Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

PSICOLOGIA NEWS n.282 - 16.11.2006

on . Postato in News libri e riviste | Letto 170 volte

  • Vincere l'ansia per negati
  • Strumenti di valutazione clinica in neuropsichiatria dell'età evolutiva
  • La formazione manageriale del personale sanitario. Il coordinamento dei servizi esternalizzati
  • Un domani senza paura
  • C'è anche il papà. Qualche consiglio per essere padri sufficientemente buoni
  • Il mio cuore è un purè di fragole
  • La mimica dei bambini. Gesti ed espressioni del volto, atteggamenti e posture: I bambini parlano col corpo
  • Come amano le donne
  • Vergogna e gelosia. Tumulti segreti

AA.VV.
Vincere l'ansia per negati
Traduzione di Claudio Lamparelli
2006, Collana Oscar guide, Pagine 312
Prezzo € 12,00
Editore: Mondadori

Hai l'impressione di preoccuparti troppo? Tranquillo, non sei il solo: nella nostra società, infatti, milioni di persone soffrono di diverse forme d'ansia. Questo libro, dal tono amichevole ma scientificamente rigoroso, può aiutarti: ricco di test e schede di autovalutazione, ti insegna a individuare il tuo problema, a migliorare le tue abitudini, a rilassarti e a trovare il giusto supporto per te e per le persone che ami.


Carlo Cianchetti , Ermellina Fedrizzi , Daria Riva , Pietro Pfanner
Strumenti di valutazione clinica in neuropsichiatria dell'età evolutiva
2006, Collana: Neurologia infantile, Pagine: 160
Prezzo: € 15,50
Editore: Franco Angeli

La necessità di valutare clinicamente i pazienti secondo criteri standardizzati è sempre più evidente in neuropsichiatria dell'età evolutiva. Descrivere nel modo più obiettivo e approfondito possibile le condizioni del paziente al momento dell'osservazione è un elemento importante non solo per la diagnosi, ma anche per il controllo dell'evoluzione e quindi dell'efficacia degli interventi terapeutici.
Tuttavia nell'ambito della disciplina è ancora molto diffusa l'abitudine a una descrizione del paziente guidata unicamente dalle voci di richiamo della cartella clinica, secondo criteri spesso individuali. Senza rinunciare a questo, è necessario diffondere una cultura che miri ad aggiungere nella valutazione clinica i dati di una obiettivazione il più possibile corretta e convalidata da elementi standardizzati.
Il volume si propone di introdurre gli specialisti di neuropsichiatria infantile all'uso routinario di strumenti di valutazione standardizzati per le condizioni cliniche più frequenti nella pratica. Tratta pertanto alcuni dei principali strumenti utilizzabili, con l'intento di fornire gli elementi essenziali per un approccio più adeguato alla valutazione del paziente. Tali strumenti sono suddivisi in tre sezioni che si riferiscono rispettivamente alla valutazione dei disturbi dello sviluppo motorio e psicomotorio, alle funzioni neurologiche superiori e alle problematiche psichiche.


Michele La Rosa , Stefano Grandi
La formazione manageriale del personale sanitario. Il coordinamento dei servizi esternalizzati
2006, Collana: Sociologia del lavoro - Teorie e Ricerche, Pagine: 208
Prezzo: € 17,00
Editore: Franco Angeli

Le aziende sanitarie, per esigenze di razionalizzazione e di ottimizzazione delle risorse, hanno ormai da tempo avviato un processo di progressiva esternalizzazione di numerosi servizi che, in virtù della loro natura non strategica, possono essere affidati alla gestione di organizzazioni esterne. Ciò, se da un lato permette di contenere la dimensione aziendale e di ridurne la complessità, dall’altro attribuisce un ruolo decisivo ai sistemi preposti al coordinamento ed al controllo di una molteplicità di fornitori diversi. Tali funzioni coinvolgono sempre più spesso anche quella parte del personale sanitario che, pur possedendo una specifica professionalità tecnica, ha la necessità di acquisire ulteriori competenze di tipo gestionale e manageriale.
Questo volume ha l’obiettivo di fornire un qualificato apporto conoscitivo ed alcuni spunti di riflessione su aspetti che vanno assumendo crescente rilevanza per tutti coloro che si trovano ad operare nelle organizzazioni sanitarie sia pubbliche che private. In particolare si approfondiscono temi quali le strategie organizzative manageriali, la qualità e la valutazione degli interventi socio-sanitari, la formazione, la comunicazione e l’eco-management ospedaliero, nella convinzione che tali elementi debbano divenire un patrimonio conoscitivo diffuso in grado di supportare l’attività di coloro che, ai diversi livelli, hanno ruoli di coordinamento all’interno delle aziende sanitarie.

