Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

PSICOLOGIA NEWS n.363 - 3.7.2008

on . Postato in News libri e riviste | Letto 214 volte

  • Costruire mappe per rappresentare e organizzare il proprio pensiero. Strumenti fondamentali per professionisti, docenti e studenti
  • La psicologia a tavola
  • La psicologia della dieta
  • Il complesso fraterno. Studio psicoanalitico
  • L'intima stanza. Teoria e tecnica del campo analitico
  • Contributi della psicoanalisi allo studio del gruppo
  • Passaggi segreti. Teoria e tecnica della relazione interpsichica

Alberto Scocco
Costruire mappe per rappresentare e organizzare il proprio pensiero. Strumenti fondamentali per professionisti, docenti e studenti
2008, Collana: Trend
Pagine: 184
Prezzo: € 17,00
Editore: Franco Angeli

Come supportare alcune tra le principali facoltà mentali, quali la percezione visuale, la memoria e lo sviluppo del pensiero, facendo ricorso a strumenti grafici. Il testo propone tre tipologie di mappe (concettuali di Novak; mentali di Buzan; le solution map), illustrandone le linee guida generali, avanzando dei suggerimenti operativi e indicando particolari situazioni come esempi d’uso.

"Avete mai pensato di fare una mappa del vostro pensiero?".
Costruire una mappa mentale significa rappresentare graficamente concetti e idee. Significa quindi riconoscere la struttura e l'organizzazione del proprio pensiero, studiare i fattori caratterizzanti e i collegamenti, valutare l'estensione e la possibilità di ulteriori sviluppi, avvicinare i dettagli oppure cogliere la visione d'insieme. Ogni mappa, quindi, porta con sé almeno due vantaggi:
- da un lato è un potente strumento di descrizione
- dall'altro consente di affinare i propri processi di astrazione mentale: aiuta infatti a formulare idee, a elaborare strategie, a valutare ipotesi, a pianificare attività e a dirigere le risorse verso i risultati desiderati.
In questa ottica, nella prima parte del volume l'autore mostra come si possano supportare alcune tra le principali facoltà mentali, quali la percezione visuale, la memoria e lo sviluppo del pensiero facendo ricorso a strumenti grafici.
Alla luce di queste considerazioni, nella seconda descrive in dettaglio le mappe concettuali di Novak, le mappe mentali di Buzan e propone una nuova tipologia denominata solution map per coniugare gli aspetti positivi di entrambe con l'uso di stumenti informatici. Di ciascuna tecnica vengono fornite le linee guida generali, avanzando dei suggerimenti operativi e indicando particolari situazioni che rappresentano dei validi esempi d'uso.
Imparare a costruire mappe significative è dunque fondamentale per lo studente che vuole visualizzare e quindi apprendere con più facilità la materia su cui si sta impegnando. Ma è forse ancora più utile per chi opera nel project/ knowledge/ change/process management, nel decision making/taking, nella formazione, nella comunicazione, nel team building: situazioni nelle quali il momento creativo deve essere ben raccordato con quello operativo.

Alberto Scocco, oltre ad aver svolto attività didattiche in vari atenei italiani,dal 2000 è docente presso l'Universitàdi Macerata, dove insegna Sistemi di Elaborazione delle Informazioni.È stato responsabile delle etodologie presso Scatole Pensanti, svolgendo attività di consulenza, formazione e divulgazione specialmente sul tema delle mappe. Attualmente è consulente senior e formatore in ambiti quali la gestione dei progetti, della conoscenza, del cambiamento, dei processi e dell'innovazione.

Acquista il libro on line

 


Mark Conner, Christopher J. Armitage
La psicologia a tavola
2008, Collana "Universale Paperbacks il Mulino"
Pagine: 288
Prezzo: € 14,00
Editore: Il Mulino

Essenziale per la vita umana, il cibo svolge funzioni che vanno ben oltre il sostentamento. Sul cibo - barometro del nostro benessere fisico e psichico - si concentra una sempre maggiore attenzione pubblica, come testimonia l'interesse per certi versi ossessivo che a questo argomento riservano i media. Tuttavia, se si esclude il contributo dell'antropologia, è solo negli ultimi venti anni che gli scienziati sociali ne hanno fatto un oggetto di studio. Questo volume illustra le principali ricerche della psicologia sociale nel campo dell'alimentazione. Sono esaminati l'influenza dei fattori sociali in relazione alle scelte alimentari, al controllo del peso, ai disturbi alimentari, ed è analizzato il rapporto tra stress e cibo, tra cibo e presentazione di sé.

Mark Conner insegna Psicologia sociale applicata all'Università di Leeds.
Christopher J. Armitage insegna Psicologia sociale e della salute all'Università di Sheffield.

Acquista il libro on line



Steindberg Deborah, Dryden Windy
La psicologia della dieta
2008, Collana: Noi e il cibo
Pagine: 117
Prezzo: € 10.00
Editore: Positive Press

Questo libro delinea una serie di percorsi per aiutare le persone a seguire un programma alimentare scelto, in particolare ad identificare e cambiare i pensieri controproducenti che conducono ad arrendersi di fronte agli ostacoli della perdita di peso. Molte diete falliscono perché si perdono di vista gli obiettivi a lungo termine. Lo scopo del libro invece è quello di aiutare a identificare e capire i propri punti deboli dove la propria autoefficacia può indebolirsi.

