Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

PSICOLOGIA NEWS n.571 - 8.11.2012

on . Postato in News libri e riviste | Letto 317 volte

  • Il conflitto epistemologico. Psicoanalisi e Neuroscienze dei processi anticonoscitivi
  • Psicoterapia integrativa. 100 concetti essenziali e tecniche
  • Psicoterapia e counseling. Comunanze e differenze
  • Non ho tempo da perdere. Dedicato alle donne che decidono di volersi bene
  • Le fiabe per... affrontare la solitudine. Un aiuto per grandi e piccini
  • L'arte di far ridere. Gli strumenti dell'umorismo e le tecniche del comico
  • Preistorie di famiglia
  • L'uomo di sabbia. Individualismo e perdita di sé
  • Più felice. Come imparare a essere felici nella vita di ogni giorno

Alessandro Grecucci
Il conflitto epistemologico. Psicoanalisi e Neuroscienze dei processi anticonoscitivi
2012, Collana: Ricerche e Contributi in Psicologia
Pagine: 140
ISBN: 9788889845752
Prezzo: € 14.00
Editore: Psiconline

L’Autore si propone di analizzare la patologia dei processi di pensiero da un doppio vertice utilizzando le teorie e le scoperte che in questo secolo sono emerse sia dalla ricerca psicoanalitica che quella neuroscientifica. Lo scopo è quello di formalizzare in un modello semplice, ma, il più possibilmente esaustivo, le nostre conoscenze attuali sul funzionamento emocognitivo nella normalità e nella patologia, ovvero come l’affettività venga mentalizzata e resa pensabile o come questo processo fallisca e sfoci in un funzionamento di tipo anticonoscitivo. Studi psicoanalitici da una parte e ricerche neuroscientifiche dall’altra, hanno permesso di isolare alcuni importanti fattori che congiuntamente agiscono nel facilitare o nel contrastare il funzionamento mentale più o meno patologico che caratterizza ognuno di noi (l’epistemopatologia personale). Dopo aver introdotto lo sfondo teorico su cui l’autore si muove, che parte dalla psicoanalisi bioniana e dalle ricerche sulla mentalizzazione e giunge alle moderne neuroscienze cognitive e affettive, vengono passati in rassegna questi fattori cosi come sono stati scoperti nei vari campi di ricerca. Per concludere, un modello formale del conflitto epistemologico, viene esposto. Infine le declinazioni terapeutiche di un simile approccio sono discusse indagando i meccanismi neurocognitivi della regolazione emozionale e di come esse permettano lo sviluppo e il mantenimento di un sano funzionamento psicologico nella vita e in psicoterapia.

A chi è rivolto. Ricercatori e psicoterapeuti interessati ai recenti sviluppi della psicoterapia psicoanalitica e dei suoi risvolti neuroscientifici.

Alessandro Grecucci, psicologo, psicoterapeuta di formazione psicoanalitica e PhD in Neuroscienze, svolge attività di ricerca presso la Facoltà di Scienze Cognitive di Rovereto, dove studia i meccanismi neurocognitivi della presa di decisione, della regolazione emozionale e dell’empatia.

Acquista il libro on line

 

 

 

Maria Gilbert, Vanja Orlans
Psicoterapia integrativa. 100 concetti essenziali e tecniche
2012, Collana: Psicoterapia & counseling
Pagine: 304
ISBN: 9788866520498
Prezzo: € 27.00
Editore: Sovera Edizioni

Questo compendio innovativo sull’integrazione psicoterapeutica esplora tematiche utili per l’applicazione clinica di trattamenti con un modello pluralistico convergente e unitario. Sono illustrati una rassegna sintetica dei principali costrutti teorici e metodologie tecniche basilari, in un quadro omogeneo e integrato per svolgere interventi di bassa, media e alta intensità.

Acquista il libro on line

 

 

 

 

Edoardo Giusti, Enrichetta Spalletta
Psicoterapia e counseling. Comunanze e differenze
2012, Collana: Psicoterapia & counseling
Pagine: 144
ISBN: 9788866520245
Prezzo: € 25.00
Editore: Sovera Edizioni

Un testo utile per professionisti Psicoterapeuti e Counselor, ugualmente d’interesse per i loro utenti. Il volume evidenzia la specificità dei rispettivi processi formativi e distingue le competenze e gli obiettivi di due professioni che includono convergenze e metodologie differenziate nelle forme, nell’intensità e nelle prassi d’intervento.

