Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

PSICOLOGIA NEWS n.302 - 12.4.2007

on . Postato in News libri e riviste | Letto 191 volte

  • Sognavo di essere Freud (mi sono svegliata Willy il Coyote)
    Diario tragicomico di una psicologa nell'era del precariato
  • Trattamenti integrati per disturbi d'ansia. La cura del Sé ferito
  • Conversazioni difficili. Come uscire da situazioni delicate senza rovinare le vostre relazioni
  • Il bambino abbandonato. Guida al trattamento dei disturbi dell’attaccamento
  • Elementi di neuroscienze cognitive
  • Dalla nascita ai sei anni. Impariamo a fare i genitori
  • Luoghi di attaccamento. Identità ambientale, processi affettivi e memoria
  • Attivare la risorsa famiglia. Strumenti per conoscersi, comunicare e aiutarsi

Aisha Proxima
Sognavo di essere Freud (mi sono svegliata Willy il Coyote)
Diario tragicomico di una psicologa nell'era del precariato

2007, Collana: Punti di Vista, pagine 96
Prezzo: € 9.00
Editore: Psiconline

<<CIAO, MI CHIAMO AISHA, HO 32 ANNI E ANCHE IO SONO PSICOLOGA...>>
A volte penso che bisognerebbe proprio inventarli... i gruppi per gli “psicologisti” anonimi intendo, in cui ognuno possa confessare il suo imperdonabile peccato di gioventù, che l’ha portato ad iscriversi a quel famigerato corso di laurea in Psicologia che gli prometteva di realizzare il sogno di fare qualcosa per gli altri...
Anche tu ce li hai i tuoi bei sogni da realizzare, vero? Tanti progetti ancora confusi o magari già ben delineati della tua mente... vorresti fare la psicoterapeuta in uno studio accogliente, o lavorare con i bambini a scuola, oppure ti piacerebbe fare selezione del personale o magari la psicologa dello sport?
Sono belli i sogni, sai, sono quelli che ti danno l’energia per cominciare, per fare il primo passo...
Ma nessuno ti ha davvero detto quello che succede dopo, vero?
E non parlo del problema delle pensioni sai (non apriamo questa porta!), né del mondo del precariato e della disoccupazione giovanile, parlo di quello che ti succede veramente, quando improvvisamente ti accorgi che sei laureata, ti guardi intorno e scopri di essere circondata da migliaia di altre ragazze e ragazzi che, con gli occhi sgranati come te, si chiedono:
E ADESSO?
Ed è per questo che ho scelto di raccontarti la mia storia, che non è solo mia, ma di tante persone come me e te, che si sono trovate in mezzo a questa avventura e si sono accorte troppo tardi dell’impresa in cui si erano messe in ballo... e adesso che fare?
Ora non ti resta altro che girare pagina.... e cominciare a ballare!

Aisha Proxima è uno pseudonimo collettivo nato intorno ad un originale progetto editoriale.
Aisha è costruita come un poliedro dalle molte facce intersecate tra loro, ed ogni sua parte corrisponde ad un pezzo di anima della professione di psicologo, o meglio ne rappresenta le nuove e nuovissime generazioni, da poco laureate o da poco specializzate.
Tutto ciò che è riportato in questo libro è assolutamente vero, seppure appaia inverosimile, ed è stato inserito all’interno di un racconto, costruito a partire dalle avventure e disavventure di vita professionale di otto colleghi tra i 27 ed i 35 anni.
Ma chi in queste pagine voglia cercare pruriginose curiosità sui pazienti e le loro stranezze, viste dagli occhi di imberbi psicologi alle prime armi, ha proprio sbagliato indirizzo.
No, non si tratta assolutamente di questo.
Qui si parla della condizione degli psicologi nell’attuale panorama italiano, raccontato dalla viva voce di un gruppo “significativo” di essi.
“Significativo” perché chiamati a raccolta da analoghe esperienze e da lucide e disincantate visioni del panorama professionale, ma soprattutto dalla volontà di prendere parola, unita al coraggio di raccontarsi per condividere tutto questo.
Non è neppure un ennesimo libro di denuncia, perlomeno non nel senso tradizionale del termine.
Chi legge questo libro potrà certamente costruirsi, immergendosi nel vivo delle esperienze qui raccontate, una propria idea ed immagine della reale condizione dei giovani professionisti alle prime armi, e prendere atto del fatto che, senza giri di parole, la gran parte di loro, indipendentemente dalla loro capacità, versano in gravissime condizioni con pesanti ripercussioni anche personali.
E mentre le nuove generazioni di psicologi sono nella peggiore situazione possibile per poter operare come meriterebbero, paradossalmente, l’esigenza di psicologia aumenta a dismisura nella nostra società senza che questo diventi ancora una cosciente domanda, trovando l’intera comunità professionale del tutto spiazzata ed incapace di corrispondervi, ripiegata nel conservare privilegi e piccoli fortini ideologici.