Acquista il libro on line

 

 

Luis Kancyper
Il complesso fraterno. Studio psicoanalitico
2008, Collana: Piccola Biblioteca di Psicoanalisi
Pagine: 240
Prezzo: 25,00
Editore: Borla

Questo libro, che ha alle spalle molti anni di lavoro, offre al lettore l'opportunità di approfondire questioni metapsicologiche e cliniche cruciali, relative alla fondamentale importanza del complesso fraterno nello strutturarsi della vita psichica individuale e sociale.
Il complesso fraterno è ben più che una semplice aggregazione immaginaria. Esso ha un valore strutturale autonomo e può generare conseguenze tali da segnare il destino del soggetto e dei suoi discendenti.
Sul piano della psicologia delle masse, la sua influenza strutturante e destrutturante si manifesta a livello di quelle oscillazioni tra crudeltà e solidarietà, che caratterizzano nei secoli i rapporti tra le religioni e tra i popoli. Si tratta di relazioni ambivalenti, che resistono all'erosione del tempo e ai cambiamenti della storia.
Il fatto che qui sia sottolineata l'importanza delle dinamiche fraterne non è a scapito di alcuno dei temi che definiscono il rilievo di narciso e di Edipo nella configurazione della vita psichica. Al contrario, uno dei principali scopi di questo libro è precisamente quello di mettere in evidenza la stretta coappartenenza delle tre strutture. Ciò consente di allargare le frontiere della psicoanalisi, di stabilire nuovi collegamenti tra teoria e clinica e di perfezionare l'ascolto clinico.
Pertanto, non si tratta affatto di dichiarare decaduto o marginale il complesso edipico, che resta il nucleo eziologico centrale della nevrosi. Si tratta invece di decomprimerlo per poterlo articolare con gli aspetti specifici delle strutture narcisistica e fraterna.
Queste tre strutture si tessono tra loro in trame del tutto peculiari, che determinano la formazione di un'identità definita e irripetibile per ogni soggetto.

Luis Kancyper, medico e psicoanalista, è membro ordinario con funzioni di training dell'Associazione Psicoanalitica Argentina (APA) e dell'International Psychoanalitical Association (IPA). È autore di numerosi articoli di metapsicologia e di clinica e tecnica psicoanalitiche, pubblicati in varie riviste di psicoanalisi nazionali e internazionali.
Da molti anni tiene seminari e supervisioni cliniche in molte società psicoanalitiche dell'America Latina ed europee. Suoi libri sono stati tradotti in varie lingue. In Italia, sono stati pubblicati Il confronto generazionale (Milano, 2000), Il risentimento e il rimorso (Milano, 2003) e Jorge Luis Borges o la passione dell'amicizia (Borla, Roma 2006).

Acquista il libro on line




Giuseppe Civitarese
L'intima stanza. Teoria e tecnica del campo analitico
2008, Collana: Frontiere e radici della psicoanalisi
Pagine: 240
Prezzo: € 26,00
Editore: Borla

Il presente volume raccoglie una serie di saggi che ruotano attorno alla teoria del «campo» analitico. Sin dal titolo, vengono evidenziati alcuni dei temi trattati. L'intima stanza: la stanza d'analisi, innanzitutto, come cornice spazio-temporale della cura; poi, come visione interiore, ogni volta persa e recuperata, del terapeuta che guarda ai fatti della seduta in un'ottica radicalmente antirealista, quando considera, cioè, che tutto possa avere a che fare con il transfert, con il pensiero onirico della veglia e, in definitiva, con le espressioni della realtà psichica. Ma l'intima stanza è anche lo spazio interno che l'analisi mira a istituire nel soggetto, dimensione al tempo stesso privata e sociale in quanto fondata sulla relazione con l'altro. Per svilupparsi, infatti, la mente ha bisogno di un'altra mente che accolga le emozioni e le sensazioni primitive da cui è investita, trasformandole grazie alla propria maggiore capacità di sognare, ovvero simbolizzare. L'intima stanza, infine, come espressione che, attraverso San Juan de la Cruz, che la cita più volte e dall'opera del quale è ripresa, ci porta al Bion «mistico». Se è lecito usare tale attributo in riferimento allo psicoanalista britannico, è perché, al fine di comprendere i fatti dell'analisi, egli tende a superare la cesura che oppone l'intuizione al pensiero empirico e logico-dialettico. Bion presenta il reale, in ultimo, come inconoscibile, come un qualcosa cui ci si può avvicinare solo per opacamento e negazione e, suggerendo di rinunciare alla memoria e al desiderio, pone con forza l'esigenza di tollerare i paradossi, le ambiguità e le aporie della ragione.
Tra gli argomenti trattati: il concetto tradizionale di setting, da Bleger a Ogden, e quello meno corrente di setting interno, affrontato a partire dall'immagine freudiana del transfert come incendio a teatro; la realtà virtuale come metafora del gioco di immersione e interattività che caratterizza il dialogo analitico; la nozione sovversiva di Nachträglichkeit; le nuove concezioni «estese» del transfert; la retorica dell'interpretazione e, infine, il ruolo e lo statuto del pensiero freudiano nel cosiddetto post-moderno.