Acquista il libro on line

 

 

 

 

Roberta Bortolucci
Non ho tempo da perdere. Dedicato alle donne che decidono di volersi bene
2012, Collana: Trend
Pagine: 160
ISBN: 9788820406325
Prezzo: € 20,00
Editore: Franco Angeli

Come non sprecare tempo ed energie per comportamenti e atteggiamenti che fino ad oggi non hanno portato risultati positivi nella nostra vita? Come fare a rafforzarsi, a esprimere le massime potenzialità, a valorizzarsi?
Questo libro vuole accompagnare le donne a una maggiore conoscenza di sé, a modificare comportamenti dannosi, a utilizzare al meglio le proprie risorse, a chiarire e perseguire i propri obiettivi, per stare meglio con se stesse e acquisire strumenti per valorizzare le proprie capacità nella vita personale e sul lavoro. Nessuno di noi scinde così nettamente la propria sfera personale da quella lavorativa: quello che io sono nel mio privato non è molto distante da quello che sono sul lavoro. La maniera in cui tratto i problemi, la mia gestione delle emozioni, gli ostacoli nei rapporti interpersonali, la fiducia in me stessa, fanno parte del mio vivere 24 ore al giorno dovunque io sia.
È un libro pratico, con esempi, analisi e piccoli strumenti di auto-aiuto che aumentano la fiducia in noi stesse e ci accompagnano in un nuovo modo di essere e di reagire alle situazioni della vita lavorativa e personale.

Roberta Bortolucci, Presidente Nazionale del Centro Studi Progetto Donna e Diversity Management, svolge attività di consulenza per promuovere la valorizzazione delle Risorse Umane e delle Differenze, per integrare l'ottica di genere nei sistemi gestionali-organizzativi, nelle aziende pubbliche e private. Esperta in psicologia del cambiamento e dello sviluppo personale svolge da 25 anni attività di docenza su problematiche quali la gestione dei rapporti interpersonali all'interno dei team di lavoro, l'empowerment, la gestione dei conflitti, lo stress, la negoziazione, la gestione del tempo, la comunicazione, la presa di decisione, la leadership.

Acquista il libro on line

 


 

Elvezia Benini, Giancarlo Malombra
Le fiabe per... affrontare la solitudine. Un aiuto per grandi e piccini
2012, Collana: Le Comete
Pagine: 176
ISBN: 9788820404550
Prezzo € 19,00
Editore: Franco Angeli

C’è la solitudine del bambino, dell’adolescente, dell’anziano, del malato, dello straniero, quella di chi vive una separazione o di chi è vittima di stalking o di chi ha perso il lavoro. Il testo offre un rimedio utile a tutti: una raccolta di fiabe che aiuteranno a elaborare le sofferenze psichiche di una condizione diffusa.Utili LinkIl Secolo XIX Recensione (di Annalisa Rimassa)
Chi si sente solo, soffre due volte: la prima per la solitudine in sé e la seconda per la delusione di veder fallire i propri tentativi di porsi in relazione con gli altri.
C'è la solitudine del bambino, quella dell'adolescente, quella dell'anziano, quella di chi vive o ha vissuto una separazione, quella dello straniero, quella di chi è più sensibile, quella di chi è vittima di stalking o di bullismo, quella di chi ha perso il lavoro, quella del malato...
Fermiamoci, e leggiamo una fiaba...
Attraverso la fiaba, possiamo elaborare sofferenze psichiche che oggi sono forse più laceranti, o semplicemente più visibili, di un tempo.
I piccoli e grandi lettori, sia quelli più "fragili" sia quelli già "forti", potranno identificarsi nei vari personaggi e, ritrovando le parti nascoste di sé, potranno recuperare l'energia necessaria a proseguire il cammino.
Ogni fiaba si presenta con una veste di facile accessibilità ed immediatezza emotiva per ogni lettore, specialista o no, ed è anticipata e seguita da un'analisi dettagliata che porta la fiaba stessa a essere utile nella vita di ciascuno.
Per grandi e piccini, per genitori e insegnanti, per psicologi ed educatori, per ogni persona che crede nell'importanza della comunicazione emotiva, prima ancora che in quella cognitiva e razionale: solo attraverso il cuore si può raggiungere la mente.
Il testo è corredato da illustrazioni della pittrice Lia Foggetti, da un'appendice di analisi di Franca Ruggeri e da spunti operativi per affrontare la solitudine.

