Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

PSICOLOGIA NEWS n.285 - 7.12.2006

on . Postato in News libri e riviste | Letto 233 volte

  • La seduzione di Narciso. Narcisismo e disturbo narcisistico di personalità: una analisi differenziale
  • Narrazione di un iter di gruppo. Intorno alla formazione in psicologia clinica
  • Panico collettivo. Mito popolare, teoria sociale, indagine empirica
  • Il fenomeno del mobbing. Aspetti psicologici e strumenti di ricerca-intervento
  • Perché si devono amare i bambini
  • Anch'io gioco. Come costruire giochi interessanti per i bambini autistici
  • La pronoia. È l'antidoto alla paranoia. 888 metodi per diventare selvaggiamente felici
  • Intelligenza sociale
  • Psicologia della dipendenza dal lavoro. «Work addiction» e «workaholics»

Arianna Nardulli
La seduzione di Narciso. Narcisismo e disturbo narcisistico di personalità: una analisi differenziale
2006, Collana: Ricerche e Contributi in Psicologia, pagine: 386
Prezzo: € 24,00
Editore: Psiconline

Esiste un continuum tra il narcisismo normale, fondamento strutturante del senso di identità, e il disturbo narcisistico di personalità, connotato da una molteplicità di configurazioni patologiche?
In questo volume dallo straordinario fascino teorico e applicativo, Arianna Nardulli intende dare una risposta a tale quesito. Fondato su un impianto enciclopedico ma elaborato in un linguaggio semplice e incisivo, la Seduzione di Narciso opera un capillare raffronto critico tra le più autorevoli correnti psicoanalitiche sul controverso tema del narcisismo, giungendo a conclusioni brillanti e originali.
L'autrice individua nel nucleo narcisistico della personalità, depurato dalle sue connotazioni patologiche e distruttive, un universo interiore dalle straordinarie potenzialità creative, in grado di portare a notevoli realizzazioni sociali e affettive.
Affiancando alla teoria una ricerca attenta e accurata delle più innovative tecniche terapeutiche, la Seduzione di Narciso è uno strumento di fondamentale utilità clinica, rivolto a psicologi, psicoterapeuti, psichiatri ma anche a tutti coloro che intendono accostarsi a un fenomeno di innegabile valenza universale, in quanto componente ineliminabile nella costituzione di ogni singola individualità.

Arianna Nardulli, Psicologa Clinica, è Fondatrice e Responsabile del Centro Psiche a Milano, specializzato nella diagnosi e nel trattamento del disagio psichico contemporaneo. Laureata in Psicologia e in Filosofia, svolge attività clinica, psicosociale e di ricerca presso l’Unità di Psichiatria e Psicoterapia dell’Azienda Ospedaliera Niguarda, Milano.Ha istituito e dirige un day hospital per la cura dei disturbi alimentari.
In ambito aziendale, ha offerto la propria consulenza professionale in qualità di Responsabile Risorse Umane, Consulente marketing e comunicazione.


Gianni Montesarchio , Claudia Venuleo
Narrazione di un iter di gruppo. Intorno alla formazione in psicologia clinica
2006, Collana: Serie di psicologia, Pagine: 176
Prezzo: € 18,00
Editore: Franco Angeli

Questo volume vuole parlare agli psicoterapeuti; agli psicologi clinici; a chi, a diverso titolo, si occupa di gruppi; a quanti, giovani psicologi, si avvicinano alla formazione psicoterapeutca ed a quei maturi psicologi impegnati nel dibattito sulla formazione.
Prendendo spunto da un modello e sostenuti da una consolidata prassi, più che proporre tesi ed indicare un cammino formativo unico ed esauriente, ci impegniamo ad aprire un dibattito. Col conforto di tre prestigiosi discassant (Roberto De Inocencio; Massimo Grasso e Sergio Salvatore con Silvia Potì), vogliamo lanciare un ideale seminario, che possa uscire da queste pagine per aprirsi ai temi della formazione psicologica ai-per-con i gruppi.

Gianni Montesarchio è professore ordinario di Psicologia Dinamica all'Università "La Sapienza" di Roma e codirettore della "Iter", Scuola di Specializzazione in Psicoterapia di Gruppo.
Claudia Venuleo è docente a contratto alla Facoltà di Psicologia 1 dell'Università "La Sapienza" di Roma e docente "Iter", Scuola di Specializzazione in Psicoterapia di Gruppo.