Giuseppe Civitarese, nato a Ortona, medico psichiatra, dottore di ricerca in psichiatria e scienze relazionali, psicoanalista della Società Psicoanalitica Italiana (SPI) e dell'lnternational Psychoanalytical Association (IPA), vive e lavora a Pavia. Ha pubblicato numerosi lavori su argomenti di psichiatria e psicoanalisi su riviste italiane ed estere. È tra gli autori del volume Sognare l'analisi. Sviluppi clinici del pensiero di Wilfred R. Bion, Torino 2007.

Acquista il libro on line

 


Stefania Marinelli
Contributi della psicoanalisi allo studio del gruppo
2008, Collana: Individuo e Gruppo, diretta da Stefania Marinelli
Pagine: 304
Prezzo: 28,00
Editore: Borla

«Questo libro è sembrato nascere spontaneamente, guardando fra gli scritti nell'archivio degli ultimi anni: si è imposto alla mia attenzione come una richiesta di dare un ordine, e di affermare un punto. O punto di arrivo o di partenza, o verso il gruppo, o al ritorno dal gruppo. O domande o risposte, ma insieme, perché si integrassero i sentimenti con i pensieri, l'accadere con il narrare, la corporeità e la pensabilità dell'essere qui ora e del vivere la turbolenza nell'incontro con l'altro. Anche un libro è coesione del fare esperienza. Transitando per molti gruppi che sono stati e sono importanti - da quelli privati, di training e di associazione, a quelli della didattica accademica e dell'ambito istituzionale, a quelli ristretti degli amici e colleghi più affini - l'espressione semplificata, anche quando era più complessa, è stata di gruppo e all'interno del gruppo, e riguardava gli elementi di origine e appartenenza e la possibilità di rielaborarli. Per riflessione, per gratitudine, per esigenza di rimetabolizzare un testo e condividerlo nella cerchia creata dall'edizione: nasce un libro che è già di gruppo.
Scrivere e leggere, insegnare e apprendere, analizzare ed essere analizzati vanno insieme e il gruppo potenzia la profondità dei campi bilaterali e plurilaterali dell'esperienza di reciprocità: la circolante dell'esperire e pensare se stesso in relazione all'altro e agli altri, e fare esperienza dell'altro in relazione a sé rende l'oggetto gruppo perturbante ma forte e indimenticabile, ogni volta che ci accompagna nello sconvolgente incontro (a)temporale con lo sconosciuto - in cui ciò che prima era ignoto si presenta per essere collocato nello spazio¬tempo» (dalla Prefazione).

Acquista il libro on line

 

 

Bolognini Stefano
Passaggi segreti. Teoria e tecnica della relazione interpsichica
2008, Collana: Saggi. Psicologia
Pagine: 251
Prezzo: € 20.00
Editore: Bollati Boringhieri

La relazione analista-paziente è uno dei temi più delicati e centrali della teoria e della pratica psicoanalitica che Stefano Bolognini affronta con decisione in questo suo saggio, descrivendone i modi, i tempi, i successi e gli scacchi. I molti casi clinici, narrati, trasformano l'esposizione in un racconto. Intelligente spirito critico e anticonformismo si uniscono così a un solido impianto teorico per descrivere quello che rimane pur sempre un rapporto tra due esseri umani, un viaggio comune verso terre poco note, là dove si incontrano le condizioni più destrutturanti della vita mentale e, in fondo, della vita in generale.

Acquista il libro on line

 

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Credo che al mio ragazzo inte…

Flavia, 23     Salve, sono una ragazza di 23 anni. Per cinque mesi sono stata con un ragazzo che ho lasciato nei giorni scorsi. ...

Depressione a causa di una rag…

Pasq, 25     Sono un ragazzo di 25 anni, 1 anno fa conobbi una ragazza, e subito abbiamo stretto amicizia e siamo diventati molto amici. ...

dipendenza da chat (1511886186…

Mau, 38     Buongiorno, sono un ragazzo gay, ho 38 anni ed ho una relazione da 4 anni con il mio compagno; l' unico se possiamo dire "neo" che c...

Area Professionale

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Le parole della Psicologia

La vecchiaia

Il passaggio dalla mid-life alla vecchiaia è al giorno d’oggi più sfumato e graduale che nel passato, a causa dell’aumento della durata media della vita, del pr...

MECCANISMI DI DIFESA

Quando parliamo di meccanismi di difesa facciamo riferimento ad un termine psicoanalitico che individua i processi dinamici e inconsci mossi dall’Io per fronteg...

Rêverie

“Rêverie sta a designare lo stato mentale aperto alla ricezione di tutti gli ‘oggetti’ provenienti dall’oggetto amato, quello stato cioè di recepire le identifi...

News Letters