Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

PSICOLOGIA NEWS n.377 - 23.10.2008

on . Postato in News libri e riviste | Letto 233 volte

  • Strumento di valutazione per la propensione alla schizofrenia
  • I gruppi di sostegno
  • Psicologia ambientale
  • Il tavolo di cristallo. Reflecting e la nuova maieutica
  • Quando si ammala un bambino
  • Hikikomori: adolescenti in volontaria reclusione
  • Disabilità mentale e avanzamento d'età. Un modello di intervento multidimensionale per una vita di qualità

F. Schultze Lutter, J. Addington, S. Ryhrmann, J. Klosterkotter
Strumento di valutazione per la propensione alla schizofrenia
2008, Collana: Psicopatologia
Pagine: 102
Prezzo: € 20.00
Editore: Fioriti

Lo "Strumento di valutazione per la propensione alla schizofrenia", versione per adulti (SPS-A), valuta un'ampia gamma di lievi disturbi autopercepiti, indicati in origine con il nome di sintomi di base. È stato concepito allo scopo di supportare la diagnosi precoce del primo episodio psicotico, ma, in realtà, rappresenta un valido contributo anche per indagini cliniche e di ricerca lungo le varie fasi della malattia. Lo SPS-A permette un'indagine approfondita di quei disturbi e deficit subclinici che spesso precedono l'episodio psicotico franco e permangono durante le fasi di remissione. Perciò, il libro è rivolto prevalentemente a psichiatri e psicologi interessati alla clinica e alla ricerca scientifica sulle psicosi, ma può risultare interessante anche per altri professionisti del settore, studenti, pazienti e familiari coinvolti nell'assistenza di persone affette da psicosi. I pazienti stessi, inoltre, possono trovare nello SPS-A un valido aiuto per comprendere meglio la loro esperienza soggettiva, spesso tanto difficile da esprimere.

Acquista il libro on line

 


Keith Nichols, John Jenkinson
I gruppi di sostegno
2008, Collana "Aspetti della psicologia"
Pagine: 224
Prezzo: € 19,00
Editore: Il Mulino

Oggi assai diffusi, i gruppi di sostegno, di auto e mutuo aiuto, di supervisione rappresentano uno strumento efficace per contrastare gli effetti dello stress psicologico. Dalle persone con problemi di abuso di sostanze ai famigliari di malati cronici, alle varie figure professionali che lavorano con la malattia e il disagio fisico e psichico (infermieri, medici, psicologi): per tutti costoro il gruppo di sostegno si rivela uno strumento indispensabile nell'alleviare il disagio, purché condotto con perizia e consapevolezza. Questo volume si propone come una utile guida pratica per capire che cosa sono, perché sono importanti, come sono formati e come funzionano i gruppi di sostegno, di cui illustra con ricchezza di esempi concreti caratteristiche, strategie e dinamiche di conduzione. Un vademecum indispensabile per tutti i professionisti delle relazioni di aiuto: consulenti, psicologi, psicoterapeuti e operatori nel campo della salute e del sociale.

Keith Nichols ha insegnato nell'Università di Exeter; attualmente è Consultant Clinical Health Psychologist nel Royal Devon and Exeter Hospital.
John Jenkinson, psicoterapeuta, lavora come counsellor per vari organismi fra cui il Cornwall Alcohol and Drugs Agency.

Acquista il libro on line

 


Maria Rosa Baroni
Psicologia ambientale
2008, Collana "Itinerari"
Pagine: 184
Prezzo: € 14,00
Editore: Il Mulino

La psicologia ambientale è la disciplina che studia le relazioni tra le persone e il loro ambiente, non solo fisico, naturale o costruito, ma anche sociale. Che cosa fa di una stanza occupata temporaneamente (di albergo, di collegio, di casa d'altri) la nostra stanza? Come ci costruiamo una mappa mentale per orientarci in una città che non conosciamo bene? Perché al ristorante i primi tavoli occupati sono quelli d'angolo, poi quelli lungo le pareti e solo alla fine quelli in mezzo? Quali legami affettivi instauriamo con i luoghi della nostra vita, e come si genera, quando ce ne allontaniamo, il sentimento universale della nostalgia? Alla luce dei più recenti sviluppi della disciplina, e senza trascurare aspetti applicativi e di ricerca, il volume illustra le principali teorie che sono state elaborate sui processi cognitivi, affettivi, emozionali attraverso cui ci mettiamo in relazione con un ambiente e cerchiamo di dargli significato.