Francesca Anna Maria Caruso
Panico collettivo. Mito popolare, teoria sociale, indagine empirica
2006, Collana: Laboratorio sociologico - Ricerca empirica ed intervento sociale, Pagine: 240
Prezzo: € 20,00
Editore: Franco Angeli

Il volume vuole essere un contributo alla comprensione del panico come fenomeno collettivo. Partendo dal presupposto che, da un punto di vista teoretico, la conoscenza delle condizioni e delle cause originative del fenomeno è necessaria al fine di offrire una struttura completa e metodica entro la quale capire e prevenire il comportamento della folla in preda al panico, l'autrice ha cercato di ricostruire, in una prospettiva storico-evolutiva, il dibattito teorico tra gli scienziati sociali attraverso la disamina dei concetti e dei paradigmi più significativi inerenti alla dimensione indagata.
La chiave interpretativa proposta isola, in un confronto tra ottiche polari, due approcci al tema: uno che enfatizza il carattere competitivo e socialmente disapprovato del fenomeno per cui gli astanti metterebbero in atto condotte egoprotettive sulla base di un calcolo razionale; l'altro che, riconoscendo l'influenza dei legami solidaristici, sostiene che l'ordine sociale non viene disintegrato nemmeno di fronte alla percezione di alto rischio di morte.
In questa cornice di referenza, ponendo il mito popolare e la teoria sociale in un confronto di verifica con i dati oggettivi, si offrono le coordinate fondamentali per delineare un quadro sistematico della problematica.

Francesca A. M. Caruso è docente di Sociologia del turismo alla Facoltà di Economia, di Sociologia delle organizzazioni turistiche alla Facoltà di Scienze della Formazione e di Sociologia dei processi culturali e comunicativi alla Facoltà di Farmacia presso l'Università di Catania. I suoi interessi di studio e la sua produzione scientifica si orientano prevalentemente nell'ambito dei comportamenti collettivi, il turismo e le comunicazioni di massa. Fra le sue recenti pubblicazioni ricordiamo: Il teatro come rappresentazione delle relazioni sociali (Bonanno, 1999); Turismo e Società (Bonanno 2004).


Luciano Pastore
Il fenomeno del mobbing. Aspetti psicologici e strumenti di ricerca-intervento
2006, Collana: Scienze e tecniche psico-sociali per il lavoro, l'impresa, le organizzazioni, Pagine: 208
Prezzo: € 22,00
Editore: Franco Angeli

Rispetto a un argomento sul quale il mondo scientifico si muove ancora con incertezza, l'autore propone in questo volume una definizione del mobbing, chiarendo alcuni criteri necessari per distinguerlo da situazioni di diversa connotazione e sottolineando i limiti metodologici con i quali la ricerca scientifica e l'attività clinica si devono confrontare.
Inoltre, attraverso una serie di osservazioni sulle dimensioni sia individuale che collettiva del comportamento umano, avanza una serie di riflessioni teoriche sulle ragioni che sottendono al verificarsi del fenomeno.
Infine, indaga alcuni aspetti più operativi: la funzione e l'organizzazione di un centro per il mobbing e il disagio lavorativo, il trattamento terapeutico dei casi clinici, la psicodiagnostica, uno specifico questionario di indagine, la ricerca.
Un libro che, pur prendendo spunto dall'esperienza psicologica del suo autore, si apre ad un'ottica multidisciplinare che non ne preclude la lettura a professionisti e operatori di aree diverse. Anzi, questi ultimi possono trovare nel testo l'occasione per approfondire utilmente gli aspetti psicologici del mobbing e per conoscere le possibili modalità di intervento sul piano clinico.

Luciano Pastore, psicologo e psicoterapeuta, si è formato presso l'Associazione Italiana per lo studio della Psicologia Analitica (AIPA). È responsabile dell'Unità Operativa di Psicosomatica e del Centro Clinico per il Mobbing e il Disagio Lavorativo della ASL RM E. È docente di Psicologia Clinica nel Corso di Laurea di Psicologia dell'Educazione presso l'Università Pontificia Salesiana di Roma. Insegna presso le scuole di formazione alla psicoterapia I.T.E.R. e S.I.P.S.I. È autore di numerose pubblicazioni nel campo del mobbing, della psicosomatica e della psicologia ospedaliera.


Sue Gerhardt
Perché si devono amare i bambini
2006, Collana: Le conchiglie, pagine: 234
Prezzo: € 19,80
Editore: Raffaello Cortina

Sue Gerhardt spiega perché l’amore è essenziale per lo sviluppo cerebrale nei primi anni di vita e in che modo le interazioni precoci tra genitori e figli hanno conseguenze importanti e permanenti.
Il volume espone, in modo brillante e accessibile, le più recenti scoperte delle neuroscienze, della psicologia e della psicoanalisi ed è una lettura preziosa per i genitori ma anche per chi si occupa di salute mentale e di educazione.

Sue Gerhardt è una psicoanalista che esercita privatamente. È stata co-fondatrice dell’Oxford Parent Infant Project, un’istituzione benefica pionieristica che fornisce aiuto psicoterapeutico a genitori e figli.


