Pubblicità

Non è colpa mia, di Valeria Bianchi Mian

0
condivisioni

on . Postato in Recensioni di libri di Psicologia e Psicoterapia | Letto 262 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (7 Voti)

non è colpa mia valeria bianchi mianArturo Colzi fabbrica cioccolatini a Torino e intorno alla sua figura, ormai in declino per una progressiva demenza, girano le storie di tanti personaggi che hanno fatto o fanno ancora parte della sua vita apparentemente felice e gaudente.

La moglie e la figlia morte, il figlio, la nuova moglie, le domestiche, le amanti del passato che ritornano o che non sono mai sparite, così come gli episodi della vita che la memoria a volte conserva e a volte fa sparire.

Un passato e un presente che si incontrano, si scontrano, si confondono e si svelano con il ritmo incalzante di un film fra personaggi che si caratterizzano pagina dopo pagina, che si svelano, si raccontano, si scoprono e si delineano o si stagliano in piena luce nella loro complessità e nella loro difficoltà a vivere il quotidiano e, in fondo, la loro vita fatta di immagini, ricordi, speranze, desideri e casualità, sopratutto casualità.

Un libro intenso, quello scritto da Valeria Bianchi Mian, bello ed interessante. Ma, in particolare, un libro che ti avvolge nelle sue spire e ti conduce per mano, pagina dopo pagina, a scoprire le profondità dell'uomo, le sue ambizioni, le sue delusioni, le sue paure e le angosce che ogni giorno lo accompagnano in questa splendida avventura che è il vivere quotidiano.

La scrittura è felice, intensa, a tratti cruda. Il linguaggio attento a far capire ma che lascia spazio alla costruzione fantastica da parte del lettore che può a sua volta costruire, immaginare e scoprire, prima o dopo (quando tutto il quadro diviene improvvisamente chiaro) le parti che vengono man mano mostrate, in una Torino che l'autrice svela, forse non consciamente, di amare/odiare per la sua gente e per il suo clima.

I personaggi sono tanti, da seguire, conoscere, scoprire nelle loro ansie, paure, miserie e le loro storie diventano, pagina dopo pagina, parte integrante dell'esperienza di vita del lettore portandolo ad un "rispecchiamento" di sé in loro. I loro caratteri, le loro ambizioni, i loro sogni infantili e la crudeltà dell'oggi, emergono prepotentemente e si stagliano, a volte dolci e a volte feroci, riga dopo riga, pagina dopo pagina.

Pubblicità

Non vi parlo dei sogni di Aisha, di Rolando, di Giuseppina, di Cinzia e della loro vita così diversa da quella che si aspettano, della loro speranza ad ottenere qualcosa di diverso e della loro quotidianità o dei personaggi che sono "contorno" ma fanno parte integrante del racconto con il loro apparire e sparire. Quello lo scoprirete leggendo il volume. Ma mi piace parlare del modo in cui è scritto il libro.

Sembra di avere in mano una sceneggiatura di un film e la trama, episodio dopo episodio, si dipana in ambienti che cambiano, si ripetono, si scoprono e si nascondono al lettore ma, alla fine, ti portano tutti nello stesso posto: alla scoperta delle tue profondità e delle tue asperità quotidiane, dei tuoi sogni repressi e delle tue ambizioni, realizzate o fallite, a guardarti dentro per scoprire quanto dei personaggi fanno parte di te.

Un consiglio da parte mia: leggetelo, ne vale la pena. Un solo rimpianto, purtroppo: avrei voluto pubblicarlo io.

 

a cura di Luigi Di Giuseppe

 

"Le colpe del padre non ricadranno sul figlio" afferma Arturo Colzi in un raro momento di lucidità, ma è forse troppo tardi? Nell'arido regno della demenza che gli sta cancellando le parole, l'imprenditore scorge un nesso, una via di uscita e la offre al giovane Riccardo, affinché questi possa cogliere barlumi di coscienza e trovare il coraggio di vivere la propria omosessualità. "Non è colpa mia" è un romanzo di formazione affettiva 'nonostante' le ombre della tradizione, un'educazione all'indipendenza di spirito al di là del conflitto con sé stessi e con le figure genitoriali. È una strada che si snoda a ritroso partendo dal presunto suicidio del patriarca per condurre l'erede, e una rosa di personaggi, in un gioco di memorie nel quale soltanto la fine del tiranno può liberare tutti dal giogo. Una bella moglie erotomane, una badante rumena, una fanciulla italo-tunisina, una tossicomane votata alla vendetta, un giocatore d'azzardo, un macho albanese, una vecchia piemontese con velleità da Masca, un affascinante mulatto: ogni attore di questo libro svela un aspetto della storia facendosi portavoce della memoria perduta dal vecchio re. "Non è colpa mia" è un ritratto di famiglia in nero con Morte.

Non è colpa mia
Valeria Bianchi Mian
Editore: Golem Edizioni
Collana: Mondo
Anno edizione: 2018
In commercio dal: 4 ottobre 2018
Pagine: 215 p., Brossura
EAN: 9788885785175

 

Acquista il libro su Amazon

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (156328344573…

la vita è un caos, 17 Salve, siamo due sorelle di 17 anni e sono ormai 4 anni che nostra madre ha divorziato con nostro padre e dopo poco tempo ha conosciuto...

Non riesco ad andare da uno ps…

Sshx, 18 Circa 6 anni fa ho cominciato a presentare dei sintomi che, nel corso del tempo, si sono aggravati progressivamente e che adesso non mi permettono d...

Perdita improvvisa di un genit…

lorena, 26 Salve, innanzitutto ringrazio per questa preziosa opportunità. Scrivo questo messaggio per conto del mio fidanzato, lo stesso ha infatti perso il ...

Area Professionale

Articolo 26 - il Codice Deonto…

Con il commento all'articolo 26 (utenza e conflitti personali) prosegue su Psiconline.it il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settiman...

La rilevazione del trauma al T…

Il Test del Villaggio e la sua costruzione possono idealmente inscriversi in una spirale aurea sulla quale vengono declinate le diverse fasi di vita, dalla nasc...

Articolo 25 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.25 (uso degli strumenti di diagnosi e di valutazione), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Lear...

Le parole della Psicologia

Flooding

Indica una tecnica cognitivo-comportamentale che consiste nell'esposizione ripetuta del soggetto allo stimolo a valenza fobica, senza che vi sia per lui possibi...

Coping

In che modo tendiamo a superare gli ostacoli e lo stress che la vita ci sottopone? Attuando strategie di coping!! Dall’inglese to cope (affrontare) il te...

Misofonia

La misofonia, che letteralmente significa “odio per i suoni”,  è una forma di ridotta tolleranza al suono. Si ritiene possa essere un disturbo neurologico...

News Letters

0
condivisioni