Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

PSICOLOGIA NEWS n.574 - 29.11.2012

on . Postato in News libri e riviste | Letto 258 volte

  • Comunicare oggi
  • Altruisti per natura. Alle radici della socialità positiva
  • Il disegno congiunto della famiglia. Uno strumento per l'analisi delle relazioni familiari
  • Donne che lavorano. Tra ruoli e difficoltà da superare
  • Onnipotenza e limiti
  • Il gatto e i suoi simboli
  • Reclusioni di corpi e di menti
  • Nei luoghi del fare anima. Dimensione immaginale del processo terapeutico

Matteo De Augustinis, Esther De Augustinis
Comunicare oggi
2012, Collana: Strumenti
Pagine: 510
ISBN: 9788889845875
Prezzo: € 24.00
Editore: Psiconline

Questo volume scandaglia la complessità del processo comunicativo a molteplici livelli.
Imparare a comunicare è essenziale per il benessere emotivo socio relazionale di ogni persona. Socializzare non significa semplicemente “stare insieme agli altri”, ma sviluppare efficaci strumenti comunicativi con i quali puntellare e promuovere la propria ed altrui identità, imprimendo un compiuto significato alla propria esistenza.
Nessun uomo è un’isola e, come sostenne Moreno, per crescere l’uomo necessita di “Io ausiliari”.
Siamo angeli con un’ala sola e per volare dobbiamo sinergizzare la nostra condotta con quella degli altri.
Il testo si prefigge di:
divulgare gli elementi della comunicazione da poliedriche sfaccettature (di psicologia comparata, psicologia cognitiva, psicologia sociale, neurolinguistica, psicoanalitica, ecc.);
fornire linee guida per la gestione dei conflitti intrapsichici e interrelazionali;
stimolare la conoscenza non superficiale della comunicazione multimediale e approfondire i modi attraverso i quali si potrebbe acquisire una formazione critica rispetto a tali codici.
In diverse sezioni sono state espresse cosiderazioni critiche sulle possibilità di crescita, ma anche sui pericoli di stagnazione e di manipolazione associati ai più moderni strumenti che la tecnologia sta diffondendo.

Matteo De Augustinis è psicologo, psicoterapeuta, formatore, dirigente responsabile U.O. di Psicologia presso gli Istituti Ospedalieri Don Uva. Docente, Direttore dell’area formativa per 16 anni in scuole di specializzazione per insegnanti, ideatore di trasmissioni televisive e spettacoli teatrali, conduttore regista di un gruppo di animazione teatrale composto da disagiati psichici e mentali.
Ha già pubblicato sei libri e un centinaio di articoli inerenti la riabilitazione e la terapia occupazionale.Esther De Augustinis è psicologa, psicoterapeuta in formazione ad orientamento Gestaltico e Analitico Transazionale, ha acquisito svariate esperienze presso Centri Salute Mentale e Consultori Familiari, conduce corsi di aggiornamento per gli insegnanti.

A chi è rivolto
Genitori, educatori, insegnanti, consulenti d’aiuto, psicologi, psicoterapeuti, politici, giornalisti, ecc.; in sintesi a chiunque sia motivato a conoscere meglio se stesso, a migliorare il suo modo di comunicare e rapportarsi agli altri nelle interazioni diadiche o di gruppo, ad acquisire senso critico e formazione rispetto ai linguaggi iconografico-multimediali prevalenti nella cultura contemporanea

Acquista il libro on line

 

 

 

Silvia Bonino
Altruisti per natura. Alle radici della socialità positiva
2012, Collana: Universale Laterza
Pagine: 160
ISBN: 9788842053071
Prezzo: € 12.00
Editore: Laterza

Chi l’ha detto che gli esseri umani siano sostanzialmente egoisti? Molti ritengono che la tendenza a sopraffare sia comune e abbia addirittura sicure basi scientifiche.
Non è così. In quanto essere biologicamente sociale l’individuo, pur dotato di una propria identità, fisica e psicologica, non può realizzare se stesso, e più banalmente nemmeno sopravvivere, in assenza di buone relazioni. Il rapporto con l’altro non è spiegabile in termini di costi o benefici, o come secca alternativa tra perdita e guadagno: aiutare gli altri mettendo in secondo piano il proprio interesse è ciò che tutti noi, in misura maggiore o minore, facciamo quotidianamente.

