Pubblicità

Tecnologia e lavoro. Un approccio psicologico

0
condivisioni

on . Postato in Libri e riviste | Letto 257 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Autore: Nik Chmiel

Universale Paperbacks il Mulino

IL MULINO - pp. 224, L. 22.000
ISBN-88-15-07658-1 - settembre 2000

Il volume

La diffusione di nuovi strumenti tecnici, il conseguente emergere di nuove opportunità professionali, la continua modificazione quantitativa e qualitativa dell'interazione uomo-tecnologia hanno portato a radicali cambiamenti nella forma e nella sostanza dell'esperienza lavorativa. Queste trasformazioni si possono leggere con lenti deformanti in senso ottimistico (la liberazione dalla fatica di lavorare) o pessimistico (la completa disumanizzazione del lavoro). Oppure si può rispondere, come l'autore di questo utilissimo libretto, prendendo in esame le modalità di interazione con le nuove tecnologie, i processi sociali, cognitivi e affettivi che esse chiamano in causa, le possibilità di migliorare l'usabilità delle nuove macchine, la progettazione di nuovi modelli organizzativi dell'attività lavorativa. Fondamentale, in tal senso, risulta il contributo della psicologia nella sua vocazione conoscitiva (descrizione e s piegazione di comportamenti umani in situazione) e applicativa (uso controllato del sapere per la soluzione di problemi concreti). Il testo, tuttavia, è largamente accessibile a chiunque desideri chiarimenti sul rapporto tra persona, lavoro e tecnologie anche senza possedere conoscenze psicologiche.

L’autore

Nik Chmiel insegna Psicologia del lavoro nell'Institute of Work Psychology dell'Università di Sheffield.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Belonefobia

La belonefobia è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata degli aghi e gli spilli, conosciuta anche come aicmofobia o aichmofobia. ...

Gruppi self-help

Strutture di piccolo gruppo, a base volontaria, finalizzate all’aiuto reciproco e al raggiungimento di scopi particolari I gruppi di self-help (definiti anche ...

Tic

I tic sono quei disturbi, che consistono in movimenti frequenti, rapidi, involontari, apparentemente afinalistici. Sono percepiti come irresistibili, ma posson...

News Letters

0
condivisioni