Michele La Rosa , docente di Sociologia del lavoro presso il Dipartimento di Sociologia della Facoltà di Scienze politiche dell’Università di Bologna, è direttore del C.I.Do.S.Pe.L. (Centro Internazionale di Documentazione e Studi sui problemi del Lavoro) e del Corso post-diploma di formazione superiore al coordinamento dei servizi strumentali per personale sanitario, attivato presso lo stesso Dipartimento.
Stefano Grandi , collaboratore del C.I.Do.S.Pe.L. del Dipartimento di Sociologia dell’Università di Bologna, ha coordinato il Corso post-diploma di formazione superiore al coordinamento dei servizi strumentali per personale sanitario.


Moore Thomas
Un domani senza paura
2006, Collana: Saggi, Pagine: 426
Prezzo: € 17.00
Editore: Frassinelli

Tutti aspiriamo alla felicità, ma ogni vita contiene in sé gioia e dolore, luce e tenebre. Ci può capitare di perdere il lavoro, di divorziare, di ammalarci, e allora ci inabissiamo in un periodo oscuro mettendo in discussione tutto ciò che siamo. La maggior parte di noi a questo punto cerca freneticamente qualche via per uscire dallo sconforto, e magari ricorre a futili divertimenti o all'alcol. Oppure pensa che sia solo "depressione" e si rivolge a uno psicologo, In questo modo, però, si spreca un'opportunità preziosa: quella di cambiare prospettiva. La crisi deve darci la spinta per interrogarci su ciò che vogliamo nel profondo di noi. Per esempio, essere lasciati dal partner offre l'occasione per capire che cosa non ha funzionato nel rapporto, cosa cerchiamo davvero nell'altro o siamo disposti a dargli, come siamo stati influenzati dagli stereotipi comportamentali della nostra società e via dicendo. Se non facciamo chiarezza in noi stessi, ripeteremo fatalmente gli stessi errori in ogni nuova relazione, affettiva o professionale che sia. Abbandoniamoci dunque alle tenebre dell'infelicità, se questa può aiutarci a progredire nella nostra evoluzione umana e a ritrovare il piacere della luce. Individuiamo i nostri personali riti di passaggio, la nostra temporanea follia, la nostra trasformazione alchemica per diventare più veri, più forti, più completi. E senza più paura del buio.

Thomas Moore, laureato in scienze religiose nonché studioso di filosofia e teologia, dopo essere stato per dodici anni monaco in un ordine religioso cattolico si è occupato di psicologia, mitologia e spiritualità, ambiti in cui è uno degli autori più noti e affermati negli Stati Uniti.
Ex docente di psicologia e terapeuta, vive nel Hampshire con la moglie e i due figli. Per Frassinelli ha già pubblicato La cura dell'anima, Amici nell'anima e Il sorriso dell'anima. Il sito dell'autore è careofthesoul.net.


Ivano Baldassarre
C'è anche il papà. Qualche consiglio per essere padri sufficientemente buoni
2006, pagine: 150
Prezzo: € 14,50
Editore: Erickson

Scritto da un padre per i padri, il libro affronta il tema della crescita e dell’educazione dei figli alla luce del mutato ruolo del papà nella società odierna. Esplorando i cambiamenti avvenuti – e, a volte, il disagio che ne consegue – nella psicologia e nell’identità del padre, rispetto alle passate generazioni e a funzioni e compiti che prima erano considerati prerogativa delle madri, l’autore prende in considerazione i temi più rilevanti del rapporto padre-figli nell’infanzia e nell’adolescenza: la questione dei limiti e delle regole, il contesto affettivo, la sessualità, il gioco, le spinte verso l’autonomia, ecc.
Con uno stile semplice e chiaro, a partire da dati di esperienza reale e quotidiana, vengono offerti alcuni consigli per aiutare i papà a essere padri «sufficientemente buoni», per districarsi al meglio tra le difficoltà che possono incontrare nel percorso dei propri figli verso l’età adulta.

Ivano Baldassarre. Psicologo psicoterapeuta, vive e lavora a Genova. È autore di libri per bambini e collabora con RAI Fiction come sceneggiatore di cartoon per la fascia prescolare. È padre di due bambine.