Elvezia Benini, psicologa, psicoterapeuta e docente, si dedica alla formazione per insegnanti e genitori ed è consulente in ambito forense e per la Fondazione Umberto Veronesi, nonché già giudice onorario presso la Corte d'Appello di Genova, sezione minori. Per i nostri tipi ha pubblicato, con G. Malombra, Le fiabe per affrontare i distacchi della vita (2008), Le fiabe per sviluppare l'autostima (2009) e Le fiabe per vincere la paura (2010).
Giancarlo Malombra, dirigente scolastico e professore di Psicologia Sociale, dirige e organizza la formazione per operatori scolastici e sanitari e opera sulla prevenzione del disagio e della devianza minorile. Per i nostri tipi ha pubblicato, con E. Benini, Le fiabe per affrontare i distacchi della vita (2008), Le fiabe per sviluppare l'autostima (2009) e Le fiabe per vincere la paura (2010).

Acquista il libro on line

 


 

Marcello Lando
L'arte di far ridere. Gli strumenti dell'umorismo e le tecniche del comico
2012, Collana: Zibaldone
Pagine: 252
ISBN: 9788866661474
Prezzo: € 18.00
Editore: Guida

Se ci sforzassimo di ricordare in quale occasione negli ultimi tempi abbiamo riso fino a sganasciarci, come quando eravamo bambini, potremmo forse incontrare qualche difficoltà. Col passare degli anni, infatti, diventiamo sempre più esigenti in materia di comicità e di umorismo; ed è più probabile che qualcuno o qualcosa ci induca al sorriso piuttosto che a una risata incontenibile. In realtà è tanto piacevole ridere di gusto, ridere "fino alle lacrime", quanto è difficile produrre un tale effetto sugli altri. E se ci chiedessero a bruciapelo di indicare i comici che negli ultimi dieci anni sono riusciti a procurarci momenti esilaranti nel senso fin qui descritto, potremmo vivere l'imbarazzo di non saper fare più di due o tre nomi; o ci verrebbe magari di citare, prima di altri, protagonisti dello schermo e del palcoscenico ormai scomparsi. Eppure è tale la voglia di ridere che il mestiere del comico è tra i più affollati: ce lo conferma un'offerta incessante di cinepanettoni, di bagaglini e di commediole per il consumo immediato. Ma al di là degli incassi, talvolta non minimi, ci fanno proprio ridere? Chi, e in che modo, è riuscito allora a farci ridere nel corso della nostra vita? Perché continuiamo a ridere nel rivedere per l'ennesima volta un film di Chaplin, di Totò o dei Fratelli Marx? Qual è il segreto di una certa comicità inossidabile?

Marcello Lando, già ordinario alla cattedra di Impianti industriali della facoltà di Ingegneria dell'Università di Napoli Federico II, trasferisce la sua attività accademica alla Luiss Guido Carli di Roma, in qualità di docente di Gestione della produzione industriale.
Dopo quarant'anni di servizio presso la facoltà d'Ingegneria dell'Università di Napoli Federico II, dove ha insegnato come ordinario alla cattedra di Impianti industriali, Marcello Lando trasferisce la sua attività accademica alla Luiss Guido Carli di Roma dov'è impegnato già da qualche anno, alla facoltà di Economia, in qualità di docente di Gestione della produzione industriale. Lando, tra i promotori e fondatori del corso di laurea in Ingegneria gestionale a Napoli, è il secondo "ingegnere" ad approdare alla Luiss di Roma dopo il rettore Adriano De Maio. "
Dopo aver parlato tanto di economia agli allievi ingegneri, scherza l'accademico, mi diverto oggi a parlare d'ingegneria agli allievi economisti". Marcello Lando ha ricoperto e ricopre numerosi incarichi. E' presidente della fondazione di stampo confindustriale Mezzogiorno tirrenico e della fondazione Politecnica per il Mezzogiorno d'Italia, è responsabile del corso master di Direzione e gestione d'azienda presso la Stoà di Ercolano, guida il nucleo di valutazione dell'università Magna Grecia di Catanzaro. Intenso anche il suo impegno nel sociale.
Ha ricoperto, fra l'altro, la carica di governatore del Distretto 2100 del Rotary International.

