Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

PSICOLOGIA NEWS n.283 - 23.11.2006

on . Postato in News libri e riviste | Letto 226 volte

  • Lavorare con le persone. Utenti, pazienti, alunni, giovani colleghi... come fare bene assieme
  • Osservare, valutare e sostenere la relazione genitori-figli. Il Lausanne Trilogue Play clinico
  • Nell'intimo delle madri. Luci e ombre della maternità
  • Mollare le redini
  • Bravi ragazzi. Travagli e patemi di adolescenti in consultazione
  • Il labirinto dei dettagli. Iperselettività cognitiva nell'autismo
  • Voglia di gioia. Suggerimenti per vivere al meglio la Terza età
  • Sweet Dreams. Illusioni filosofiche sulla coscienza

Neil Thompson
Lavorare con le persone. Utenti, pazienti, alunni, giovani colleghi... come fare bene assieme
2006, pagine: 336
Prezzo: € 17,90
Editore: Erickson

Come sviluppare le capacità e abilità necessarie per lavorare con e per gli altri? Questo fortunato testo, alla sua seconda edizione inglese, è un’agile e accessibile guida rivolta a quanti, per motivi professionali ma non solo, si trovano a occuparsi delle persone e dei loro problemi.
La prima parte del volume spiega come sviluppare la propria efficacia personale, come gestire al meglio il tempo lavorativo, su quali risorse far leva per superare lo stress legato al lavoro con la gente.
Nella seconda parte vengono analizzate le capacità di interazione relative alla comunicazione verbale, a quella scritta, ai messaggi non verbali, fino alle abilità per saper stare con efficacia in diversi tipi di relazione.
L’ultima parte tratta delle abilità di intervento: quelle che servono per accordarsi su cosa fare e per lavorare in maniera non discriminatoria, rispettosa della diversità, attenta a valorizzare i lati positivi delle persone.

Neil Thompson ha una lunga esperienza di lavoro nell’ambito dei servizi sociali. Formatore molto apprezzato anche a livello internazionale, dirige in Galles l’ Avenue Consulting, un’organizzazione che offre servizi di consulenza, formazione e mediazione nel campo delle risorse umane. E’ visiting professor all’Università di Liverpool.


Malagoli Togliatti M., Mazzoni S. (a cura di)
Osservare, valutare e sostenere la relazione genitori-figli. Il Lausanne Trilogue Play clinico
2006, Collana: Psicodiagnostica, Pagine: 190
Prezzo: 19,00 €
Editore: Raffaello Cortina

Il testo rappresenta il manuale del sistema di codifica del Lausanne Trilogue Play clinico, un metodo di osservazione diretta delle relazioni familiari che ha l’obiettivo di operazionalizzare i criteri di valutazione relazionali quando il clinico deve esprimere una diagnosi e formulare un progetto di sostegno alla genitorialità.
Ancorato a costrutti teorici su cui convergono molte ricerche sulla famiglia, il sistema di codifica che viene proposto si basa su indicatori comportamentali che differenziano le famiglie funzionali da quelle disfunzionali in termini di “alleanze familiari”.

Marisa Malagoli Togliatti, professore ordinario di Psicodinamica dello sviluppo e delle relazioni familiari all’università “La Sapienza” di Roma, è autrice di molte pubblicazioni sui problemi della famiglia e della genitorialità.
Silvia Mazzoni è professore associato di Psicologia dinamica all’università “La Sapienza” di Roma.