Barry E. Wolfe
Trattamenti integrati per disturbi d'ansia. La cura del Sé ferito
2007, Collana: Strumenti, Pagine: 304
Prezzo: € 25,00
Editore: Sovera

L'integrazione di principi scientifici nella clinica dei trattamenti dei disturbi d'ansia, contribuiscono ad una visione innovativa del fenomeno. Aspetti pluralistici del Sé intrapsichico, interpersonale, biologico e culturale, consentono un approccio plurimo alla complessità dei sintomi spiacevoli di origine ansiogena.

Barry E. Wolfe. È Presidente del Centro per la Formazione in psicoterapia integrata. È stato professore di psicologia clinica presso l'American School of Professional Psychology a Washington D.C.
Inoltre ha svolto ricerdhe sull'efficacia delle psicoterapie presso il NIMH National Institute of Mental Health. Esercita l'attività privata ed è specializzato nei disturbi d'ansia e dell'umore. Ha al suo attivo oltre 50 pubblicazioni.


Anne Dickson
Conversazioni difficili. Come uscire da situazioni delicate senza rovinare le vostre relazioni
2007, Collana: Le Navi, Pagine: 224
Prezzo: € 14,00
Editore: Castelvecchi

Conversazioni difficili è un vero manuale di sopravvivenza nella difficile arte del dialogo. Nella nostra vita sono poche le conversazioni tranquille e non stressanti. E quando un argomento ci risulta per qualche motivo difficile da affrontare, ci sottoponiamo a delle tensioni: abbiamo paura di fare brutte figure che comprometteranno la nostra carriera, o di risultare antipatici, stupidi o banali. Spesso i medici sono incapaci di informare i loro pazienti (e i parenti), riguardo a un caso grave o terminale, i manager fanno delle osservazioni sul rendimento degli impiegati con i diretti interessati, senza rendersi conto dell’effetto delle proprie parole: denigrante, persino devastante. A livello personale, non sappiamo come mettere in discussione un comportamento che ci fa stare male in modo che l’altra persona ci ascolti. Le cose spesso vanno di male in peggio: vengono dette cose spiacevoli e nascono incomprensioni e divisioni che durano per giorni o settimane, causando a volte rotture irreparabili nelle relazioni. C’è poco da meravigliarsi, quindi, se abbiamo paura del confronto. E paura è di solito la parola che associamo a un incontro che può degenerare in conflitto. Questo libro ci indica invece che è proprio confrontandoci serenamente che ritroveremo capacità di dialogo e di crescita, a casa, in amore e nel lavoro.

Anne Dickson (Brighton, 1946) è psicologa e scrittrice con un’esperienza pluriennale nell’insegnamento delle tecniche di comunicazione e di gestione delle emozioni. Ha scritto diversi libri, tra cui: A Voice for Now (Piatkus Book, 2003), Women at Work (Kogan Page, 2000), Mirror Within (Quartet Books, 1985) e il bestseller Woman in Your Own Right (Quartet Books, 1982) tradotto in varie lingue.