Silvia Bonino è professore onorario di Psicologia dello sviluppo presso la Facoltà di Psicologia dell’Università di Torino. Scrive sulla rivista “Psicologia Contemporanea”, è autrice di numerosi libri scientifici e divulgativi pubblicati in Italia e all’estero e ha diretto il Dizionario di psicologia dello sviluppo (Einaudi 2002).

Acquista il libro on line

 


 

Marialuisa Gennari, Giancarlo Tamanza
Il disegno congiunto della famiglia. Uno strumento per l'analisi delle relazioni familiari
2012, Collana: Strumenti per il lavoro psico-sociale ed educativo
Pagine: 176
ISBN: 9788820411275
Prezzo: € 22,50
Editore: Franco Angeli

Una novità assoluta nel panorama nazionale e internazionale, uno strumento che si presta all’impiego in ambiti valutativi, consulenziali, educativi e clinici. Il testo analizza l’evoluzione dell’utilizzo del disegno familiare come strumento di indagine psicologica, sia negli interventi psicodiagnostici e nella clinica infantile, sia nelle varianti più frequentemente utilizzate nella ricerca sulle relazioni familiari.
Il Disegno Congiunto della Famiglia rappresenta una novità assoluta nel panorama nazionale ed internazionale: si tratta infatti del primo strumento grafico-interattivo pensato per la famiglia per il quale sia stato costruito e validato un sistema di codifica e di valutazione analitico e sintetico. Esso consente di leggere le relazioni familiari in situazioni di tipo clinico e socio-educativo, spesso contrassegnate dalla difficoltà di utilizzare il codice linguistico o che necessitano, per essere adeguatamente comprese, di una valutazione che oltrepassa il canale dialogico-narrativo.
Il testo analizza l'evoluzione dell'utilizzo del disegno familiare come strumento di indagine psicologica, sia negli interventi psicodiagnostici e nella clinica infantile, sia nelle varianti più frequentemente utilizzate nella ricerca sulle relazioni familiari. Presenta poi una versione innovativa del Disegno Congiunto della Famiglia proponendo un sistema di codifica analitico dei suoi elementi costitutivi. A partire da questo primo livello di analisi viene definito un sistema di calcolo sintetico dei risultati che dà luogo ad una classificazione tipologica delle configurazioni familiari. La presentazione è infine arricchita da una completa esemplificazione applicativa dello strumento in diversi contesti d'uso, illustrando una casistica che attraversa le diverse configurazioni familiari individuate.
Lo strumento si presta all'impiego in ambiti valutativi, consulenziali, educativi e clinici ed è indicato per famiglie con figli in età 3-13 anni. È utilizzabile da operatori dell'ambito psico-sociale quali psicologi, psicopedagogisti, assistenti sociali ed educatori.

Marialuisa Gennari è ricercatore di Psicologia clinica presso l'Università Cattolica di Brescia. Si occupa di famiglia e di dinamiche coniugali, in particolare di migrazione, separazione, divorzio e violenza di coppia. Per i nostri tipi ha curato: con S. Di Nuovo, L'incontro con l'altro: migrazioni e culture familiari. Strumenti per il lavoro psicologico (2011).
Giancarlo Tamanza è professore associato di Psicologia clinica presso l'Università Cattolica di Brescia. È direttore scientifico dei Master di II livello di Utilizzo collaborativo dei test nella clinica e nella psicoterapia e di Psicologia giuridica: interventi clinici nei contesti giudiziari. Per i nostri tipi ha pubblicato: con Caterina Gozzoli, Family Life Space. L'analisi metrica del disegno (1998); Anziani. Rappresentazioni e transizioni nell'ultima età della vita (2001).