Acquista il libro on line

 


 

Alain de Mijolla
Preistorie di famiglia
2012, Collana: Psiche e coscienza
Pagine: 176
ISBN: 9788834016336
Prezzo: € 18.00
Editore: Astrolabio Ubaldini

È affascinante individuare nella psiche la ripetizione di tratti caratteriali e schemi provenienti dalle generazioni precedenti, vettori di una tradizione familiare ereditata dal passato. Opponendosi alla corrente che vorrebbe collegare quasi magicamente tali corrispondenze, l'insigne psicoanalista francese de Mijolla si fa sostenitore di una linea di ricerca secondo cui queste possono essere analizzate e diventare strumenti di una clinica rigorosa dove teoria e pratica procedono di pari passo.

Alain de Mijolla, psicoanalista e psichiatra francese, è membro della Société psychanalytique de Paris, presidente e fondatore dell'Association internationale d'histoire de la psychanalyse e membro del Comitato per la ricerca concettuale dell'Association psychanalytique internationale. Tra le sue pubblicazioni 'Les visiteurs du moi e Freud, fragments d'une histoire'. Ha curato il 'Dictionnaire international de psychanalyse' e, con S. de Mijolla-Mellor, il testo 'Psychanalyse'.

Acquista il libro on line

 

 

 

Catherine Ternynck
L'uomo di sabbia. Individualismo e perdita di sé
2012, Collana: Transizioni
Pagine: 203
ISBN: 9788834321843
Prezzo: € 16.00
Editore: Vita e Pensiero

Il pensiero individualista e libertario che dagli anni Settanta disegna l’uomo come artefice di se stesso, guidato solo dalle proprie scelte e dai propri desideri, si rivela oggi più pericoloso di quanto potevamo immaginare. Conquiste importanti, come la fine dell’autoritarismo, il venir meno della distanza incolmabile tra le generazioni o l’affrancamento delle donne da un destino gregario, hanno finito per scorrere lungo una deriva che, da acquisizioni di civiltà, le ha trasformate in gabbie di solitudine e fragilità. Un nuovo imperativo, sociale ed economico, all’autodeterminazione a tutti i costi si è sostituito alle regole del passato, sulle cui macerie l’individuo si ritrova oggi disorientato e incerto. La sua stessa consistenza è in discussione. Lo testimoniano le nuove ansie e le inedite forme depressive, ben note a psichiatri, psicanalisti, medici generici, e a chiunque stia in ascolto della sofferenza umana. Forme di disagio che non riguardano solo la precarietà sociale o le vere e proprie patologie psicologiche. Il suolo umano si è impoverito, si è svuotato del suo humus di relazioni, legami, responsabilità, è divenuto friabile, inconsistente. Su questo terreno incerto l’uomo stesso diventa ‘di sabbia’. Una figura inafferrabile e impastata di contraddizioni, ma con un tratto distintivo che si staglia nitido sotto lo sguardo attento di Catherine Ternynck: la sensazione di una stanchezza. È un uomo che fatica a portare la sua vita. Costantemente dubita del tragitto e del senso. Chiede riconoscimento e rassicurazione. È per questo che Ternynck sceglie di affiancarlo attraversando «quei luoghi deteriorati dall’individualismo, dove le fondamenta umane sono in difficoltà»: in famiglia, all’interno della quale i bambini vengono spinti a un’autonomia troppo precoce, adorati e minacciati nello stesso tempo, e i rapporti tra le generazioni si trovano a fronteggiare le metamorfosi dei legami; nel sociale e nel mondo politico, con la crisi di legittimazione di chi ha il compito di riscrivere le regole o aiutare la coesione della vita in comune; nell’universo simbolico, dove l’identità stenta a costruirsi nel luccicante mercato del tutto e subito. Quest’uomo smarrito, dai contorni fluttuanti, ci parla di sé attraverso le tante voci che Catherine Ternynck ha ascoltato nel suo lavoro di terapeuta. Un racconto collettivo, una trama di esperienze che l’autrice tesse con una scrittura avvincente, limpida ed emozionante al tempo stesso, di grande empatia verso tutte le sfumature dell’umano e insieme lucida nel denunciarne le derive. Un’avventura dello spirito cui è invitato non solo lo specialista, lo psicanalista, ma l’uomo curioso, e forse preoccupato, della nostra epoca.