Niels Peter Rygaard
Il bambino abbandonato. Guida al trattamento dei disturbi dell’attaccamento
2007, pagine: 225
Prezzo: € 19,00
Editore: Giovanni Fioriti

Le capacità sociali ed emotive di un bambino si costruiscono sin dai primi anni dell’attaccamento.
Tuttavia per il 3-5% di alcuni bambini questo processo è disturbato da carenze precoci, assenza di cure, genitori che soffrono di patologie psichiatriche.
I problemi dei giovani che soffrono di disturbi gravi dell’attaccamento sono numerosi: assenza di adattamento sociale, relazioni brevi e superficiali, comportamenti aggressivi, violenti e criminali, maltrattamenti verso gli altri, litigi che turbano la vita familiare.
Niels Peter Rygaard, autore di questa guida alla terapia, lavora da 25 anni con giovani che soffrono di disturbi gravi dell’attaccamento, così come con le loro famiglie. Egli esamina lo sviluppo del bambino – dal suo concepimento all’adolescenza – sia sul piano teorico che su quello pratico. Propone liste di sintomi per i differenti stadi di sviluppo, profili testologici comprensibili e consigli utili alla pianificazione del trattamento.

Niels Peter Rygaard. È psicologo, specializzato nel trattamento dei disturbi dell’attaccamento; lavora in Danimarca da numerosi anni con i bambini affetti da disturbi dell’attaccamento e le loro famiglie, oltre che con famiglie adottive.
Le sue attuali ricerche sono finalizzate alla pianificazione di programmi educativi e di trattamenti da realizzare con il personale incaricato della sistemazione dei giovani in un ambiente stabile.


Anna Berti, Gabriella Bottini, Marco Neppi-Modona
Elementi di neuroscienze cognitive
2007, pagine: 224
Prezzo: € 18,50
Editore: Carocci

Negli ultimi anni le neuroscienze cognitive hanno avuto un incredibile sviluppo in ambito sperimentale e un inatteso successo mediatico, destando un vivo interesse per la materia anche in un pubblico non specialista del settore: il libro nasce, quindi, dalla necessità di offrire – sia a studenti universitari di varia provenienza (medicina, psicologia, filosofia della mente) sia al lettore non esperto – uno sguardo su questa disciplina che studia le basi neurali delle funzioni cerebrali superiori. Il primo capitolo presenta una sintesi sulla struttura macroscopica e sulle caratteristiche funzionali del sistema nervoso umano. Nel secondo capitolo vengono discusse due tra le più recenti tecniche di indagine, la risonanza magnetica funzionale e la stimolazione magnetica transcranica, che hanno contribuito alla scoperta e alla definizione di alcune importanti prerogative del sistema cognitivo. I capitoli seguenti sono, invece, dedicati alla trattazione di argomenti particolari riguardanti la percezione e la rappresentazione dello spazio, l’organizzazione dei sistemi motori e l’approccio neuropsicologico allo studio dei processi coscienti.

Anna Berti. È docente di materie neuropsicologiche e psicofisiologiche presso la facoltà di Psicologia dell’Università di Torino.
Gabriella Bottini. È docente di Psicologia fisiologica, Neuropsicologia e Neuropsicologia clinica presso il dipartimento di Psicologia dell’Università degli Studi di Pavia.
Marco Neppi - Modona. È docente di Neuropsicologia e Neuropsicologia sperimentale presso la facoltà di Psicologia dell’Università di Torino.


Susan Isaacs
Dalla nascita ai sei anni. Impariamo a fare i genitori
2007, Collana: Psicologia, Pagine: 128
Prezzo: € 9,50
Editore: Giunti

Un classico della storia della psicologia infantile. Un testo fondamentale ancora straordinariamente moderno che guida il lettore verso la consapevolezza di quanto siano importanti, per uno sviluppo armonico della personalità e del corpo del bambino, gli stimoli provenienti dall'esterno e la corretta educazione della sua spontaneità espressiva: alcuni comportamenti e atteggiamenti devono essere coltivati e non soffocati, altri vanno opportunamente corretti o diversamente incanalati.


