Pubblicità

Sul nascere madri e padri. L'abisso, le sue insidie e le sue possibilità

0
condivisioni

on . Postato in Libri e riviste | Letto 68 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

SUL NASCERE PADRI"Nascere è avviare, iniziare. Madri e padri in questa loro esperienza rendono possibile una vita che avrà il suo percorso in un divenire da inventare, da costruire. Così, entrando nell'abisso interiore si possono e si debbono trovare tracce del proprio passato, tracce di noi, per poter rendere possibile un lui, un figlio. Cadere dentro è ricco di insidie, doloroso spesso, faticoso sempre, ma apre alla gioia e alla possibilità che è il vivere".

In questo volume l'Autore propone l'idea di un nascere madri e padri accompagnato dalla gioia ma anche dai timori e dalle tensioni legati ad un cambiamento profondo ed inarrestabile. Questa nuova connotazione identitaria si costruisce attraverso esperienze interiori vicine ad una dimensione apparentemente antitetica che è quella del morire. Un morire di parti interne necessario affinché si dischiudano nuove forme del vivere.

L'Autore, sulla base dell'esperienza clinica sviluppata in molti anni di incontri con madri e padri, propone una sua lettura del diventare madre e padre in cui individua come centrale la possibilità di avventurarsi in un viaggio interiore che costruisca la capacità di raggiungere zone interne che tengano e che consentano l'incontro con un figlio e con aspetti ancora poco conosciuti della propria identità in trasformazione.

Nascere madri e padri comporta, inoltre, l'eventualità di sostare in indistinti, in dimensioni identitarie in cui segnalazioni del feto occupano il mondo corporeo, ideativo ed affettivo del materno e si articolano con un paterno in costruzione. Un viaggio a due, a tre, che necessita di scomparse, di nuove forme che si impongono, si scoprono, si inventano.

Il libro si propone quindi come opportunità di arricchimento non esclusivamente per coloro che si occupano di queste tematiche nella loro attività terapeutica.

Pubblicità


Lucio Rinaldi, psichiatra e psicoterapeuta con formazione psicoanalitica, è professore aggregato di Psichiatria dell'Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma e responsabile del Day-Hospital di Psichiatria e dell'Area di Psicopatologia Perinatale del Servizio di Consultazione Psichiatrica della Fondazione Universitaria Policlinico Gemelli IRCCS.

Autore di numerosi lavori scientifici sulla psicopatologia adolescenziale e sui disturbi della nutrizione e dell'alimentazione, nonché di alcuni volumi tra cui, con Pietro Bria, Corpo e mente in adolescenza. Contributi clinici ed esperienze psicoanalitiche (1999), con Carla Busato Barbaglio La voce del corpo. Esperienze psicoanalitiche di lavoro con adolescenti e genitori (2009) e Corpo cibo affetti. Una concezione integrata del crescere (2013).

 

Lucio Rinaldi
Sul nascere madri e padri. L'abisso, le sue insidie e le sue possibilità
2019, Collana: Gli sguardi
Pagine: 168
EAN: 9788891780935
Prezzo: € 21.00
Editore: Franco Angeli

 

 

Acquistalo su Amazon

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: libri di psicologia madre,padre, Lucio Rinaldi

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (156328344573…

la vita è un caos, 17 Salve, siamo due sorelle di 17 anni e sono ormai 4 anni che nostra madre ha divorziato con nostro padre e dopo poco tempo ha conosciuto...

Non riesco ad andare da uno ps…

Sshx, 18 Circa 6 anni fa ho cominciato a presentare dei sintomi che, nel corso del tempo, si sono aggravati progressivamente e che adesso non mi permettono d...

Perdita improvvisa di un genit…

lorena, 26 Salve, innanzitutto ringrazio per questa preziosa opportunità. Scrivo questo messaggio per conto del mio fidanzato, lo stesso ha infatti perso il ...

Area Professionale

La rilevazione del trauma al T…

Il Test del Villaggio e la sua costruzione possono idealmente inscriversi in una spirale aurea sulla quale vengono declinate le diverse fasi di vita, dalla nasc...

Articolo 25 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.25 (uso degli strumenti di diagnosi e di valutazione), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Lear...

Articolo 24 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.24 (Consenso Informato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settim...

Le parole della Psicologia

Efferenza

Il termine “efferenza” si riferisce alle fibre o vie nervose che conducono in una determinata direzione i potenziali di riposo e di azione provenienti da uno sp...

Fissazione

Nel linguaggio comune, quando parliamo di fissazioni, ci riferiamo a comportamenti che la persona ha sempre messo in atto, che sono diventati abituali e che la ...

Dipendenza

La dipendenza è una condizione di bisogno incoercibile di uno specifico comportamento o di una determinata sostanza (stupefacenti, farmaci, alcol, shopping, Int...

News Letters

0
condivisioni