Enrico Micheli Marilena Zacchini
Anch'io gioco. Come costruire giochi interessanti per i bambini autistici
2006, Pagine: 120
Prezzo: € 16,00
Editore: Vannini

Questo libro tratta di gioco, giocattoli e autismo e nasce dalle esperienze degli autori, nel loro contatto con i colleghi con i quali hanno lavorato o con gli allievi ai quali hanno insegnato, e dalle esigenze dei genitori dei bambini che seguivano che sempre più frequentemente chiedevano: “Cosa possiamo fare per farlo giocare? Per fargli passare il tempo in modi che non lo portino all’isolamento, alla stereotipia?”. Questo libro vuole essere una risposta a questa sentita esigenza. È composto da una breve parte teorica introduttiva e da 43 schede con la descrizione e la guida alla fabbricazione di altrettanti giochi con materiale di recupero o comunque comune e di poco prezzo. Forse stupirà la semplicità dei materiali descritti, eppure sono proprio i semplici materiali utilizzati e gli spettacoli creati dal movimento, dal suono, dalla possibilità di ripetere molte volte quel gesto per ottenere l’effetto previsto che rendono piacevoli e accattivanti i giochi.


Brezsny, Rob
La pronoia. È l'antidoto alla paranoia. 888 metodi per diventare selvaggiamente felici
2006, Collana: Di tutto di più, pagine: 368
Prezzo: € 17,50
Editore: Rizzoli

Pensate che la vita sia fondamentalmente una lotta spietata in cui vale la regola del più forte, che la nostra società sia in decadenza, che i fili del nostro destino siano manovrati da poteri occulti su cui non abbiamo alcun controllo? Siete in errore, dice Rob Brezsny. Se proprio si vuole sposare una teoria cospirazionista, perché non immaginare una trama alle nostre spalle per farci del bene? Brezsny ci conduce alla scoperta di un universo che, a saperlo prendere, si rivela amichevole e accogliente. Disponendosi con mente aperta a cercare il lato sorprendente e poetico delle cose, ad accogliere i doni straordinari che la vita quotidiana può offrire, si può davvero diventare più leggeri, più gioiosamente creativi, ma anche più lucidi e consapevoli, meglio preparati per reagire al continuo bombardamento di cattive notizie e messaggi ansiogeni da parte dei media. Con irresistibile ironia, Brezsny dimostra che tutto sommato il pessimismo e il cinismo imperanti sono armi spuntate per affrontare la realtà, e ci offre ben 888 metodi per diventare ragionevolmente ottimisti e selvaggiamente felici. I suoi provocatori insegnamenti sono accompagnati da citazioni letterarie, esercizi ed esperimenti pratici, simboli e figure enigmatiche, incursioni funamboliche in una sorta di esoterismo pop che mescola Qabbalah, filosofia zen e astrologia. Il tutto arricchito da un almanacco di "buone notizie" singolari, bizzarre, stimolanti. Questo libro è un compendio della filosofia visionaria di Brezsny, celebre per il suo oroscopo letterario colto e surreale, ma anche un prontuario terapeutico-psichedelico. Anche il lettore più scettico e razionale vi troverà prospettive inedite e spunti di riflessione utili o, quanto meno, si divertirà grazie allo spirito caustico e alla scrittura elegante del suo autore.

Rob Brezsny, musicista e scrittore, è l'autore di un oroscopo letterario che compare su oltre 100 pubblicazioni in tutto il mondo (tra cui "The Village Voice" negli Stati Uniti e "Internazionale" in Italia). Ha fondato il Beauty and Truth Laboratory, il Laboratorio per la bellezza e la verità, che lui definisce "una tribù di fanatici della speranza, un ricettacolo di amorevoli geni e virtuosi nell'arte di evocare la felicità". Vive in California con la moglie Ro Loughran, psicoterapeuta e astrologa, e la figlia Zoe.


Goleman, Daniel
Intelligenza sociale
2006, Pagine: 420
Prezzo: € 19,00
Editore: Rizzoli