Alberto Pellai
Il mio cuore è un purè di fragole
2006, pagine: 50 + CD audio
Prezzo: € 18,50
Editore: Erickson

Luca è un bambino timido e insicuro. Da quando è nata la sua sorellina, poi, si sente abbandonato da mamma e papà. Come se non bastasse, a scuola viene preso di mira da un bulletto che lo prende in giro e lo chiama «Cicciopalla». E così sempre più spesso gli capita di sentirsi triste e solo, e gli sembra che il suo cuore si trasformi in un purè di fragole. Ma per il suo compleanno, papà gli fa un regalo molto speciale, che lo aiuterà a capire meglio i comportamenti di chi gli sta intorno e a guardarsi in modo diverso....
Il mio cuore è un purè di fragole è una favola scritta per tutti i bambini che a volte si sentrono trisiti perché credono di non essere amati. Leggerla li aiuterà a capire i comportamenti degli altri, a conoscersi meglio e ad aumentare la propria autostima.
Al libro è allegato un CD audio con la narrazione della favola e numerosi suggerimenti su quali tecniche adottare per raccontarla ai bambini.
Al libro è allegato un CD Audio con la narrazione della favola e alcuni suggerimenti educativi.

Alberto Pellai. Medico e ricercatore presso la facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Università degli Studi di Milano, si occupa di prevenzione in età evolutiva. Conduce corsi di formazione per genitori e docenti e nel 2004 ha ricevuto dal Ministero della Salute la medaglia d'argento al merito della sanità pubblica. Collabora con Radio 24 ed è autore di molti volumi, tra cui alcune favole per bambini.


Samy Molcho
La mimica dei bambini. Gesti ed espressioni del volto, atteggamenti e posture: I bambini parlano col corpo
2006, Pagine: 192
Prezzo: € 19.00
Editore: Apogeo

"Gli occhi grandi guardano da sotto in su, la testa si inclina, le labbra si incurvano verso il broncio.
E' solo un istante, e noi ci inteneriamo. La nostra bocca si apre al sorriso. Le labbra del bambino si allentano e sorride, gli occhi brillano.
Si e' verificata una comunicazione senza parole. Emozioni e bisogni vengono espressi in questo modo. Chi non conosce questa situazione? Il linguaggio del corpo esprime direttamente in noi il mondo delle nostre sensazioni e tradisce immediatamente i nostri stati d'animo.
I neonati e i bambini piccoli dipendono totalmente dagli adulti, i genitori o chi si occupa di loro.
La loro dipendenza e' cosi' forte, che quegli adulti sono indispensabili alla loro sopravvivenza. Hanno solo una possibilita', per soddisfare i loro bisogni: comunicare. E hanno un solo canale a disposizione, al di la' di mettersi a urlare: il linguaggio del corpo.
Le osservazioni che ho condotto nel corso degli anni (ancora prima di diventare a mia volta padre di quattro figli) mi hanno portato a scrivere questo libro.
Quel che ho osservato e' che in genere, quando i bambini piangono senza che sia apparente un motivo fisico, vuol dire semplicemente che sono frustrati, perche' non sono stati capiti. Gli adulti non sono stati capaci di capirli.
Un bambino reagisce a quello che vede e non a quello che sente. Il linguaggio del corpo dei genitori dice a un bambino molto piu' di quello che loro dicono con il linguaggio verbale.
Il bambino si aspetta dai suoi genitori che capiscono il suo linguaggio del corpo: lui ha espresso chiaramente i suoi bisogni e i suoi sentimenti, ma i genitori sembrano non accorgersene, perche' sono troppo abituati a scambiarsi solo informazioni verbali.
Il bambino si percepisce come un tutto e come tale vuole essere inteso. Il mondo degli adulti e' invece prevalentemente un mondo verbale di informazioni fattuali, e per questo spesso non riusciamo a cogliere le espressioni e i bisogni dei nostri bambini, per quanto bene vogliamo loro."

Samy Molcho, mimo di fama internazionale, ha dedicato questo libro all'esplorazione della mimica e del linguaggio del corpo dei bambini con grande attenzione, con amore e rispetto. Circa 200 bellissime foto in bianco e nero illustrano incisivamente le sue osservazioni.