Acquista il libro on line

 

 

 

Monica Legittimo
Donne che lavorano. Tra ruoli e difficoltà da superare
2012, Collana: Psicologia sociale contemporanea
Pagine: 144
ISBN: 9788820407964
Prezzo: € 19,00
Editore: Franco Angeli

Analizzare e familiarizzare le ragioni psicologiche e sociali del perché le lavoratrici fatichino più della controparte maschile a trovare un senso e un posto sicuri nel lavoro: questo l’obiettivo del testo, che propone le principali prospettive teoriche sul gap di genere nel contesto lavorativo a più livelli e richiama costantemente i numerosi risultati empirici delle ricerche prodotte sul tema.
Ancora oggi le donne per accedere, permanere ed avanzare nella professione vanno incontro a numerose difficoltà.
Tali difficoltà talvolta trovano senso nelle interpretazioni classiche del fenomeno, altre volte vengono lette da ulteriori prospettive che chiamano in causa direttamente le stesse donne. Si tratta solo di un complicato accesso femminile a determinati ruoli e mansioni lavorative? Oppure, una volta conquistate alcune posizioni, sono le donne a non proseguire oltre?
Questo volume risponde al desiderio, in questo caso oltre che scientifico anche squisitamente femminile, di analizzare e familiarizzare le ragioni psicologiche e sociali del perché le lavoratrici fatichino più della controparte maschile a trovare un senso e un posto sicuri nel lavoro.
Nel testo vengono proposte le principali prospettive teoriche sul gap di genere nel contesto lavorativo a più livelli e richiamati costantemente i numerosi risultati empirici delle ricerche prodotte sul tema. Emerge un quadro complesso e controverso sulle dinamiche lavorative delle donne, che riecheggia fortemente di costruzioni culturali e strutture psicologiche a cui il genere femminile continua ad essere legato. Attraverso una prospettiva di genere il volume si propone come un percorso scientifico che accompagna un progetto nato dalla collaborazione di più attori sociali legati fortemente alle donne: il Centro Studi Osservatorio Donna dell'Università del Salento, la Consigliera di parità della Provincia di Lecce e della Regione Puglia e il Trust nel nome della donna.

Monica Legittimo, psicologa-psicoterapeuta, dottore di ricerca in Psicologia di comunità e modelli formativi presso l'Università del Salento, è professore a contratto di Psicologia sociale. Opera nell'ambito psicoterapeutico e delle consulenze e collabora con il Centro Studi Osservatorio Donna dell'Università del Salento, occupandosi dello studio delle dinamiche psico-sociali legate alla dimensione di genere. Su tali tematiche ha pubblicato saggi e articoli su riviste scientifiche.

Acquista il libro on line

 

 

 

Domenico Nano
Onnipotenza e limiti
2012, Collana: Serie di psicologia
Pagine: 128
ISBN: 9788820404475
Prezzo: € 16,50
Editore: Franco Angeli

Spaziando dalla riflessione psicologica a quella religiosa, filosofica, sociologica, artistica e neuroscientifica, il libro intende analizzare la dialettica tra l’invalicabilità del limite e il desiderio di trascenderlo, tra un’onnipotenza che si fonda su certezze e affermazioni univoche e una realtà che deve inevitabilmente tenere conto del limite.
La difficile ma inevitabile ricerca, in una dimensione sia sociale sia più strettamente individuale, di un delicato equilibrio tra onnipotenza e limiti, i due estremi dell'oscillazione del pendolo della vita, è il nucleo tematico del libro.
Un libro che, spaziando dalla riflessione psicologica a quella religiosa, filosofica, sociologica, artistica e neuroscientifica, intende analizzare la dialettica tra l'invalicabilità del limite e il desiderio di trascenderlo, tra un'onnipotenza che si fonda su certezze ed affermazioni univoche ed una realtà che deve invece inevitabilmente tenere conto del limite.
Esiste forse la possibilità di trasformare l'esperienza della limitazione e della perdita in un'accresciuta comprensione del senso della vita? Lungo queste linee tematiche, che rimandano al destino umano segnato radicalmente dal rapporto, complesso, tra onnipotenza e limiti, si viene svolgendo questo libro in un dialogo interdisciplinare tra saperi, linguaggi ed esperienze diverse.

Domenico Nano , psicoanalista della Società Psicoanalitica Italiana, è primario di Psichiatria e direttore del Dipartimento di Salute Mentale di Novara. Ha insegnato Psicologia dinamica alla Scuola di specializzazione in Psichiatria dell'Università del Piemonte Orientale. Ha curato il volume Nel segno della memoria. Un percorso tra arte e disagio psichico (Torino, 2008) e collaborato alla ideazione dei film Voci (2009), Missaest (2010) e DiversaMente. Storie di confine (2011) di Vanni Vallino.