Il libro Dal matrimonio ai rapporti di lavoro, dalle dinamiche di gruppo all'era dell'iPod, un saggio rivoluzionario sulle relazioni interpersonali che plasmano la nostra mente.
A metà degli anni Novanta, Doniel Goleman ha radicalmente innovato il panorama della psicologia con il rivoluzionario bestseller Intelligenza emotiva, svelandoci i segreti delle nostre emozioni e mostrando le enormi potenzialità del cervello umano.
A dieci anni di distanza, lo psicologo americano compie un ulteriore passo avanti e, sulla scorta delle scoperte di una nuova disciplina - le "neuro-scienze sociali"-, indaga sulla naturo intrinsecamente socievole del cervello umano, e su come le relazioni interpersonali plasmano la nostra mente e influiscono sul nostro corpo. E proprio qui entra in gioco I'Intelligenza sociale. Unendo al rigore scientifico una messe di esempi concreti, tratti dalla vita quotidiana a scuola e in ufficio e persino dalle esperienze dei militari americani in Iraq, Goleman ci mostra che le emozioni sono contagiose come virus, proprio perché la nostra mente è predisposto all'interazione. Scopriamo così la sorprendente accuratezza delle prime impressioni, le complesse dinamiche dell'attrazione erotica, ma anche i processi mentali inconsci attraverso i quali capiamo che il nostro interlocutore ci sta mentendo.
Gli esseri umani sono naturalmente portati all'empatia, alla cooperazione e all'altruismo. Si tratta allora di sviluppare al massimo queste capacità innate in ciascuno di noi, "allenando" la nostra intelligenza sociale e ricercando attivamente il dialogo con l'altro: soprattutto oggi, in un'epoca in cui la diffusione massiccia delle nuove tecnologie ci costringe a relazioni a distanza, chiudendoci in un vero e proprio "autismo sociale". Potenziare al massimo questo tipo di intelligenza significa vivere con pienezza le relazioni d'amore, educare i nostri figli alla felicità, diventare leader e insegnanti capaci di stimolare la creatività e le risorse nascoste di ognuno.

Daniel Goleman già professore di psicologia a Harvard, è autore di Intelligenza emotiva (1996), che ha venduto oltre cinque milioni di copie in tutto il mondo. Presso Rizzoli ha pubblicato anche Menzogna, autoinganno, illusione (1998), La forza della meditazione (2000), Lo spirito creativo (2001, con Paul Kaufman e Michael Ray) e Essere leader (2002, con Richard E. Boyatzis e Annie McKee), tutti bestseller internazionali.


Lavanco Gioacchino, Milio Anna
Psicologia della dipendenza dal lavoro. «Work addiction» e «workaholics»
2006, Collana: Psiche e coscienza, Pagine: 222
Prezzo: € 18.00
Editore: Astrolabio Ubaldini

Nel panorama delle dipendenze patologiche, crescente attenzione ricevono oggi quelle che sono denominate nuove dipendenze, in cui il comportamento abusante non costituisce un'attività illegale. La dipendenza dal lavoro risulta una delle più attuali e pericolose dipendenze individuate: quella che ha per oggetto un'attività che è parte integrante del normale svolgimento della vita quotidiana di una persona. Piuttosto che un'attività, il lavoro diventa uno stato d'animo, una via di fuga che libera la persona dall'esperire emozioni, responsabilità, intimità nei confronti degli altri. Con questo volume gli autori si propongono di indagare un fenomeno ancora poco conosciuto, che si presenta complesso e ambivalente. A partire dalla definizione terminologica, si procede verso un inquadramento teorico della dipendenza dal lavoro e verso l'individuazione delle sue caratteristiche, della sua evoluzione e dei suoi effetti sull'individuo e sulle sue relazioni. Viene delineata quindi la figura del "workaholic", e ne vengono presentate le principali tipologie. Non vengono analizzate solo le componenti individuali, ma il contesto più ampio in cui il soggetto è inserito: la famiglia e l'ambiente professionale in cui il workaholic vive. Viene infine affrontata la questione dell'intervento su questa nuova forma di dipendenza patologica: dal trattamento individuale all'individuazione di tecniche e strategie a livello preventivo.

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Credo che al mio ragazzo inte…

Flavia, 23     Salve, sono una ragazza di 23 anni. Per cinque mesi sono stata con un ragazzo che ho lasciato nei giorni scorsi. ...

Depressione a causa di una rag…

Pasq, 25     Sono un ragazzo di 25 anni, 1 anno fa conobbi una ragazza, e subito abbiamo stretto amicizia e siamo diventati molto amici. ...

dipendenza da chat (1511886186…

Mau, 38     Buongiorno, sono un ragazzo gay, ho 38 anni ed ho una relazione da 4 anni con il mio compagno; l' unico se possiamo dire "neo" che c...

Area Professionale

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Le parole della Psicologia

Maternage

In psicologia, il maternage è il complesso di atteggiamenti ed azioni implicati nel rapporto madre-figlio, soprattutto nei primissimi anni, che possono essere i...

Erotomania

In psichiatria è un tipo di disturbo delirante in cui il paziente ha la convinzione infondata e ossessiva che un'altra persona provi sentimenti amorosi nei suoi...

Bossing

Il bossing o job-bossing è definibile come una forma di mobbing "dall'alto" ossia attuato non da colleghi di lavoro (o compagni di scuola, di squadra s...

News Letters