Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

PSICOLOGIA NEWS n.264 - 6.7.2006

on . Postato in News libri e riviste | Letto 251 volte

  • Illusioni e realtà nella relazione di coppia
  • Pensare come un mago. Risolvere i problemi con il pensiero illusionistico
  • Promozione e visibilità clinica. Motivare i pazienti ai trattamenti psicologici
  • La ricerca in psicologia dello sviluppo: tecniche ed esercizi
  • I trentenni. La generazione del labirinto. Colloqui con Isabelle Vial
  • Adolescenti e nuove dipendenze. Le basi teoriche, i fattori di rischio, la prevenzione
  • La sessualità femminile
  • Quando l'amore è una schiavitù. Come uscire dalla dipendenza affettiva e raggiungere la maturità psicologica
  • Eros ed educazione
  • Guarire le malattie dell’anima con il metodo delle Costellazioni Familiari

Gianfranco Ravaglia
Illusioni e realtà nella relazione di coppia
2006, Collana: Ricerche e Contributi in Psicologia, pagine: 180
Prezzo: € 14.50
Editore: Psiconline

Spesso le relazioni di coppia sono conflittuali e si concludono in modi distruttivi. In molti altri casi sono stabili, ma risultano insoddisfacenti. Perché le persone passano così facilmente dall'innamoramento alla delusione? Perché affermano di voler costruire un rapporto solido e duraturo mentre, di fatto, lo svuotano o lo distruggono?
In questo lavoro l'autore cerca di fornire delle risposte a queste domande basandosi sulle esperienze dei clienti in analisi e sulle loro scoperte. Normalmente le persone sentono dei bisogni che non appartengono al presente, ma al loro passato e che non hanno potuto né soddisfare, né elaborare e superare. Nella relazione di coppia tendono quindi a portare sia desideri attuali, sia antichi vissuti di bisogno e questa miscela rende confusa e insoddisfacente la reale esperienza di intimità. Vari resoconti di sedute illustrano le spiegazioni proposte e mostrano le ragioni di tanti atteggiamenti e comportamenti apparentemente incomprensibili

Gianfranco Ravaglia opera a Bologna come analista e supervisore, integrando sul piano teorico e tecnico i contributi di vari indirizzi psicoterapeutici. Ha pubblicato (con Alberto Torre) Il tema caratteriale (Melusina, Roma, 1992) e Il cuore nascosto (Melusina, Roma, 1996). Nel 2000 ha pubblicato L'intenzione ritrovata sulla rivista telematica Psychomedia (sezione Psycho-Books) e da allora ha approfondito con vari saggi riportati nel suo sito personale i principali aspetti del lavoro analitico centrato sull'intenzionalità difensiva e sui vissuti non integrati.


Rampin Matteo
Pensare come un mago. Risolvere i problemi con il pensiero illusionistico
2006, pagine: 215
Prezzo: € 13,00
Editore: Ponte alle Grazie

L'impossibile esiste. Conviene però distinguere ciò che è impossibile fare da ciò che è impossibile pensare. A ciò che è impossibile fare non c'è rimedio e perciò non ce ne occuperemo. Ciò che è impossibile pensare merita invece la nostra attenzione, e costituisce l'oggetto di questo libro.
Le magie di un illusionista ci persuadono perchè sono ottenute manipolando i nostri schemi mentali e percettivi: i maghi del palcoscenico riescono a costruire «scenari impossibili» allentando per qualche istante i vincoli della nostra mente.
Allo stesso principio si ispirano anche altri «maghi»: gli innovatori nei campi della finanza, della politica e della strategia, i capiscuola nell'arte e nella scienza, gli inventori, e tutti coloro che, sovvertendo le premesse dei problemi e impostandoli in modi inusuali, escogitano soluzioni così sorprendenti da sembrare impossibili.
Quali sono i processi mentali che portano a tali «impossibili» soluzioni? Come vengono concepiti i cambiamenti di prospettiva che permettono di evitare le trappole dell'abitudine? Come pensano i «maghi» della creatività e dell'innovazione?
Questo libro suggerisce una risposta inedita, proponendo la teoria illusionistica come strumento innovativo per impostare creativamente i problemi, condurli rapidamente alla soluzione e, perchè no?, imparare dalla dimensione ludica e dalla finzione a condurre il gioco della vita.

Psicoterapeuta, didatta e formatore, Matteo Rampin si è perfezionato in psicoterapia breve e in ipnosi presso il Centro di Terapia Strategica di Arezzo. Cultore di illusionismo, si occupa di psicologia dell'inganno. Per Ponte alle Grazie ha pubblicato La psicoterapia come un romanzo giallo, Al gusto di cioccolato e insieme a Giorgio Nardone La mente contro la natura. Vive e lavora a Mestre.