Sophie Marinopoulos
Nell'intimo delle madri. Luci e ombre della maternità
2006, Collana: Serie Bianca, Pagine: 184
Prezzo: € 13.00
Editore: Feltrinelli

Non si diventa madri perché si concepisce un figlio. La maternità “nasce” nel mondo interiore della donna, prende corpo nella sua infanzia, per manifestarsi un giorno come desiderio di un figlio. Il libro delle madri, di tutte le madri.
Questo libro nasce da un’esperienza ventennale di ascolto delle donne che si scoprono in attesa di un figlio e delle madri in difficoltà. È un libro rivolto a tutte le madri, quelle che hanno desiderato ardentemente di diventarlo, quelle che vivono con sofferenza la nascita di un figlio, quelle che si colpevolizzano di non amarlo abbastanza e quelle che vi hanno rinunciato consapevolmente.
Un libro moderno, attuale, che non prende le mosse da un astratto “istinto materno” ma dalla constatazione dello scarto oggi esistente tra i successi delle tecniche mediche e la solitudine del vissuto interiore delle singole donne, e dalla differenza fondamentale tra “filiazione” e “genitorialità”. Non si diventa madri perché si concepisce un figlio. La maternità “nasce” nel mondo interiore della donna, prende corpo nella sua infanzia, per manifestarsi un giorno come desiderio di un figlio. Sophie Marinopoulos non si sottrae a nessuno dei problemi che ruotano oggi intorno alla maternità: dalle tecnologie di procreazione alla richiesta di genitorialità degli omosessuali, all’aborto, all’abbandono, all’infanticidio. Lo fa con garbo e partecipazione, intessendo la sua analisi con le storie delle donne che ha aiutato a chiarire a se stesse cosa per loro, singolarmente, significava il desiderio o l’attesa di un figlio.

Sophie Marinopoulos è psicologa clinica e psicoanalista. Esercita a Nantes, presso la maternità del centro ospedaliero universitario e il centro medico-psicologico Henri–Wallon. Partecipa a lavori clinici e di ricerca sulla famiglia e la filiazione a livello nazionale e internazionale. Molto impegnata nel promuovere il riconoscimento della salute psichica come parte integrante del sistema sanitario pubblico, ha fondato un’associazione per la prevenzione e la promozione della salute psichica, di cui dirige il centro familiare di accoglienza e d’ascolto a Nantes.


Laura Doyle
Mollare le redini
2006, pagine: 254
Prezzo: € 8,00
Editore: Tea

«Prima di mollare le redini, facevo tutto io per un semplice motivo: volevo che tutto fosse fatto a modo mio. Non lasciavo a mio marito nessuna possibilità di fare alcunché, perché sapevo che lui non avrebbe fatto le cose come volevo io. Ogni volta che cercava di rendersi utile rifiutavo il suo aiuto, per un motivo o per un altro. Alla fine smise di offrirsi di aiutarmi. Dopo un po’ arrivai alla conclusione che era pigro e senza un briciolo di buon senso, e lo detestavo perché lasciava fare tutto a me. Allora non riuscivo a capire una cosa ovvia: ero stata io a costruire la nostra infelicità.» Con Mollare le redini, Laura Doyle ha scritto un libro controverso che rivoluziona la visione moderna di parità tra i sessi e mette in discussione il mito della superdonna. Partendo dall’osservazione di meccanismi sbagliati nella vita quotidiana e dall’infelicità di molte donne che oggi lavorano troppo, sia in casa che fuori, offre consigli (e trucchi) per far funzionare la vita di una coppia. Si basa su un principio concettualmente semplice, forse anche astuto, ma difficilissimo da mettere in pratica: mollare le redini. Che non vuol dire «arrendersi» e neanche «essere arrendevoli», ma lasciare-lasciarsi andare, per ritrovare un’intonazione di voce comune, un accordo per una nuova complicità.

Laura Doyle ha lavorato per molti anni in pubblicità e si è laureata in giornalismo alla San José State University. Vive a Costa Mesa, in California.