Maria Rosa Baroni insegna Psicologia ambientale e Psicologia generale nella Facoltà di Psicologia dell'Università di Padova. Ha pubblicato, tra l'altro, "Psicologia generale" (con V. D'Urso, Einaudi, 2004), "I processi psicologici dell'invecchiamento" (Carocci, 2003) e "Psicologia ambientale e dintorni" (a cura di, con S. Falchero, Cleup, 2003).

Acquista il libro on line

 


Guido Pesci
Il tavolo di cristallo. Reflecting e la nuova maieutica
2008, Pagine: 120
Prezzo: € 13,00
Editore: Ma.Gi.

L’autore sostiene che la maieutica e il «conosci te stesso» sono le due linee fondamentali del pensiero e dell’azione che regolano le relazioni umane nei processi di aiuto alla persona. Un’affermazione che sostiene con l’intento di uscire dal dedalo della confusione fra chi scambia un intervento psicologico con l’argomentare sull’aeterna philosophia dell’umanità e chi conduce terapie e psicoterapie alla maniera socratica, pensando di far «partorire» la persona con domande ed esortazioni, per poi intervenire con la regola del dubbio, con obiezioni e consigli, usando la parola come un farmaco.
A queste pratiche «ostetriche» l’autore privilegia principi e prassi di una nuova maieutica, un diverso sapere scientifico, la cui coerenza e il rispetto della persona si rivelano confluiti nella disciplina e nel metodo del Reflecting®, dando prova del fatto che, se si è aiutati a riflettere, è possibile giungere a una comprensione profonda di se stessi.
Il Reflecting è un autentico aiuto maieutico che permette di avvertire in sé le contraddizioni, vincere gli ostacoli, maturare autonomamente nella propria interiorità, intraprendere un percorso di conoscenza e consapevolezza di sé. Un travaglio assistito da una «levatrice» che, in alternativa al subdolo abuso della parola, incoraggia la riflessione con una semiologia universale, con cui promuove, agevola, facilita una vita più vera e più libera. Per veicolare e far giungere alla persona questi stimoli e segnali sollecitatori e agire un effetto comunicativo strategico-funzionale, dando avvio a una vasta estrinsecazione di pensieri, è necessario uno spazio sperimentale trasparente e non ostacolante: un tavolo di cristallo.

Guido Pesci, reflector, psicologo, psicoterapeuta, pedagogista clinico, giornalista pubblicista è docente di Pedagogia Speciale all’Università di Siena, direttore scientifico dell’ISFAR (Istituto Superiore Formazione Aggiornamento Ricerca) di Firenze, membro del Consiglio Direttivo della SIR (Società Internazionale di Reflecting), presidente dell’ANPEC (Associazione Nazionale Pedagogisti Clinici), del SINPE (Sindacato Nazionale Pedagogisti), direttore della rivista «Pedagogia Clinica-Pedagogisti Clinici». Contitolare del Centro Studi Specialistici Kromos di Firenze dove esercita la libera professione.

Acquista il libro on line

 


Michele Capurso
Quando si ammala un bambino
2008, Pagine: 120
Prezzo: € 10.00
Editore: Ma.Gi.