Catherine Ternynck, psicanalista, specialista di etica familiare, insegna all’Università Cattolica di Lille. Tra i suoi lavori è pubblicato in italiano La prova del femminile nell’adolescenza (2003).

Acquista il libro on line

 

 

 

 

Tal Ben-Shahar
Più felice. Come imparare a essere felici nella vita di ogni giorno
2012, Collana: Super Tascabili
Pagine: 240
ISBN: 9788866209355
Prezzo: € 8.90
Editore: Baldini Castoldi Dalai editore

La felicità, dicono i poeti, è un attimo, un momento irripetibile. I soldi non portano la felicità, ma aiutano. Luoghi comuni che paiono convergere in un'unica direzione: la felicità, quella chimera sfuggente che tutti noi inseguiamo, sembra molto difficile da raggiungere e, in ogni modo, è troppo breve per essere assaporata. Roba vecchia, rispondono insegnanti e psicologi di ultima generazione: la felicità può durare tutta la vita, basta impararla e farla diventare materia di studio, fondata sui principi della psicologia positiva. Lontana dalle visioni New Age e dalle pillole fai-da-te, essa mira a scoprire le potenzialità nascoste in ognuno per svilupparle e metterle in relazione con il benessere e la qualità della nostra vita. Un approccio opposto a quello della psicologia tradizionale, che tende invece ad analizzare deficit e patologie. Ma come si arriva alla felicità? Secondo Ben-Shahar bisogna lavorare su autostima, empatia, amicizia, amore, ottimismo, ma anche creatività, spiritualità, musica e senso dell'umorismo. Viviamo una vita troppo stressante, rimandando spesso la felicità a un futuro lontano per inseguire la carriera, la famiglia, o abbandonandoci alla bella vita senza trovare mai un appagamento duraturo. Il miglior consiglio? Semplificare. E ricordare che emozioni come frustrazione e paura sono naturali: siamo esseri umani. La felicità dipende da noi, non dal nostro conto in banca!

Acquista il libro on line

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobia di non riuscire a tratte…

Marco989898, 14     Il mio problema è che ho la continua ossessione di andare in bagno e anche se all'inizio sembrerà  una cosa stupida, son...

E' realmente un problema? (151…

Flick, 27     Buongiorno, sono una donna di 27 anni e da quando ne ho compiuti più o meno 19, nei momenti di maggiore stress sento un forte impul...

Credo di essere depressa, mi a…

Psiche, 33     Salve, vi scrivo perchè da un pò di tempo (non so neanche io precisamente quanto) ho dei sintomi che mi fanno presagire qualcosa d...

Area Professionale

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

La Certificazione Psicologica:…

Nella pratica clinica è possibile trovarsi di fronte ad una specifica richiesta, da parte del paziente/cliente, di una Certificazione che attesti, sia dal punto...

Le parole della Psicologia

Patografia

Ricostruzione delle patologie psichiche di personaggi celebri fondate sulle informazioni biografiche e sull’esame delle loro opere. La patografia è l' “autob...

Aprassia

L'aprassia (dal greco "a" prefisso di negazione e "praxía", cioe' fare, quindi incapacità di fare) è un deficit primitivo dell’attivi...

Psicosi

Il termine Psicosi è stato introdotto nel 1845 da von Feuchtersleben con il significato di "malattia mentale o follia". Esso è un disturbo psichiatrico e descr...

News Letters