Paolo Salvador
Bravi ragazzi. Travagli e patemi di adolescenti in consultazione
2006, Collana: Adolescenza, educazione e affetti, Pagine: 176
Prezzo: € 16,50
Editore: Franco Angeli

Spesso quando si parla di adolescenti si usa l'espressione: "Un bravo ragazzo_"; a volte con affettuoso compiacimento o con inalterabile benevolenza, altre volte con disorientato stupore o giudizi e ironie taglienti: dietro questa espressione si nasconde la difficoltà dell'incontro, la terribile sensazione di non aver capito il ragazzo, di non averlo saputo "ascoltare".
In un percorso che privilegia il canale dell'empatia il volume vuole avvicinare all'incontro con gli adolescenti attraverso le loro "storie", in un viaggio tra i loro drammi e le loro preoccupazioni, per suscitare eco profonde nel vissuto del lettore, ritrovare dimenticate identificazioni e intensi riconoscimenti, senza rinunciare ad una "sosta", per dare un senso all'accavallarsi di vicende, spesso sospinte da impulsi ingovernabili e travolgenti passioni.
Un viaggio, dunque, insieme agli adolescenti e alle loro difficoltà nel conciliare il lato socialmente presentabile del proprio modo di essere e quello più impulsivo e fragile, dominato dalle bufere sentimentali. È questo un compito non facile per l'adolescente che, spesso alle prese con una costruzione del Sé non sufficientemente sostenuta dalla famiglia, deve cercare di evitare il crollo, di non farsi travolgere (del tutto) da una disperata tristezza.
Forse allora i "bravi ragazzi" sono quelli capaci di chiedere aiuto, quelli che ancora non hanno perso la voglia di credere nel proprio futuro.

Paolo Salvador, psicologo e psicoterapeuta di formazione psicoanalitica, lavora a Venezia nel servizio di neuropsichiatria dell'infanzia e dell'adolescenza. Negli ultimi dieci anni ha indirizzato la sua esperienza clinica soprattutto nell'attività con gli adolescenti, contribuendo alla fondazione del centro di consultazione "Sosta in Corsa", rivolto a ragazzi in crisi. Consulente e formatore di operatori e adulti impegnati con gli adolescenti, è autore di diversi saggi su questo particolare periodo evolutivo.


Hilde De Clercq
Il labirinto dei dettagli. Iperselettività cognitiva nell'autismo
2006, pagine: 126
Prezzo: € 13,00
Editore: Erickson

Thomas, il figlio dell’autrice, è un bambino autistico. Si fida delle donne bionde con la coda di cavallo come la sua mamma; quando il nonno va via, lo saluta solo se viaggia nella macchina verde; adora il gelato, ma il pistacchio deve essere in fondo, l’arancia in mezzo e la fragola in cima.
Attraverso il racconto della sua esperienza con Thomas, l’autrice mostra — con la tenerezza di una mamma e il rigore di uno studioso — come una caratteristica chiave dello stile cognitivo nell’autismo sia il «pensare in dettagli», cioè un’estrema sensibilità ai particolari, da rilevare e combinare in gran numero prima di riuscire a trarne un insieme unitario e dotato di senso. Descrive inoltre le conseguenze di questa specifica modalità cognitiva sulla triade delle difficoltà nella comunicazione, comprensione sociale e immaginazione, con indicazioni importanti per lo sviluppo di programmi educativi e di relazioni positive con le persone con autismo.
Quando mi viene chiesto di raccomandare un libro che sia facile da leggere per chiunque e che spieghi il pensiero autistico (o «l’autismo dal di dentro»), dico sempre: «Leggete il libro di Hilde». Theo Peeters

Hilde De Clercq. Formatrice dello Opleidings Centrum, è madre di un bambino autistico.


Monica Melotti
Voglia di gioia. Suggerimenti per vivere al meglio la Terza età
2006, Collana: Self-help, Pagine: 128
Prezzo: € 13,50
Editore: Franco Angeli