Maryse Vaillant
Come amano le donne
2006, pagine: 142
Prezzo: € 12.00
Editore: Ponte alle Grazie

Questo libro nasce da una domanda: come mai donne belle, brillanti, che potrebbero essere autonome, sembrano cedere tutta la loro libertà e la loro capacità di scegliere a uomini che non portano loro nulla che non potrebbero conquistarsi da sole? La questione è antica, la risposta complessa, e può fare molto male. Malgrado anni di lotta femminista e di sforzi maschili per adeguarsi ai cambiamenti, malgrado la buona volontà dei due generi, le donne rimangono, almeno psicologicamente, subordinate agli uomini. Questa è la tesi del libro, tesi che potrà dare fastidio a molti, ma la dimostrazione è intelligente, forte, coraggiosa.
Usando la forma narrativa, Maryse Vaillant racconta quattro storie esemplari di coppia, di separazione, di maternità, di dipendenza. Dà voce al dolore delle donne, al loro modo di amare, al mistero mai profanato della loro arcaica intimità.

Maryse Vaillant, psicologa, è autrice di numerosi libri sui problemi dell’adolescenza, della coppia e della famiglia. Ha esercitato la sua professione soprattutto nell’ambito della tutela dei minori, e ha insegnato all’università di Parigi VII.


Mollon Phil
Vergogna e gelosia. Tumulti segreti
2006, Collana: Psiche e coscienza, Pagine: 173
Prezzo: €16.00
Editore: Astrolabio Ubaldini

Non è facile ammettere né la vergogna né la gelosia. Entrambe pervadono la vita umana, esercitando un terrore segreto e un controllo dall'interno. La vergogna affiora nella ridda dei rapporti umani, nelle incomprensioni, negli errori di percezione e di giudizio, nell'assenza di empatia, nella solitudine e nella delusione. La gelosia è invece figlia della percezione che esiste un altro (che sia l'altro edipico, o magari un fratello o una sorella) che può riuscire nel rapporto in cui noi abbiamo fallito. Nel setting analitico e psicoterapeutico la situazione è satura di vergogna potenziale. La ragione è duplice. Primo, l'informazione emotiva da comunicare ha carattere squisitamente privato, e quindi potenzialmente vergognoso. Secondo, le possibilità di incomprensione, mancata comunicazione e scarsa empatia sono molteplici. Un'altra ragione per cui evitiamo di menzionare la vergogna è che è particolarmente contagiosa. Sentirne parlare la evoca, seppure solo in forma leggera e sottile. Ma la situazione sta radicalmente cambiando. Psicoanalisti, psicologi evolutivi, studiosi di scienze sociali e delle neuroscienze si dedicano oggi in maniera significativa alla comprensione della vergogna. Un nuovo campo di particolare interesse, con notevoli collegamenti potenziali alla psicoanalisi, è quello della psicologia evoluzionistica, che studia come una prospettiva neodarwinista faccia luce su aspetti del comportamento e delle emozioni che sarebbero altrimenti oscuri.

Phil Mollon appartiene al Gruppo indipendente della Società Psicoanalitica Britannica. Psicologo clinico e psicoterapeuta presso la clinica Tavistock, studiosos di Heinz Kohut e della psicologia del sé, è membro del New York Institute for Psychoanalytic Self Psychology ed esercita principalmente nell'Hertfordshire, nell'ambito del servizio sanitario nazionale britannico. In questa collana è già apparso un altro suo libro. Le terapie energetiche e l'EMDR nella prospettiva psicoanalitica.

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobia di non riuscire a tratte…

Marco989898, 14     Il mio problema è che ho la continua ossessione di andare in bagno e anche se all'inizio sembrerà  una cosa stupida, son...

E' realmente un problema? (151…

Flick, 27     Buongiorno, sono una donna di 27 anni e da quando ne ho compiuti più o meno 19, nei momenti di maggiore stress sento un forte impul...

Credo di essere depressa, mi a…

Psiche, 33     Salve, vi scrivo perchè da un pò di tempo (non so neanche io precisamente quanto) ho dei sintomi che mi fanno presagire qualcosa d...

Area Professionale

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

La Certificazione Psicologica:…

Nella pratica clinica è possibile trovarsi di fronte ad una specifica richiesta, da parte del paziente/cliente, di una Certificazione che attesti, sia dal punto...

Le parole della Psicologia

L'attenzione

L'attenzione è un processo cognitivo che permette di selezionare stimoli ambientali, ignorandone altri. È quel meccanismo in grado di selezionare le informazio...

La proiezione

La proiezione è un meccanismo di difesa arcaico e primitivo che consiste nello spostare sentimenti o caratteristiche proprie, o parti del Sè, su altri oggetti o...

Gestalt

Con il termine Gestalt si va a designare un importante indirizzo della psicologia moderna, secondo il quale l’esperienza percettiva e per estensione, la vita ps...

News Letters