Edoardo Giusti - Tiziana Calzone
Promozione e visibilità clinica. Motivare i pazienti ai trattamenti psicologici
2006, pagine: 280
Prezzo: € 22.00
Editore: Sovera

Il Management e il Marketing per l'avvio, lo sviluppo e il consolidamento della libera professione in ambito clinico è la proposta di questo testo.
Come iniziare una pratica privata, mantenerla ed espanderla; Come creare reti socio-relazionali utili; Come essere validi imprenditori di se stessi; Come motivare l'utenza al trattamento psicologico; Come sviluppare il proprio stile e talento personale...
Una valida risposta agli interrogativi etici per la promozione dell'attività consulenziale e psicoterapeutica.

Edoardo Giusti Presidente dell'ASPIC e direttore della Scuola di specializzazione in Psicoterapia Integrata autorizzata con Decreto Ministeriale. È professore a contratto presso la Scuola di specializzazione in Psicologia Clinica dell?università degli Studi di Padova. Svolge attività di ricerca clinica e di supervisione didattica per psicoterapeuti.
Tiziana Calzone Psicologa clinica e di comunità, specialista in psicoterapia. Ha effettuato una formazione e supervisione in Psicoterapia Umanistica Integrata presso l'ASPIC. Ha collaborato con diverse scuole presso i CIC, attivando vari progetti per la promozione della salute mentale. Collabora presso l'ACAT (Club Alcolisti in Trattamento) e presso l'AIPC (Associazione Italiana di Psicologia e Criminologia). Svolge attività privata a Roma.


Mirco Fasolo
La ricerca in psicologia dello sviluppo: tecniche ed esercizi
2006 pagine: 112
Prezzo: € 9,50
Editore: Carocci

Quali passaggi deve compiere il ricercatore nell’ideazione di una ricerca? Quali problemi si trova ad affrontare? Come deve procedere per garantire la validità dei risultati ottenuti? Il libro tratta i principali concetti di metodologia della ricerca, evidenziando sia le problematiche generali sia quelle particolarmente rilevanti per lo studio di soggetti in età di sviluppo. Le diverse nozioni vengono illustrate con l’ausilio di esempi pratici ed esercizi, accompagnati dalle soluzioni.

Mirco Fasolo è assegnista di ricerca presso la Facoltà di Psicologia dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca e professore a contratto presso l’Università “G. D’Annunzio” di Chieti-Pescara, dove insegna Psicologia dello sviluppo nell’infanzia. Ha condotto studi riguardanti lo sviluppo della comunicazione gestuale e del linguaggio.


Françoise Sand
I trentenni. La generazione del labirinto. Colloqui con Isabelle Vial
2006, Collana: Universale Economica Saggi, Pagine: 152
Prezzo: € 7,50
Editore: Feltrinelli

Quali caratteri psicologici contraddistinguono i nati tra 1968 e 1978? Che aspirazioni hanno? Che difficoltà incontrano? Ci sono elementi sufficienti per tratteggiare i contorni di una generazione di trentenni europei e farne un ritratto sufficientemente fedele? Secondo la psicoterapeuta settantenne francese Françoise Sand, una cosa che balza subito all’occhio nei colloqui con questi giovani è che quanto andava da sé per le generazioni precedenti – come lasciare la casa dei genitori, entrare nella vita professionale, sposarsi, avere bambini, insomma diventare adulti – è diventato per loro un’esperienza diluita nel tempo e comunque difficile da affrontare. Inoltre questi trentenni tendono ad anticipare le difficoltà della vita coniugale, le temono prima ancora che si presentino, quando non cercano addirittura di evitare ogni impegno in tal senso. Sono apparentemente liberi, individualisti, professionalmente precari, in buoni rapporti coi genitori. Presentano molti tratti adolescenziali e non si considerano adulti prima dei trentacinque anni, nella loro rivendicazione di leggerezza e nella loro rincorsa a felicità, benessere, salute, giovinezza. In molti studiano ancora e non sono già padri e madri, e sempre più spesso le donne tendono a rimandare fino ai quaranta la prima gravidanza. Si tratta di una generazione volubile, che si dà un gran daffare senza mai fissarsi definitivamente, una generazione che, se gode di un’inedita possibilità di realizzazione personale, si trova però anche a porsi domande dolorose sul senso della propria vita. Dura circa un decennio questa loro labirintica ricerca dell’identità adulta, ed è proprio questo arco di tempo che Françoise Sand cerca di descrivere e capire, in un libro che analizza le cause psicologiche e sociali della post adolescenza dei trentenni, suddiviso in capitoli tematici che si chiudono con brevi casi esemplari.