Cosa significa essere anziani oggi? Come si può valorizzare un periodo della vita, la Terza età, spesso prodigo di tempo, ma anche ricco di nuove sfide e molti cambiamenti?
Gli "over 65" di oggi - e le inchieste sull'argomento lo dimostrano - sono pieni di energie e aspettative, intendono sfruttare al meglio il periodo che stanno vivendo, abbandonando le frenesie del passato e progettando un futuro stimolante.
A questa tendenza si ricollega l'intento del volume: l'autrice, grazie all'esperienza maturata nel campo delle attività per la Terza età, ne esplora il "territorio sentimentale", suggerendo diversi percorsi orientati alla ricerca della propria dimensione di soddisfazione e serenità.
Questo viaggio si compie anche attraverso un canale particolarmente felice: le interviste - che aprono ogni capitolo del testo - rivolte a personaggi famosi, ormai non più giovanissimi, ma ancora nel pieno del loro vigore professionale e intellettuale. Le interviste offrono lo spunto per analizzare dieci aspetti della vita da una prospettiva privilegiata: si parla di amicizia con Francesco Alberoni, di "amore" con Don Zega, di bellezza con Elena Melik, di cultura con Piero Ottone, di gusto con Gualtiero Marchesi, di moda con Krizia, di movimento con Luciana Savignano, di scrittura con Alda Merini, di sogni con Alberto Spagnoli e di viaggi con Ettore Mo.
Ogni intervista è seguita dalle "pillole di saggezza", per tradurre in pratica i consigli raccolti, e dalle "testimonianze di vita", esperienze di gente comune che possono rappresentare un confronto utile e interessante per capire e capirsi di più.

Monica Melotti, giornalista, vive e lavora a Milano. Collabora con periodici a diffusione nazionale per gli ambiti salute, benessere, medicina e comunicazione. Ha maturato la sua esperienza nell'universo Terza età come collaboratrice del mensile Club 3, dedicato agli over 60, e frequentando per motivi di lavoro e personali alcune Case di riposo e Centri diurni per anziani.


Dennett D.C.
Sweet Dreams. Illusioni filosofiche sulla coscienza
2006, Collana: Scienza e idee, pagine: 200
Prezzo: 19,50 €
Editore: Raffaello Cortina

Vincitore nel 2005 del premio per le pubblicazioni nell’ambito della psicologia e delle scienze cognitive indetto dall’Association of American Publishers, Sweet Dreams è il testo in cui Dennett mostra come la filosofia finisca spesso per ostacolare lo sviluppo di una scienza della coscienza.
Con la chiarezza e l’ironia che lo contraddistinguono, Dennett passa in rassegna molti dei più noti argomenti filosofici, smontandoli passo dopo passo sulla scorta sia delle conquiste delle scienze cognitive sia della sua straordinaria capacità di sfruttare gli esempi – che possono riguardare trucchi di carte o dollari fittizi –, per convincerci che la coscienza non è un “mistero” da sacralizzare ma un oggetto da indagare scientificamente.

Daniel C. Dennett è direttore del Center for Cognitive Studies alla Tufts University, Medford (Mass.). Nella collana Scienza e Idee ha già pubblicato ‘’L’evoluzione della libertà’’ (2004).

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

sig (1509381564901)

Antony, 50     Da 5 anni, più o meno nel periodo tra ottobre e gennaio, mia moglie, 48 anni, è come se cambiasse personalità. ...

Fobia di non riuscire a tratte…

Marco989898, 14     Il mio problema è che ho la continua ossessione di andare in bagno e anche se all'inizio sembrerà  una cosa stupida, son...

E' realmente un problema? (151…

Flick, 27     Buongiorno, sono una donna di 27 anni e da quando ne ho compiuti più o meno 19, nei momenti di maggiore stress sento un forte impul...

Area Professionale

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

La Certificazione Psicologica:…

Nella pratica clinica è possibile trovarsi di fronte ad una specifica richiesta, da parte del paziente/cliente, di una Certificazione che attesti, sia dal punto...

Le parole della Psicologia

L'attenzione

L'attenzione è un processo cognitivo che permette di selezionare stimoli ambientali, ignorandone altri. È quel meccanismo in grado di selezionare le informazio...

Zoosadismo

E’ un disturbo psichiatrico che porta l'individuo a provare piacere nell'osservare o nell'infliggere sofferenze o morte ad un animale Lo zoosadismo, termine in...

Musofobia

Il termine musofobia, che deriva del greco μῦς (mys) che significa "topo", è la paura persistente ed ingiustificata per i topi, più in generale per i roditori. ...

News Letters