Giani Gallino Tilde
Luoghi di attaccamento. Identità ambientale, processi affettivi e memoria
2007, Collana: Psicologia, Pagine: 334
Prezzo: € 23,00
Editore: Raffaello Cortina

Esistono luoghi in cui ci sentiamo protetti, altri che ci incutono paura ed è innegabile che la casa in cui abbiamo vissuto l’infanzia sia legata per tutti a una forte emozione.
Questo è il primo libro in cui si analizzano il fascino, la nostalgia ma anche le emozioni sgradevoli che i luoghi suscitano in noi, documentati con interviste effettuate in Italia e all’estero e allargando l’indagine fino a comprendere i luoghi dell’immaginario, quelli descritti in alcuni dei romanzi più celebri o dei quadri più famosi.

Tilde Giani Gallino insegna Psicologia dello sviluppo all’Università di Torino. Nelle nostre edizioni ha pubblicato “Quando ho imparato ad andare in bicicletta” (2004).


Gianluca Daffi
Attivare la risorsa famiglia. Strumenti per conoscersi, comunicare e aiutarsi

2007, pagine: 202
Prezzo: € 19,00
Editore: Erickson

Obiettivo principale del presente libro è quello di aiutare gli insegnanti della scuola primaria a coinvolgere i genitori, stimolando una loro maggiore partecipazione e riducendo la cattiva prassi di completa delega al docente. Contemporaneamente, si favorisce da parte dei genitori una presa di coscienza rispetto al percorso formativo dei figli e dei risultati raggiunti. Come spesso accade, infatti, mamma e papà non hanno sufficienti informazioni per capire in base a cosa la maestra affermi che il figlio ha difficoltà o non sa fare qualcosa. Accrescendo la condivisione e l’attenzione si potrà beneficiare di una migliore consapevolezza e solidarietà.
Il volume coinvolge secondo diverse esigenze e prospettive la famiglia nella vita scolastica, in vari momenti dell’anno. Suoi punti di forza sono la flessibilità e la semplicità d’uso degli strumenti e la possibilità di integrarli in attività abitualmente svolte dagli insegnanti.
Vengono proposte 90 schede operative, suddivise in tre aree — informazioni di base, percorso formativo, competenze sviluppate — che attivano la famiglia rendendola risorsa dinamica all’interno della scuola e responsabilizzandola rispetto al percorso formativo dell’alunno.

Gianluca Daffi. Psicologo, conduce numerosi corsi di formazioni per genitori e insegnanti in scuole di diverso ordine e grado. Collabora con lo SPAEE, Servizio di Psicologia dell’Apprendimento in Età Educativa dell’Università Cattolica di Milano.

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobia di non riuscire a tratte…

Marco989898, 14     Il mio problema è che ho la continua ossessione di andare in bagno e anche se all'inizio sembrerà  una cosa stupida, son...

E' realmente un problema? (151…

Flick, 27     Buongiorno, sono una donna di 27 anni e da quando ne ho compiuti più o meno 19, nei momenti di maggiore stress sento un forte impul...

Credo di essere depressa, mi a…

Psiche, 33     Salve, vi scrivo perchè da un pò di tempo (non so neanche io precisamente quanto) ho dei sintomi che mi fanno presagire qualcosa d...

Area Professionale

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

La Certificazione Psicologica:…

Nella pratica clinica è possibile trovarsi di fronte ad una specifica richiesta, da parte del paziente/cliente, di una Certificazione che attesti, sia dal punto...

Le parole della Psicologia

Depressione post-partum (depre…

La depressione post-partum è un disturbo dell’umore che ha inizio entro le prime quattro settimane successive al parto. Se nella maggior parte dei casi la gest...

Imago

Termine, introdotto da Jung, che designa il prototipo inconscio elaborato a partire dalle prime relazioni intersoggettive, reali o fantasmatiche, con cui il sog...

Agrafia

Il termine Agrafia deriva dal greco a-grapho (non-scrivo), indica la perdita parziale (paragrafia) o totale della capacità di scrivere, che insieme a quella d...

News Letters