
La stesura del manuale si ispira alla recente riforma universitaria rispondendo alle richieste tipiche della laurea di primo livello. Per questo uno dei criteri seguiti è quello di fornire un'informazione scientifica ma, per quanto possibile, semplice ed essenziale.
Questo secondo volume è sui processi cognitivi, cerca di approfondire i modi attraverso i quali l'individuo impara a conoscere la realtà circostante così da rispondere agli stimoli provenienti dall'ambiente e da raggiungere i propri obiettivi. In sintesi, trattando dei processi legati ai temi di cui sopra, si occupa di quelle funzioni che permettono all'individuo di raccogliere, analizzare, elaborare, trasformare e immagazzinare informazioni.

Paolo Gambini insegna Psicologia generale all'Università Pontificia Salesiana di Roma. Pedagogista, psicologo e psicoterapeuta, il suo ambito di ricerca è quello delle problematiche adolescenziali e giovanili. Tra le sue ultime pubblicazioni c'è L'animazione di strada (2002), Introduzione alla psicologia. I processi dinamici (2004) e Il tossicodipendente e la sua famiglia. La prospettiva sistemico relazionale (2005).

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

cambio generazionale (15083266…

Anna, 50     Buongiorno, ringrazio in anticipo chi potrà aiutarmi ad affrontare il mio problema. Ho 50 anni e da 30 lavoro nell'azienda di famig...

sig (1509381564901)

Antony, 50     Da 5 anni, più o meno nel periodo tra ottobre e gennaio, mia moglie, 48 anni, è come se cambiasse personalità. ...

Fobia di non riuscire a tratte…

Marco989898, 14     Il mio problema è che ho la continua ossessione di andare in bagno e anche se all'inizio sembrerà  una cosa stupida, son...

Area Professionale

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

Le parole della Psicologia

Parafilia

  Con il termine Parafilie si fa riferimento ad un insieme di perversioni sessuali caratterizzate dalla presenza di comportamenti regressivi che prendono ...

Aprassia

L'aprassia (dal greco "a" prefisso di negazione e "praxía", cioe' fare, quindi incapacità di fare) è un deficit primitivo dell’attivi...

Acting out

Il termine Acting out , letteralmente, “passaggio all’ atto”, indica l’insieme di azioni aggressive e impulsive utilizzate dall’in...

News Letters