Non guardare tanto lontano e vivi giorno per giorno, affrontando i problemi man mano che ti si pongono davanti.
Guardare lontano, andare a pensare se finirà bene o se finirà male significa solo stressarsi e vivere peggio anche il presente.
Parole di un papà

Ho riflettuto a lungo sul significato di queste pagine e, al di là della loro innegabile utilità pratica, ne ho colti anche il messaggio di speranza e il senso di solidarietà che le hanno ispirate.
Dalla Presentazione di Carlo Verdone

Ogni nuova situazione richiede un adattamento. Quella della malattia di un figlio richiede un adattamento particolarmente complesso. Oltre a stravolgere la vita affettiva ed emozionale, la malattia coinvolge – sconvolgendo – tutto l’ambiente di vita, il lavoro e le relazioni familiari.
L’esperienza di malattia trasforma, molte volte edifica. Le famiglie, spesso, ne escono più unite e più forti. Ma questo lo si comprende solo a posteriori…
Le pagine di questo libro offrono ai genitori un sostegno efficace, fatto di piccoli-grandi consigli pratici di vita quotidiana, dentro e fuori dall’ospedale, sottolineando l’importanza della fiducia e della condivisione.
I brani delle interviste fatte ai familiari di bambini malati, ai medici, al personale infermieristico e ai bambini guariti diranno al genitore innanzitutto che la sua esperienza è stata già vissuta da altri. E che la vita, nonostante tutto, può e deve continuare.
Riuscire a gestire in modo equilibrato la sfera affettiva ed emozionale di tutto il nucleo familiare, il bambino malato incluso, è decisamente il contributo più prezioso che i genitori possono apportare alla cura e alla guarigione del proprio figlio.

Michele Capurso, laureato in Pedagogia, svolge l’attività di ricercatore in Psicologia dello Sviluppo e dell’Educazione presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università degli Studi di Perugia. Già impegnato nelle attività scolastiche presso un reparto di oncologia pediatrica e nei diversi stage di formazione negli ospedali pediatrici italiani e statunitensi, oggi si occupa della direzione e del coordinamento delle attività formative per l’Associazione «Gioco e Studio in Ospedale» di Genova. Membro eletto nella «Board of Directors» della Federazione Europea dei Pedagogisti Ospedalieri (H.O.P.E.), è autore e coautore di numerosi scritti inerenti la psicologia dell’educazione, tra cui per i tipi delle Edizioni Magi sono stati pubblicati i volumi La casa delle punture eTi racconto il mio ospedale.

Acquista il libro on line

 


Carla Ricci
Hikikomori: adolescenti in volontaria reclusione
2008, Collana: Adolescenza, educazione e affetti
Pagine: 96
Prezzo: € 13,00
Editore: Franco Angeli

Un fenomeno che riguarda oltre un milione di giovani giapponesi, che in maniera apparentemente non motivata, si ritira nella propria stanza e vi rimane ininterrottamente per lunghi periodi, spesso molti anni. Un problema che può riguardare tutti i nostri figli, anche se dall’altra parte del mondo.
Hikikomori è un fenomeno che riguarda oltre un milione di giovani giapponesi, la maggior parte di sesso maschile, che in maniera apparentemente non motivata, si ritira nella propria stanza e vi rimane ininterrottamente per lunghi periodi, spesso molti anni. Diversamente da altre forme di disagio adolescenziale, i giovani Hikikomori si spingono oltre: lasciano la scuola, abbandonano anche gli amici, interrompono ogni tipo di comunicazione trascorrendo lunghissimi periodi in completo isolamento.
La società giapponese non approva gli hikikomori e finisce per definirli malati, anche se medici e terapeuti sostengono che non si tratti di malattia: il giovane si isola per riposare, per reazione a episodi di bullismo o per un esame scolastico andato male; ma con il trascorrere del tempo la reclusione provoca patologie come psicosi, fobie, regressioni e violenza domestica. Un figlio Hikikomori è un disonore tale che la famiglia mantiene il segreto per anni prima di interpellare un medico.
Difficile metterne a fuoco le cause: da una parte i valori culturali, dall'altra la crescita economica e la pressione sociale che ne reclamano altri troppo rapidamente per essere assimilati, un contesto famigliare con la "non presenza" del padre immerso nel lavoro influisce più di qualsiasi presenza e un legame madre-figlio che travalica i suoi naturali confini.
La chiave di lettura che si tenta di fare emergere è quella di corpi, corpi sovversivi, che attraverso la loro volontaria reclusione compiono azioni forti, fanno esplodere le contraddizioni e i lati oscuri di ogni società. Ed è per questo che Hikikomori non rappresenta un problema solo del Giappone ma riguarda tutti i nostri figli, anche se dall'altra parte del mondo.