Acquista il libro on line

 

 

 

 

Claudio Widmann
Il gatto e i suoi simboli
2012, Collana: Il bestiario psicologico
Pagine: 164
ISBN: 9788874870929
Prezzo: € 18,00
Editore: Ma. Gi.

Il gatto è una belva in miniatura. Due milioni di anni di vita selvatica, un passato da predatore solitario, un esasperato individualismo costituiscono il suo substrato più caratterizzante. Impersona aspetti sconcertanti della vita istintuale, che spaziano dalla sensualità più elegante alla crudeltà più indifferente e che gli conferiscono una raffinata sensorialità oltre a un proverbiale attaccamento alla vita. La convivenza con il gatto consente un confronto quotidiano e intrigante tra la sofisticata civilizzazione umana e la più pura istintualità animale; mostra all’uomo quale sia l’irrazionalità, ma anche la sapienza dell’istinto; gli ricorda in ogni istante cosa significhi davvero vivere in contatto con la natura esterna e rimanere fedeli alla propria natura interna.
In pochi millenni di convivenza, il gatto è entrato non solo nella realtà, ma anche nell’immaginario dell’uomo dove si trasfigura in animale dalle molteplici valenze simboliche. Di volta in volta, egli è immagine di freddo opportunismo o di commovente tenerezza, di ostinata insubordinazione o di sensuale voluttuosità, di ritiro in sornione sonnolenze o di acuta, insonne vigilanza. Animale utilitaristicamente inutile, il gatto è insostituibile non per le sue prestazioni fisiche, ma per specifiche qualità psichiche, che fanno di lui il più diffuso animale d’affezione.

Claudio Widmann, analista junghiano, è docente di Teoria del simbolismo e di Tecniche dell’immaginario in varie scuole di specializzazione in Psicoterapia. Vive e lavora a Ravenna.
Impegnato conferenziere, è autore e curatore di saggi che rileggono aspetti ordinari e straordinari della realtà alla luce della psicologia junghiana. Per i tipi delle Edizioni del Girasole è stato pubblicato il Manuale di Training Autogeno, mentre per quelli della Cittadella il libro F come Fiducia. Tra i suoi numerosi volumi nel catalogo delle Edizioni Magi ricordiamo Il simbolismo dei colori, Le terapie immaginative, La simbologia del presepe, Sul destino, Il mito del denaro, Gli arcani della vita.

Acquista il libro on line

 


 

Marilde Trinchero
Reclusioni di corpi e di menti
2012, Collana: Parole d'altro genere
Pagine: 152
ISBN: 9788874870851
Prezzo: € 15.00
Editore: Ma. Gi.

Esiste un rischio altissimo di fare propri alcuni degli imperativi della società moderna: quello di impossibile bellezza, di eterna giovinezza, di inverosimile magrezza, di assurda fedeltà…;
esiste un’infinità di gabbie in cui è possibile rimanere chiusi e che paralizzano l’esistenza conducendo a un senso di estraneità a se stessi e agli altri.
Segregati, imprigionati, reclusi, si può vivere la vita scelta da altri. Quella del libro è una rassegna delle reclusioni a tutto tondo: luoghi fisici, emozioni, pensieri; le reclusioni subite e quelle deliberatamente scelte, gli isolamenti che uccidono e le solitudini che ritemprano...
Storie sul diritto, ma ancor di più sul dovere, di scegliere con la propria testa e con il proprio cuore: le relazioni, gli spazi, i silenzi, le distanze, il lavoro, le passioni. Storie sulla libertà.

Marilde Trinchero. Sono arteterapeuta, faccio parte dell’Associazione Professionale Italiana Arte Terapeuti (A.PI.AR.T.) e mi occupo prevalentemente di tematiche femminili legate alla creatività e alla maternità.
Da quarant’anni coltivo la passione per la scrittura, ma solo negli ultimi dieci le parole sono uscite dai cassetti nei quali stavano rinchiuse. «Esperimenti di scrittura» è il modo con cui definisco le mie prime pubblicazioni: un romanzo scritto a quattro mani e alcuni racconti, tappe fondamenali per approdare al libro La solitudine delle madri (Edizioni Magi, 2008). A questo volume è dedicato in rete un omonimo blog su cui scrivevo mentre Reclusioni di corpi e di menti prendeva forma. Sono nata nel 1960 e le immagini e le parole attraversano la vita insieme a me.

