Pubblicità

PSICOLOGIA NEWS n.288 - 4.1.2007

0
condivisioni

on . Postato in News libri e riviste | Letto 284 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

SPECIALE EDIZIONI SPIRALI

  • Il mito della malattia mentale
  • L’amore da transfert
  • Creazione e schizofrenia
  • Rompere gli incantesimi. Una raccolta per gli affascinati dalla psicanalisi
  • La salute perfetta. Critica di una nuova utopia

Thomas Szasz
Il mito della malattia mentale
2003, Collana Cifrematica, psicanalisi, psichiatria, Pagine 391
Prezzo: € 30.00
Editore: Spirali

Il mito della malattia mentale è un libro sconvolgente e rivoluzionario. Analizza e smonta le impalcature ideologiche e disciplinari della psichiatria e di ogni psicoterapia. Nonostante le istituzioni sacramentali e profane e gli apparati medicolegali abbiano fatto di tutto per metterlo all'indice, questo libro ha riscosso un successo mondiale, con un'incidenza enorme sulla cultura, sull'arte, sulla scienza, sulla filosofia. Questa è la traduzione dell'ultima versione redatta dall'Autore. Un libro da tempo sparito dalle librerie e tanto atteso dai lettori, non soltanto dagli addetti ai lavori.

Thomas Szasz, nato a Budapest e trasferitosi, poi, negli USA, si è laureato in fisica e in medicina, si è specializzato in psichiatria e ha compiuto un training psicanalitico. Dal 1956, è professore di psichiatria alla Syracuse University. Collabora alle principali riviste del settore ed è membro elle associazioni americane di psicanalisi e di psichiatria. Fra i libri pubblicati in Italia: Il mito della malattia mentale; Disumanizzazione dell’uomo. Ideologia e psichiatria; Il mito della droga. La persecuzione rituale delle droghe, dei drogati e degli spacciatori.


Octave Mannoni
L’amore da transfert
1987, Collana Cifrematica, psicanalisi, psichiatria, Pagine 120
Prezzo: € 12.91
Editore: Spirali

“L’amore da transfert è transfert”, “L’amore da transfert è l'amore; ma a sproposito": fra questi due enunciati corre la tessitura del libro che ritrova la psicanalisi nella sua specificità, agli antipodi della medicina e della psichiatria. Il maggiore pericolo che possa minacciare la psicanalisi sarebbe quello di sostituire il suo potere al potere della medicina, che essa ha così giustamente criticato. La regola cardinale che deve guidare lo psicanalista sia nel lavoro clinico (il transfert deve volgere a vantaggio della psicanalisi e non dello psicanalista) sia nella valutazione della teoria è questa: la psicanalisi non è una scienza positiva, e non può essere sottoposta ai criteri dell’interpretazione, del commento, della spiegazione.

Personaggio leggendario, Octave Mannoni (1900-1989), è stato uno dei maggiori psicanalisti in Francia. Dopo gli studi di filosofia, ha trascorso molti anni in Madagascar. Ha praticato la psicanalisi dopo essersi dedicato per anni alla filosofia, alla letteratura, all'etnologia, alla poesia e, inizialmente, alla botanica. Come psicanalista si è formato con Lacan. In collaborazione con Maud Mannoni, si è occupato dell'analisi del "discorso psicotico" nei bambini.


Jean Oury
Creazione e schizofrenia
1992, Collana Cifrematica, psicanalisi, psichiatria, Pagine 233
Prezzo: € 12.91
Editore: Spirali

Una malata schizofrenica, con un delirio mistico, passava il tempo a raccattare vecchi stracci, pezzi di lana, pezzi di filo. Era molto importante, per lei, raccogliere le cianfrusaglie del mondo per costruire qualcosa. E su quei vecchi stracci completamente usati passava un po’ di matita colorata… Eppure, era un’opera. Aveva attirato l’attenzione di alcuni visitatori che si sono detti: “Povera donna, raccoglie questi rifiuti! Facilitiamole il lavoro”. E le hanno comperato stoffa e filo in rocchetti già confezionati. Non ha più fatto opere… Jean Oury ci accompagna dove qualcosa di assolutamente imprevedibile accade: un’opera. Artaud, Cézanne, Klee, Braque, Picasso, Giacometti, Van Gogh, ma anche personaggi come For…, Aimable Jayet, il signor T., Paulette, Arn…, Wölfli con le loro storie straordinarie.