Françoise Sand, psicoterapeuta, è una consulente coniugale e familiare, e ha pubblicato diversi libri in Francia su temi come matrimonio, coppia, famiglia, educazione sessuale, adolescenza. In questo libro viene intervistata dalla giornalista, della generazione dei trentenni, Isabelle Vial.


Alessandro Couyoumdjian, Roberto Baiocco, Carlamaria Del Miglio
Adolescenti e nuove dipendenze. Le basi teoriche, i fattori di rischio, la prevenzione
2006, Collana Scienze della mente, pagine: 208
Prezzo: € 19,00
Editore: Laterza

Le basi teoriche, i fattori di rischio e di prevenzione di alcune delle forme di dipendenza più attuali in adolescenza, dalle dipendenze relazionali alle dipendenze alimentari e da esercizio fisico, dal gioco d’azzardo compulsivo alle dipendenze tecnologiche, con una particolare attenzione agli aspetti clinici ed evolutivi: un manuale operativo che esamina singoli quadri clinici e fornisce indicazioni sulla diagnosi, sugli strumenti di valutazione, sul decorso e infine sui possibili interventi preventivi e terapeutici.

Alessandro Couyoumdjian, psicologo psicoterapeuta, ricercatore presso l’Università degli Studi di Roma La Sapienza, insegna Psicologia generale e Metodi e tecniche per l’ottimizzazione dei processi decisionali presso le Università degli Studi dell’Aquila e di Roma La Sapienza.
Roberto Baiocco, psicologo e psicoterapeuta, insegna Teorie dello sviluppo psicologico nell’arco di vita presso la Facoltà di Psicologia 1 dell’Università degli Studi di Roma La Sapienza.
Carlamaria Del Miglio è ordinario di Psicologia generale presso la Facoltà di Psicologia 1 dell’Università degli Studi di Roma La Sapienza. È autrice di Il sé gemellare (Roma 1995) e coautrice e coordinatrice di Fondamenti di Psicologia Generale (Roma 2002).


Alcira Mariam Alizade
La sessualità femminile
2006, Collana: Le vie della psicoanalisi, Pagine: 176
Prezzo: € 19,00
Editore: Franco Angeli

Questo libro è una storia di racconti dell'intimità, una cronaca degli avvenimenti erogeni che si iscrivono sul corpo della donna. Si propone di fare luce sulle vicissitudini degli incontri, delle lotte e dei piaceri in atto tra un corpo e un altro, o di un corpo con se stesso, nel tentativo di sbrogliare la matassa di domande di cui la femminilità è stata sommersa. Un punto di partenza: la clinica e la teoria psicoanalitica in una situazione in cui la donna emerge piena di cose da dire. E un punto di arrivo: una visione ontologica dell'essere donna nell'intento di fare strada ad una cultura futura.
Alizade fa proprio il concetto di Io-Pelle elaborata da D. Anzieu: ma gli involucri successivi della sensorialità, della percettività, dell'affettività, il cui funzionamento mostra nella clinica riferita alla condizione femminile, le suggeriscono di cercare un "nucleo di pietra" , un riferimento di base nella costituzione del soggetto.
Si avvicendano le nozioni di corpo biologico, corpo senso-percettivo, corpo erogeno, corpo affettivo, corpo attraversato dal linguaggio e corpo sociale influenzato dalle richieste e dai modelli del contesto culturale.
Così come, sostiene Alizade, non esistono leggi generali circa il piacere dei sensi perché l'essere umano si discosta dalla sua biologia, così ad un ordine fallico che nasconde la mancanza si sovrappone un ordine non fallico, un ordine femminile, stabilito proprio sulla mancanza e che trasmette l'accettazione della castrazione, il mistero della non conoscenza e della deperibilità. Alizade parla della vergine, della santa e della strega e attraverso queste polarità introduce una riflessione sull'etica, sull'idea di fedeltà in quanto sintesi di moderazione e allo stesso tempo di eccesso, e di una fiducia, caratteristica del femminile, che sostiene la totalizzazione nella sensualità.
Quando la femminilità si stabilisce in un soggetto, l'uomo potrà affacciarsi alla castrazione simbolica e sfiorare la realtà in un movimento di trasgressione strutturante. Come l'uomo, la donna ha e allo stesso tempo non ha. I sessi si incontrano, al di là della differenza, nell'abisso comune dell'impossibilità, della relatività, del futuro. Il "nulla"della donna ci accosta ad un'area in cui la femminilità, o la non conoscenza della femminilità, svela un sintomo fondamentale della nostra cultura: non voler sapere nulla del "nulla" .