Acquista il libro on line

 

 

 

Riccardo Mondo
Nei luoghi del fare anima. Dimensione immaginale del processo terapeutico
2012, Collana: Immagini dall'inconscio
Pagine: 144
ISBN: 9788874870783
Prezzo: € 18.00
Editore: Ma. Gi.

Riflessioni sui principi della cura e sulle potenzialità della psicologia archetipica hanno qui come scenario la stanza dell’analisi, il luogo in cui avviene l’incontro terapeutico e dove ogni elemento presente diviene un luogo del fare anima.
«Cosa accade nella mente dell’analista quando l’incontro con l’altro, dopo tanti anni di esperienza clinica, diventa uno degli ingredienti fondamentali del fare terapeutico?», si interroga Magda Di Renzo nella presentazione del volume. «Quale luogo abitano, in quella stessa stanza, le teorie che hanno fondato la sua dimensione terapeutica e che hanno dato vita alle sue fantasie sul paziente e sulla cura?
Qual è allora l’atteggiamento che l’analista può assumere per fare in modo che il bagaglio di conoscenze accumulate non diventi solo una griglia per codificare adeguatamente il comportamento dell’altro ma si presentifichi ogni volta come una nuova fonte cui attingere per trovare le immagini che connotino il processo terapeutico in atto?
Se conveniamo con Jung sulla considerazione che non si può esercitare influenza se non si è suscettibili all’influenza dell’altro, non possiamo pensare che sia solo la rigorosità del setting a garantire la proficuità del nostro operato né possiamo argomentare che una maggiore conoscenza, ipso facto, consenta più facilmente all’altro di affidarsi al percorso che gli proponiamo. Perché un processo sia vivo è necessario, piuttosto, che l’analista si lasci continuamente influenzare dai racconti e dalle immagini che l’altro porta, entrando in quel processo alchemico che trasformerà, alla fine del percorso, la materia di entrambi i partecipanti».

Riccardo Mondo, psicologo, analista junghiano, membro del Centro Italiano di Psicologia Analitica (CIPA) e dell’International Association for Analytical Psychology (IAAP), è presidente dell’Istituto Mediterraneo di Psicologia Archetipica, fondato in occasione dell’ottantesimo compleanno di James Hillman, che ne è stato Presidente Onorario. È docente di Psicologia del Sogno nella Scuola di Psicoterapia dell’età evolutiva dell’Istituto di Ortofonologia (IdO) di Roma. Tra le sue pubblicazioni ricordiamo i volumi L’arco e la freccia. Prospettive per una genitorialità consapevole (Edizioni Magi, 2003), Caro Hillman... Venticinque scambi epistolari con James Hillman (con Luigi Turinese, Bollati Boringhieri, 2004) e Sogno arcano. Per un ascolto immaginativo della vita onirica (con Rossella Jannello, La Parola, 2011). Vive e lavora a Catania.

Acquista il libro on line

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobia di non riuscire a tratte…

Marco989898, 14     Il mio problema è che ho la continua ossessione di andare in bagno e anche se all'inizio sembrerà  una cosa stupida, son...

E' realmente un problema? (151…

Flick, 27     Buongiorno, sono una donna di 27 anni e da quando ne ho compiuti più o meno 19, nei momenti di maggiore stress sento un forte impul...

Credo di essere depressa, mi a…

Psiche, 33     Salve, vi scrivo perchè da un pò di tempo (non so neanche io precisamente quanto) ho dei sintomi che mi fanno presagire qualcosa d...

Area Professionale

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

La Certificazione Psicologica:…

Nella pratica clinica è possibile trovarsi di fronte ad una specifica richiesta, da parte del paziente/cliente, di una Certificazione che attesti, sia dal punto...

Le parole della Psicologia

Volontà

In psicologia, il concetto di volontà viene concepito, a seconda della scuola di riferimento, come: • Una funzione autonoma, non riconducibile ad altri process...

Io

"Nella sua veste di elemento di confine l'Io vorrebbe farsi mediatore fra il mondo e l'Es, rendendo l'Es docile nei confronti del mondo e facendo, con la propri...

Alloplastica

tendenza mentale a trasformare l'ambiente ed il prossimo. È un effetto della condotta che consiste in modificazioni esterne al soggetto, in opposizione a mod...

News Letters