Jean Oury, psicanalista dell'Ecole Freudienne de Paris, è il fondatore della scuola di psicoterapia istituzionale e dirige la clinica di La Borde a Court Cheverny, in cui avviene il confronto più interessante e efficace tra la clinica psicanalitica e i problemi posti dalla pratica quotidiana in un collettivo psichiatrico. Di Jean Oury sono usciti in Italia Psichiatria e psicoterapia istituzionale (Marsilio) e, con Spirali, Babele e Pentecoste. La scrittura della psicosi; Creazione e schizofrenia; La psicosi e il tempo, Psicosi e logica istituzionale. “Il collettivo”.


Serge Leclaire
Rompere gli incantesimi. Una raccolta per gli affascinati dalla psicanalisi
1983, Collana Cifrematica, psicanalisi, psichiatria, Pagine 212
Prezzo: € 12.91
Editore: Spirali

Lungo l'evocazione di un percorso di trent'anni nel campo della psicanalisi si fa strada una domanda, sempre la stessa: Come realizzare, "davvero", l'altro sguardo che la psicanalisi ci propone?
Studi clinici, lavori teorici, testi polemici si dispongono intorno a due temi: l'idolo narcisistico e la passione incestuosa. Di questi temi la psicanalisi pone in rilievo le istanze: l'altro, inquietante, il reale, ribelle, le parole, tuttofare, infine l'immaginario, in cui ciascuno crede di riconoscersi in un inesauribile gioco di specchi.Mortale incanto di parole vuote e di un reale astratto che danno un mondo senza altro. Lo psicanalista deve smontarne i congegni; ma è paradosso della sua situazione oggi il compiacervisi e magari il raffinarne il dispositivo. Questione di psicanalisi ma anche questione di società: in tutti i luoghi in cui regnano questi mortali incanti valga ormai lavorare a spezzarli.

Serge Leclaire, psicanalista, ha lavorato con Jacques Lacan dal 1949, condividendone l'attività didattica, formativa e associativa all'interno dell'École Freudienne. Presidente della Société Française de Psychanalyse e docente all'École Normale Supérieure ha fondato nel 1968 il dipartimento di psicanalisi presso l'Università di Parigi VIII.
Ha pubblicato numerosissimi saggi, di cui alcuni sono stati tradotti in Italia. Fra questi, Psicanalizzare, Saggio sull'ordine dell'inconscio e la pratica della lettera (Astrolabio, 1972), Smascherare il reale (Astrolabio, 1973), Si uccide un bambino (1976).


Lucien Sfez
La salute perfetta. Critica di una nuova utopia
1999, Collana Cifrematica, psicanalisi, psichiatria, Pagine 486
Prezzo: € 20.66
Editore: Spirali

Attraverso le differenti concezioni del corpo e della natura proprie dell’Europa, del Giappone e degli Stati Uniti, Lucien Sfez illustra quale orizzonte si apre all’umanità del Duemila: la salute perfetta. Ma questa, anziché coronare il sogno più ambizioso dell’uomo, sembra porsi come un mero obbligo per ognuno, nel teatro di una medicina “predittiva”, che pretende di dirci, prima ancora della nascita, come saremo e cosa dovremo diventare. L’ideologia della “salute perfetta”, come purificazione generale dell’uomo e del pianeta, si presenta con tutti i caratteri dell’utopia e, come tale, l’Autore l’analizza, inquadrandola in un discorso scientifico-culturale di grande interesse.

Lucien Sfez è docente all’Università Parigi I (Pantheon-Sorbona), dove dirige il dottorato Comunicazione, tecnologie e potere. È autore di molte opere, tra cui Critique de la décision, La politique symbolique e Critique de la communication (Critica della comunicazione, Hopeful Monster, Firenze 1995), che hanno contribuito al rinnovamento della scienza politica.

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Soffro di depressione (1546116…

jessica, 22     Ciao mi chiamo Jessica e ho 22 anni, è la prima volta che mi rivolgo a qualcuno. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Narcisismo

La parola "narcisismo" proviene dal mito greco di Narciso. Secondo il mito Narciso era un bel giovane che rifiutò l'amore della ninfa Eco. Come punizione, fu d...

Gruppi self-help

Strutture di piccolo gruppo, a base volontaria, finalizzate all’aiuto reciproco e al raggiungimento di scopi particolari I gruppi di self-help (definiti anche ...

MECCANISMI DI DIFESA

Quando parliamo di meccanismi di difesa facciamo riferimento ad un termine psicoanalitico che individua i processi dinamici e inconsci mossi dall’Io per fronteg...

News Letters

0
condivisioni