Carla Ricci, ha conseguito la laurea di antropologia culturale ed etnologia presso l'Università di Bologna. Da anni svolge ricerca sul campo in Giappone dove si è specializzata in tematiche psico-sociali, portando a compimento diversi lavori sul suicidio e su espressioni di disagio giovanile fra cui Hikikomori. Attualmente vive a Tokyo, e svolge attività di ricerca presso il Dipartimento di Psicologia Clinica dell' Università di Tokyo.

Acquista il libro on line

 

Lucio Cottini
Disabilità mentale e avanzamento d'età. Un modello di intervento multidimensionale per una vita di qualità
2008, Collana: Strumenti per il lavoro psico-sociale ed educativo
Pagine: 336
Prezzo: € 32,00
Editore: Franco Angeli

In che modo monitorare l'avanzamento d'età delle persone con disabilità mentale, al fine di individuare precocemente i segni di un possibile decadimento?
Come impostare e implementare un modello di intervento finalizzato a perseguire il più alto livello possibile di qualità della vita?
Quali caratteristiche deve possedere una funzionale rete di servizi a supporto della persona con disabilità che invecchia e della sua famiglia?
Il volume cerca di affrontare, con un taglio decisamente operativo, questi fondamentali interrogativi, proponendo modelli di lavoro flessibili che si rivolgono alle diverse professionalità impegnate nel settore, con particolare riferimento a quelle educative.
In concreto, viene proposto un sistema di valutazione del deterioramento prestativo in una serie di abilità che tendono solitamente a decadere con l'aumentare dell'età e viene presentato un modello di intervento multidimensionale e multiprospettico, centrato sulla persona e riferito al concetto di qualità della vita.
Tutti questi strumenti e procedure sono contenute all'interno di un software, denominato "Senior Plus". Si tratta di un programma informatico di facile gestione, che si compone di un sofisticato sistema per il monitoraggio nel tempo dell'evoluzione delle persone con disabilità mentale e di una serie di proposte operative per la gestione degli interventi "abilitativi".

Lucio Cottini è professore straordinario di Didattica e Pedagogia Speciale presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell'Università di Udine. È responsabile scientifico dell'American Journal on Mental Retardation (edizione italiana) e fa parte del Comitato scientifico di varie riviste specialistiche. Dirige il Centro socio-educativo "Francesca" di Urbino. Ha pubblicato 23 volumi e oltre 100 articoli scientifici.

Acquista il libro on line

 

 

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

dipendenza da chat (1511886186…

Mau, 38     Buongiorno, sono un ragazzo gay, ho 38 anni ed ho una relazione da 4 anni con il mio compagno; l' unico se possiamo dire "neo" che c...

Abuso narcisistico in famiglia…

Apocalisse, 38     Cinque anni fa ho perso mia madre di un grave e raro tumore all'intestino. La sua perdita ha generato un totale disfacimento ...

La danza, da passione a ladra …

Francesca, 29     Buongiorno,all'età di 7 anni ho iniziato a frequentare un corso di danza classica, amatoriale, da quel momento non ho mai più s...

Area Professionale

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

Le parole della Psicologia

Abulia

Dal greco a-bule (non – volontà) indica uno stato soggettivo di mancanza o perdita della volontà. Si riferisce sia a un disturbo dell’attività intenzionale, pe...

Erotomania

In psichiatria è un tipo di disturbo delirante in cui il paziente ha la convinzione infondata e ossessiva che un'altra persona provi sentimenti amorosi nei suoi...

Amok

"Follia rabbiosa, una specie di idrofobia umana... un accesso di monomania omicida, insensata, non paragonabile a nessun'altra intossicazione alcolica".» (Zweig...

News Letters