Alcira Mariam Alizade, medico psichiatra, psicoanalista con funzioni di training del1'Associazione Psicoanalitica Argentina, è stata presidente della COWAP, Commissione Donne e Psicoanalisi dal 2001 al 2005. Autrice di La sensualità femminile (Karnac, 1992), Vicino alla morte:studi clinici psicoanalitici (Amorrortu, Buenos Aires, 1999); Il positivo nella psicoanalisi (Lumen, Buenos Aires, 2002). Curatrice per la Karnac della serie IPA-COWAP (La donna e la corporeità, Studi sulla femminilità, Scenari maschili) e della raccolta dei lavori COWAP Dialoghi intergenerazionali latinoamericani (Lumen, Buenos Aires).


Nicola Ghezzani
Quando l'amore è una schiavitù. Come uscire dalla dipendenza affettiva e raggiungere la maturità psicologica
2006, Collana: Le Comete - Per capirsi di piu' e aiutare chi ci sta accanto, Pagine: 128
Prezzo: € 14,00
Editore: Franco Angeli

L'amore può far male? Può arrivare a uccidere? E se vi arriva, può ancora chiamarsi amore? Qual è la natura intima dell'amore e che rapporto intrattiene con l'impulso passionale? In che modo l'amore arriva a configurarsi come una dipendenza patologica? Esiste nel mondo un numero crescente di individui che si dibatte in dinamiche amorose il cui esito finale è sempre la sconfitta e la sofferenza, e che, nonostante ciò, si dedicano all'amore con la stessa dedizione di un religioso per la sua fede. La psicologia contemporanea definisce questa patologia come dipendenza affettiva e, in inglese, love addiction.
Non ogni amore si esprime in una dipendenza, ma ogni dipendenza affettiva ha bisogno di un amore per radicarsi in una personalità. Al pieno del suo sviluppo, la dipendenza affettiva altro non è che passione amorosa il cui esito è sovente la sofferenza, la malattia, la morte. Ma cos'è la passione amorosa?
Scrive Ghezzani: "La passione amorosa è un complesso di amore e di odio. L'innamorato patologico si lega al suo oggetto d'amore per dare soddisfazione sia a esigenze di amore, sia a esigenze di odio. Nella sua passione convergono il flusso dell'amore (il bisogno imperioso di vivere un amore in piena libertà) e il flusso dell'odio... Se non si comprende che la passione amorosa è una ricca ancorché oscura miscela di amore e di odio, e se non si comprende quanta energia liberatrice c'è in quest'odio, si espropria il soggetto ammalato della sua forza caratteriale e lo si condanna a cercare sempre nuova dipendenza amorosa o a sostituirla con le terapie e i servizi di aiuto".
La tesi dell'autore è dunque che se la dipendenza affettiva è una patologia, essa lo è in un modo del tutto particolare: dotata in modo estremo (passionale, appunto) di risorse di libertà che il soggetto deve solo apprendere a scoprire in se stesso per renderle infine funzionali alla salute e alla vita.

Nicola Ghezzani, psicologo e psicoterapeuta, vive e lavora a Roma dove ha contribuito alla formulazione dei principi della Psicoterapia dialettica. È consulente scientifico presso associazioni di pazienti e di mutuo aiuto. Con Franco Angeli ha già pubblicato Uscire dal panico (2000), Volersi male (2002), Crescere in un mondo malato. Bambini e adolescenti in una società in crisi (2004) e Autoterapia. Guarire la propria psiche con strumenti personali.


Alberto Zatti , Laura Austoni
Eros ed educazione
2006, Collana: Serie di psicologia: Pagine: 176
Prezzo: € 15,50
Editore: Franco Angeli

