Pubblicità

STRESS E AGGRESSIVITÀ - Studi sul burnout in Sicilia

0
condivisioni

on . Postato in Libri e riviste | Letto 613 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Autori: Franco Di Maria, Santo Di Nuovo, Gioacchino Lavanco (a cura di)

FRANCO ANGELI, pp. 144, Cod. 1240.166
Collana: Psicologia, ISBN 88-464-2663-0

 

Il burnout può considerarsi una sofferenza psicologica di origine professionale (nell'individuo), fenomeno connesso ai nuovi assetti dell'organizzazione di lavoro (pertanto, nell'organizzazione) e, ancora, processo di esaurimento delle risorse delle comunità (dunque, nella comunità).

Ecco perché la lettura che viene fatta del burnout parte dalla comunità, attraversa le organizzazioni, giunge ai gruppi, coglie l'individuo. Si apre con un approfondimento degli aspetti e modelli teorici sull'argomento, quindi, si affronta la questione chiave del burnout nelle professioni di aiuto e della gestione dello stress che ne è una delle cause scatenanti dentro la prospettiva psicologica di comunità, che guarda alla promozione del benessere, anche lavorativo. Vengono presentati i risultati di una serie di ricerche svolte sul territorio siciliano, ma aventi come target tipologie diverse di professioni che rientrano in quelle strettamente di aiuto: professionisti della riabilitazione e operatori sociali, poliziotti, insegnanti ed infermieri.

Il materiale raccolto offre, pertanto, uno spaccato sullo "stato delle cose" nel territorio siciliano relativamente alla presenza della sindrome del burnout e sollecita una riflessione su quello che viene chiamato "senso di comunità lavorativo", mettendo in evidenza come le dinamiche lavorative interagiscano con quelle sociali ad un livello micro e macrostrutturale, fino a trasformare il burnout nella realtà italiana in una forma di sospetta dipendenza dal posto fisso.

 

Gli Autori

Franco Di Maria, professore di Teoria e tecniche della dinamica di gruppo presso l'Università degli studi di Palermo; direttore della rivista Gruppi.

Santo Di Nuovo, professore di Psicologia e presidente del Corso di laurea in Scienze dell'educazione presso l'Università degli studi di Catania.

Gioacchino Lavanco, ricercatore e docente di Psicologia di comunità presso l'Università degli studi di Palermo; membro del direttivo nazionale della Società italiana di psicologia di comunità (Sipco).

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Rapporti nonni-nipoti [1619430…

soffice, 42 anni     Gentili dottori, vi chiedo un parere circa l’atteggiamento da tenere verso il padre di mio marito, nonno della nostra bam...

Ho fallito in tutto sono depre…

Alessandro, 62 anni.     Ho 62 anni e sono arrivato ad uno stadio di depressione da cui non vedo possibilità di uscita, sono disperato ormai. ...

Due nemici sotto lo stesso tet…

maria, 69 anni     Salve ! Sto vivendo un momento abbastanza difficile e complicato della mia vita e da sola non riesco ad uscirne, ecco perch...

Area Professionale

Esame di Stato Psicologi 2021

In questo breve articolo ci soffermeremo sulla modalità di svolgimento dell'Esame di Stato (EDS) per la professione di Psicologo/a, ad un anno dall'esperienza p...

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Le parole della Psicologia

Resistenza

“La resistenza è l’indice infallibile dell’esistenza del conflitto. Deve esserci una forza che tenta di esprimere qualcosa ed un’altra forza che si rifiuta di c...

Lo stereotipo

Il termine stereotipo deriva dalle parole greche "stereos" (duro, solido) e "typos" (impronta, immagine, gruppo), quindi "immagine rigida". Si tratta di...

Elettroshock

  Di solito, la TEC, eseguita in anestesia, è una tecnica scevra da collateralità e con bassa incidenza di mortalità.

News Letters

0
condivisioni