Il sesso è un atto d'amore? Qual è il ruolo del piacere? E come si può educare la sessualità?
Queste le domande a cui gli autori del libro hanno cercato di rispondere, delineando un percorso che apre due prospettive di sviluppo. La prima segue l'ipotesi secondo cui per educare la sessualità si debbano affrontare le sue forze arcaiche, ben raffigurate dai miti di Eros e Pan; la seconda va verso l'individuazione delle condizioni con cui è possibile favorire il passaggio dall'istinto panico alla pulsione erotica nei giovani.
L'educatore (genitore, professionista, adulto-responsabile) trova così i linguaggi che possono sostenerlo nel compito di dialogare con gli istinti sessuali al loro stato originario, per favorirne lo sviluppo nelle figurazioni della sessualità erotica.
Se i personaggi di Eros e Pan aiutano a contrassegnare delle linee evolutive per l'universo maschile, non si può ignorare, però, che un tale "programma" sia incompleto, se non inadeguato, per la formazione della sessualità femminile. Ecco perché gli uomini e le donne che hanno partecipato alla stesura del testo hanno cercato di approfondire proprio quelle forme espressive che accompagnano i processi di maturazione della sessualità femminile.
Nel volume vengono quindi indagate alcune forme mitiche in grado di corrispondere al sentire femminile, oltre che maschile, di oggi, così da favorire il passaggio - quanto mai necessario - da una sessualità violenta a una sessualità piena e reciproca.

Alberto Zatti è professore associato di Psicologia all'Università degli Studi di Bergamo. Si occupa di ricerche sull'identità maschile e sul rapporto fra giustizia, famiglia e cultura.
Laura Austoni è psicologa-psicoterapeuta esperta in sessuologia e formatrice. I suoi interessi di ricerca si muovono dalle differenze sessuali al ruolo simbolico del femminile e del materno nella società attuale. Per i nostri tipi hanno già pubblicato I codici del piacere. Come parlare del corpo erotico in educazione sessuale (2004).


Thomas Schäfer
Guarire le malattie dell’anima con il metodo delle Costellazioni Familiari
2006, pagine: 150
Prezzo: € 14.90
Editore: Tecniche Nuove

Nessun’altro psicoterapeuta ha avuto negli ultimi anni un’eco pari a quella ottenuta da Bert Hellinger. Ciononostante non esisteva finora un’opera che rendesse il suo pensiero accessibile a tutti. Con questo libro il naturopata e psicoterapeuta Thomas Schäfer avvicina le teorie ed i metodi terapeutici di Hellinger ad una cerchia più ampia di lettori.
Quali sono le cause familiari di gravi malattie? Perché alcune relazioni fra uomo e donna, fra genitori e figli, si sviluppano in modo armonico mentre altre falliscono? Che ruolo svolge la religione nello sviluppo umano? Come deve essere affrontata la morte?
Hellinger considera la famiglia il principale sistema sociale responsabile di tante gioie e tanto dolore. Per questo l’autore si sofferma in particolare sulla tecnica delle “Costellazioni Familiari” sviluppata da Hellinger. Spiega com’è possibile eliminare le dinamiche che fanno ammalare e permettere all’amore originario di continuare a fluire.

Thomas Schäfer ha studiato sociologia e si è laureato nel 1985 presso l’Università di Heidelberg. Dal 1993 lavora a Heidelberg e Stockach come naturopata specializzato in psicoterapia. Ha inoltre frequentato numerosi corsi di formazione e specializzazione sui metodi psicoterapeutici, fra cui la terapia ipnotica di Milton Ericksons. Ha pubblicato numerosi racconti e libri sulle Costellazioni Familiari di Bert Hellinger.

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

sig (1509381564901)

Antony, 50     Da 5 anni, più o meno nel periodo tra ottobre e gennaio, mia moglie, 48 anni, è come se cambiasse personalità. ...

Fobia di non riuscire a tratte…

Marco989898, 14     Il mio problema è che ho la continua ossessione di andare in bagno e anche se all'inizio sembrerà  una cosa stupida, son...

E' realmente un problema? (151…

Flick, 27     Buongiorno, sono una donna di 27 anni e da quando ne ho compiuti più o meno 19, nei momenti di maggiore stress sento un forte impul...

Area Professionale

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

La Certificazione Psicologica:…

Nella pratica clinica è possibile trovarsi di fronte ad una specifica richiesta, da parte del paziente/cliente, di una Certificazione che attesti, sia dal punto...

Le parole della Psicologia

Istinto

Il termine istinto, come indica l'etimologia stessa (il termine latino “instinctus”, deriva da instinguere, incitare), è usato nel linguaggio ordinario per indi...

Alcolismo

L'alcolismo si contraddistingue per l'incapacità di rinunciare ad assumere bevande alcoliche e ad autocontrollarne la quantità anche quando ciò si traduce in si...

Il pregiudizio

Similare alla connotazione più negativa di uno stereotipo, in psicologia un pregiudizio (dal latino prae, "prima" e iudicium, "giudizio") è un'opi...

News Letters